Come fare la sterilizzazione dei gatti

Formazione

Ogni proprietario di una bellezza pelosa (o glabra) pone una domanda su come i gatti vengono sterilizzati. Ciò è dovuto al fatto che la prole indesiderata, l'estro, i cambiamenti comportamentali dovuti all'impulso ormonale e il rischio di infezione da gatti del cortile con malattie iniziano a causare molti problemi.

Perché è necessaria la sterilizzazione

La sterilizzazione sta privando un gatto della sua capacità di riprodursi.

Punti positivi di sterilizzazione:

  • Secondo le statistiche, gli animali che sono stati sottoposti a un'operazione che li ha privati ​​della loro capacità di riprodursi, vivono 2-3 anni in più rispetto ai gatti non sterilizzati. Ciò è dovuto alla mancanza di stress associato a picchi ormonali. Così come le gravidanze, il parto e l'alimentazione della prole, che portano il corpo e lo rendono vulnerabile agli agenti patogeni.
  • L'infezione da infezioni sessualmente trasmesse per animali sterilizzati è ridotta al minimo. Inoltre, la probabilità di tumori, cisti e altre patologie dell'utero, le ovaie è praticamente ridotta a zero. La probabilità di sviluppo di neoplasie (comprese quelle maligne) nelle ghiandole mammarie è ridotta del 50%.
  • Gli ormoni rabbiosi rendono il gatto aggressivo, irrequieto, si precipita in cerca di un gatto, per continuare la sua corsa, può iniziare a marcare le cose nell'appartamento. Tale comportamento porta molti problemi ai proprietari e all'animale stesso. La sterilizzazione provoca una perdita di interesse nell'allevamento e focalizza il gatto sull'interazione con le persone. Il gatto diventa affettuoso e cede facilmente all'educazione, il suo carattere diventa calmo ed equilibrato, cessa di segnare tutto intorno, il che semplifica enormemente il mantenimento dell'animale.
  • Un gatto è in grado di dare alla luce sei volte l'anno. E per uno che lambisce, possono nascere fino a nove cuccioli. Tale fertilità diventa una vera catastrofe per i proprietari dell'allevamento e complica la già difficile situazione con gli animali randagi per le strade. La sterilizzazione è il modo più civile per risolvere il problema della nascita di prole indesiderata.

Metodi di sterilizzazione per gatti

Esistono diversi modi per sterilizzare i gatti. Quale di loro scegliere dipende da quale delle tecniche viene utilizzata con successo e continuamente in una particolare clinica in cui il proprietario dell'animale domestico ha deciso di chiedere aiuto.

L'assenza di complicanze postoperatorie dipende in gran parte dalla professionalità e dall'esperienza dei medici che eseguono bene la procedura.

Metodi di sterilizzazione dei gatti:

  • L'ovariectomia è l'estrazione delle ovaie con la conservazione dell'utero chirurgicamente.
  • Sterilizzazione farmacologica - un modo per eliminare l'estrogeno attraverso i farmaci ormonali.
  • Occlusione tubarica - legatura delle tube di Falloppio.
  • Ovarioisterectomia: rimozione chirurgica dell'utero e delle ovaie.
  • Laparoscopia - rimozione delle ovaie e dell'utero attraverso piccole incisioni (forature).
  • Radiazioni o metodo chimico.

La radioterapia e la sterilizzazione chirurgica dei gatti sono completamente diversi nei metodi naturali. La sterilizzazione per irradiazione comporta l'irradiazione delle ovaie di un animale con una dose di radiazioni attentamente calcolata. Allo stesso tempo, è possibile che le cellule di altri organi e sistemi possano essere influenzate negativamente. Pertanto, i gatti vengono sterilizzati senza chirurgia.

Metodo chirurgico - chirurgia addominale. Attualmente, è il modo più efficace e sicuro per prevenire l'insorgenza di prole e per sbarazzarsi di altri problemi associati all'istinto riproduttivo.

Caratteristiche di sterilizzazione

I gatti sterilizzati, sottoposti a ovarioisterectomia, perdono irrevocabilmente la capacità di produrre gattini, il loro comportamento cambia drasticamente, il calore viene eliminato. Inoltre, la probabilità di insorgenza di malattie degli organi riproduttivi è pari a zero. Per questo motivo, i veterinari raccomandano il più delle volte di utilizzare un metodo di sterilizzazione simile.

Si consiglia di eseguire la sterilizzazione 2 settimane prima dell'inizio dell'estruso o 2 settimane dopo la fine. Questa regola può essere trascurata se l'estrusione viene osservata per un lungo periodo di tempo, con un intervallo di 1-5 giorni. In questo caso, la pausa di quattordici giorni non può essere sostenuta.

Puoi anche sterilizzare un animale durante la gravidanza, se hai bisogno di salvare la vita del gatto. In altri casi, tale operazione non viene eseguita, poiché i cambiamenti globali si verificano a livello ormonale e fisiologico nel corpo felino durante la gravidanza.

Preparazione per la chirurgia

Il periodo più favorevole per la sterilizzazione mediante chirurgia addominale chirurgica (ovarioisterectomia, ovariectomia) è un gatto di 7-9 mesi. Tenuto in gattini, può influenzare negativamente la crescita e lo sviluppo degli organi interni. I gatti più anziani (sopra i 7 anni) non tollerano bene l'anestesia e guariscono lentamente dopo l'intervento.

Da tre a quattro settimane prima della prevista sterilizzazione, viene eseguita la vaccinazione profilattica di routine. Quello che deve essere fatto vaccinazioni spiegherà in dettaglio il veterinario.

Pochi giorni prima dell'evento, un esame preventivo del gatto è fatto, il proprietario del gatto è tenuto a fornire informazioni sulla sua salute. Se necessario, viene prelevato il sangue per le analisi di laboratorio, viene eseguita un'ecografia degli organi addominali e un cardiogramma.

Se il gatto è assolutamente sano e non ci sono controindicazioni per la sterilizzazione chirurgica, viene nominata la data dell'intervento. Il giorno prima il suo gatto ha bisogno di tagliare i suoi artigli. Questo è necessario perché l'animale può graffiare la cucitura dopo l'operazione. Quindi il trattamento di pulci e vermifugo.

12 ore prima dell'inizio dell'operazione per sterilizzare il gatto dovrebbe smettere di dare cibo, per 3 ore - acqua. Tali misure sono spiegate dal fatto che durante un'uscita dall'anestesia, un animale può iniziare a vomitare, il che porta all'aspirazione delle vie respiratorie.

la sterilizzazione della holding

La pesatura per determinare la dose esatta di anestesia viene eseguita in una clinica veterinaria, dove i gatti sono sterilizzati, è meglio eseguire l'operazione in condizioni sterili di un istituto veterinario.

Più operazioni nella clinica veterinaria - la capacità di evitare complicazioni, effetti avversi sull'anestesia animale, il verificarsi di circostanze impreviste. Meno per il proprietario dell'animale - in attesa della fine della procedura, la strada per la clinica richiederà tempo.

Il medico può essere chiamato in un momento opportuno per il proprietario dell'animale. Meno sterilizzazione a casa - l'incapacità di creare un ambiente clinico sterile.

Passaggi di sterilizzazione:

  • Dopo somministrazione endovenosa di anestesia e l'inizio della sua fase chirurgica, l'animale viene posto sul tavolo operatorio. Quindi la lana viene rimossa nel sito previsto dell'incisione e la pelle viene trattata con un antisettico.
  • Condurre la sterilizzazione - guarda il video. Viene eseguita un'incisione lungo la linea o il lato bianco, lunghi fino a 3 cm.L'incisione laterale guarisce più velocemente nel periodo postoperatorio, più spesso durante l'ovariectomia (solo le ovaie vengono rimosse mentre l'utero è conservato). La cavità addominale viene tagliata lungo la linea bianca quando l'utero e le ovaie vengono rimossi. Una grande legatura viene applicata alle grandi vasi per evitare il sanguinamento, dopo di che escono l'utero e le ovaie (o solo le ovaie). L'utero e le ovaie vengono rimossi, le suture auto-assorbenti sono sovrapposte agli organi interni, suture esterne non assorbibili (solitamente 3), rimosse da 7 a 14 giorni. A volte usano cuciture cosmetiche, che non devono essere rimosse.
  • Il periodo postoperatorio include il rilascio dell'animale da anestesia, cura delle ferite e rimozione delle suture (se necessario).

I gatti fanno la sterilizzazione per circa mezz'ora. Durante questo periodo di tempo, l'introduzione dell'anestesia e dell'immersione del sonno, così come il periodo di recupero dall'anestesia, non sono inclusi.

Caratteristiche cura per il gatto dopo l'intervento chirurgico

Dopo la sterilizzazione, il gatto viene dato al proprietario quando è ancora sotto l'influenza dell'anestesia e sta dormendo o all'inizio del processo di risveglio da un sonno narcotico. Dipende da come è consuetudine agire in una specifica clinica veterinaria.

Essendo sotto l'influenza dell'anestesia, l'animale non può ancora controllare i movimenti ed è in grado di fare del male a se stesso.

Per questo motivo, la sicurezza dell'animale dovrebbe essere garantita e monitorata.

Regole di cura dopo la sterilizzazione:

  • È necessario trasportare il gatto in un trasporto speciale, preferibilmente con una parte superiore reclinabile.
  • Durante il sonno narcotico, l'animale rallenta la respirazione e il polso, diminuisce la temperatura corporea, aumentando la probabilità di ipotermia. Per evitare questo, l'animale deve essere coperto con una coperta o una coperta, mettere accanto una piastra elettrica o una bottiglia di acqua calda.
  • A casa, puoi lasciare il tuo tesoro nel trasporto per un po 'o spostarlo sul pavimento, prima spargendo tela cerata e tessuto.
  • Durante il sonno narcotico, gli occhi degli animali non si chiudono, quindi per evitare l'infiammazione della cornea, le palpebre dovrebbero essere chiuse ogni 5-10 minuti. Puoi seppellire lo 0,9% di soluzione salina (NaCl).
  • Animale domestico risvegliato dovrebbe essere protetto da cadute e salti.
  • Dopo il risveglio finale, aumenta la sete, che è normale. Accettiamo più acqua.
  • Il cibo dovrebbe essere dato solo quando appare l'appetito. Non è possibile alimentare un gatto sterilizzato con la forza, la mancanza di appetito può essere osservata fino a 3 giorni dopo l'intervento. Molto spesso, l'animale chiede cibo il giorno dopo.
  • È necessario monitorare le condizioni delle cuciture fino a quando non vengono rimosse. Le cuciture devono essere asciutte e pulite, l'insudiciamento e l'intasamento sono inaccettabili. Le ferite possono essere trattate con clorexidina o perossido di idrogeno. Alcuni veterinari consigliano di lubrificare ulteriormente i punti con unguenti che accelerano la guarigione delle ferite.
  • Dopo l'intervento, indossare uno stivale speciale o una benda che protegga le ferite dai danni. Il gatto si abitua alla stessa misura per un giorno, quindi non si accorge della benda.

Gli effetti avversi della sterilizzazione possono verificarsi se l'intervento è stato eseguito da un laico in condizioni non igieniche. In questo caso, l'animale inizierà a ferire e potrebbe persino morire. Per evitare ciò, è necessario contattare un'istituzione medica specializzata ed eseguire la sterilizzazione secondo il metodo, che è stato utilizzato con successo in questa clinica per un lungo periodo di tempo. L'esperienza e la professionalità dei medici consentiranno di evitare possibili complicanze postoperatorie.

Com'è la sterilizzazione dei gatti a casa

Per molti proprietari di gatti carini, la domanda rimane incerta: come si sterilizzano i gatti? In questo articolo vogliamo parlare di tutte le fasi della castrazione dei gatti - dall'esame di un veterinario alla creazione di un contagocce e alla rimozione di un animale dall'anestesia.

Descriviamo le fasi principali della sterilizzazione dei gatti, ma il caro lettore deve capire che ci sono diversi metodi di funzionamento, con diverse opzioni. Pertanto, il nostro obiettivo è di familiarizzare il lettore con i principi generali di come avviene la sterilizzazione dei gatti.

Quindi, prima di descrivere come sterilizzare i gatti, sistematizziamo i punti principali del nostro articolo:

  1. Condurre un esame clinico dell'animale
  2. Adescamento prima dell'anestesia
  3. Anestesia per gatti sterilizzanti
  4. Sterilizzazione corretta del gatto
  5. Procedure postoperatorie
  6. Rimozione del contagocce e dell'anestesia

Condurre un esame clinico dell'animale

Prima della sterilizzazione, il gatto deve essere esaminato da un veterinario per verificare lo stato di salute del tuo animale domestico. Solo gli animali sani sono ammessi all'operazione, con un buon appetito, un mantello brillante, il gatto dovrebbe regolarmente andare in bagno. Un veterinario controlla come funziona il cuore, lo stato degli organi respiratori e il sistema nervoso.

Se, durante l'esame dell'animale, il veterinario ha ancora dubbi sulla salute del tuo gatto, possono essere prescritti esami del sangue, delle urine e dell'ECG.

Adescamento prima dell'anestesia

Perché la parola "premium" non sembri così strana, spieghiamo il suo significato - questa è l'introduzione dei farmaci prima dell'anestesia, che migliorano il funzionamento del cuore durante l'intervento chirurgico. Il veterinario decide come scegliere l'anestesia in base all'età del gatto, alle condizioni fisiologiche, al metodo di anestesia, ecc.

L'elenco dei farmaci nella preparazione del gatto per la sterilizzazione in diverse cliniche può essere diverso, ma tutti i farmaci sono concessi in licenza e utilizzati esclusivamente per lo scopo previsto.

Anestesia per gatti sterilizzanti

L'anestesia è uno dei componenti principali dell'operazione, poiché da lui dipende il successo dell'operazione e lo stato del gatto dopo la sterilizzazione. L'anestesia è diversa, quindi ora la sistematizziamo e spieghiamo l'azione popolarmente.

Vie di somministrazione: ci sono diversi modi di somministrare l'anestesia per la sterilizzazione del gatto:

  • Intramuscolare - la via di somministrazione più comune del farmaco per l'anestesia. Di regola, è un'anestesia poco costosa o relativamente economica nella categoria di prezzo di 500-1500 rubli.

Farmaci attivi: non indicheremo il nome dei farmaci, ma li divideremo in gruppi:

  • Rilassanti muscolari: questo gruppo di farmaci provoca il rilassamento dei muscoli scheletrici e allevia parzialmente il dolore. Nella sua forma pura, non è usato per sterilizzare i gatti, ma è un componente dell'anestesia combinata, vale a dire uso di 2 o più farmaci di diverse azioni.
  • Preparativi per l'anestesia - l'azione principale, è un sonno artificiale a breve termine. Secondo la durata, è diviso in azioni brevi, medie e lunghe. Questi farmaci sono rilasciati a un veterinario secondo le norme e in conformità con le norme per l'uso di stupefacenti per animali.

Ricorda che l'anestesia per un gatto è un fattore di rischio, quindi, migliore è l'anestesia, migliore sarà il porridge dopo la sterilizzazione. Con le opzioni per la sterilizzazione di gatti con diversa anestesia, puoi trovare nella pagina "Prezzi per la sterilizzazione dei gatti".

Sterilizzazione corretta dei gatti

La durata della sterilizzazione dei gatti dura da 30 a 50 minuti, che dipende dal metodo di anestesia, accesso rapido, se l'utero è rimosso o meno, l'imposizione di una sutura convenzionale o cosmetica, ecc.

Dividiamo la sterilizzazione del gatto in fasi per la facilità di percezione:

Sterilizzazione di fase 1 del gatto - trattamento antisettico del campo operatorio. A tale scopo vengono utilizzate soluzioni disinfettanti speciali.

Sterilizzazione di gatti in stadio 2 - accesso online, ad es. selezione della posizione dell'incisione e accesso alla cavità addominale. Attualmente ci sono due accessi:

  • Sulla linea bianca dell'addome - questo è l'accesso standard per la sterilizzazione dei gatti. Si fa un'incisione lungo la linea mediana dell'addome, prima viene sezionata la pelle, poi il tendine dei muscoli addominali e poi il peritoneo.

Sterilizzazione di gatti in stadio 3 - La rimozione delle ovaie viene eseguita imponendo legature sui vasi sanguigni ovarici e uterini, sul legamento ovarico e quando l'utero viene rimosso sul corpo dell'utero. Anche qui, è necessario considerare due opzioni per sterilizzare i gatti:

  • Senza rimuovere l'utero, vengono rimosse solo le ovaie accoppiate e l'utero rimane nella cavità addominale. Poiché i gatti sono stati sterilizzati in precedenza, ora è consigliato con la rimozione dell'utero.
  • Con la rimozione dell'utero - in questo caso, vengono rimosse sia le ovaie che l'utero. Perché è necessario rimuovere l'utero? Dopo la sterilizzazione dell'utero, il corpo non è più necessario, e ci sono frequenti casi in cui può diventare infiammato (endometrite), accumulare contenuto purulento (piometra), o tumori maligni possono apparire nell'utero. E se l'utero è stato rimosso durante la sterilizzazione, allora questi problemi non sorgono a causa dell'assenza dell'utero stesso.

Sterilizzazione di fase 4 di gatti - sutura. La qualità del materiale di sutura e il metodo di sutura dipendono dalla velocità di guarigione e dalla salute generale del gattino. Per ulteriori informazioni sulle cuciture si possono trovare nel nostro articolo "Le cuciture nella sterilizzazione dei gatti". Quando si sterilizza un gatto, ci sono due tipi di punti:

  • Le suture interne sono le cuciture sul peritoneo e i muscoli degli addominali, usano materiale assorbibile che non è necessario rimuovere dopo l'operazione.

    Tuttavia, vi è una giunzione cosmetica che, quando si utilizza una tecnica speciale di sutura e materiale assorbibile atraumatico, non richiede ulteriori trattamenti e rimozione. Di conseguenza, una cucitura cosmetica è preferibile quando si sterilizzano i gatti.

    Procedure postoperatorie

    Al completamento della sterilizzazione, il veterinario ti dirà come prendersi cura del gatto, come trattare i punti e con quale frequenza. Le iniezioni necessarie, come un antibiotico, immunostimolante, vitamine, antidolorifici, ecc., Saranno eseguite dal veterinario immediatamente dopo l'operazione. In alcuni casi, si può consigliare di continuare le iniezioni per 3-5 giorni, a seconda dell'età del gatto e di come è stato sottoposto a sterilizzazione.

    La cucitura verrà anche elaborata e verrà spiegato come si può fare lo stesso trattamento a casa. Di norma, sarà necessario indossare un bastone speciale postoperatorio per evitare che la cucitura venga leccata dal gatto. Non dimenticare che il gatto prenderà la cucitura come una ferita e cercherà di rosicchiare e rimuovere le cuciture. Questo è il motivo per cui è necessaria la cinghia, per prevenire tali complicazioni.

    I nostri ospiti a volte si rivolgono alla clinica, che si è dispiaciuta per il loro amore e si sono tolti presto il culo, e di conseguenza non ci sono cuciture e buchi nello stomaco di 2-3 cm. Fai attenzione, possiamo cucire, ma guarisce già molto male doloroso.

    Contagocce e anestesia dopo la sterilizzazione

    L'impostazione del contagocce e la rimozione dall'anestesia sono considerate procedure aggiuntive. A causa loro, l'animale si sveglia più velocemente e si sente molto meglio. Tuttavia, questo porta ad un aumento del costo dell'operazione, che puoi leggere nel nostro articolo "Prezzi per la sterilizzazione domestica dei gatti".

    Sulla base di molti anni di esperienza, possiamo tranquillamente raccomandare contagocce a tutti gli animali, che aumentano l'escrezione di un narcotico dal sangue, migliorano le funzioni rigenerative del corpo e migliorano la salute generale del gatto.

    Sterilizzazione dei gatti - metodi di sterilizzazione, più e meno, prezzo, cura per un gatto dopo la sterilizzazione

    Sterilizzazione di un gatto Questa frase è familiare a tutti quelli nella cui casa vive un'affascinante femmina fa le fusa. Ad un certo punto ogni proprietario pensa circa la possibilità di prendere il vostro animale domestico per una tale operazione, in tal modo, una volta per tutte, ha deciso una dozzina di problemi con l'istinto materno di un gatto.

    Cos'è la sterilizzazione?

    Sotto la sterilizzazione dei gatti, i veterinari implicano la rimozione degli organi animali del sistema riproduttivo. Dopo tale operazione, il gatto perde l'opportunità di rimanere incinta e dare alla luce gattini; di conseguenza, tutti i segni del comportamento sessuale scompaiono.

    La complessità della terminologia sta nel fatto che ora la parola "sterilizzazione" si riferisce spesso a due operazioni completamente diverse:

    • Un ovariectomy, che rimuove esclusivamente le ovaie.
    • Ovariogisterectomia, o castrazione, che comporta la completa rimozione degli organi riproduttivi: l'utero e le ovaie.

    La prima operazione è più economica, ma la sua efficienza è un ordine di grandezza inferiore a quella della sterilizzazione completa. L'utero conservato può continuare a produrre ormoni femminili per molti anni. Di conseguenza, il rischio di diventare felici proprietari di cuccioli appena nati, ovviamente, sparirà - e questo comportamento "invitante" che infastidisce molti proprietari non andrà da nessuna parte.

    C'è un altro argomento a favore della castrazione: la salute del gatto. Un organo "extra" che ha cessato di svolgere la sua funzione può causare seri problemi: infiammazione, piometra e persino cancro. Pertanto, se decidi di sterilizzare il tuo tesoro, è meglio sborsare e fare immediatamente una operazione completa.

    Alternativa di sterilizzazione

    Molti proprietari si rifiutano di sterilizzare. Il motivo potrebbe essere il prezzo piuttosto alto di sterilizzazione dei gatti, la mancanza di volontà di abbandonare completamente l'idea di allevare la razza e semplicemente la paura della chirurgia. Per questi casi, ci sono molti modi alternativi per risolvere il problema:

    1. Il più economico e il più comune - gocce o pillole che sopprimono il desiderio sessuale. Agiscono da 1 a 3, alcuni fino a 6 mesi, e dopo averli presi, il gatto si calma quasi immediatamente e si trasforma in un tenero animale domestico.
    2. Un'opzione più costosa, ma non così pericolosa per un animale, è l'iniezione ormonale, che agisce secondo un principio simile.

    Entrambi questi metodi hanno uno svantaggio significativo: tutti hanno un impatto negativo sulla salute dell'animale. Le "gocce miracolose" sono particolarmente pericolose: anche con una singola applicazione, possono causare squilibri ormonali nell'animale, infiammazione e neoplasie. Permettere a un gatto di rimanere incinta, almeno una volta ricevuto un tale medicinale, non vale la pena: il rischio di complicanze è troppo grande.

    Dato che dare la medicina contro i "festeggiamenti" dovrebbe essere almeno ogni sei mesi, è molto più sicuro (e meno costose) una volta decidono di sterilizzare i gatti e liberare se stessi e il vostro tesoro da ulteriori tormento associato con la ricerca di un partner sessuale.

    Pro e contro della sterilizzazione

    Molti proprietari sarebbero felici di prendere il suo preferito per il funzionamento e una volta per tutte dimenticare il concerti notturni, aggressione sfrenata e tenta di fissare la prole felino familiare. li ferma, non solo e non tanto l'elevato costo della procedura, come la paura. Dopo tutto, questa operazione presenta vantaggi rispetto ad altri metodi di prevenire la gravidanza e svantaggi.

    • I principali svantaggi della sterilizzazione dei gatti sono nella natura della procedura. Come con qualsiasi procedura chirurgica, comporta lesioni tissutali e cicatrici per tutta la vita. La maggior parte dei gatti la resiste senza difficoltà, soprattutto perché i membri sani di questa famiglia di processi di rigenerazione avvengono molto rapidamente. Tuttavia, il gatto sente ancora un certo disagio.
    • Il secondo grave inconveniente è la necessità di anestesia. Non tutti gli animali lo tollerano bene e l'anestesia è generalmente controindicata nelle "donne anziane" di età superiore ai 13 anni. E, naturalmente, non dobbiamo dimenticare che con qualsiasi operazione vi è il rischio di complicazioni, una malattia infettiva o un'intolleranza individuale ai farmaci introdotti dal gatto.

    In difesa della sterilizzazione dei gatti, i veterinari possono anche portare molti argomenti:

    • Questa operazione è molto semplice. Prende da 20 minuti a 1 ora, non è dannoso per la salute, e la stragrande maggioranza dei gatti tollerati molto facilmente.
    • La castrazione completa riduce a zero il rischio di malattie degli organi genitali, e quindi aumenta le possibilità di un animale per una vita lunga e sana.

    Ogni estrus è un serio shock per il sistema nervoso e per tutto il corpo. Se questa condizione non porta regolarmente alla fertilizzazione, il livello di stress dell'animale aumenta in modo significativo. Estenuante "baldoria" e desiderio sessuale insoddisfatto fanno le fusa un danno.

    Non dobbiamo dimenticare che durante la ricerca di un gatto per l'accoppiamento, i gatti diventano inadeguati. Possono scappare da casa, perdersi o finire sotto le ruote dell'auto. Ci sono casi in cui gli animali stavano strappando la rete con un artiglio alla finestra e saltando fuori (e se l'appartamento si trova su un piano alto, questo è di per sé un grande pericolo).

    Infine, anche se il gatto è tornato a casa in sicurezza, non vi è alcuna garanzia che non abbia ricevuto alcuna infezione durante le sue visite.

    Da tutto ciò si risparmia in tempo l'operazione. Inoltre, questi fatti non sono tutti i vantaggi di sterilizzare i gatti. Dopo tutto, c'è ancora una sfumatura come un aumento del rischio di cancro ad ogni successiva gravidanza, e il pericolo di usare farmaci ormonali... Tuttavia, la scelta finale rimane sempre con il proprietario del gatto.

    Metodi di sterilizzazione

    Attualmente, i gatti sono sterilizzati in diversi modi. La principale differenza tra loro è nella dimensione delle cuciture e il metodo di rimozione degli organi riproduttivi.

    1. Nel metodo classico, un'incisione è fatta per 3 cm di lunghezza appena sotto l'ombelico, attraverso la quale vengono rimosse l'ovaio e l'utero. È molto utile se devi condurre una castrazione completa. I punti vengono rimossi una settimana o 10 giorni dopo l'intervento.
    2. Spesso usato per rimuovere le ovaie attraverso un'incisione laterale. Questo metodo è meno traumatico, non richiede cuciture e la lunghezza dell'incisione non supera 1 cm.
    3. Il terzo metodo, la cosiddetta laparoscopia, è il più lungo e complesso, richiede la massima competenza del medico e attrezzature costose. Le ovaie vengono rimosse attraverso una puntura microscopica, che introduce un gancio chirurgico e una videocamera in miniatura.

    È difficile dire quale delle opzioni abbia più successo - tutti i metodi di sterilizzazione dei gatti hanno sia vantaggi che svantaggi. Quanto sterilizza un gatto e quanto velocemente l'animale recupera dopo l'intervento chirurgico dipende dal modo in cui gli organi vengono rimossi.

    A che età è meglio eseguire l'operazione?

    L'operazione può essere effettuata da 7 a 8 mesi: cioè in un momento in cui il corpo dell'animale era completamente formato e la produzione di estrogeni iniziava negli organi riproduttivi. In alcuni casi, quando la pubertà di un gatto è avvenuta troppo rapidamente, è possibile che sia possibile un'operazione precedente (a 6 o anche a 5 mesi). Tuttavia, questa è una rara situazione di emergenza.

    Rimuovere le ovaie, e ancora di più, l'utero prima della fine della regolazione ormonale del corpo del gatto è molto pericoloso. Questo può portare a violazioni nell'ulteriore sviluppo del gatto, e il periodo di recupero sarà più lungo e più difficile.

    È così difficile sterilizzare i gatti - quando è meglio farlo, solo un veterinario può dire con precisione, ea volte è difficile per i proprietari che non hanno un'educazione speciale determinare il momento giusto per un'operazione. Quindi, iniziando un gattino, dovresti immediatamente decidere se intendi impegnarti nell'allevamento della razza, oppure è meglio risolvere immediatamente il problema con i gattini. E a partire da sei mesi, regolarmente portare un animale domestico alla clinica per l'esame, in modo che non appena è pronta, è possibile effettuare l'operazione necessaria.

    Il momento ideale per sterilizzare un gatto è il periodo in cui il gatto è già pronto per il sesso, ma non è ancora incinta. C'è un mito comune che un gatto debba "sperimentare la gioia della maternità", e quindi puoi metterlo sotto il coltello del chirurgo. Questo è un errore grossolano, a causa del quale molti animali domestici stanno soffrendo.

    Se non si prevede di far crescere i cuccioli per la vendita, la sterilizzazione è migliore il prima possibile.

    Dopo la prima nascita, gli ormoni che rispondono al desiderio sessuale inizieranno a essere prodotti non solo dai riproduttivi, ma anche da molti altri organi. Quindi, il gatto subirà regolarmente gravi stress, impoverendo il suo sistema nervoso. E lungo la strada - per testare la pazienza dei proprietari con le loro grida strazianti e le loro fusa invocative.

    Per la sterilizzazione, è meglio scegliere un tempo in cui sono trascorsi da 5 a 7 giorni dopo l'estrusione. Se questo non ha funzionato, la maggior parte dei veterinari accetta di eseguire l'operazione durante la "caccia sessuale". Sfortunatamente, il recupero in questo caso è un po 'più difficile.

    Non fare un intervento chirurgico durante la gravidanza. Se non siamo in grado di tenere traccia, è meglio dare alla luce un amato. Rimuovere gli organi riproduttivi nel periodo in cui il gatto porta gattini è molto pericoloso, ed è fatto solo in un solo caso: se la gravidanza correttamente poshedshie o malattie infettive minaccia la salute dell'animale.

    Sterilizzazione di alimentare gatti, di solito anche non eseguita in quanto subito dopo aver perso il latte di un gatto. Il funzionamento è possibile solo se i gattini sono morti, ei proprietari sono interessati al fine di evitare il ripetersi di "avventura". Dopotutto, l'animale può fare una passeggiata già al terzo - il quarto giorno dopo la nascita. E 'per questo motivo, molti proprietari nel corso degli anni non possono far fronte con eccessiva fertilità del vostro animale domestico dal momento in cui è possibile sterilizzare in modo sicuro il gatto, si stava preparando a diventare di nuovo mamma.

    Preparazione per la sterilizzazione

    Affinché l'operazione abbia il maggior successo possibile e senza conseguenze spiacevoli, è necessario preparare adeguatamente l'animale. Prima della sterilizzazione, il gatto dovrebbe, come minimo, essere esaminato da un terapeuta per le condizioni generali. La sterilizzazione non viene eseguita su animali indeboliti o che sono stati recentemente sottoposti a malattia. Idealmente, la clinica dovrebbe eseguire le seguenti procedure:

    1. Effettuare analisi biochimiche e generali del sangue e delle urine.
    2. Per rimuovere lo striscio che rivela microflora dannosa.
    3. Fai un'ecografia del cuore e dell'addome.
    4. Per gli animali di età superiore a 10 anni, è necessaria anche una consulenza con un cardiologo, poiché il carico sul cuore durante l'intervento chirurgico è piuttosto grande.

    Se non ci sono problemi di salute, 10-12 ore prima dell'operazione è necessario mettere il gatto a dieta completa. Questo le permetterà di evitare il vomito durante l'anestesia, il che significa che è più facile trasferire l'intera operazione. È anche desiderabile svuotare l'intestino (puoi affidare la causa della natura, ma puoi "ingannare" - in 12 ore per dare il tuo preferito un cucchiaio di olio di vaselina).

    Se possibile, scegli di sterilizzare il gatto nella prima metà della giornata per poter osservare l'animale. Un gatto dopo la sterilizzazione, di regola, si sente disorientato per diverse ore e non dovrebbe essere lasciato solo.

    Ecografia dell'addome del gatto

    Cura postoperatoria

    Un gatto sterilizzato ha bisogno di cure, soprattutto quando esce dall'anestesia. La maggior parte degli animali guarisce completamente nelle prime ore dopo l'intervento chirurgico - sebbene ci siano, naturalmente, delle eccezioni. Pertanto, è molto importante ascoltare attentamente il medico quando spiega come prendersi cura del gatto dopo la sterilizzazione.

    Hai bisogno di portare un gatto per un'operazione in una borsa da trasporto, o almeno in una borsa con un fondo stretto. In nessun caso dovresti portarlo con te. Non allarmarti se il gatto è freddo al tatto: la temperatura del suo corpo a causa di un intervento chirurgico e l'anestesia diminuiscono di parecchi gradi, quindi prepara qualcosa che puoi coprire l'animale sulla strada.

    Quando arrivi a casa, prepara sul pavimento un comodo "nido" di coperta calda e pannolini assorbenti posti sopra. È meglio scegliere un luogo caldo in cui non ci sia alcun progetto. La cosa principale è non mettere il gatto vicino alla batteria o nel corridoio, dove devi scavalcarlo. Non è necessario sistemarlo sul divano, perché al momento del risveglio l'animale inizierà a cercare di alzarsi e potrebbe cadere. Mettilo sul letto in modo che la testa sia dalla sua parte e la saliva possa fluire liberamente dalla bocca. E, naturalmente, coprire la parte superiore con un panno caldo, ma, se possibile, leggero.

    Alcune ore dopo il gatto inizierà a muoversi. Guardala attentamente. Fino a un pieno ritorno alla coscienza, non può essere lasciato solo. Questo può richiedere da 3 a 12 ore e, in alcuni casi, gli effetti dell'anestesia sono percepiti dall'animale per un giorno intero.

    Un gatto dopo un'operazione di sterilizzazione può comportarsi in modo strano: fare strani movimenti, tirare la testa, miagolare. La sua campagna sconcertante, lo scarso coordinamento e talvolta i tentativi di passare attraverso un muro o una porta chiusa spesso spaventano i padroni di casa. Non preoccuparti, questa è una normale reazione del corpo all'anestesia. Fermati a fare le fusa, se sta cercando di andare da qualche parte, accarezzala, parla teneramente. Il gatto è spaventato in questo momento e non capisce cosa sta succedendo; la cura e l'attenzione del proprietario la aiuteranno a trasferire facilmente il periodo di recupero.

    Immediatamente dopo che il gatto ha aperto gli occhi, dargli qualche goccia d'acqua da una pipetta o una siringa. Gli animali, a causa dell'anestesia, hanno molta sete, ma non possono bere molto. Per diverse ore il gatto dovrà bere dosi microscopiche. Solo dopo 3 ore sarà possibile darle un po 'da mangiare dalla ciotola.

    Ma i mangimi (solo cibo morbido e semi-liquido) possono essere non prima che scompaiano tutti gli effetti dell'anestesia. Cioè, dopo 6 o più ore. Anche se alcune fusa si rifiutano assolutamente di mangiare il primo giorno - due. Non preoccuparti, questo è normale - non è necessario forzare un animale a mangiare.

    Siate particolarmente attenti agli appuntamenti del dottore. La cura dopo la sterilizzazione del gatto include non solo l'osservazione dei suoi tentativi di movimento, ma anche l'implementazione di tutte le procedure necessarie.

    Se l'operazione è andata senza complicazioni, dovrai:

    • Ogni poche ore per gestire la cucitura.
    • È ora di dare al gatto farmaci anestetici e antibiotici.
    • In alcuni casi, dovrai portare un animale domestico per iniezioni.
    • Dopo alcuni giorni, vieni in clinica per rimuovere i punti.
    • E per non permettere al gatto di farsi male, compra o cuci una coperta che chiuderà completamente il luogo dell'operazione.

    Prendersi cura di un gatto dopo la sterilizzazione non è troppo complicato - dopo tutto, molte fusa arrivano ai loro sensi in poche ore e non hanno più bisogno di una supervisione costante.

    Per quei proprietari che non sanno cosa fare dopo aver sterilizzato un gatto, molte cliniche offrono un servizio di monitoraggio postoperatorio. Gli stessi esperti faranno in modo che l'animale esca con successo dall'anestesia e esegua le prime procedure necessarie. Alcuni ospedali possono mantenere il paziente, su richiesta del proprietario, fino alla rimozione dei punti, ovvero 1 settimana.

    Comportamento di un gatto dopo l'intervento chirurgico

    Molti proprietari saranno contenti che il comportamento del gatto dopo la sterilizzazione stia cambiando notevolmente. Diventa più calmo, i lampi di aggressività e l'eccessiva eccitazione scompaiono. Molti animali diventano più affettuosi e pigri, trasformandosi, veramente, in un morbido giocattolo domestico.

    Ma non tutti i rappresentanti della tribù felina cessano di vagare. Se un gatto è abituato alla libertà, privare gli organi riproduttivi non influirà sulle sue abitudini. I talenti della caccia non spariranno, così come le abitudini di trascinare il cibo dal tavolo o dal cestino.

    I proprietari dovranno monitorare più da vicino la dieta del loro animale domestico, in quanto un cambiamento nel bilancio ormonale dopo la sterilizzazione del gatto può causare un peso eccessivo.

    Costo del funzionamento

    Può sembrare strano, ma il costo di sterilizzare un gatto non è così alto.

    • Un'operazione classica nella maggior parte delle cliniche municipali può essere eseguita per 1200 - 3000 rubli. Ma è possibile che ti verrà richiesto di pagare separatamente l'anestesia; sarà anche addebitato l'esame preoperatorio.
    • Negli ospedali privati, il prezzo dell'operazione inizia tra 1600 e 3000 rubli, ma questa somma comprende l'intero complesso di misure necessarie. Ma per la rimozione laparoscopica dovrà pagare molte volte di più.

    Sterilizzazione dei gatti

    La sterilizzazione di un gatto è un'operazione chirurgica che i veterinari di tutto il mondo eseguono con successo da molti anni. I metodi di diversi medici possono differire, ma l'essenza è la stessa: l'operazione rimuove gli organi riproduttivi, che contribuisce alla riduzione dei livelli ormonali e alla cessazione delle funzioni riproduttive del corpo.

    Qual è lo scopo della sterilizzazione?

    La questione della sterilizzazione di un gatto domestico prima o poi sale davanti a ogni proprietario. Con l'inizio della pubertà, un gatto può trasformare una casa tranquilla in un vero inferno, e portare il suo proprietario al calore del bianco con i suoi infiniti murkaniye e concerti rumorosi di notte. Una tale vocalizzazione attiva non è dovuta al fatto che il carattere del tuo animale domestico si è deteriorato, e non dal suo desiderio di impedirti di riposare. Proprio in questo modo dice ai suoi congeneri che è pronta per l'accoppiamento e chiama il gatto per "avere un appuntamento". Questa è la natura del gatto. I suoi antenati selvaggi hanno formato per secoli un comportamento simile, e lei obbedisce semplicemente agli antichi istinti.

    Ma cosa fare se non ci sono gatti nelle vicinanze, e il proprietario non ha alcun desiderio di accadere al suo animale domestico e quindi impegnarsi nell'attaccamento dei gattini? Un modo reciprocamente vantaggioso è sterilizzare il gatto. Dopo l'operazione, lo sviluppo degli ormoni sessuali femminili (estrogeni) cessa per circa un mese, gli ormoni si riducono e il gatto si trasforma in un animale domestico carino e innocuo.
    Con un alto grado di probabilità la sterilizzazione aiuterà e salverà il gatto dall'eccessiva aggressività. Con una diminuzione del livello degli ormoni nel sangue, il carattere migliora, l'animale diventa più calmo, l'aggressività verso gli altri e il proprietario diminuisce o scompare del tutto.

    Sterilizzazione e castrazione dei gatti

    Il termine "sterilizzazione" viene applicato, di norma, ai gatti (femmine) e al termine "castrazione" - ai gatti (maschi). Si ritiene che i gatti siano sterilizzati e che i gatti siano castrati. Per facilità di comunicazione con il cliente e veterinari usano la stessa terminologia. Tuttavia, le femmine animali subiscono sia la castrazione che la sterilizzazione. Considera le differenze.

    L'operazione di sterilizzazione del gatto comporta la rimozione delle sole ovaie, senza rimuovere l'utero (ovariectomia). La castrazione è la rimozione chirurgica completa di tutti gli organi riproduttivi (ovarioisterectomia).

    Cosa c'è di meglio - la castrazione o la sterilizzazione? Vediamo.
    Nell'ovariectomia, solo le ovaie vengono rimosse, l'utero vive la propria vita nella cavità addominale e non svolge alcuna funzione utile. Non si atrofizza e non morirà, poiché il suo afflusso di sangue non è disturbato. Non realizzerà mai il suo destino e non sarà in grado di dare i suoi frutti. Ma poiché l'organo è piuttosto vivace, il rischio di sviluppare malattie dell'utero è completamente preservato. Questi possono essere neoplasie o malattie infiammatorie (endometrite, piometra, ecc.). Allora perché mantenere il corpo che svolgerà il ruolo di una bomba a tempo, con il rischio di esplodere nel momento più inopportuno?
    Ecco perché, al momento, l'ovariectomia (sterilizzazione classica) non viene praticamente eseguita da nessuno, i veterinari preferiscono la castrazione come unico metodo affidabile. Ma per semplicità, dicono ancora "sterilizzazione".

    Dove è meglio eseguire l'operazione - in clinica oa casa?

    Qualsiasi intervento addominale è meglio e più sicuro da fare in una clinica veterinaria. In condizioni operative, ci sono più opportunità per misure di emergenza, se improvvisamente qualcosa va storto.

    È ancora meglio se la clinica fornisce un servizio ospedaliero postoperatorio. Quindi il tuo animale verrà supervisionato da specialisti durante l'intero periodo di crisi. Naturalmente, gli eventi di emergenza non sono sempre necessari.


    Nella foto: day hospital nella nostra clinica veterinaria. L'animale rimane sotto la supervisione di un medico fino al completo recupero dall'anestesia.

    Di solito, i gatti giovani e in buona salute tollerano bene l'ovarioisterectomia e, se seguono le linee guida minime, si sentono bene a casa. Ci vorrà solo un'altra visita alla clinica per rimuovere i punti.

    Vantaggi della sterilizzazione in clinica: tutte le condizioni necessarie per l'operazione sono fornite, il rischio di situazioni di emergenza è ridotto, c'è un'alta probabilità di superarle.

    Svantaggi della sterilizzazione in clinica: il tempo del proprietario trascorso in viaggio e in attesa della fine dell'operazione.

    Nonostante gli ovvi vantaggi dell'operazione nella clinica veterinaria, la sterilizzazione dei gatti a casa è praticata anche dalla maggior parte dei veterinari e, con una formazione adeguata e una responsabilità professionale, non è tecnicamente diversa dall'operazione in clinica.


    Nella foto: preparazione per la sterilizzazione del gatto a casa.

    Il vantaggio della sterilizzazione domestica è l'assenza di stress in un gatto di viaggiare e di essere costretti a stare in un posto strano per questo (alcuni gatti hanno paura di lasciare l'appartamento), così come l'assenza di rischi di infezione da malattie infettive (se l'animale non è vaccinato). Inoltre, è possibile invitare un medico in un momento opportuno per il proprietario, che è anche molto importante per le persone che sono costantemente impiegati.

    Meno operazioni a casa: è difficile garantire una sterilità di alta qualità.

    Età di sterilizzazione dei gatti

    Raccomandiamo di castrare i gatti dopo che raggiungono l'età di 7-8 mesi. La sterilizzazione precoce non è auspicabile, perché il corpo dell'animale non è ancora completamente formato e il rischio di complicanze postoperatorie è alto. Inoltre, ci sono casi di ritardo nella crescita e nello sviluppo di quei gatti che sono sterilizzati a 4-5 mesi di età. È consentito eseguire l'operazione a 6 mesi di età, a condizione che il gatto sia grande e pesa almeno 2,5-3 chilogrammi.

    In un periodo successivo (più di 8 mesi), ovviamente, i gatti vengono anche sterilizzati. Ma va ricordato che i rischi di complicanze postoperatorie e post-narcotiche aumentano in proporzione all'età dell'animale. Non ritardare l'operazione: ogni anno il tuo gatto invecchia, il rischio di conseguenze negative aumenta e l'efficacia dell'operazione diminuisce.

    La nostra pratica a lungo termine di sterilizzazione animale dimostra che i gatti di età compresa tra 7 mesi e 10 anni sono in grado di tollerare un intervento senza problemi. Gli animali di età superiore ai 10 anni richiedono un esame aggiuntivo. Raccomandiamo che tali gatti donino sangue per analisi biochimiche, diagnostichino la funzione cardiaca e consultino un cardiologo.

    È possibile sterilizzare un gatto durante il riscaldamento?

    Durante il periodo di caccia, l'operazione può essere eseguita, ma il recupero da anestesia e la guarigione delle suture può essere un po 'più difficile. Di solito raccomandiamo di eseguire l'operazione due settimane prima dell'estruso o due settimane dopo. Tuttavia, accade spesso che l'estro in un gatto dura molto a lungo, con interruzioni minori (da 1 a 5 giorni). In questo caso, non è possibile sostenere un intervallo di due settimane e raccomandiamo di sterilizzare il gatto per evitare il suo esaurimento e il deterioramento della qualità della vita.

    Devo dare una nascita a un gatto prima della sterilizzazione?

    No! Se non si prevede di impegnarsi in gatti riproduttori, è meglio eseguire l'operazione il prima possibile, evitando i gatti di accoppiamento. Inoltre, non dovrebbe essere particolarmente a maglia, sapendo che poi sterilizzare.
    Molti proprietari di gatti si sbagliano, credendo che un gatto debba prima partorire, "sentirsi una donna", "far conoscere la gioia della maternità", ecc. (citazioni da vere conversazioni con i proprietari di gatti alla reception).
    Lasciami spiegare perché questo non dovrebbe essere fatto. A livello ormonale, il processo del gatto "murkany" e le urla notturne vengono condotte attraverso la produzione di estrogeni, che causano le tipiche manifestazioni della caccia sessuale. Inizialmente, questi ormoni sono prodotti solo nelle ovaie e dopo la sterilizzazione, tutti i fenomeni indesiderati per il passaggio del proprietario. Se il gatto è già gatto, gli ormoni sessuali femminili iniziano a produrre altre ghiandole endocrine e il comportamento sessuale può persistere per lungo tempo, se non per sempre.
    Così, il pensiero stereotipato del proprietario può ritardare il raggiungimento dell'obiettivo principale della sterilizzazione del gatto - per evitare la manifestazione di una caccia sessuale nel favorito domestico.

    Si può sterilizzare un gatto gravido?

    Sì, puoi. La procedura è denominata "estirpazione dell'utero gravido" e di solito viene eseguita secondo le indicazioni mediche per salvare la vita della femmina. Di solito non raccomandiamo di sterilizzare un gatto in buona salute, poiché durante la gravidanza il corpo dell'animale subisce cambiamenti significativi sia a livello ormonale che fisiologico. Esiste la possibilità di un'elevata perdita di sangue e un recupero più lungo dell'animale dopo la sterilizzazione. Inoltre, la sutura dopo la sterilizzazione di un gatto gravido è significativamente più grande.

    Tuttavia, le situazioni sono diverse e, se il proprietario è consapevole dei rischi associati a tale operazione e insiste su di esso, effettuiamo un'isterectomia con feti.

    Devo vaccinare il gatto prima della sterilizzazione?

    È altamente auspicabile che il gatto sia stato vaccinato almeno un mese prima della sterilizzazione. In questo caso, non vi è alcun rischio di contrarre un'infezione virale quando si visita una clinica veterinaria, poiché vi sono animali con varie malattie, incluse quelle virali. L'anestesia, somministrata a un gatto durante un intervento chirurgico, può ridurre la risposta immunitaria del corpo e un animale non vaccinato si ammalerà.
    Molti veterinari offrono di proteggere il gatto introducendo uno speciale siero iperimmune (globulina), che fornisce protezione contro le infezioni per diverse settimane. Sfortunatamente, l'introduzione delle globuline non fornisce una protezione al 100%. Pertanto, è consigliabile vaccinare il tuo tesoro in anticipo e pianificare un intervento chirurgico in un mese.

    Metodi di sterilizzazione per gatti

    Descriviamo i metodi di operazione più comuni utilizzati in tutto il mondo.

    1. Il metodo classico. Un'incisione della lunghezza della pelle da 1 a 3 cm viene eseguita al centro dell'addome, 2-3 cm sotto l'ombelico. La parete addominale è sezionata lungo la linea bianca. Attraverso l'incisione, l'utero viene rimosso, una legatura da sutura assorbibile (catgut, caproag, PHA, ecc.) Viene applicata alle navi o viene utilizzato un coagulatore.
    Dopo di ciò, l'utero, insieme alle ovaie, viene rimosso, le suture vengono applicate al peritoneo e alla pelle. La sutura della pelle può essere sia rimovibile che non rimovibile. Il primo deve essere rimosso almeno 7, massimo 10 giorni. Rimuovere il secondo non è necessario.


    Nella foto: rimozione dell'utero e delle ovaie del gatto con il metodo classico.


    Nella foto: l'imposizione di legature sul legamento dell'ovaia durante la sterilizzazione dell'incisione laterale del gatto.
    Foto per gentile concessione di colleghi. Come si può vedere nella figura, l'emorragia non è da meno che con la sterilizzazione classica.


    Nella foto: ovariectomia con uncino chirurgico attraverso un'incisione molto piccola.


    Nella foto: la cattura del corno dell'utero durante il metodo laparoscopico di sterilizzazione dei gatti.

    Vorrei anche notare che il metodo migliore per l'operazione è quello che il chirurgo possiede perfettamente. Qualsiasi tecnica, padroneggiata dal medico per le sottigliezze, porterà ad un esito positivo della sterilizzazione del gatto. Non costringere il medico a fare ciò che leggi su Internet. Lui, forse, farà la tua opinione, ma a suo modo andrà meglio e più sicuro.


    Dovrebbe anche essere menzionato un altro metodo di sterilizzazione dei gatti - farmaco. Questo metodo si basa sull'introduzione di un impianto speciale con un medicinale sotto la pelle. Rilasciati lentamente e entrando nel sangue, i principi attivi causano l'effetto della castrazione reversibile (sterilizzazione) nei gatti, che dura fino a 3 anni. In questo caso, non è necessario esporre l'animale a rischi di anestesia. Un veterinario, utilizzando un dispositivo speciale, inserirà un piccolo impianto sotto la pelle in pochi secondi. Maggiori informazioni sul metodo medico di sterilizzazione dei gatti nel nostro articolo.

    Preparare il gatto per la sterilizzazione

    Non sono necessarie misure speciali per preparare l'animale alla sterilizzazione. Un prerequisito è garantire una dieta da fame di 12 ore. Se l'operazione è pianificata, ad esempio, alle 10 del mattino, l'ultima volta che puoi dare da mangiare al gatto alle 10 di sera, quindi rimuovere del tutto il cibo.

    Se molti animali vivono in casa, tutti dovranno morire di fame. Oppure, il gatto dovrà essere trapiantato in una stanza separata, senza accesso al cibo. Il giorno dell'intervento, al mattino, si consiglia di rimuovere l'acqua.

    Questo requisito è associato agli effetti collaterali delle sostanze utilizzate per l'anestesia nei gatti (la maggior parte delle cliniche veterinarie usa una combinazione di xilazina e tiletamina), che si manifesta nella voglia di vomitare in presenza di cibo o acqua nello stomaco. L'aspirazione del vomito può causare una grave complicanza - polmonite da aspirazione. Pertanto, raccomandiamo un approccio responsabile alle raccomandazioni sul digiuno prima dell'intervento chirurgico.

    Prendersi cura di un gatto dopo la sterilizzazione

    Di solito, l'assistenza postoperatoria è facile per il proprietario dell'animale. La cosa principale - avere del tempo libero per monitorare l'animale domestico.

    È auspicabile che il gatto disponga di un punto morbido orizzontale nel calore, preferibilmente senza accesso alla luce diretta del sole (una luce intensa irrita la cornea dell'occhio quando esce dall'anestesia e l'animale è più preoccupato).

    Dopo aver portato il gatto dalla clinica veterinaria, adagiarlo su un posto preparato in anticipo e lasciarlo riposare. Si consiglia di limitare l'accesso di bambini e altri animali al gatto in ricovero durante i primi giorni dopo la sterilizzazione in modo da non disturbarla.

    Una piccola sfumatura che spaventa molti proprietari di animali domestici: i gatti non chiudono gli occhi mentre sono sotto anestesia. Affinché l'animale, quando inizia a svegliarsi, non provi disagio per l'essiccazione della cornea, si consiglia di seppellire periodicamente la soluzione per lenti a contatto (strappo artificiale) o normale soluzione salina (NaCl 0,9%). Se non è disponibile nulla, puoi semplicemente chiudere le palpebre ogni 5-10 minuti con pochi movimenti facili. La lacrima si diffonderà sulla superficie del bulbo oculare, bagnando la cornea. L'adempimento di questa raccomandazione renderà il ritiro dall'anestesia più confortevole per l'animale.


    Nella foto: un gatto in profonda anestesia. Gli occhi non si chiudono. Per non provocare lo sviluppo della congiuntivite postoperatoria, si raccomanda di bagnare periodicamente la cornea.

    Per 7-10 giorni è anche necessario controllare le condizioni delle cuciture cutanee (se presenti). La sutura dopo la sterilizzazione deve rimanere asciutta e pulita. Nessun attaccamento e soppressione della cucitura.

    Il trattamento delle cuciture è solitamente ridotto alla pulizia con soluzioni antisettiche (clorexidina, diossidina, perossido di idrogeno). Alcuni veterinari prescrivono un trattamento aggiuntivo con unguenti per la guarigione della ferita.

    Le cuciture imposte alla sterilizzazione nella nostra clinica veterinaria, in generale, non devono essere ulteriormente elaborate.


    Nella foto: trattamento della sutura con uno spray che impedisce la penetrazione dell'infezione nella ferita.

    Per prevenire la contaminazione della ferita, il gatto è vestito con una speciale benda (stivale), in cui deve essere in tutto il periodo postoperatorio, prima di rimuovere le suture. Il disagio causato dalle coperte di un gatto di solito scompare durante i primi giorni dopo la sterilizzazione, e quindi indossa tranquillamente questo "vestito" forzato.


    Nella foto: il gatto ha una coperta speciale per prevenire danni alle cuciture.

    Se la ferita è stata pinzata con una sutura intradermica, viene semplicemente pulita con una soluzione di clorexidina allo 0,05%.

    È consentito un leggero gonfiore intorno alla ferita a causa del gonfiore dei tessuti durante la guarigione. Di solito, l'edema si riduce di 2-3 giorni, non è necessaria alcuna terapia aggiuntiva.

    I medici veterinari nel periodo postoperatorio prescrivono la terapia antibiotica postoperatoria. Di norma, è sufficiente avere 2 iniezioni dell'antibiotico di azione prolungata, eseguite con un intervallo di 48 ore. La prima iniezione viene effettuata immediatamente nella clinica veterinaria al termine dell'operazione, la seconda viene prescritta in due giorni. Il proprietario stesso può effettuare un'iniezione sottocutanea (diamo il farmaco nella siringa) o portare il gatto alla clinica veterinaria.

    Rimuovere i punti prescritti dopo 7, un massimo di 10 giorni dopo l'intervento.

    Gatto dopo la sterilizzazione. Domande frequenti

    In conclusione, vorrei rispondere alle domande che vengono spesso poste dai nostri clienti quando chiamano o dopo l'operazione.

    Quanto ci vuole per sterilizzare un gatto?
    Il "puro tempo" trascorso dai nostri specialisti sull'operazione stessa è di 10-15 minuti. Ma prima dell'operazione è necessario esaminare l'animale, parlare con il proprietario del suo stato di salute, dare l'anestesia e preparare il campo chirurgico. E dopo la sterilizzazione, è necessario un po 'di tempo per mettere una coperta e avvisare il proprietario. Di conseguenza, il tempo medio trascorso dal cliente in una clinica veterinaria è di 40-60 minuti.

    Quando puoi sterilizzare un gatto che ha partorito e sta dando da mangiare ai gattini?
    Prima devi aspettare i gattini per lo svezzamento. Quindi, dopo la cessazione dell'alimentazione, è opportuno mantenere un intervallo di tempo di 2-3 settimane affinché le ghiandole mammarie tornino completamente alla normalità. Dopo questo è possibile effettuare la sterilizzazione.

    Ma durante questo periodo rimarrà incinta di nuovo!
    Nessun grosso problema. La sterilizzazione del gatto all'inizio della gravidanza non darà alcuna seria complicanza.

    Come cambierà il comportamento del gatto dopo la sterilizzazione? Diverrà grassa e pigra?
    Le modificazioni dello sfondo ormonale del corpo possono stimolare l'ipodynamia, ma l'obesità viene solitamente stimolata dal proprietario stesso. Se il tuo animale domestico ha sempre cibo secco in una ciotola e il gatto ha accesso illimitato ad esso, sì, è probabile che l'obesità si sviluppi. Se si seguono le raccomandazioni del produttore del mangime stampate su ogni confezione e si consegna il cibo in lotti, in base al peso dell'animale, non si verificherà un forte aumento di peso. Inoltre, molti produttori offrono una linea di alimenti per gatti sterilizzati. In queste diete, il contenuto calorico è specificamente ridotto per prevenire l'obesità.

    Il gatto catturerà i topi dopo l'intervento?
    Sì lo sarà. La sterilizzazione non influisce sulle qualità venatorie dell'animale. Questo è un equivoco. Lo stesso del fatto che il gatto deve prima partorire.

    Ieri hanno fatto la sterilizzazione e oggi il gatto non mangia niente. È normale?
    Sì, va bene. A seconda dello stato fisiologico dell'animale, il gatto può rifiutarsi di mangiare fino a 3 giorni dopo l'intervento. Ma, di regola, l'appetito appare il giorno seguente dopo l'intervento chirurgico.
    In ogni caso, se qualcosa ti dà fastidio, è meglio mostrare l'animale al veterinario.

    La sterilizzazione aiuterà se il gatto cacerà?
    Questa domanda non ha una risposta definita. Se il termine "merda" significa marcare il territorio, dopo la sterilizzazione si fermerà. Se c'è una mancanza di educazione in mente, o se un gatto si vendica del proprietario per qualcosa, allora sarà necessaria una consultazione con un zoopsicologo e un lavoro di correzione del comportamento responsabile a lungo termine.

    Dmitry Golovachev,
    Capo Dottore della Clinica Veterinaria "Agatha".

    Leggi l'articolo? Non aver fretta di andartene! Siamo sicuri di poterti convincere ad affidare il tuo gattino ai nostri specialisti!

    Iscriviti per una transazione online. Ti richiameremo entro un'ora dalle 9:00 alle 21:00 o il mattino successivo.