Chlamydia nei gatti: sintomi, trattamento, esiste un pericolo per l'infezione umana

Igiene

La clamidia nei gatti non è una malattia umana venerea che compare immediatamente nella testa quando viene pronunciato il nome della malattia. È un'infezione cronica felina che colpisce gli occhi, il tratto respiratorio superiore, a volte il tratto gastrointestinale e molto raramente il sistema riproduttivo. È spesso asintomatico. Come riconoscere e curare le malattie infettive?

Chlamydia: una panoramica

La malattia è causata da un parassita intracellulare, che nella sua struttura e attività vitale si trova sul confine tra il batterio e il virus. Il fatto che la clamidia sia all'interno delle cellule del corpo e le rende resistenti ai farmaci terapeutici, aprendo tutte le vie per un decorso cronico.

L'infezione avviene per contatto, per via aerea, sessuale e alimentare (attraverso il cibo). Il periodo di incubazione è di 7-10 giorni (in alcune fonti da 5 a 15), vale a dire con i suoi sintomi, la malattia inizia a manifestarsi proprio dopo questo tempo dopo il contatto di un gatto sano con il paziente. I roditori svolgono anche un ruolo significativo nella diffusione dell'infezione.

Assolutamente tutti i gatti sono infetti, indipendentemente dal sesso, dall'età o dalla razza. Gattini gravemente malati.

Nella sua forma pura, la clamidia negli animali maledetti è molto rara, più spesso è affiancata da altre infezioni sullo sfondo di un'immunità indebolita.

Ogni forma della malattia nella sua clinica inespressa ha gravi conseguenze per il corpo del gatto:

Forma congiuntivale
  • la cecità;
  • congiuntivite neonatale in gattini immediatamente dopo la nascita è anche a rischio di cecità.
Clamidia genitale
  • infertilità;
  • aborti spontanei;
  • aborto e parto pretermine;
  • la nascita di una lettiera debole e invivibile;
  • infezione intrauterina di gattini;
  • infertilità nei maschi.
Se il sistema respiratorio è interessato
  • polmonite grave, polmonite cronica;
  • edema polmonare;
  • la morte.

I sintomi della malattia

I segni esterni di clamidia felina dipendono da quanto è stato forte il patogeno, da quanto tempo è rimasto nel corpo dell'animale, da quali organi e sistemi sono stati colpiti e quanto il sistema immunitario è in grado di combatterlo.

Per acuto e cronico. Nei casi acuti, i segni clinici sono più pronunciati.

All'inizio della malattia, la temperatura non aumenta o aumenta leggermente. L'appetito e le condizioni generali dell'infezione all'inizio dell'infezione di solito non si riflettono. In corso cronico, il cuore può essere alterato.

Cosa cercare in caso di danni agli occhi
  • c'è una lacrimazione abbondante;
  • occhi mucosi (congiuntiva) fortemente arrossati e rigonfiamenti;
  • la terza palpebra può sostanzialmente sporgere, che appare anche fortemente arrossata e gonfia;
  • la particolarità della congiuntivite da clamidia è che il primo occhio è colpito, e diversi giorni dopo il secondo.

Se non trattata, la congiuntivite si trasformerà in gravi patologie oculari con conseguente cecità - cataratta, cheratocongiuntivite e altri, e l'infezione stessa diventerà cronica. In questa forma, gli occhi sono costantemente arrossati, le fuoriuscite dagli occhi non sono molto abbondanti, ma regolari, e si asciugano agli angoli degli occhi con croste (questo è particolarmente evidente dopo il sonno).

Con la sconfitta delle vie aeree
  • scarico dal naso;
  • tosse o lieve tosse;
  • affanno;
  • mancanza di respiro;
  • la polmonite si sviluppa;
  • la temperatura aumenta.
Clamidia genitale
  • asintomatica;
  • occasionalmente ci possono essere piccoli deflussi dalla vulva, ma per i proprietari passano inosservati.
Forma gastrointestinale
  • un corso assoluto asintomatico, l'animale è portatore del batterio e lo rilascia nell'ambiente con la saliva e le feci.

Cosa e come trattare

La diagnosi viene fatta solo sulla base di un'analisi speciale per la clamidia. Uno a uno esame clinico per determinare questa infezione è impossibile.

Macchie e tamponi dagli occhi, dal naso e / o dai genitali vengono inviati al laboratorio. Lo studio è condotto in due modi diversi, perché con frequente accessione di un'infezione secondaria, potrebbero esserci errori nei risultati.

Il trattamento della clamidia nei gatti di solito non è difficile, soprattutto se la diagnosi è stata fatta in modo tempestivo e lo specialista veterinario ha prescritto un regime terapeutico. Se si tenta di curare l'infezione da soli, il rischio è alto per portare la malattia a un decorso cronico e i microrganismi svilupperanno la resistenza a agenti antibatterici scelti in modo scorretto.

Dopo la nomina di un regime di trattamento, tutte le manipolazioni possono essere eseguite a casa, se il gatto non ha complicazioni nei polmoni e la respirazione non è difficile. In questo caso, l'animale malato deve essere isolato da altri animali domestici, se lo sono. Non è richiesta una dieta speciale.

Il trattamento con farmaci antibatterici e antibiotici dovrebbe continuare anche dopo la scomparsa del quadro clinico della malattia, ad es. almeno 3-4 settimane.

Se non si rispetta la durata del trattamento, la clamidia svilupperà resistenza ai farmaci terapeutici, il che complicherà significativamente la cura. Alla fine dell'intero corso del trattamento è bene avere un test di controllo per la clamidia, perché la scomparsa dei sintomi non sempre significa una cura.

antibiotici

La serie di tetraciclina è la migliore, il resto è significativamente più debole, vengono assegnati meno frequentemente o in combinazione:

  • tetraciclina (circa 25-40 rubli compresse): 7-12 mg / kg due volte al giorno per via intramuscolare o 10-25 mg / kg per via orale a intervalli regolari. Non tutti i gatti tollerano bene questo antibiotico. È necessario iniziare la terapia con la dose terapeutica minima, portando gradualmente alla terapia desiderata (per 3-5 giorni);
  • doxiciclina (fino a 40 rubli / 20 compresse): per via orale 5-10 mg / kg una volta al giorno;
  • minociclina, metaciclina: il dosaggio è simile alla tetraciclina;
  • chloramphenicol (circa 120 rubli / tab.): 10-15 mg / kg per via orale 2-3 volte al giorno;
  • Cefotaxime (circa 140 rubli / 5 flaconi): due volte al giorno per via intramuscolare 0,1 ml / kg ad una diluizione di 1 g della sostanza in 5 ml di novocaina;
  • eritromicina (70-110 rubli): per via orale 10-20 mg / kg ogni 8 o 12 ore.

Unguenti e gocce per gli occhi

Usare solo dopo la pulizia preliminare degli occhi di pus e delle croste asciutte con brodo di camomilla o soluzione fisiologica:

  • unguento per occhi alla tetraciclina 1% (50-70 rubli): metti una piccola quantità nella palpebra inferiore 2-3 volte al giorno per 5-7 giorni;
  • eritromicina pomata 10000 U (70-100 rubli): utilizzare in modo simile con un unguento tetraciclina;
  • cloramfenicolo gocce (circa 20 rubli): 1 goccia in ogni occhio fino a 3-4 volte al giorno in un corso di almeno 1 settimana. Se il terzo giorno non ci sono miglioramenti evidenti, lo strumento deve essere sostituito;
  • Gocce di iris (in media circa 125 rubli): gocciolare in entrambi gli occhi 1-2 gocce 3-4 volte al giorno per 10 giorni. Le stesse gocce possono essere lavate da croste purulente secche;
  • gocce "Barrette" (fino a 130 rubli): usate per lavare e alleviare il dolore agli occhi prima del trattamento (nella composizione c'è la novocaina);
  • Decta 2 gocce (fino a 110 rubli): 2-3 gocce 2-3 volte / die negli occhi colpiti fino all'eliminazione delle manifestazioni cliniche della malattia (in media 3-5 giorni).

Immunomodulatori (con un lungo decorso della malattia)

  • gamavit (115-130 rubli / 10 ml): da 1 a 3 iniezioni sottocutanee a settimana a una dose di 0,1 ml / kg di peso del gatto al mese (almeno 2 settimane);
  • Immunofan (200-300 rubli / 5 amp.): 3 iniezioni a giorni alterni (sottocutanea o in un muscolo) o 1 volta / settimana. durante il mese, 1 ml per gatto;
  • Maxidina (circa 225 rubli / 5 amp.): 0,5 ml / 5 kg di peso dell'animale due volte al giorno per 2-5 giorni sotto forma di iniezioni intramuscolari o sottocutanee;
  • fosprenil (circa 130 rubli / 10 ml): una volta al giorno a 0,2 ml / kg per 3 giorni (per via endovenosa, in un muscolo o per via sottocutanea).

lattobacilli

È consigliabile somministrare durante l'intero corso della terapia antibiotica, specialmente se gli antibiotici vengono somministrati in compresse:

  • lactobiphid, lactoferon (60-100 rubli / 20 tab.): 1 compressa di acqua bollita secca o addolcita 1-2 volte al giorno;
  • Lactobacterin (circa 150 rubli / 10 flaks.): Una volta al giorno per 1 dose, diluito in 1 cucchiaino. latte 40-60 minuti prima dell'alimentazione principale;
  • lattobifadolo (50-70 rubli / 50 g): 0,2 g / kg di massa di gatto 1-2 volte al giorno, diluito con latte leggermente tiepido o acqua bollita in un cucchiaino (non bollente!).

Come evitare l'infezione (prevenzione dell'infezione da clamidia nei gatti)

La malattia è insidiosa nel suo decorso asintomatico, quindi è meglio prevenirlo che curarlo:

  1. Evitare il contatto dell'animale con gatti di strada inaffidabili. Escludere la distanza libera su terreni sconosciuti.
  2. Condurre la vaccinazione profilattica (vaccino: Nobivak Forket, ChlamyKon, Felovaks, Purevaks RCPCh, Multifel-4, Katavak Chlamydia), ma dopo un'analisi preliminare della malattia, per non aggravare la salute.
  3. Controlli regolari dal veterinario.
  4. Misure regolari per combattere i roditori.
  5. L'accoppiamento con gatti di razza con gatti / gatti è permesso solo dopo l'analisi per la clamidia.

Domanda risposta

È possibile ottenere la clamidia da un gatto a una persona?

Il rischio di infezione è molto piccolo, ma lo è. Per lo più persone a rischio con immunità indebolita. Gli occhi sono solitamente colpiti. Tratti respiratori e intestinali - casi isolati.

Come capire che il gatto è malato di clamidia?

Il pericolo della diffusione dell'infezione tra i gatti è che l'animale può essere semplicemente un portatore asintomatico dell'infezione (fino al 12% di tutti i casi). In altri casi, si tratta di forme oculari e polmonari: arrossamento della congiuntiva, edema grave, rigonfiamento del terzo secolo, lacrimazione attiva, scarico parallelo dal naso, il gatto inizia a starnutire e strofina le zampe e gli occhi. In rari casi, può comparire una tosse.

Le forme rimanenti (intestinale, gastrica e genitale) sono solitamente asintomatiche. Questa malattia inibisce decentemente l'immunità, che dà spazio a infezioni secondarie. I proprietari portano gli animali domestici a un veterinario con una singola malattia e, nel corso della diagnostica, possono scoprire che il gatto ha anche la clamidia.

Come trattare la clamidia nei gatti?

Questa malattia infettiva è trattata con successo. Non ci sono schemi di trattamento: solo un approccio individuale a ciascun animale è separato e solo per lo scopo di uno specialista. Il regime di trattamento dipenderà dal fatto che vi siano più malattie concomitanti e infezioni. La terapia antibiotica obbligatoria (gli antibiotici tetracicline si sviluppano fino a 3-4 settimane) e gli occhi sintomatici significa eliminare le reazioni locali. Spesso vengono prescritti farmaci per mantenere o stimolare il sistema immunitario a combattere le infezioni.

La clamidia felina è pericolosa per l'uomo?

La malattia non è pericolosa per una persona. La probabilità di essere infetto da un animale malato durante il trattamento e la cura, pur osservando tutte le regole di igiene, è molto piccola. Se trasmesso, si manifesta sotto forma di congiuntivite da clamidia, che viene rapidamente e trattata con successo con antibiotici opportunamente selezionati. Per le donne incinte, il ceppo "gatto" non è pericoloso. Inoltre, non è pericoloso per il feto, ma questo fatto non annulla le regole di igiene personale quando si tratta di un animale domestico baleen durante la gravidanza, soprattutto se l'animale è ancora malato.

Un gatto può essere vaccinato per la clamidia?

Sì, è possibile e necessario, perché L'immunità è prodotta dopo che la malattia è molto debole o non sviluppata affatto, quindi nessun animale è assicurato contro la reinfezione. Le vaccinazioni sono fatte con mono o polivaccina solo per animali sani dopo un esame preliminare da parte di un veterinario e vermifugo. I polivacidi non sono molto adatti, perché la rivaccinazione avviene ogni 4 mesi e sono significativamente più costosi dei singoli vaccini.

I vaccini mono più famosi sono Katavak Chlamydia e ChlamyCon. Tuttavia, la vaccinazione continua non è raccomandata, dal momento che Ci sono una serie di effetti collaterali. Ci devono essere prove (per esempio, un focolaio di clamidia nella zona degli habitat del gatto o quando ci sono molti gatti in casa, uno è malato e devi proteggere l'altro).

È importante notare che non un singolo vaccino protegge il gatto dalla malattia del 100%, tuttavia, semplifica in modo significativo il decorso e le manifestazioni cliniche.

15 commenti

il gatto ha 4 mesi, l'occhio destro vede meno, e quello sinistro... era come un "terzo occhio", saltò fuori, poi con antibiotici interni, scese (il terzo occhio), e c'era già speranza... che l'occhio sinistro avrebbe visto... ma ancora apparve un altro attacco... cominciò a stringere, un po 'di colore opaco, spesso ispessito e incomprensibile, e l'occhio stesso ora è un'attività, leggermente visibile, e tutto ciò che è attaccato, nello sviluppo del gatto, sembra normale. Ma la domanda: "come essere con un piccolo occhio "?

Benvenuto! Il gatto deve essere mostrato a uno specialista, altrimenti il ​​gatto rischia di perdere la vista. Molto probabilmente, c'è stata una lesione corneale, ma a causa di un auto trattamento inadeguato, la condizione è peggiorata e si è sviluppata in erosione. Il rischio di cecità è presente.

La terza palpebra potrebbe cadere a causa di un'infiammazione, e forse un adenoma - solo un intervento chirurgico aiuterà qui (solo il medico che vede se stesso gli occhi dirà di sicuro).

Fino a quando non si raggiunge il medico, strofinare entrambi gli occhi (dritto con il dito sulla cornea - la parte convessa trasparente) con una pomata per gli occhi di tetraciclina 1% 4-5 volte al giorno per 7-10 giorni. In questo periodo è necessario solo mostrare il gatto al veterinario!

buona sera! quale analisi mostrerà meglio la presenza di clamidia in un gatto? Da questo articolo ho capito che quasi tutti i gatti hanno la clamidia, almeno sono tutti portatori di esso.. quindi qual è il punto di fare qualche test, se è così chiaro qual è la clamidia presente?

Benvenuto! Hai fatto una domanda e hai risposto tu stesso: è consigliabile effettuare un'analisi per la clamidia solo quando il gatto ha segni clinici di una certa malattia simile alla clamidia e la diagnosi deve essere esclusa o confermata affinché il trattamento sia efficace. Qualcosa da cercare quando il gatto sembra clinicamente sano - non ha assolutamente senso. L'analisi mostrerà la presenza di anticorpi contro la clamidia, ma assolutamente non significa che il gatto sia malato, può davvero essere solo un portatore. È anche come lavarsi dalle mani di qualsiasi persona, anche la persona più sana, e trovare lì tutti i batteri possibili, perché ci sono comunque, ma ciò non significa che una persona soffra di tutte queste malattie.

vi ringrazio molto per aiutare otvet..mozhet ulteriori consigli - quali siano le analisi di consegnare, per determinare quali il gatto... it 6 anni, abbiamo comprato sul mercato senza alcuna vaccinazione, ecc appena ne pentirete era una macchia bianca su un occhio,.. (Non conosco una cataratta o una cataratta) e siamo stati ingannati che aveva 3 mesi, era molto piccola, infatti aveva almeno sei mesi.. lei sedeva tra altri gattini molto noiosi.. un figlio la convinse ad acquistare... la sua prima gravidanza si concluse con il cesareo sezione trasversale, non poteva dare alla luce, il gattino era bloccato, dopo un mese circa lei e 3 gattini erano malati ate rinotracheite.. (viviamo nel settore privato)..dvoe cuccioli sono morti e 1 sopravvissuto quando recuperati - resi vaccinati -biofel..esche anno dopo, ancora una volta simile al '16 rinotraheit..prolechili..zimoy il gatto ha iniziato 1 occhio acido, poi entrambi... e il gatto dopo un po 'di tempo anche 1 occhio, poi entrambi... prima trattati con gocce, mentre le gocce scomparivano, lo scarico si fermava, appena finito di gocciolare, di nuovo lo scarico.. marrone, quando asciugato con un batuffolo di cotone, e gli angoli degli occhi sono croste marroni.. hanno consegnato il gatto per lavarsi fuori dagli occhi e per essere sensibile agli antibiotici... ma durante l'attesa risposta, il gatto scomparso e non è tornato, o è appena morto combattendo con i gatti o cani, e la malattia lo ha ucciso, non znayu..a più vicino alla primavera il gatto ricominciava scarico dagli occhi, la temperatura è salita a 41, e lei non aveva mangiato non bere, andare da un medico, ha detto, un po 'di -antibiotiki trattamento virus infektsiya..proshli, immunomodulatori, vitaminy..vrode si riprese, dopo un po' tutto quello che è stato ripetuto ancora una volta... si rivolse a un altro medico, un esame del sangue ha mostrato (presumibilmente) i problemi al fegato sono stati trattati mentre venivano trattati, come ad esempio il miglioramento finito, ancora una volta troppo....Ora andare in un altro vrachu..opyat fatto biochimica ed ematologia del sangue per la leucemia e la prova di deficit immunitario, il pass-risultato otritsatelnyy..skazali su hlamidii..ya già rese conto che non sarebbe stato nichego..mozhet mi dirai in quale direzione muoverti, ea quale malattia assomigli, perché il gatto è già e siamo stanchi... Ho dimenticato di dire che all'improvviso ha cominciato a zoppicare sul piede anteriore e ha anche cessato il prossimo ciclo di trattamento -Stava zoppicando, e di per sé è passato..

Quindi, andiamo in ordine! Nel tuo caso, la tua figa è chiaramente un'immunità debole, che fallisce in ogni occasione. Se peni sulla clamidia, allora non devi fare un esame del sangue, ma un raschiamento dalla congiuntiva, al fine di identificare o eliminare la clamidia e non gli anticorpi contro di loro. Un altro punto: la clamidia è un'infezione cronica principale, quindi il trattamento dovrebbe essere piuttosto lungo. Posso presumere che le scarpe del tuo corso fossero corte, quindi le ricadute dopo la fine del trattamento sono abbastanza ragionevoli, vale a dire. Non hai completato il trattamento. Le domande con il fegato sono comprensibili, perché nel gatto è stata introdotta così tanta cura che per il fegato questo non poteva passare senza lasciare traccia.

Posso offrirti il ​​seguente regime di trattamento: "piantiamo" un gatto su Hepatodject: per via intramuscolare o sottocutanea in una dose di 1 ml una volta al giorno - un farmaco eccellente che funziona bene sul fegato. Con la clamidia, gli antibiotici tetracicline si comportano bene, quindi prendi questo buono antibiotico per 20 mg / kg per via orale tre volte al giorno per 3-4 settimane (sì, quasi per un mese, altrimenti non ci saranno risultati). Occhi: il solito unguento tetraciclina oftalmica 1% in ciascun occhio 4-5 volte al giorno per 3 settimane dopo la pre-pulizia dell'occhio con un decotto di camomilla. Spremere una goccia di unguento su un dito e fare una macchia sulla cornea, il gatto lampeggia e si diffonde negli occhi. Anche se il gatto improvvisamente migliora dopo i farmaci - non puoi lasciare il corso, dovrebbe essere completato. Insieme alla tetraciclina, è necessario aggiungere un antibiotico ad ampio spettro, perché La clamidia raramente si presenta nella sua forma pura, quasi sempre l'infezione è associata a qualcos'altro. Tilosina: per via intramuscolare in una dose di 0,2 ml / kg per 7 giorni una volta al giorno (le gambe per iniezione cambiano ogni giorno - sinistra, destra, sinistra, destra, ecc.). Una settimana prima della fine del trattamento con tetraciclina, puoi aggiungere qualsiasi immunomodulatore che hai a disposizione gratuitamente (sarebbe bello avere gamavit - 0,1 ml / kg) - per consolidare il risultato, come si suol dire.

Capisco la tua stanchezza, ma il gatto ha bisogno di essere salvato. Lo tireremo fuori se fai tutto come ho scritto, senza fare un passo indietro dal corso.

Grazie mille per aver risposto... pensi che questo sia simile alla clamidia ed è necessario fare un raschiamento dalla congiuntiva? O lavarlo dagli occhi? (Come dire) e questa analisi sarà plausibile, perché ha già preso così tanti antibiotici? 100 e striscio con pomata di ossitetraciclina... la temperatura è già più bassa, ma è ancora noiosa, si siede come un passerone bitorzoluto... mostra che non è in salute.. se finiremo il corso il 18 febbraio, allora quando potremo passare il raschiamento?

Il ciclo delle tetracicline dovrebbe durare 3-4 settimane, l'idrossi-100 viene somministrato fino a 5 giorni (fino a una settimana). Più lontano in targhe è necessario continuare la tetraciclina. Raschiare può essere fatto in qualsiasi momento, è importante che tu voglia determinare - la presenza di clamidia in generale o per verificare l'efficacia del trattamento. Se mai, è possibile fare raschiatura anche ora, se il trattamento è solo alla fine dell'intero corso terapeutico.

Buonasera! Scusa, per l'amor di Dio, voglio chiarire la dose Se ho capito bene, non è la tetraciclina a fare un'iniezione, ma le compresse dentro... se ha 2 kg, allora la tetraciclina ha bisogno di 40 mg per dose? e di solito prurito gamavit 1 ml al giorno, e tu consigli 0, 1 ml / kg... è abbastanza? E lei ricordò, poi, nell'inverno del 2016, il gatto fu spalmato dalla vista per sensibilità: determinarono la presenza di stafilococco emolitico... Forse anche il gatto ce l'ha.. E, per favore, dimmi, può fare un'iniezione intramuscolare con una siringa da insulina? Grazie in anticipo...

Sì, tetraciclina 40 mg per ricevimento. Qual è la parte della pillola - determinare per te, a seconda del dosaggio che saranno.

Gamavit: 0,1 ml / kg è la dose minima di profilassi, il trattamento raggiunge 0,5 ml / kg (qui è il tuo 1 ml e si scopre). Inserisci 1 ml - non ci saranno danni di sicuro! Puoi inserire Gamavit-Forte: c'è un interferone nella composizione, è ben stimolato e secondario effetto antivirale.

In teoria, un'iniezione può essere somministrata con una siringa da insulina, ma personalmente non vedo alcuna necessità particolare per questo. Una siringa convenzionale a doppio cubo ha un ago di spessore normale. Ma se sei così comodo, allora per favore.

GRAZIE MOLTO. DIO TI DONA SALUTE !!

Ciao Dimmi, per favore, come trattare gli occhi con la clamidia. La Chlamydia è stata trovata nei miei gatti, sono stati prescritti antibiotici e farmaci per gli occhi, ma sono molto costosi e non sufficienti per un trattamento adeguato. Posso usare un unguento alla tetraciclina per trattare questa infezione? Se sì, quante volte al giorno dovrebbe essere spalmato? Ed è possibile usare l'unguento per gli occhi con eritromicina? E anche come usarlo? E cosa succederà se ti sporchi gli occhi un minor numero di volte?

Benvenuto! La clamidia dell'occhio viene trattata non solo per via topica, è necessario somministrare anche un antibiotico. Anche il modulatore immunitario è importante! Inoltre, il corso sarà piuttosto lungo, altrimenti questo disturbo non può essere superato (3-4 settimane esattamente, nonostante il fatto che diventerà più facile nella prima o nella seconda settimana). Ad esempio, puoi prendere la tetraciclina e l'eritromicina più comuni. O doxycycline. Un antibiotico sarà negli occhi, l'altro dentro. Negli occhi si può cadere, è possibile unguento, è importante applicare solo dopo la pulizia preliminare. I dosaggi sono indicati nell'articolo. Vale tutto un centesimo. La frequenza di somministrazione e l'uso di gocce / unguenti è molto importante. Se si viola la quaglia e si dà / striscio / gocciola la medicina meno del necessario, è possibile sviluppare resistenza e il desiderio di efficienza a zero nell'agente infettivo.

Benvenuto! Il gatto ha avuto la clamidia, è stato trattato con antibiotici, ora l'analisi mostra che è stata curata. È possibile dopo aver sofferto di una malattia
né la clamidia inoculare il multifel-4?

Benvenuto! Le vaccinazioni non rendono i gatti malati e indeboliti. Un animale nel periodo di recupero dopo qualsiasi malattia è considerato debole. La vaccinazione può essere fatta, ma non prima di un mese dopo il recupero.

Sintomi e trattamento della clamidia nei gatti

La clamidia nei gatti può essere trovata spesso. La malattia colpisce non solo gli animali di strada, ma anche gli animali domestici. È necessario conoscere in dettaglio l'agente eziologico della malattia, la sua distribuzione, i sintomi caratteristici e i metodi di trattamento.

Il concetto e il meccanismo dello sviluppo della malattia

La clamidia è un'infezione causata da microrganismi intracellulari patogeni del genere Chlamydia, che combina i segni di virus e batteri.

La clamidia a causa della propria mancanza di metabolismo energetico di solito penetra e parassita nelle cellule del sistema immunitario (macrofagi) o nei tessuti epiteliali del loro ospite. Il loro habitat preferito sono le cellule della mucosa della congiuntiva, della faringe, dello stomaco, dell'intestino tenue, del retto, dell'uretra. Penetrando in essi, i microrganismi patogeni disattivano il meccanismo di difesa cellulare, creando condizioni favorevoli per la vita. La loro riproduzione avviene per semplice divisione binaria. La cellula ospite colpita si disintegra, rilasciando nuovi parassiti ogni 48 ore. Le cellule del sistema immunitario diffondono la clamidia in tutto il corpo, a seguito della quale è possibile l'infezione del cervello o del midollo spinale, qualsiasi organo interno, linfonodi e articolazioni. I parassiti sono sensibili al calore e alla soluzione di fenolo.

La malattia è estremamente diffusa tra i mammiferi e gli uccelli. I portatori frequenti dell'agente patogeno sono ratti, topi, uccelli, gatti.

La clamidia felina merita un'attenzione speciale. Ci sono 3 modi di trasmissione di questa infezione:

  • alimentare;
  • aerogenico (aereo);
  • sessuale.

La causa dell'infezione del gatto può essere la saliva, il latte, l'urina, le feci di un animale malato. L'infezione può essere trasmessa da un gatto malato a gattini per via transplacentare o durante il parto. Il periodo di incubazione della malattia può raggiungere fino a 2 settimane. La clamidia nei gattini diventa una manifestazione luminosa nel periodo delle loro prime situazioni stressanti:

  • lo svezzamento dalla madre;
  • cambiamenti nutrizionali e altri.

Fattori che contribuiscono allo sviluppo della malattia, considerare:

  • lungo soggiorno di diversi animali in uno spazio ristretto (in rifugi, alberghi);
  • mancanza di vaccinazione tempestiva;
  • immunità ridotta.

Spesso l'infezione colpisce i seguenti organi e sistemi nei gatti:

Una forma generalizzata di infezione, in cui un gatto diffonde rapidamente agenti patogeni attraverso il sangue in tutto il corpo, spesso porta alla morte dell'animale.

Il pericolo della clamidia per gli altri

La domanda più frequente è se si può ottenere la clamidia da un gatto, la risposta è sì. L'infezione si riferisce alla categoria delle malattie zoonotiche che sono facilmente trasmesse dagli animali all'uomo. Secondo le statistiche mediche, quasi 100 milioni di persone vengono infettate dalla clamidia ogni anno in tutto il mondo. I proprietari di animali domestici, in particolare i gatti e le persone associate agli animali per attività dovrebbero prestare particolare attenzione all'osservazione di misure preventive per prevenire la diffusione di questa infezione. La clamidia nei gatti viene trasmessa agli esseri umani con una diminuzione dell'immunità nel secondo.

Il principale pericolo di infezione è che può causare una serie di gravi malattie:

  • la polmonite;
  • congiuntivite inclusiva;
  • psittacosis;
  • alcune malattie sessualmente trasmesse e altre.

Un microrganismo patogeno, penetrando nelle cellule del corpo, provoca danni a qualsiasi organo interno e interruzione della sua funzionalità. Se la clamidia viene danneggiata dalle mucose che hanno accumuli di vari altri microrganismi dannosi, può verificarsi un'infezione secondaria (mista). Una svolta così pericolosa nello sviluppo della clamidia è piena di gravi malattie, difficoltà e durata del trattamento.

La rilevazione tempestiva della clamidia nei gatti, i sintomi caratteristici di cui ogni proprietario dovrebbe sapere, con un trattamento adeguato porta alla rapida guarigione dell'animale. Quando si prende cura di un gatto malato, non bisogna dimenticare che l'infezione si trasmette facilmente a persone e altri animali.

I sintomi della malattia

Il periodo di incubazione della clamidia dura in media 10 giorni, quindi i segni della malattia possono essere visti nel tuo animale domestico in una sola volta. A seconda della forma acuta o cronica della malattia, i sintomi possono variare.

La clamidia dei gatti in forma acuta si manifesta con i seguenti sintomi:

  • scarico dagli occhi, acquisendo nel tempo carattere purulento;
  • arrossamento congiuntivale;
  • strappo;
  • starnuti;
  • tosse;
  • secrezione nasale;
  • mancanza di respiro;
  • febbre;
  • perdita di appetito.

La sconfitta del sistema urogenitale e del tratto gastrointestinale nei gatti è quasi sempre asintomatica.

Con una forma grave della malattia, sono colpiti la morte dell'animale, i polmoni e il cuore. La sua manifestazione caratteristica sono:

  • affanno;
  • mancanza di respiro;
  • mancanza di respiro;
  • la polmonite;
  • condizione febbrile

Se non vengono prese misure di trattamento radicale, l'animale può morire per edema polmonare.

La malattia di forma cronica non ha una manifestazione luminosa, ma è caratterizzata dalla durata del corso.

In un animale con una forte immunità, la clamidia può manifestarsi in una forma latente (nascosta), senza manifestazione di segni caratteristici. In questo caso, i gatti possono essere portatori asintomatici di microrganismi patogeni che passano facilmente all'uomo. La clamidia nei gatti, i cui sintomi vengono prontamente rilevati, durante il trattamento adeguato non rappresenta un grave pericolo per gli altri.

È possibile individuare la forma neonatale della malattia, in cui l'infezione di un gattino si verifica durante il parto o attraverso la placenta di un gatto madre malato. I segni di congiuntivite neonatale da clamidia in un gattino iniziano ad apparire quando apre gli occhi. Con l'ulteriore sviluppo della malattia, i gattini si indeboliscono e in seguito spesso muoiono.

Diagnosi e trattamento

Per trattare la malattia in modo efficace, è necessario fare la diagnosi corretta. Le misure diagnostiche includono:

  • esame generale di un animale malato;
  • Indagine dettagliata del proprietario sullo stato del gatto;
  • radiografia del torace per sospetta polmonite;
  • esame del sangue;
  • raccolta di materiale dal naso e dagli occhi di un gatto o gatto per la ricerca di laboratorio;
  • ELISA;
  • PCR.

È importante differenziare la clamidia e le infezioni sintomatiche simili, tra cui:

Quando si parla con il proprietario di un gatto malato, viene determinata la cerchia di persone e animali a cui può essere trasmessa un'infezione pericolosa.

Dopo un'accurata diagnosi del gatto, viene selezionato un regime terapeutico individuale, che comprende le seguenti aree:

  • terapia antibiotica;
  • eliminazione dei sintomi;
  • aumentare l'immunità;
  • implementazione di raccomandazioni per la cura e il mantenimento dell'animale.

Il trattamento per la clamidia nei gatti viene spesso effettuato a casa. Solo gli animali che presentano una forma grave della malattia vengono ospedalizzati: difficoltà respiratorie, polmonite e altri.

La terapia antibatterica consiste nella prescrizione di un farmaco per la tetraciclina: tetraciclina, ciprofloxacina o eritromicina. I farmaci violano la propria sintesi proteica nella clamidia. Se il gatto non tollera il gruppo di farmaci indicato, allora viene selezionata un'alternativa. In questo caso possono essere prescritti cloramfenicolo, fluorochinolone, cefotaxime e altri.

L'eritromicina o l'unguento tetraciclico possono essere usati per trattare gli occhi di un animale. È obbligatorio nel trattamento delle infezioni che il veterinario prescrive immunostimolanti per mantenere il sistema immunitario del gatto al livello adeguato. Il corso del trattamento della clamidia non complicata è di 3-4 settimane.

La raccomandazione principale del medico curante al momento della lotta contro la malattia è di escludere il contatto del gatto malato con altri animali e persone. Quando gli animali di gruppo sono infetti da clamidia, l'intero gruppo. In questo caso, tutti gli animali vengono esaminati e trattati.

Se trattato secondo le regole della clamidia nei gatti, il pericolo per l'uomo sarà minimo. La vaccinazione annuale di un animale domestico gli fornirà una profilassi affidabile contro questa pericolosa infezione.

conclusione

Così, la clamidia da un gatto può facilmente andare ad altri animali e persone. A questo proposito, è importante prendersi cura del proprio animale domestico, un'ispezione tempestiva da parte di uno specialista, una vaccinazione annuale.

Chlamydia nei gatti - sintomi e trattamento

Alcune malattie che colpiscono l'organismo degli animali sono anche pericolose per l'uomo. Tali malattie comprendono la clamidia nei gatti, la distruzione del sistema immunitario degli animali domestici malati e la disabilitazione delle funzioni degli organi interni.

La Chlamydia può essere trasmessa agli esseri umani attraverso il contatto con un animale infetto, quindi è importante sapere come la clamidia si manifesta e viene trattata nei gatti, così come i modi per prevenire la malattia.

Caratteristiche della clamidia nei gatti

La clamidia è causata da un parassita intracellulare patogeno del genere Chlamydia, che è qualcosa tra un batterio e un virus. Il microrganismo non ha il proprio metabolismo energetico, quindi preferisce parassitizzare nei macrofagi (cellule immunitarie dell'organismo ospite), nonché nel tessuto epiteliale degli organi interni. I luoghi comuni di localizzazione dei parassiti sono la mucosa della congiuntiva, nasofaringe, stomaco, colon e intestino tenue, organi urinari.

La Chlamydia si riproduce con l'aiuto della semplice divisione binaria, quindi, poco tempo dopo l'infezione con la clamidia, il parassita si trova all'interno di qualsiasi organo del gatto, linfonodi e articolazioni. Non è raro che i microrganismi raggiungano il cervello e il midollo spinale di un animale.

I portatori della malattia sono gatti domestici e randagi, così come roditori e uccelli. La clamidia ha sensibilità alle alte temperature e agli antisettici (ad esempio, all'acido carbolico).

La clamidia è una malattia zoonotica che può essere infettata dall'uomo. Secondo le statistiche, ogni anno in tutto il mondo, diverse milioni di persone vengono infettate da un'infezione parassitaria. La clamidia in un gatto viene trasmessa a una persona se quest'ultima ha una diminuzione delle reazioni difensive del corpo (immunità). L'infezione delle persone si verifica quando si contatta un animale malato, così come attraverso gli oggetti per la cura del gatto.

La clamidia è un pericolo per l'uomo, come manifestato sotto forma di malattie respiratorie, disturbi della funzione digestiva, nonché problemi con gli organi della vista. La clamidia può essere trasmessa a persone che non hanno solo un'immunità indebolita, ma anche bambini piccoli.

Altro su clamidia carnivora - nella directory veterinaria.

Come si verifica l'infezione?

La malattia parassitaria viene trasmessa da un animale infetto a 3 modi sani:

  1. Contatto (alimentare).
  2. Airborne.
  3. Sessualmente.

Le fonti della malattia sono animali infetti e malati. La clamidia è presente nelle feci e nelle urine del gatto malato, nei deflussi dagli occhi e dal naso. Casi frequenti di infezione transplacentare del feto, così come la penetrazione della clamidia nel corpo dei gattini durante il processo di nascita in un gatto gravido. I fattori di rischio sono il contenuto totale di un gran numero di animali (asili nido, hotel zoo) e la mancanza di vaccinazioni tempestive.

Molto spesso, l'infezione è registrata nei gattini di età superiore alle 5 settimane, poiché è in questo momento che gli animali subiscono gravi situazioni di stress associate allo svezzamento e al cambiamento della dieta.

L'agente eziologico della clamidia può causare congiuntivite acuta e cronica nei gatti, caratterizzata da una lesione dell'uno e dell'altra. Il periodo di incubazione va dai 7 ai 10 giorni. La malattia si sviluppa prevalentemente in forma acuta, ma dopo un po 'l'infezione può diventare cronica.

Oltre al danno agli occhi, l'agente eziologico della clamidia colpisce anche i sistemi respiratorio, digestivo e urinario. Come risultato dell'introduzione del parassita nelle cellule delle mucose e nelle cavità aperte, un animale secondario (infezione mista) si sviluppa nell'animale malato, poiché la clamidia contribuisce a creare condizioni favorevoli per la riproduzione di altri microrganismi patogeni. Nei gatti, può verificarsi uretrite, danni ai genitali (scroto), l'infertilità si sviluppa nei gatti.

Quando l'infezione prenatale o l'infezione dei gattini durante il passaggio attraverso il canale del parto, il parassita invade qualsiasi cavità aperta del feto, causando congiuntivite e patologie respiratorie, che poi passano in polmonite. I cuccioli infetti appena nati sono in gran parte in attesa di morte.

sintomi

Poiché il periodo di incubazione dell'infezione è di circa 10 giorni, i segni della clamidia non possono essere riconosciuti immediatamente. A seconda della forma della malattia verificatasi in un animale domestico, i sintomi varieranno notevolmente.

La clamidia nei gatti in forma acuta procede con i seguenti sintomi:

  • annaffiare;
  • tosse grave e starnuti;
  • scarico dagli occhi, con il tempo acquisendo un carattere purulento;
  • mancanza di appetito;
  • secrezione nasale;
  • mancanza di respiro;
  • arrossamento della mucosa dell'occhio;
  • aumento della temperatura corporea.

In assenza di una terapia adeguata, i gatti sviluppano gravi malattie dell'occhio (cheratocongiuntivite, cataratta), che successivamente causano cecità. I sintomi della manifestazione nella clamidia sessuale, di regola, sono del tutto assenti, il proprietario dell'animale non può sospettare la presenza di un'infezione che si verifica in un animale domestico lanuginoso.

Nei casi gravi della malattia si verifica un danno al cuore e ai polmoni e, di conseguenza, si verifica la morte. La comparsa di respiro affannoso, respiro affannoso, mancanza di respiro, febbre e lo sviluppo di polmonite è considerato un segno di una forma di clamidia gravemente fluente. Senza cure veterinarie urgenti, un gatto sviluppa edema polmonare e morte.

Il decorso cronico della malattia non è accompagnato da segni luminosi, ma può interessare lentamente il corpo di un animale (diversi mesi o addirittura anni). Con un corso latente (latente), la clamidia non ha sintomi, ma gli animali infetti sono considerati portatori della malattia. Spesso è nella forma latente della malattia che l'infezione del gatto viene trasmessa agli esseri umani.

diagnostica

Una diagnosi accurata è la regola principale per il trattamento della clamidia nei gatti, poiché la malattia presenta sintomi simili con altre malattie altrettanto gravi. È estremamente importante differenziare l'infezione parassitaria da patologie quali:

Dopo un esame clinico e l'identificazione dei sintomi caratteristici della clamidia, il medico prescrive ulteriori metodi per diagnosticare la malattia:

  1. Esame del sangue
  2. Macchia degli occhi e passaggi nasali per rilevare l'agente infettivo.
  3. Reazione a catena della polimerasi (PCR).
  4. Roentgenoscopy per sospetto processo infiammatorio nei polmoni.
  5. Saggio immunoassorbente legato all'enzima (ELISA).

Il proprietario dell'animale deve ricordare e dire al veterinario in quali circostanze il gatto potrebbe essere infettato da clamidia (c'era un contatto diretto con altri parenti o l'animale era nell'ostello dello zoo).

trattamento

La terapia terapeutica per la clamidia viene scelta solo da uno specialista qualificato, la prescrizione indipendente di farmaci è inaccettabile, altrimenti l'infezione diventerà cronica. Le misure terapeutiche possono essere eseguite a casa, l'unica eccezione è un decorso grave della malattia, accompagnato da polmonite e problemi respiratori.

Il regime di trattamento è prescritto individualmente per ciascun gatto, dal momento che alcuni farmaci sono scarsamente tollerati dall'animale. La terapia principale consiste di:

  1. L'uso di farmaci antibatterici. Sono prescritti antibiotici tetracicline (eritromicina, ciprofloxacina, tetraciclina) che violano la sintesi proteica nei parassiti. In caso di intolleranza al farmaco del gruppo tetraciclina, vengono selezionati altri farmaci per l'animale malato (Cefotaxime, Levomicetina, ecc.)
  2. Per il trattamento degli occhi delle mucose, viene utilizzato un unguento contenente un antibiotico (eritromicina o tetraciclina), che deve essere applicato sulla palpebra inferiore dell'occhio dell'animale almeno 3 volte al giorno.
  3. La nomina di immunostimolanti per mantenere le difese del corpo cat.

Se viene rilevata clamidia in un gattino, all'animale vengono prescritti antimicrobici più benigni (amoxicillina contenente acido clavulanico, sinulox). Se si sospetta un'infezione da clamidia nei gattini, è impossibile ritardare il trattamento con il gattino, poiché la malattia diventa spesso grave (si sviluppa una polmonite) e l'animale muore.

Quando si tratta un'infezione parassitaria, è molto importante seguire le regole di quarantena per i gatti malati. Se un animale domestico è stato diagnosticato con la clamidia, il gatto deve essere isolato da altri animali adiacenti ad esso nella stessa stanza per l'intero corso della terapia.

Il trattamento per la clamidia nei gatti è di circa 1 mese. In nessun caso si dovrebbe saltare l'assunzione di antibiotici, anche se in un animale, una settimana dopo l'inizio della terapia, i sintomi della malattia sono scomparsi completamente.

prevenzione

I metodi preventivi della malattia dovrebbero includere la vaccinazione tempestiva degli animali contro infezioni come calicivirosi, rabbia, panleucopenia, herpes. È altamente indesiderabile mettere un gatto in una giocoleria, dove è contenuto un gran numero di parenti. È necessario evitare la libertà di movimento dell'animale domestico e la sua comunicazione con altri gatti. Se possibile, prevenire l'insorgenza di situazioni stressanti nei gatti (brusco cambiamento di dieta, residenza, acquisizione spontanea di altri animali, ad esempio cani). L'esame regolare da parte di un veterinario animale domestico lanuginoso è anche in grado di prevenire lo sviluppo della malattia.

La clamidia è una malattia insidiosa e molto grave di animali domestici morbidi. Solo un'attenta cura della salute dell'animale e una tempestiva diagnosi dei segni della malattia daranno al gatto lunghi e felici anni di vita.

Gatti di clamidia: sintomi, trattamento, test, vaccinazione

La clamidia è un'infezione comune nei gatti in Russia. L'agente eziologico della malattia è il batterio intracellulare (vive nelle cellule del gatto). Tipo di gatti infetti da clamidia - Chlamydia felis.

sintomi

La clamidia colpisce principalmente gli occhi dei gatti. celebre

  • Scarico innaturale dagli occhi (lacrime scorrono abbondantemente)
  • Infiammazione della congiuntiva e della sclera dell'occhio (arrossamento della parte "bianca" dell'occhio)

All'inizio compaiono scariche acquose dagli occhi, poi la congiuntiva degli occhi diventa rossa e gonfia e la scarica diventa più densa.

I sintomi possono apparire su un occhio, ma più spesso entrambi gli occhi sono coinvolti nel processo. I sintomi compaiono di solito 5 giorni dopo l'infezione.

La clamidia può anche causare

  • febbre
  • starnuti
  • Secrezione nasale

Alcuni gatti tollerano la malattia senza sintomi, mentre infettano altri gatti.

Cosa fa la clamidia a un gatto?

La clamidia è attaccata alle cellule delle membrane mucose della congiuntiva, dell'intestino e degli organi riproduttivi del gatto. Gli occhi del gatto diventano rossi, infiammati e generano scarico.

La clamidia può causare polmonite nei gattini

Come viene trasmessa la clamidia ai gatti?

  • Via d'infezione diretta: contatto sano con il paziente, trasmissione attraverso la scarica dagli occhi o dal naso. I gattini possono infettarsi alla nascita.
  • Via d'infezione indiretta: clamidia mal conservata nell'ambiente, tuttavia, l'infezione è possibile quando a contatto con ciotole per cibo e bevande, letti, vassoi, mani del proprietario, con il quale il gatto malato aveva precedentemente contattato.

Quali sono i gatti a rischio?

La clamidia può causare gatti di qualsiasi età, tuttavia, i cuccioli di età compresa tra 5 e 9 mesi, i gatti che sono tenuti in condizioni stressanti (ad esempio nelle case di riproduzione dei gatti) soffrono più spesso.

Diagnosi di clamidia nei gatti

Una diagnosi preliminare può essere fatta sulla base dei sintomi della malattia. Tuttavia, è necessaria una diagnosi differenziale, per la quale viene eseguita un'analisi della clamidia, in quanto vi sono diverse infezioni che causano sintomi simili.
Ci sono diversi test per la clamidia nei gatti, come PCR, ELISA o coltura batterica. Nel nostro laboratorio veterinario SVAO puoi testare i gatti della clamidia tutto il giorno.

Trattamento di gatti da clamidia

Per il trattamento della clamidia i gatti sono prescritti antibiotici, così come la nutrizione di supporto, lo scarico dagli occhi viene rimosso con l'aiuto di un tessuto caldo e umido. Se il tuo gatto ha gli occhi rossi, iniziano ad annaffiare, e tu sospetti la clamidia, vai alla clinica veterinaria. Clinica veterinaria Constellation si trova a NEAD, vicino alla stazione della metropolitana ENEA. Lavoriamo tutto il giorno.

Vaccino contro la clamidia per gatti

Ci sono vaccini per i gatti della clamidia. Prima di tutto, è necessaria la vaccinazione dei gatti negli asili nido, così come nelle famiglie in cui vivono diversi gatti o c'è una possibilità con altri gatti (ad esempio, il gatto va fuori). Esistono diversi vaccini per i gatti che includono la componente della clamidia, come il vaccino francese Purevax RCPCh e il vaccino domestico Multifel. Un altro vaccino più economico, Purevaks ha diversi vantaggi. Scopri di più sulle vaccinazioni per gattini e gatti nel prossimo articolo.

Gatti di Chlamydia trasmessi all'uomo?

Prima di tutto, devi sapere che la clamidia dei gatti e la clamidia umana causano due batteri completamente diversi, preferendo vivere nelle loro specie bersaglio.
In generale, i gatti della clamidia non sono pericolosi per l'uomo. In casi estremamente rari, i sintomi possono manifestarsi sotto forma di danno oculare (cheratocongiuntivite) e polmonite negli esseri umani, più spesso nelle persone con gravi problemi immunitari.

Quanto è pericolosa la clamidia nei gatti per animali e umani?

La clamidia negli animali domestici soffici è una malattia infettiva, il cui agente eziologico è rappresentato da microrganismi intracellulari - la clamidia. Secondo le statistiche veterinarie, il 5-10% delle popolazioni feline soffre di clamidia. L'infezione colpisce principalmente il sistema respiratorio, caratterizzato dallo sviluppo della congiuntivite.

La clamidia spesso attacca il sistema digestivo e gli organi della sfera sessuale, e la malattia è pericolosa per gli esseri umani. Uno dei modi attivi per proteggere l'animale dalla malattia è la vaccinazione.

Leggi in questo articolo.

Cause di infezione

L'agente eziologico delle infezioni altamente contagiose sono i microrganismi obbligati Chlamydophila Felis e Chlamydia psittaci. Il primo tipo di agente patogeno causa principalmente l'infiammazione della congiuntiva nei gatti domestici ed è un parassita intracellulare specie-specifico.

La Chlamydia psittaci è caratterizzata da una più ampia lista di manifestazioni cliniche negli animali domestici ed è spesso trasmessa da uccelli malati. La clamidia è anche pericolosa per le persone che entrano in contatto con animali malati.

L'infezione dei gatti domestici si verifica spesso quando si caccia per uccelli, roditori. Per un animale domestico sano, il contatto con un animale infetto, così come i suoi prodotti metabolici (feci, urina, saliva), è pericoloso. Il modo più comune di infezione da clamidia è la via aerea e sessuale. I cuccioli appena nati si infettano nell'utero e durante il parto.

La clamidia può anche essere infettata da un gatto assolutamente domestico che non lascia mai l'appartamento. L'agente patogeno è spesso portato con le scarpe, le cose dallo stesso proprietario dalla strada. Quando le famiglie si mettono in contatto con animali randagi, aumenta notevolmente il rischio di infezione da parte di un soffice homebody.

Il gruppo di rischio comprende i gatti a contatto con il pollame. La possibilità di infezione aumenta quando ci sono diversi animali domestici nella stanza. Spesso gli asili nido specializzati nell'allevamento di gatti che non rispettano le misure preventive sono spesso soggetti a infezioni di massa di giovani ceppi.

Un agente patogeno può esistere al di fuori dell'organismo di un gatto domestico da 24 a 36 ore. L'investimento UV è dannoso per il microrganismo. L'ebollizione uccide la clamidia per 1 minuto. In relazione ai disinfettanti, il patogeno è selettivo e viene distrutto solo da soluzioni speciali (fenolo, cloramina, ecc.). La relativa stabilità della clamidia nell'ambiente causa la loro diffusa prevalenza tra i mammiferi, compreso l'uomo.

Sintomi di clamidia

Inizialmente, dopo l'ingresso nell'animale, la clamidia attaccava le cellule epiteliali che rivestono la mucosa della congiuntiva, la cavità orale, la faringe, lo stomaco, l'intestino, il sistema urinario e il retto. I microrganismi neutralizzano la protezione della cellula e si moltiplicano liberamente in essa. Il periodo di incubazione va dai 7 ai 14 giorni.

Gli esperti veterinari raccomandano di prestare attenzione ai seguenti sintomi in un animale domestico allo scopo di cercare presto un aiuto qualificato:

  • Rinite. I deflussi dalla cavità nasale sono trasparenti. L'animale ha frequenti starnuti, respiro affannoso.
  • All'inizio della malattia, a volte c'è una leggera febbre. Negli individui con un sistema immunitario indebolito, la febbre si sviluppa spesso.
  • Sonnolenza, apatia, sonnolenza, depressione.
  • Cattivo appetito, rifiuto di nutrirsi.
  • Congiuntivite. L'infiammazione della mucosa dell'occhio inizia con l'espirazione del carattere sieroso. Con una complicazione di un'infezione secondaria, il colore del muco diventa rosso mattone e le fuoriuscite diventano purulente. Edema congiuntivale osservato La sconfitta è più spesso unilaterale. Spesso, l'infiammazione assume la forma di congiuntivite follicolare.
(A) Congiuntivite nei gatti giovani causata da Chlamydophila Felis. Prestare attenzione all'iperemia e alla chemosi congiuntivali. (B) 3 settimane dopo il trattamento con doxiciclina orale e unguento con tetraciclina / polimixina B.
  • Un animale al mondo a socchiudere gli occhi, cercando di nascondersi in un luogo buio. C'è lacrimazione e blefarospasmo.
  • I fenomeni di polmonite: tosse, respiro sibilante, respiro pesante. Nei casi gravi può svilupparsi edema polmonare.
  • Digestione alterata: vomito, stitichezza, diarrea.
  • Infertilità, aborti spontanei, nascita di figli non vitali.
  • Nei maschi, in rari casi, si notano uretrite e infiammazione della testa e del prepuzio (balanopostite).
Danni alle articolazioni con clamidia

In alcuni casi, l'infezione da clamidia si manifesta come zoppia, rigidità delle articolazioni. In giovane età, l'infezione è accompagnata da una bassa statura, un ritardo nella crescita e nello sviluppo dagli standard di razza.

Nella pratica veterinaria, ci sono manifestazioni acute e croniche della malattia. La forma acuta è caratterizzata da una vivida manifestazione del quadro clinico. La malattia cronica è latente e può essere asintomatica per il proprietario.

Qual è il pericolo della malattia

L'insidiosità della malattia sta nel fatto che nella sua forma pura l'infezione esiste solo nei primi stadi dell'introduzione di microrganismi nelle cellule epiteliali. Dopo aver distrutto i fattori di protezione intracellulari, la clamidia provoca lo sviluppo di un'infezione secondaria. Questa situazione non solo aggrava il quadro clinico della malattia, ma complica anche l'implementazione di misure diagnostiche.

Ciclo vitale della clamidia

La malattia cronica porta a compromissione della funzione riproduttiva dell'animale. Il gatto ha aborti spontanei, la nascita di gattini insalubri. Per i neonati, l'infezione è spesso fatale.

Ci sono prove che la clamidia, sviluppandosi nell'epitelio cilindrico del sistema urogenitale, provochi lo sviluppo di processi infiammatori nei reni, portando allo sviluppo di urolitiasi nei gatti domestici.

Test per rilevare la malattia

La diagnosi della malattia comprende sia metodi clinici che metodi di laboratorio. In un istituto specializzato, un animaletto lanuginoso prenderà sangue e prenderà raschiature congiuntivali o sbavature. Nell'analisi del sangue prestare attenzione alla leucocitosi, caratteristica del processo infettivo.

ELISA per Chlamydia

In raschiature e strisci rilevano inclusioni citoplastiche da clamidia. Un test immunoassorbente legato all'enzima viene anche utilizzato per la diagnosi, che consente di rilevare specifici antigeni in materiale biologico.

La reazione a catena della polimerasi è un metodo di alta precisione per diagnosticare un'infezione. Lo studio consente di rilevare singole copie di clamidia in campioni.

Un posto importante è occupato dalla diagnosi differenziale di clamidia da altre infezioni con manifestazioni simili. Il veterinario esclude le seguenti malattie: rinotracheite virale, calcivirosi, infezione da reovirus, bordetellosi.

Per escludere la polmonite non infettiva, è possibile eseguire un esame radiologico del torace.

Trattamento della clamidia nei gatti

Prescrivere un trattamento efficace può essere effettuato solo da specialisti veterinari sulla base dei risultati degli studi diagnostici. L'autoterapia di una malattia insidiosa può portare a gravi complicazioni e persino alla morte di un animale domestico. Se non ci sono complicazioni gravi sotto forma di edema polmonare, il gatto malato può essere curato a casa, seguendo rigorosamente tutte le istruzioni del medico.

Un approccio integrato per sbarazzarsi di infezione da clamidia comprende:

  • L'uso generale di farmaci antibatterici. Nella pratica veterinaria, gli antibiotici tetraciclini (tetraciclina, eritromicina, doxiciclina) sono usati per trattare la clamidia. Quando sono intollerabili, possono essere prescritti agenti fluorochinolonici, ad esempio Ciprofloxacina. I preparati sono applicati sotto forma di compresse o per via intramuscolare. Il corso del trattamento è solitamente lungo - almeno 30 giorni.
  • Trattamento topico con farmaci anti-infiammatori. Per ridurre i processi infiammatori nella mucosa degli occhi, risciacquare con una soluzione di camomilla, si usa la salvia. In caso di congiuntivite pronunciata, vengono prescritte gocce di cloramfenicolo e un unguento tetraciclico viene posto nel sacco subcongiuntivale.
  • La terapia immunomodulatoria aiuta a rafforzare il sistema immunitario dell'animale. A questo scopo, un gatto malato viene prescritto Roncoleukin, Gamavit, Fosprenil, ecc.
  • Per i sintomi di disidratazione, vengono utilizzati fluidi per via endovenosa di soluzione salina e glucosio.

Nel caso in cui il proprietario abbia diversi gatti, tutti gli animali dovrebbero essere sottoposti a terapia antibiotica. Con un trattamento efficace, la prognosi è favorevole.

Per il trattamento della clamidia nei gatti, guarda questo video:

Può essere trasmesso all'uomo

L'infezione da clamidia è pericolosa non solo per i rappresentanti del genere felino, ma anche per la famiglia. Una persona può essere infettata mentre si prende cura di un animale malato e che si sta riprendendo se non segue le regole dell'igiene personale. La malattia si manifesta sotto forma di congiuntivite.

L'infezione nelle donne in gravidanza può portare alla sterilità. Anche i bambini piccoli, i membri anziani e malati di una famiglia con un'immunità indebolita dovrebbero essere protetti dal contatto con animali malati.

Il più grande pericolo minaccia il proprietario e la famiglia nel decorso cronico della malattia, quando il disturbo è asintomatico, ed è impossibile indovinare che l'animale ha un'infezione pericolosa.

Vaccinazioni contro la Chlamydia

Attualmente, diversi vaccini sono utilizzati in medicina veterinaria per prevenire lo sviluppo di infezioni nei gatti domestici. Il vaccino vivo altamente efficace Katavac Chlamydia è prodotto all'estero. L'equivalente russo è la droga biologica ChlamyCon. Entrambi gli agenti profilattici appartengono al gruppo monovaccino.

Tra i farmaci profilattici polivalenti viene utilizzato il vaccino Multifel-4, che oltre alla clamidia protegge il gatto domestico da malattie come la calcivirosi, la panleucopenia e la tracheite virale. L'analogo estero del vaccino domestico è Felovax-4, prodotto negli Stati Uniti d'America e Purevaks RCPCh (prodotto in Francia).

Un prerequisito per il trattamento preventivo dovrebbe essere una preliminare sverminazione e salute degli animali. A questo proposito, il proprietario prima di una vaccinazione di routine deve sottoporsi ad un controllo dell'animale domestico per la presenza di clamidia nel corpo.

Nelle aree ad alto rischio di infezione, la vaccinazione dei gatti domestici deve essere effettuata regolarmente. È obbligatoria l'immunizzazione preventiva dei gatti esposti alla mostra e agli animali riproduttori.

La clamidia nei gatti domestici è un'infezione altamente contagiosa, principalmente con sintomi respiratori e lo sviluppo di congiuntivite caratteristica. La diagnosi della malattia si basa sull'analisi di laboratorio di materiali biologici.

Trattamento con farmaci antibatterici per lungo tempo, sotto la supervisione di uno specialista veterinario. Come prevenzione attiva, sono stati sviluppati numerosi vaccini che prevengono l'infezione di un gatto domestico.

La toxoplasmosi si verifica nei gatti a causa del contatto con roditori e uccelli. Ma si infetta anche senza uscire.

Particolarmente pericoloso per un gatto in stato di gravidanza e la sua progenie è un'infezione come la clamidia.

Molto spesso il motivo per cui i gattini muoiono nei gatti è inesperienza e. di natura (clamidia, listeriosi, toxoplasmosi, herpes, panleucopenia, ecc.