I gatti hanno l'influenza?

Igiene

Per tutti i membri della famiglia erano malati di influenza, potrebbe anche il gatto non alzarsi tutto il giorno per non mangiare, anche se, amante del cibo, potrebbe anche ammalarsi di influenza?

Ispeziona attentamente il tuo gatto per i sintomi. L'influenza felina è accompagnata dai seguenti sintomi:

  • starnuti;
  • Naso che cola;
  • Scarica dagli occhi;
  • letargia;
  • Perdita di appetito;
  • Aumento della temperatura, febbre

Tuttavia, non è consigliabile affrettare immediatamente le conclusioni se il tuo gatto ha qualcuno di questi sintomi, dal momento che l'influenza umana non viene trasmessa ai gatti. L'influenza del gatto si diffonde come segue:

  • Contatto diretto con gatti malati;
  • Contatto diretto con portatori di virus;
  • Contatto con virus intrappolati su oggetti, piatti e altri oggetti comuni. Un gran numero di virus sono presenti nella saliva, nelle lacrime e nelle secrezioni nasali, che sono in grado di mantenere l'attività in aria da due (herpesvirus) a 10 (calcivirus) giorni.

Ti consiglio di contattare il veterinario, in quanto il tuo gatto potrebbe essere soggetto ad altre malattie e questo può essere pericoloso per la sua vita e salute.

I gatti prendono l'influenza? Cause di influenza felina

Scopri se gatti e gatti sono malati di influenza. Cause, sintomi e trattamento dell'influenza felina.

Sappiamo tutti che le persone hanno l'influenza, così come gli uccelli e persino i maiali. Ma i gatti hanno l'influenza? Quali sono i sintomi dell'influenza del gatto e come trattarla?


L'influenza felina è il nome generico di una malattia causata da un virus del calcirus e della rinotracheite. Calcivirus causa starnuti (può causare calcivirosi), naso che cola in un animale e in casi gravi ulcere appaiono sulla mucosa della bocca e della lingua. Il virus della rinotracheite di gatto (herpes) colpisce le vie respiratorie, ovvero il rinofaringe, la trachea e i polmoni.

L'influenza in un gatto è una malattia molto contagiosa. Il gruppo a rischio include gattini e animali più vecchi. Gli animali adulti, avendo l'influenza felina, rimangono per sempre portatori del virus. Pertanto, con tali animali è importante essere estremamente attenti, dal momento che l'immunosoppressione, lo stress e altre malattie possono provocare un ri-aggravamento della malattia.

Sintomi di influenza felina

  • tosse;
  • starnuti;
  • Scarica dagli occhi;
  • congiuntiviti;
  • Lo scarico dal naso (inizialmente trasparente, acquoso, acquista gradualmente un carattere purulento);
  • Salivazione profusa;
  • febbre;
  • Ulcere sulla mucosa del naso, della bocca e della lingua, che porta alla perdita di appetito, come quando si mangia cibo, l'animale inizia a provare dolore e disagio.

Se si verifica uno dei suddetti sintomi, contattare urgentemente il veterinario. Se non prendi misure tempestive, il tasso di mortalità raggiunge il 100%, specialmente nei gattini.

Sarà utile:

Trattamento dell'influenza nei gatti

Solo un veterinario può diagnosticare e prescrivere un trattamento adeguato dell'influenza felina.

La terapia sintomatica è di solito prescritta in combinazione con farmaci antivirali come

Assicurati di prescrivere Gamavit, come una complessa preparazione vitaminica, che supporta efficacemente il corpo in varie malattie e virali comprese. È necessario isolare l'animale malato da animali sani.

prevenzione

La vaccinazione è un prerequisito, ma non garantisce una protezione al 100%. È necessario proteggere il tuo animale dall'ipotermia. Rafforza la salute facendo le fusa, dando vitamine e fornendo cibo di qualità.

Segui le regole della cura e dell'igiene dei gattini. Al minimo sospetto di malattia, l'animale malato dovrebbe essere isolato dagli altri.

In conclusione, vorrei dire che l'influenza del gatto non è pericolosa per l'uomo.

Influenza felina

Pensavate che gli animali non soffrano di infezioni virali acute e malattie respiratorie? E no! Ad esempio, l'influenza del gatto. Senza un trattamento adeguato, i gatti possono essere gravemente feriti o addirittura morire. Pertanto, è necessario sapere quali sono i sintomi caratteristici di tale malattia e come garantire il trattamento dell'influenza felina a casa.

Descrizione della malattia

L'influenza felina è una malattia causata dall'infezione. Di regola, la causa di ciò è il virus del calcagno o il virus della rinotracheite. Nel primo caso, c'è starnuto e naso che cola in un gatto; nei casi più gravi, comparsa di ulcere sulla mucosa nella bocca e sulla lingua. Nel secondo caso, l'herpes (come altrimenti viene chiamato il virus della rinotracheite) causa la malattia delle vie respiratorie: rinofaringe, trachea e polmoni. A volte gli esperti trovano organismi nel corpo di un gatto malato come:

  • Bordetella bronchisettico;
  • Chlamydophilus felis.

Il primo patogeno provoca starnuti, naso che cola, tosse e peggioramento del benessere generale. La clamidofilia presenta sintomi come la comparsa di congiuntivite.

Il gruppo di rischio comprende gattini e gatti anziani. Se un animale domestico adulto ha avuto una tale malattia come l'influenza felina, allora il virus rimarrà nel suo corpo per tutta la vita. Pertanto, è necessario monitorare strettamente la salute del gatto a casa, in modo da non provocare un peggioramento della malattia.

La diffusione della malattia si verifica in diversi modi, a seconda di chi è l'agente eziologico della malattia. In un brevissimo periodo di tempo, un grande accumulo di animali domestici viene massicciamente infettato. Se non riesci a contattare il veterinario, puoi almeno consultarlo in una farmacia veterinaria o in un negozio di animali domestici.

Per il recupero di successo di un amico a quattro zampe, il medico prescrive un numero di test diagnostici. Per fare questo, possono prendere i tamponi dalla cavità orale e dalla faringe, esplorare lo scarico dal naso e dagli occhi. Può assegnare ecografia e diagnosi differenziale.

Quali sono i sintomi dell'influenza felina?

L'influenza felina è accompagnata da sintomi come:

  • tosse;
  • starnuti;
  • scarico dagli occhi e dal naso;
  • congiuntiviti;
  • aumento della temperatura;
  • abbondante salivazione;
  • deterioramento della condizione generale;
  • letargia, stanchezza;
  • la comparsa di ulcere sul muco nella bocca e nella cavità nasale (a causa di ciò, l'animale sperimenta dolore e disagio quando mangia il cibo);
  • come risultato del penultimo punto - perdita di appetito.

Se pensi che il gatto abbia l'influenza, allora dovresti contattare immediatamente il tuo veterinario. Il trattamento a casa può portare a tristi conseguenze, specialmente se l'animale domestico è un piccolo gattino.

Il gatto influenzale può mostrare sintomi di passaggio. Pertanto, anche uno specialista non sarà sempre in grado di determinare quali saranno le conseguenze dei virus in questo o quel caso.

È importante ricordare! Se la malattia progredisce, allora l'intossicazione più forte si sviluppa nel corpo dell'animale. Questo, a sua volta, può portare a complicazioni e polmonite. I piccoli gattini possono sviluppare la sindrome da artrite e zoppia.

Trattamento dell'influenza felina: principi di base

Se l'influenza del gatto cattura l'animale domestico anche a casa, è necessario iniziare immediatamente il trattamento. Non tutti i proprietari di gatti sanno come trattare correttamente l'influenza felina. Il medico veterinario prescrive la terapia per alleviare i sintomi. Tipicamente, tali attività sono svolte in concomitanza con l'uso di farmaci antivirali e antibiotici, che includono:

A casa, puoi passare l'inalazione o la nebulizzazione per facilitare la respirazione dell'animale domestico. Tali misure contribuiscono alla diluizione degli ingorghi e facilitano la respirazione. A volte il medico prescrive l'uso di iniezioni di interferone come trattamento, grazie al quale l'immunità del gatto è in grado di combattere la malattia. È necessario trattare un tale animale domestico con una malattia precoce. È allora che è più efficace contro i patogeni. Proprio perché l'interferone è una proteina prodotta dal corpo e aiuta a combattere un disturbo, è nominata da uno specialista. Naturalmente, in un caso difficile, è improbabile che misure di questo tipo possano alleviare la situazione, ma nelle prime fasi del trattamento con l'interferone l'animale può guarire in larga misura.

Affinché l'influenza non provochi una perdita finale di appetito, è necessario utilizzare alimenti con odori forti e una struttura morbida, poiché l'animale domestico soffre di congestione nasale e non può sentire gli aromi come prima. Se l'animale ha una grave anoressia, allora il medico lo ospedalizza per l'alimentazione attraverso un tubo. Il cibo è considerato un elemento importante nella fase di recupero, altrimenti l'animale non avrà la forza di combattere la malattia. Se il gatto non beve acqua o beve troppo poco, il liquido viene iniettato per via endovenosa.

Se è necessario trattare non solo le vie respiratorie, ma anche gli occhi, allora il dottore prescrive pomate speciali e gocce:

Alcuni farmaci possono influenzare gradualmente l'agente causale dell'influenza, uccidendolo. I prodotti medicinali come sono spesso prescritti:

Recenti studi hanno dimostrato che alcuni farmaci per il trattamento della congiuntivite nell'uomo sono anche usati in medicina veterinaria. Ad esempio, famiclovir. Viene prescritto per via orale. Anche le gravi malattie da herpes negli animali recedono prima di questo mezzo molto efficace e sicuro.

Il proprietario dovrà rimuovere molto attentamente lo scarico dal naso e dagli occhi con un batuffolo di cotone. Un amico a quattro zampe preferito dovrebbe vivere in una stanza calda e confortevole in un luogo appositamente designato.

Come prevenire la malattia? Misure preventive

Per evitare che l'influenza felina arrivi al tuo animale domestico, devi prenderti cura della vaccinazione prematura. Sì, non garantisce il 100% di protezione contro questa malattia, ma può prevenire gravi conseguenze. Bisogna fare attenzione per garantire che l'animale domestico non sia supercool. È consigliabile somministrare un complesso vitaminico e minerale per rafforzare il sistema immunitario. Il cibo dovrebbe essere di alta qualità.

A casa, è importante seguire le semplici regole di prendersi cura di un animale domestico e dei principi di igiene. Per evitare che l'influenza colpisca il resto degli amici a quattro zampe a casa, è necessario isolare il "paziente" in modo che l'infezione non si diffonda ulteriormente.

Le principali vie di infezione sono il contatto (con comunicazione diretta tra un animale malato e sano) e aerogenico (aereo). Inoltre, l'animale domestico può raccogliere "l'infezione" attraverso articoli per l'igiene: spazzole, coperte, ciotole, giocattoli. Pertanto, ogni animale domestico dovrebbe bere e mangiare solo dalla sua ciotola.

Gli esperti consigliano di effettuare la disinfezione sistematica in luoghi dove ci sono sempre molti animali. Al fine di non trattare il vostro animale domestico per avvelenamento da fenolo, è necessario consultare un veterinario. Ciò riguarda il problema della disinfezione, perché la maggior parte dei farmaci contiene grandi dosi di fenolo. Certo, uccide numerosi agenti patogeni, ma il gatto stesso può essere seriamente colpito.

I virus muoiono bene per esposizione alla candeggina. Per preparare la composizione sarà necessaria una soluzione al 5% della sostanza chimica. È diluito con acqua in un rapporto di 1:32. La composizione risultante cancella tutte le superfici nell'appartamento o nella casa in cui vivono gli animali domestici. I proprietari devono ricordare che la composizione preparata può avere un effetto irritante sull'odore dell'animale e sulla condizione generale nel suo insieme.

Alcuni proprietari tendono a trattare l'influenza felina per non ammalarsi. Non aver paura! Questa malattia non è pericolosa per l'uomo.

Alcune malattie feline possono avere gravi conseguenze. Per evitare situazioni spiacevoli, è sufficiente monitorare la salute del tuo animale domestico e prevenire l'infezione con un virus o un'infezione. Se è ancora accaduto, è necessario svolgere tutte le attività volte a recuperare un gattino o un animale adulto.

Sintomi e trattamento dell'influenza felina

L'influenza felina è una malattia infiammatoria del tratto respiratorio superiore che causa complicazioni senza un trattamento appropriato. La forma protratta indebolisce il corpo dell'animale e spesso porta alla morte. Per gli esseri umani e altre specie animali, questa malattia non rappresenta un pericolo, ma i rappresentanti della famiglia di gatti sono facilmente infetti da uno stretto contatto.

Qual è l'influenza nei gatti?

L'influenza felina è una malattia virale, ci sono diversi agenti patogeni. La forma del decorso della malattia e la sua gravità dipendono dal ceppo di cui il virus è la causa:

  • calcivirus felino - se il trattamento è prescritto in una fase iniziale, la malattia è lieve. Accompagnato principalmente dallo scarico di liquidi o muco dal naso, frequenti starnuti. Nella forma avanzata colpisce la cavità orale, numerose piaghe compaiono sulla lingua e sulle mucose;
  • Rinotracheite o herpes felino - la malattia è più grave, colpisce tutti gli organi respiratori, inclusi i polmoni. Una caratteristica distintiva è che gli occhi sono danneggiati. Questo si manifesta con lacrime, ulcere sulla cornea, secrezioni purulente. Spesso complicato da malattie della gola.

Ci sono altri ceppi, ma sono meno comuni. Causato dall'influenza del gatto ha sintomi simili.

Come si verifica l'infezione?

L'influenza del gatto è più comune:

  • avere gatti randagi;
  • negli animali, spesso per strada;
  • vivendo nella stessa stanza in numerosi gruppi.

Principalmente il virus attacca gattini, vecchi gatti, animali immunocompromessi con malattie croniche.

Anche i gatti sani e forti con una buona immunità sono suscettibili alle infezioni, ma la loro malattia è più facile.

Il virus viene trasmesso attraverso stretti contatti con altre persone, da goccioline trasportate dall'aria. Questo accade durante i giochi congiunti, quando viene usato per mangiare o bere una ciotola comune. Il virus crolla rapidamente nell'aria, ma ci sono stati casi di trasmissione attraverso lettiera, giocattoli o prodotti per la cura.

È possibile ridurre la probabilità di infezione se le misure di disinfezione sono condotte negli habitat dei gatti. Il virus viene facilmente distrutto durante l'elaborazione della stanza e le cose feline con una soluzione debole di candeggina.

sintomi

La malattia ha un periodo di incubazione che dura fino a 10 giorni, ma i sintomi possono manifestarsi già il secondo giorno dopo l'infezione.

  • qualsiasi forma di congiuntivite, ulcere agli occhi, croste purulente secche;
  • secrezione nasale, starnuti, congestione, nel caso avanzato - scarico purulento denso;
  • mancanza di appetito a causa della perdita dell'olfatto;
  • sbavando;
  • ulcere sulle labbra e sulla bocca, sul lobo del naso;
  • debolezza, febbre.

Se la malattia non viene curata, si verifica una complicazione caratterizzata da processi infiammatori in gola, polmonite, disidratazione ed esaurimento. L'esito possibile in questo caso è la morte dell'animale.

I suddetti sintomi possono essere pronunciati e potrebbero non essere quasi evidenti. Può essere presente solo un sintomo o diversi manifest in una sola volta.

Quando compare almeno un segno, dovresti consultare un medico. È importante diagnosticare correttamente, escludere altre malattie e iniziare il trattamento.

Diagnosi e trattamento

Uno specialista qualificato identifica spesso l'influenza felina con i sintomi e prescrive il trattamento senza un esame speciale. A volte, al fine di chiarire la diagnosi, condurre ulteriori diagnosi. Questo è necessario nei casi avanzati, quando i segni pronunciati di una malattia secondaria.

Identificare il tipo di virus esaminando la scarica dal naso o dagli occhi. La definizione di un virus è possibile mediante analisi del sangue, utilizzando un test PCR (reazione a catena polimerica).

Il gatto malato deve essere protetto da altri parenti e sistemato in una stanza calda senza correnti d'aria.

Come alleviare i sintomi e trattare l'influenza felina - tutte le misure terapeutiche e i farmaci dovrebbero essere prescritti da un veterinario. I preparativi per l'uomo non sono adatti per i gatti. Inoltre, la dose di tutti i farmaci deve essere selezionata in base all'età e al peso dell'animale.

Il principio di trattamento è il seguente:

  • per aumentare l'immunità in un animale malato, vengono prescritti immunomodulatori;
  • gocce, unguenti, spray sono usati per eliminare i sintomi (congiuntivite, naso che cola, malattie del cavo orale);
  • condurre una terapia antivirale;
  • agli animali ad alta temperatura vengono somministrati farmaci antipiretici;
  • in caso di malattie secondarie, vengono prescritti antibiotici.

Il proprietario del gatto deve soddisfare tutti i requisiti del medico. Solo una terapia complessa allevierà la sofferenza dell'animale e accelererà la guarigione.

Se il gatto si rifiuta di bere, per prevenire la disidratazione, dovrai costringerlo a bere. L'acqua può essere iniettata nella cavità orale usando una siringa senza ago o una piccola siringa. Assicurati di farlo in piccole parti in modo che il gatto possa ingoiare l'acqua. L'acqua in grandi quantità uscirà dalla bocca.

Spesso con l'influenza del gatto, il gatto si rifiuta di mangiare. Ciò è dovuto al fatto che ha un naso chiuso e quindi non c'è odore. In questo caso, è necessario includere prodotti con un forte odore nella sua dieta: pesce, fegato, formaggio fresco o cibi aromatizzati. Il cibo caldo odora più forte del freddo. Con un rifiuto totale del cibo si dovranno fare contagocce per evitare l'esaurimento.

Dopo il recupero, alcuni gatti diventano portatori del virus. Per escludere l'infezione di altri animali domestici, è necessario verificare con il medico quale ceppo ha causato la malattia e se è possibile consentire il gatto ad altre persone.

prevenzione

Le misure preventive includono:

  • vaccinazione, è raccomandato anche quando il gatto è a casa e per la strada non esiste. Negli animali vaccinati può verificarsi l'influenza, ma la malattia passerà in forma lieve e senza complicazioni;
  • disinfezione regolare dell'habitat di gatti e oggetti domestici;
  • mantenimento dell'immunità: corretta alimentazione e trattamento tempestivo di altre malattie.

Quando compaiono i primi segni, dovresti contattare immediatamente un veterinario. Il trattamento tempestivo preverrà il verificarsi di complicazioni.

Una persona può infettare un gatto?

Il tempo è ora abbastanza mutevole, e quindi il tema del raffreddore è più che mai attuale. Tutti i proprietari di gatti che si prendono cura di loro hanno una domanda abbastanza ragionevole: un gatto può prendere un raffreddore da una persona?
È chiaro che una persona può prendere alcune malattie dal suo animale domestico, ma è possibile, al contrario, premiare le sue fusa con una malattia spiacevole? Cioè, è possibile trasferire la malattia dall'ospite al tuo animale domestico, e se è possibile, allora come puoi proteggere il tuo animale dalla malattia? Cercheremo di rispondere a tutte le domande su questo argomento importante e pertinente.

I gatti hanno il raffreddore?

I gatti, come tutti gli animali, sono soggetti a malattie catarrale, ma non si manifestano allo stesso modo degli umani. La malattia più nota, simile ai sintomi del raffreddore, è la rinotracheite nei gatti. Inoltre, se il gatto è malato - il proprietario deve prestare attenzione a una serie di fattori che potrebbero portare a questo, perché i gatti sono normalmente un'immunità abbastanza forte e resistono con successo al comune raffreddore.

Tra i sintomi più evidenti di una malattia fredda includono:

  • debolezza: il gatto si stanca velocemente, evita i giochi e cerca di dormire il più possibile;
  • naso secco: questo sintomo segnala la febbre di un animale domestico, che è spesso accompagnato da un raffreddore;
  • lacrimazione: il sintomo comune di raffreddore nei gatti è lacrimazione;
  • naso che cola: secrezione nasale di segreti chiari o verdastri con cui il corpo rimuove i patogeni;
  • starnuti e tosse: proprio come le persone, i gatti starnutiscono e tossiscono, liberando i polmoni dal muco accumulato.

Se noti sintomi simili nel tuo animale domestico, portalo con urgenza dal veterinario, perché tale quadro viene osservato non solo per il raffreddore, ma anche per malattie respiratorie più gravi. Se il gatto non riceve cure mediche qualificate, la malattia può essere molto grave e nessuno ti dirà quali saranno le conseguenze finali.

L'infezione è possibile?

Una persona può infettare un gatto? Poiché i sintomi sono così simili, molte persone pensano che il raffreddore sia il risultato di una persona infetta da un virus. Ma un gatto può essere infettato da una persona? La risposta è semplice: nella maggior parte dei casi, questa possibilità è esclusa, dal momento che uomini e gatti hanno agenti causali del raffreddore completamente diversi, e anche se tutta la tua famiglia è malata, il tuo animale domestico è molto probabilmente sicuro.

Un'altra cosa, quando si tratta di non una malattia virale, ma una causa batterica della malattia. In questo caso, il tuo gatto potrebbe teoricamente essere infettato da batteri che possono causare il suo raffreddore. Tuttavia, la possibilità non è grande.

Recentemente, l'aspetto di vari ceppi atipici del virus dell'influenza, che colpiscono sia gli uomini che gli animali, è diventato frequente. Ma con queste malattie, le battute sono cattive: c'è la possibilità di trasmettere la malattia sia dal gatto alla persona che dalla persona al gatto. Inoltre, il trattamento per molte forme di influenza non è ancora, in quanto gli scienziati semplicemente non tengono il passo con i patogeni mutanti e sono in ritardo con la creazione di un farmaco efficace.

In una situazione del genere, la risposta alla domanda se un gatto può ottenere l'influenza da una persona non è così ovvio. Molto probabilmente - forse, perché non sono state studiate tutte le proprietà del nuovo patogeno. Tuttavia, questo è possibile solo se ci sono nuovi ceppi che non sono stati studiati a sufficienza, ed è completamente escluso dall'influenza normale, di cui soffre la stragrande maggioranza delle persone.

Se si è verificata un'infezione

E se il gatto avesse l'influenza? La prima cosa da fare è contattare urgentemente un veterinario per escludere malattie più gravi. Se il consueto raffreddore è confermato, allora basta seguire le istruzioni del medico e il tuo animale si riprenderà entro una settimana. Per prevenire la malattia, o piuttosto per minimizzare la possibilità teorica della sua insorgenza, è sufficiente seguire un piccolo elenco di suggerimenti obbligatori:

  1. Fornisci al tuo gatto un alimento equilibrato e nutriente. La mancanza di vitamine e minerali è in grado di indebolire il sistema immunitario e portare a malattie.
  2. Proteggi il gatto dalle correnti d'aria. Un tale fenomeno apparentemente innocuo come una brutta copia può causare enormi danni: con un impercettibile raffreddamento eccessivo, il gatto prenderà una specie di infezione da freddo con una grande probabilità.
  3. Proteggi il tuo animale da funghi e umidità. Questi fattori possono danneggiare seriamente una persona, cosa possiamo dire del piccolo organismo di un gatto domestico.
  4. Osservare le condizioni di temperatura. Nei mesi estivi nella stanza in cui vive il gatto dovrebbe essere 18-20 gradi, e in inverno - 22-24 gradi di calore. A queste temperature, il tuo animale domestico si sentirà il più confortevole possibile.
  5. Mostra periodicamente l'animale al veterinario. L'ispezione preventiva aiuterà ad evitare le patologie croniche lente che possono indebolire significativamente il sistema immunitario e provocare un raffreddore.

Questo è tutto ciò che si può dire per il freddo delle nostre fusa di coda. Se sei preoccupato che un gatto possa essere infettato da una persona, allora segui tutti i requisiti per il mantenimento dei tuoi animali domestici e la malattia aggirerà la tua casa.

Qualche domanda? Puoi chiedere a personale del veterinario del nostro sito nella casella dei commenti qui sotto, che risponderà al più presto possibile.

Segni di influenza felina e trattamenti per la malattia

L'influenza felina è una malattia comune che ha tutti i segni dell'infezione del tratto respiratorio superiore. La malattia può manifestarsi in forma lieve. Con un forte indebolimento del corpo dell'animale, cattive condizioni di detenzione, prematura cura, la malattia passa in una fase difficile, può diventare pericolosa per la vita del gatto.

L'infezione è altamente contagiosa. A seconda del periodo dell'anno e del grado di suscettibilità degli animali, la malattia può assumere il carattere di un'epidemia.

L'influenza nei gatti è una malattia infettiva causata da due principali patogeni:

  1. 1. Calcivirus. Quando infetto negli animali esiste una forma lieve della malattia.
  2. 2. Herpesvirus o rinotracheite felina. La malattia ha sintomi più gravi e gravi.

Questi due agenti patogeni infettano il 90% di tutti i gatti con influenza. Il periodo di incubazione dello sviluppo della malattia varia da due a dieci giorni.

I gatti ricevono spesso l'influenza, specialmente in inverno. Una buona immunità consente al corpo di resistere allo sviluppo dell'infezione, la gravità della malattia è ridotta. Alcuni animali non rispondono alla malattia anche durante un'epidemia.

Non è il virus stesso che è pericoloso, ma lo stato del corpo, la sua "prontezza" ad accettare l'infezione. Alcuni animali sono malati anche in estate. Il gruppo di rischio include:

  • Gatti con malattie croniche, animali anziani, gattini. La loro immunità è abbassata. Il corpo non può impedire lo sviluppo del virus dell'influenza.
  • Gatti contenuti in rifugi, canili. Qualsiasi manutenzione di massa degli animali aumenta il rischio di malattia, poiché è facilmente trasmessa da gatto a gatto.
  • Animali non vaccinati. Tali gatti (al contrario dei vaccinati) non hanno sviluppato l'immunità alle infezioni.

La vaccinazione è una misura preventiva. Non è possibile vaccinare i gatti durante gli episodi di influenza, vaccinare animali già malati. Questo può provocare la morte dell'animale.

I principali segni clinici dell'influenza felina sono:

  • naso che cola, starnuti, tosse;
  • scarico dagli occhi, ulcere corneali, congiuntivite, lacrimazione;
  • ulcere della bocca (al palato, lingua, gengive);
  • aumento della temperatura corporea;
  • letargia, apatia, perdita di appetito.

L'influenza che non viene curata nel tempo spesso causa complicazioni ed è aggravata dai sintomi di polmonite, rinite, faringite e bronchite.

Quando i gatti sono infettati da vari tipi di agenti patogeni, si possono osservare diversi sintomi della malattia:

Quando le ulcere appaiono in bocca, è difficile per il gatto bere acqua. Il proprietario deve garantire la fornitura di una quantità sufficiente di liquido per l'animale durante questo periodo. Va ricordato che la disidratazione è estremamente pericolosa. Può causare la morte dell'animale.

Solo un veterinario può riconoscere l'influenza e prescrivere un trattamento adeguato. Tuttavia, il proprietario deve informarlo dei sintomi identificati sulla base dell'osservazione di un animale malato.

La diffusione dell'influenza è trasportata da goccioline trasportate dall'aria. Questo succede:

  • al contatto con un animale malato o portatore del virus;
  • attraverso ciotole, coperte, giocattoli.

Un grande rischio di infezione deriva dal contatto ravvicinato degli animali. La possibilità di infezione indiretta è piccola. Un virus esterno viene rapidamente distrutto dalla disinfezione.

L'influenza felina non è pericolosa per l'uomo. Nessuna evidenza di infezione degli ospiti da un animale infetto è stata identificata.

L'influenza felina può essere curata a casa. Ha lo scopo di migliorare l'immunità e la lotta contro i sintomi della malattia:

Il virus dell'influenza indebolisce il corpo:

  • un animale sfinito mangia poco;
  • a causa della respirazione nasale ostruita, il senso dell'olfatto è ridotto;
  • mal di gola e la presenza di ulcere non danno al gatto l'opportunità di mangiare e bere normalmente.

Un gatto malato ha bisogno di cure speciali.

Per stimolare l'appetito, usano il cibo con un odore felino (cibo per gattini, prodotti con odore di pesce). Cibo e acqua danno riscaldamento.

Nelle forme gravi di influenza, l'animale può rifiutare qualsiasi cibo o bevanda. In questo caso, dovresti cercare un aiuto specializzato dalla clinica. Per evitare la disidratazione, il gatto metterà una flebo con una soluzione di elettroliti.

Nella stanza in cui l'animale è malato di influenza, è necessario eseguire la pulizia a umido con disinfettanti (usando l'ipocloruro). Le stanze devono essere inviate regolarmente.

L'influenza è altamente contagiosa. L'animale malato dovrebbe essere isolato dagli altri gatti, se ce n'è uno. Per ridurre il rischio di trasmissione della malattia, è meglio non usare gli stessi piatti, giocattoli, servizi igienici e letti per tutti i gatti nel gattile.

Un gatto può essere infettato dall'influenza umana

Un gatto può avere l'influenza da una persona? Questa domanda è sorta più volte dai proprietari degli animali domestici. Gli allevatori particolarmente spaventosi diventano nel periodo delle epidemie. I membri del gatto iniziano a cercare qualsiasi informazione in preda al panico. È possibile trasferire l'infezione al tuo animale domestico? Cosa fare per evitare l'infezione? E come affrontare i suoi segni? Risposte a queste e ad altre interessanti domande sugli allevatori che puoi ottenere oggi.

I gatti si ammalano?

I gatti, come gli umani, sono esseri viventi con caratteristiche del funzionamento del corpo e un certo lavoro del sistema immunitario. Durante la vita di alcuni animali domestici hanno a che fare con varie patologie, malattie, infezioni. Una persona, come mostrano le statistiche, è malata più spesso. Il motivo per questo diventa più stretto contatto con il mondo esterno. E qui, tornati a casa, senti i primi segni di freddo. Hai paura di infettare il tuo gatto? È invano.

Come dimostrato da numerosi studi ed esperimenti, i gatti non adottano un raffreddore umano. Anche se tossisci e starnutisci sul tuo animale domestico, l'infezione non si verificherà. Puoi tranquillamente essere trattato, non limitare il contatto con l'animale. È importante ricordare che tale fiducia dovrebbe essere presente solo se i sintomi spiacevoli sono una manifestazione di un raffreddore. Questo non è il caso della malattia come l'influenza.

Influenza felina: fonti e portatori

Può un gatto prendere l'influenza? Dagli esseri umani, è molto probabile che tale infezione non si verifichi, poiché l'influenza del gatto è causata da altri tipi di virus rispetto al ben noto. Calcevirus, virus dell'herpes, chlamydophilus e bordatella provocano la malattia in caudato. I portatori di queste infezioni sono i gatti. Alcuni animali possono anche rimanere infetti dopo il recupero, quindi a prima vista è abbastanza difficile determinare se un animale straniero è pericoloso per il tuo gatto.

L'uomo non può diventare una fonte di influenza aviaria. Questo perché questi due organismi viventi hanno diversi antigeni. Questo tipo di malattia degli animali domestici non è pericoloso per i loro proprietari. Né i bambini piccoli, né gli anziani, e nemmeno una persona con immunodeficienza, che ha molte patologie croniche, possono essere infettati dall'influenza del gatto.

Infezione da una persona: mito o realtà?

L'influenza è trasmessa ai gatti? Se parliamo di malattie umane, possiamo dire che gli ultimi anni hanno portato gli scienziati a nuove scoperte. Qualche decennio fa, era consuetudine credere che una persona non possa infettare un gatto. Ma ora è diventato chiaro che l'infezione è ancora possibile. Ricordiamo che non stiamo parlando di un raffreddore, naso che cola o mal di gola, ma di una malattia infettiva - l'influenza. Ad oggi, ci sono diverse varietà di infezione virale. Diamo uno sguardo più da vicino a ciascuno di loro e scoprire se un gatto può ottenere l'influenza da una persona e quando succede.

Influenza suina

Questa malattia è causata da alcuni tipi di infezione virale. Può colpire uomini e animali. Nonostante il fatto che i maiali si ammalino più spesso, i gatti non fanno eccezione. Ci sono casi ufficialmente registrati e confermati in cui i gatti si ammalano del virus H1N1 e delle altre sottospecie.

La prima infezione di un animale da una persona è stata rilevata nel 2009. Quindi, dal suo ospite, la malattia è stata rilevata da due furetti. L'incidente è avvenuto negli Stati Uniti d'America. Entrambi gli animali sono morti a causa della malattia. Da quel momento, gli scienziati hanno iniziato a dubitare della sicurezza dell'influenza suina per i gatti. Negli anni successivi, gli specialisti hanno condotto un monitoraggio speciale di quei gatti i cui proprietari si sono rivolti a medici con denunce di influenza. Come sai, gli animali a coda sono più popolari e più comuni dei furetti. Attualmente, il gatto vive in ogni quinta famiglia.

La prima infezione di un gatto da una persona è stata documentata nell'autunno del 2009. I proprietari di gatti si sono ammalati di influenza suina, dopo di che i segni di patologia apparivano nel loro animale domestico. Le persone interessate si sono rivolte a una clinica veterinaria per chiedere aiuto, dove sono state informate di una diagnosi spaventosa. Fortunatamente, non è successo nulla di terribile. Grazie al trattamento tempestivo e al trattamento adeguato, il gatto malato recuperato. Il successivo episodio registrato di trasmissione da uomo a gatto è accaduto anche negli Stati Uniti pochi giorni dopo. Grazie all'efficienza dei medici e alla cura del proprietario, anche questo gatto è stato curato. Il terzo gatto, malato dai suoi proprietari, è morto a causa dello sviluppo di complicanze (polmonite).

Come dimostrato dalle statistiche, l'infezione non si è sempre verificata. Molti animali sono riusciti a evitare la malattia, nonostante l'influenza dei loro proprietari. Ma da quel momento sulla questione se l'influenza viene trasmessa da una persona a un gatto, si può rispondere affermativamente.

Influenza aviaria

Questa malattia è un'infezione virale. È acuto e ha un'alta probabilità di morte. La patologia è particolarmente pericolosa, può causare gravi danni. A rischio di infezione da pollame. Distribuire l'infezione, principalmente anatre selvatiche. Il gene mutato è diventato capace di infettare gli umani. Viene trasmesso dagli uccelli malati durante il contatto. La carne scarsamente lavorata o cruda può anche essere una fonte di pericolo. Ma un gatto può prendere l'influenza da una persona?

I medici hanno espresso un verdetto sul fatto che il rischio di una tale infezione è davvero, ma è minimo. Per la prima volta, un simile pericolo è stato riconosciuto in modo affidabile nel 2016. Una donna che ha sofferto di influenza aviaria è stata in grado di infettare il suo gatto. Il proprietario si è rivolto alla clinica con animali malati, dove, dopo una serie di studi, è diventato noto che questo è davvero il virus H7N2. Dopo un po 'di tempo, l'infezione è stata trovata in un rifugio per gatti, dove sono stati infettati 45 animali domestici. Come la pratica ha dimostrato, gli animali hanno subito facilmente questa pericolosa malattia. Un ruolo importante è stato svolto dalla diagnosi tempestiva e dal corretto approccio terapeutico. La morte è stata segnalata solo una volta. Un vecchio gatto ha acquisito una complicazione sotto forma di polmonite, che ha provocato la morte. Dopo una simile infezione generale, hanno iniziato a indagare sugli operai del rifugio per gatti. Tra tutti, è stata trovata una persona a cui è stata diagnosticata l'influenza aviaria. Presumibilmente, è diventato una fonte di infezione per i gatti. Il paziente ha sofferto di una malattia lieve, recuperando rapidamente dalla malattia. Quindi l'influenza viene trasmessa ai gatti? Sì, una persona può essere una fonte di infezione. Questo rischio è minimo, ma lo è. Questo è confermato dai casi registrati.

Influenza stagionale

Molto spesso, una persona è malata di influenza stagionale. A differenza del virus aviario o suino, questa patologia procede in una forma più lieve. È meno probabile che causi complicazioni. Molti pazienti non cercano nemmeno assistenza medica, si riprendono autonomamente. Questa malattia è pericolosa per gli animali domestici? Può un padrone di casa infettare Murka con l'influenza stagionale?

Anche se tutta la tua famiglia è malata, il rischio per i gatti tende a zero. Ciò è spiegato dal fatto che gli animali e gli esseri umani hanno diversi tipi di virus. Ciò che è pericoloso per gli amici a quattro zampe, non minaccia il loro padrone. Anche la dichiarazione inversa funziona. Nonostante la sicurezza di un'infezione virale, il tuo animale domestico può facilmente prendere un batterio. Come sapete, l'influenza stagionale può anche causare complicazioni. Il più spesso conduce a bronchite e polmonite. Le patologie batteriche vengono trasmesse attraverso il contatto diretto, la saliva, gli starnuti o i baci. Tale infezione può essere un problema per il tuo animale domestico. Se ti è stata diagnosticata una complicanza influenzale e il medico gli ha prescritto degli antibiotici, dovresti sapere che sei una minaccia non solo per tutti quelli che ti circondano, ma anche per il gatto.

Cosa fare durante l'infezione e come determinarlo?

L'influenza umana viene trasmessa ai gatti? La risposta a questa domanda può essere sia positiva che negativa. Tutto dipende dal tipo di infezione e dal ceppo del virus. Il comune raffreddore e l'influenza stagionale hanno maggiori probabilità di essere sicuri per gli animali domestici a quattro zampe. È più difficile affrontare quei tipi di malattie che possono colpire sia le persone che gli animali. Nessuno è immune da tale infezione. Se sei preoccupato per la salute di un amico della coda, sii particolarmente attento al suo benessere. Al primo sintomo o comportamento sospetto del gatto, vai dal veterinario. Patologia manifestata negli animali come segue:

  • Il gatto starnutisce, un liquido chiaro esce dal naso. I talloni stessi sono asciutti, indicando un aumento della temperatura corporea.
  • C'è una tosse, accompagnata da vomito. Il gatto si rifiuta di mangiare, la sua condizione è letargica e apatica.
  • Una lacrima spicca abbondantemente dagli occhi dell'animale. Si infiammano e si infiammano, si verifica la fotofobia.
  • Le piaghe possono apparire nella bocca e sulle mucose degli occhi.
  • Il gatto è preoccupato per il disagio addominale. In Murka può iniziare la diarrea.

Dopo aver mostrato un animale malato a un medico, verranno effettuati alcuni esami. Non dimenticare di riferire che anche loro sono malati. Parlaci della tua diagnosi. Quindi il veterinario sarà più facile identificare la patologia del gatto. Il successo dipende dalla diagnosi corretta.

Tieni gli animali domestici al sicuro

Se l'influenza umana è trasmessa ai gatti è già nota. Ma non fare affidamento sulle tue conoscenze e ipotesi. Se sei improvvisamente malato, solo un medico può determinare l'origine dell'infezione. Da solo, una persona è in grado di supporre che abbia un raffreddore, influenza aviaria o un'infezione virale acuta stagionale. Una caratteristica distintiva della malattia, che è pericolosa per l'animale, è una violazione della digestione: diarrea, nausea, bruciore di stomaco, gonfiore. Se prendi tutti questi segni in te stesso, prova ad isolare l'animale. Nessun agente profilattico, oltre ai complessi vitaminici, non deve essere somministrato ai gatti. Le uniche eccezioni sono le situazioni in cui il farmaco è raccomandato da un medico. È possibile proteggere le fusa dall'infezione con l'aiuto del rafforzamento dell'immunità. Per fare questo, seguire la nutrizione dell'animale, camminate regolarmente con lui, state attenti.

Assicurati di sottoporti a esami preventivi. Nei primi anni di vita, un amico a quattro zampe deve essere portato spesso dal veterinario. Fai tutte le vaccinazioni in tempo. Non fare affidamento sul fatto che l'infezione passa il caudato. Come è già chiaro, l'animale potrebbe non essere nemmeno in contatto con i parenti infetti, ma potrebbe prendere l'influenza dal proprio proprietario.

risultati

È abbastanza difficile per un gatto prendere l'influenza fredda o stagionale. Un'infezione di origine batterica (che è diventata una complicazione) viene trasmessa dal proprietario al suo animale domestico, ma affinché ciò accada, il contatto deve essere molto vicino. Molte persone amano baciare le loro fusa in faccia, ma non solo non è igienico, ma anche pericoloso. Patologie come l'influenza aviaria o suina possono essere facilmente trasmesse da una persona al suo animale domestico.

Sono particolarmente pericolosi per i seguenti gruppi di animali:

  • vecchi gatti e giovani gattini;
  • una storia di tife con influenza di gatto o rinotracheite;
  • gatti appena nati o gravidi;
  • gatti con ridotta protezione immunitaria;
  • amici a quattro zampe che mangiano avanzi dal tavolo umano, privi di vitamine;
  • gatti che vivono in branchi (in rifugi, a Razvchikov).

L'influenza ricevuta da una persona non è una frase per un gatto. Puoi curare un animale domestico rapidamente e senza conseguenze. È importante fare una diagnosi corretta nel tempo e seguire scrupolosamente le raccomandazioni del veterinario. Se sei malato, controlla il benessere del tuo animale domestico. Prova a meno contatti con lui. Per non infettare un animale, arieggiare regolarmente la stanza, fare una pulizia a umido, fornire al vostro gatto un'alimentazione equilibrata, ricca di vitamine e sostanze nutritive. Buona salute a te e al tuo amico di coda!

L'influenza del gatto può ammalarsi?

Il tempo è tale che vale la pena di pensare alla tua salute. L'umidità e il calore ingannevole contribuiscono alla diffusione delle malattie virali, tra le quali il più pericoloso, ovviamente, è l'influenza. Come proteggersi dall'influenza, è meglio consultare un medico, ma se possono ammalarsi di influenza del gatto, la domanda risulta non essere inattiva.

Tipi di influenza

Diciamo subito che molto spesso l'influenza dei gatti è una malattia che non è affatto l'influenza. In realtà, l'influenza è causata solo da un gruppo di virus contenenti RNA, che viene chiamato orthomyxovirus. Tra questi, ci sono tre specie, ognuna delle quali forma un genere monotipico.

I virus di tipo A infettano umani, mammiferi, uccelli; è questa specie che causa epidemie di influenza.

Virus di tipo B: umani e sigilli.

Virus di tipo C: persone, maiali e cani.

Che tipo di influenza possono ottenere i gatti?

In questi tipi di virus si trovano, tristemente famosi per i loro stessi nomi. Ad esempio, l'influenza suina (H1N1) o aviaria (H5N1) sono di grande preoccupazione per i medici umanitari, in quanto sono piuttosto pericolosi per gli esseri umani. Entrambi questi virus appartengono al tipo A, il che significa che teoricamente possono essere rilevati da qualsiasi mammifero, incluso un gatto.

Ma durante la pandemia di influenza suina e aviaria, che ha colpito il mondo in una sola volta, sono stati registrati solo alcuni casi della malattia e la successiva morte di gatti domestici da questa malattia. Almeno, così dice la specialista veterinaria Dr. Kathryn Primm (Dr. Kathryn Primm) nel suo articolo sul sito iheartcats.com.

I sintomi della malattia virale

Naturalmente, non sono stati condotti studi su larga scala, ma questa possibilità non può essere completamente esclusa, ritiene il veterinario. È vero, non si può fare nulla, dal momento che il vaccino antinfluenzale per gatti non esiste.

Ma come abbiamo già detto, non tutti i virus, compresi quelli specificamente felini, sono vaccinati, quindi è necessario monitorare attentamente lo stato di salute dell'animale e consultare un medico in tempo.

Le infezioni virali si manifestano principalmente attraverso secrezione nasale chiara o giallo-verde, tosse, starnuti, infiammazione oculare (il gatto strizza e strofina la zampa dell'occhio), ulcere orali e tutti i sintomi associati a sensazione di malessere, febbre, perdita di appetito, vomito, depressione e letargia.

Sii attento! E auguriamo a te e ai tuoi gatti di non ammalarsi.

Un gatto può prendere un raffreddore da una persona e quali sono le cause e il trattamento della malattia?

A molte persone nella stagione invernale viene diagnosticato un raffreddore. Questa malattia non rappresenta una seria minaccia per la salute e, con un trattamento adeguato, il paziente sentirà un miglioramento piuttosto presto. Allo stesso tempo, i proprietari di animali domestici che hanno avuto un raffreddore nel periodo freddo sono preoccupati per le condizioni dei gatti e si chiedono: può il gatto prendere un raffreddore da una persona o no?

Virus nei gatti e nell'uomo

Dovrebbe essere capito che il raffreddore comune è una malattia che non è caratterizzata da contagiosità. Cioè, è impossibile prendere un raffreddore perché la malattia si verifica quando il corpo si raffredda o si sovrappone a un'infezione su un'altra.

In questo caso, le malattie virali come la SARS, l'influenza, le malattie respiratorie acute sono contagiose, ma non vengono trasmesse da persona ad animale. Pertanto, la domanda se un gatto può essere infettato da una persona con l'influenza ha una risposta negativa.

Inoltre, i proprietari non dovrebbero preoccuparsi della loro infezione da virus degli animali. Ad esempio, la panleucopenia - una malattia virale mortale dei gatti, accompagnata da febbre, febbre alta e disidratazione non è pericolosa per l'uomo. Gli agenti causali della maggior parte delle malattie negli umani e nei felini sono completamente diversi. Le uniche eccezioni sono i ceppi di un certo numero di malattie, come licheni, rabbia e toxoplasmosi e ceppi virali mutati atipici. Leggi qui la rinotracheite nei gatti.

Raffreddori di gatto

Il proprietario non può infettare l'animale con il raffreddore, ma non garantisce che l'animale sia protetto dalla malattia. Il raffreddore comune è spesso diagnosticato nei felini. Il rischio di malattia è elevato negli animali deboli che hanno problemi con il sistema immunitario, provocati da condizioni inadeguate, da una dieta scorretta e da altri fattori.

Come un gatto si sente freddo e i cui sintomi e trattamento saranno discussi ulteriormente dipende dall'età dell'animale, dalle sue condizioni generali e dall'immunità.

I sintomi della malattia

I gatti hanno una fisiologia unica, quindi con un raffreddore può avere un naso caldo e asciutto, scarso appetito, sonnolenza, paura e apatia. Tuttavia, questi sintomi sono tipici di altri disturbi cat. Tra questi, la polmonite infettiva nei gatti, i cui sintomi e trattamenti si differenziano in qualche modo dai sintomi e dal trattamento del comune raffreddore. Per diagnosticare con precisione un raffreddore, si dovrebbe prestare attenzione ad altri segnali di pericolo che sono un segnale per i proprietari e indicano la necessità di visitare la clinica veterinaria.

I tipici sintomi clinici del raffreddore nei gatti sono i seguenti:

  • scarico verdastro dai seni nasali;
  • debolezza, stanchezza;
  • difficoltà nella respirazione nasale;
  • irritazione delle mucose;
  • starnuti e tosse;
  • occhi lacrimanti.

Se il proprietario sospetta che l'animale abbia il raffreddore e abbia i sintomi sopra elencati - il letargia, la lacrimazione degli occhi è fissa, i gatti dovrebbero tossire i sintomi e curare la malattia.

Trattamento a freddo

Se il veterinario ha confermato un raffreddore nei gatti, il cui trattamento domiciliare può essere combinato con l'uso della terapia farmacologica per alleviare i sintomi, la selezione della terapia complessa viene effettuata individualmente. Pet prescritto farmaci e prescritto un numero di farmaci. Ad esempio, può essere nominato Loksikom per gatti il ​​cui prezzo è di circa 850 rubli, o un altro farmaco antinfiammatorio, antipiretico e analgesico per uso veterinario.

Lo specialista può anche prescrivere i seguenti farmaci all'animale domestico: gocce nasali per gatti, antibiotici, immunomodulatori. Saranno inoltre necessarie alcune procedure. Questo è il lavaggio dei seni e la pulizia degli occhi dalle secrezioni.

Cura per il raffreddore

Se il proprietario osserva starnuti, mancanza di respiro e tosse in un gatto, la ragione per trattare questi sintomi è con un veterinario. In questo caso, l'animale malato deve essere dotato di speciali condizioni di detenzione per una pronta guarigione.

Il proprietario deve fornire una nutrizione completa bilanciata, proteggere l'animale dal freddo e le correnti d'aria.

Inoltre, non è consigliabile mantenere il gatto in condizioni di elevata umidità e limiti di temperatura non confortevoli che vanno oltre i 20-24 gradi Celsius.

Con una leggera forma di freddo, un animale domestico può rapidamente recuperare e tornare a un normale ritmo di vita. Se il gatto ha un sistema immunitario debole e soffre di raffreddore, non deve ritardare la visita alla clinica veterinaria. Nei casi avanzati, il raffreddore comune può causare gravi complicazioni e perdita di immunità. Puoi leggere l'articolo, che parla della malattia di pyometra nei gatti.

Influenza felina (infezione del tratto respiratorio superiore).

Basato su materiali dal sito www.icatcare.org

L'influenza felina è una malattia virale delle alte vie respiratorie (URI) delle prime vie respiratorie dei gatti. La malattia può variare considerevolmente in gravità e persino rappresentare un pericolo per la vita del gatto. I sintomi usuali dell'influenza del gatto sono la secrezione degli occhi e del naso di un gatto.

Nella maggior parte dei casi, l'influenza è causata dal calicivirus felino (calicivirus felino, FCV) o da herpesvirus felino (virus dell'herpes felina, FHV o FHV-1) e l'infezione da herpes felino può essere un serio pericolo per gli occhi del gatto. I segni clinici in entrambi i casi si manifestano come starnuti, naso che cola, congiuntivite (infiammazione della mucosa degli occhi), scarico dagli occhi, perdita di appetito, febbre e letargia. A volte si formano ulcere in bocca, tosse, sbavare eccessivamente e ulcere negli occhi. Gattini, gatti anziani e gatti con sistemi immunitari soppressi aumentano la probabilità di una malattia grave (fino alla morte). L'influenza è spesso accompagnata da infezioni secondarie (come la polmonite), il corpo non può assumere abbastanza nutrienti, si verifica la disidratazione.

Quali gatti sono inclini all'influenza del gatto?

L'influenza felina è diffusa, poiché i virus dei patogeni sono sempre presenti nelle popolazioni di gatti. Il gruppo di rischio include:

  • Gatti, che vivono in gruppi (nell'asilo nido, nel rifugio o nella colonia felina) - in tali condizioni, il virus si diffonde facilmente;
  • Gatti non vaccinati;
  • gattini;
  • Gatti più vecchi;
  • Gatti con immunosoppressori (pazienti con leucemia felina, virus dell'immunodeficienza dei gatti trattati con immunosoppressori);

Cause dell'influenza felina.

La maggior parte dei casi di influenza felina sono causati da due virus:

In totale, questi due virus causano oltre il 90% di tutti i casi di influenza felina. Altri microrganismi che possono causare malattie del tratto respiratorio superiore nei gatti sono:

  • Bordetella bronchisettica (Bordetella bronchiseptica). Può causare starnuti, naso che cola e talvolta tosse, specialmente nelle colonie di gatti;
  • Chlamydophilus felis (Chlamydophila felis). Di solito porta alla congiuntivite, scarico dagli occhi del gatto;

Sintomi di influenza felina.

Il periodo di incubazione per il virus dell'herpes felino e il calicivirus felino è compreso tra due e dieci giorni. Successivamente, compaiono i segni clinici della malattia, solitamente:

  • starnuti;
  • Naso che cola;
  • Scarica dagli occhi;
  • letargia;
  • Perdita di appetito;
  • Febbre; febbre;

La gravità dei sintomi può variare considerevolmente - in alcuni gatti possono manifestarsi debolmente e non costantemente, in altri - per essere molto evidenti, è difficile riflettere sulle condizioni dei gatti. Sebbene vi siano differenze nella manifestazione dei segni clinici causate da questi due virus, non sono sufficienti a distinguere semplicemente quale virus ha causato la malattia.

L'infezione da herpes virus è solitamente più grave, spesso con congiuntivite più visibile e ulcerazione della cornea dell'occhio di gatto. L'herpesvirus felino può anche portare a faringite grave che causa anoressia. FHV a volte causa anche infiammazione nella trachea e nella tosse.

L'infezione da calicivirus felino è spesso più facile, con segni clinici sottili o miti. Il calicivirus felino, tuttavia, causa più spesso la formazione di ulcere nella lingua, a volte sul palato e sulle labbra del gatto. FCV può manifestarsi nel passare l'artrite (sindrome da zoppia, di solito nei gattini), e gattini molto piccoli possono sviluppare una grave polmonite.

Sebbene entrambe le infezioni da herpes virus e calicivirus siano virali, le malattie sono solitamente accompagnate da infezioni batteriche secondarie che possono portare a rinite (infezioni nel naso), congiuntivite e persino infezioni polmonari. Di norma, il corpo del gatto affronta gradualmente l'influenza, ma in alcuni casi l'influenza può persino mettere in pericolo la vita. Nei casi più gravi, potrebbero volerci alcune settimane prima che il gatto si riprenda. In alcuni gatti, una secrezione nasale permanente o ricorrente (rinite cronica) può rimanere permanentemente dopo una malattia.

In rari casi, un ceppo speciale di calicivirus - un calicivirus virulento sistemico felino (FCV virulento sistemico, vsFCV) provoca una forma molto più grave, spesso fatale, della malattia. Fortunatamente questa forma di infezione è estremamente rara.

Diagnosi di influenza nei gatti.

La diagnosi dell'influenza felina viene solitamente eseguita da un veterinario per i tipici segni della malattia del tratto respiratorio superiore, ad eccezione di altre possibili cause. La diagnosi può essere confermata da test per la presenza del virus, ma spesso questo non è necessario.

Le analisi di FCV o FHV vengono effettuate su campioni prelevati da tamponi dagli occhi o dalla bocca del gatto in appositi laboratori veterinari in cui viene coltivata una coltura virale o è possibile effettuare studi utilizzando la reazione a catena della polimerasi (PCR è un test che consente di rilevare i geni virali a livello molecolare).

Trattamento dell'influenza nei gatti.

Il trattamento dell'influenza nei gatti è principalmente sintomatico e di supporto. Se si sospetta la presenza di comorbidità (ad esempio, polmonite) o la presenza di complicanze, il veterinario può ritenere necessario condurre ulteriori esami.

Gli antibiotici sono usati per trattare le infezioni batteriche secondarie e ridurre la gravità della malattia. In caso di grave congestione nasale e mancanza di respiro, possono essere prescritte procedure di inalazione o nebulizzazione per diluire le spine e alleviare lo starnuto.

I gatti che hanno l'influenza spesso rifiutano di mangiare - hanno un cattivo odore, che impedisce loro di mangiare normalmente. È possibile aumentare l'appetito utilizzando mangimi morbidi e altamente aromatici (ad esempio, cibo per gattini, pesce sott'olio). Il riscaldamento del cibo aumenta anche la sua attrattiva per il gatto. Tuttavia, in caso di anoressia grave, potrebbe essere necessario ospedalizzare il gatto per l'alimentazione attraverso un tubo. Una cattiva alimentazione contribuisce all'approfondimento della malattia e rallenta il recupero, quindi il cibo è un elemento importante del trattamento. Se il gatto non beve bene, possono essere necessari liquidi per via endovenosa per evitare la disidratazione. Gli analgesici possono anche essere richiesti per il trattamento.

L'interferone - una proteina prodotta nel corpo, aiuta nella lotta contro le infezioni virali. Le iniezioni di interferone possono essere somministrate per il trattamento di mantenimento (alte dosi di interferone umano o felino ricombinante) - vi sono alcune prove che ciò contribuisce al recupero, ma probabilmente l'effetto maggiore si ottiene nelle prime fasi dell'influenza felina.

Esistono anche farmaci sotto forma di unguenti e gocce, che consentono di trattare le malattie degli occhi causate da herpesvirus (ad esempio, trifluridina, idoxuridina e cidofovir). Dei nuovi farmaci per il trattamento dell'herpes negli esseri umani, viene usato famiclovis - si è dimostrato un rimedio sicuro ed efficace per i gatti, somministrato per via orale. L'aspetto di questo farmaco è considerato un grande passo avanti nel trattamento di gravi infezioni da herpes virus nei gatti.

Prendersi cura di un gatto malato è altrettanto importante. Lo scarico dagli occhi e dal naso dovrebbe essere rimosso con cura con un batuffolo di cotone umido, il gatto dovrebbe essere in un luogo caldo e confortevole.

Portatori di influenza felina.

La maggior parte dei gatti che hanno avuto l'influenza diventano portatori del virus. Tali gatti di solito non mostrano i sintomi della malattia, ma possono diffondere il virus con saliva, lacrime e liquido nasale, diventando una fonte di infezione per altri gatti.

Sebbene quasi tutti i gatti infetti da herpes felino restino i suoi portatori per tutta la vita, molti di loro non hanno mai diffuso il virus in quantità significative. Alcuni gatti possono distribuirlo periodicamente, specialmente in situazioni stressanti. Durante tali periodi, alcuni gatti possono mostrare lievi segni di influenza, il resto non ha segni. I portatori di gatti in asili nido, rifugi e colonie stanno diventando un fattore che aumenta il rischio di contrarre l'influenza. Lo stress sperimentato da un gatto durante il parto aumenta anche la probabilità di diffusione del virus dell'herpes felino.

La maggior parte dei gatti infetti da calicivirus felino, diventano anche i suoi portatori. Diffondono il virus per diverse settimane e persino mesi dopo il recupero, ma per la maggior parte dei gatti (anche se non tutti), il virus alla fine muore dopo pochi mesi.

Diffusione dell'influenza felina.

I virus che causano l'influenza nei gatti si diffondono in tre modi:

  • Contatto diretto con gatti malati;
  • Contatto diretto con portatori di virus;
  • Contatto con virus intrappolati su oggetti, piatti e altri oggetti comuni. Un gran numero di virus sono presenti nella saliva, nelle lacrime e nelle secrezioni nasali, che sono in grado di mantenere l'attività in aria da due (virus dell'herpes) a 10 (calicivirus) giorni.

Prevenzione dell'influenza nei gatti.

La vaccinazione. Il rischio di infezione dei gatti con l'influenza può essere drasticamente ridotto dalla vaccinazione contro l'herpesvirus e il calicivirus. Tali vaccinazioni sono raccomandate per tutti i gatti, indipendentemente dal fatto che abbiano o meno accesso alla strada, poiché i virus sono comuni ovunque. Tuttavia, dovrebbe essere inteso che la vaccinazione non può proteggere completamente il gatto, impedisce lo sviluppo di influenza grave. In molti gatti, la malattia procede in una forma così lieve che i sintomi sono lievi o non evidenti affatto. Ci sono molti ceppi di calicivirus felino, che complicano la vaccinazione, dal momento che i gatti devono essere vaccinati contro diversi tipi di virus. I più recenti tipi di vaccini contengono più di un ceppo di calicivirus, che aiuta a superare questo problema. Questo problema non esiste per il virus herpes del gatto, dal momento che ce n'è solo uno.

Prevenzione dell'infezione e della disinfezione. Se più di un gatto vive in casa, è importante ridurre al minimo il rischio di infezione da parte del gatto malato del resto. Questo è quasi impossibile, ma, a parte vaccinare tutti i gatti, i gatti con sintomi influenzali dovrebbero essere isolati dal resto (per esempio, in una stanza separata). È necessario utilizzare piatti separati e vaschette da toilette per tutti i gatti. È meglio tenere i gatti (se possibile) in una stanza in cui si possa facilmente disinfettare (senza mobili imbottiti, tappeti, ecc.). I virus sopra descritti muoiono dalla maggior parte dei disinfettanti, ma il loro uso è meglio discusso con un veterinario, poiché alcuni (ad esempio gli agenti contenenti fenolo) sono dannosi per i gatti. Ipocloriti (prodotti a base di candeggina) - una soluzione di candeggina al 5% in acqua in un rapporto da 1 a 32 distrugge efficacemente i virus, ma devono essere usati con attenzione - nella maggior parte dei gatti, il contatto diretto con una soluzione disinfettante causa irritazione.