A che età un gatto può essere sterilizzato?

Razza

L'articolo fornisce raccomandazioni sull'età ottimale di sterilizzazione dei gatti, oltre a discutere gli aspetti positivi e negativi della sterilizzazione precoce (8-16 settimane).

Età raccomandata di sterilizzazione dei gatti.

L'età consigliata per la sterilizzazione dei gatti è attualmente considerata di 5 - 7 mesi e oltre.

Non esiste un limite superiore di età, ma bisogna capire che prima si sterilizza un gatto, meno è probabile che ci sia una gravidanza accidentale e lo sviluppo di malattie delle ovaie, dell'utero e dei disturbi ormonali. Inoltre, si ritiene che il gatto sia meglio sterilizzato prima del primo calore, in quanto riduce il rischio di sviluppo futuro di tumori maligni delle ghiandole mammarie.

La maggior parte degli argomenti a favore della sterilizzazione quando il gatto raggiunge 5-7 mesi di età sono associati a una riduzione del rischio di anestesia richiesto per la sterilizzazione. La maggior parte dei veterinari ritiene che a questa età durante l'intervento chirurgico si possa rifiutare l'anestesia generale, inoltre, i reni e il fegato dei gatti sono già molto più sviluppati rispetto ai piccoli gattini e, quindi, tollerare meglio l'effetto dei farmaci anestetici, decomponendoli più efficacemente e rimuovendoli da corpo. Il periodo di recupero nei gatti più anziani è più breve, il rischio di sviluppare complicanze postoperatorie a livello di fegato e reni è ridotto.

Tuttavia, le scoperte dell'anestesiologia fino ad oggi (2008) hanno portato al fatto che il rischio di effetti avversi dell'anestesia sulla salute del gatto è diminuito in modo significativo. Le raccomandazioni sull'età della sterilizzazione sono state fatte in un momento in cui gli anestetici potevano mettere a dura prova il cuore, i reni e il fegato di un gatto, quindi questi organi dovevano essere abbastanza maturi per far fronte al carico. Poiché i mezzi utilizzati ora sono molto più sicuri, in molte cliniche la sterilizzazione viene effettuata molto prima.

Svantaggi di sterilizzazione di gatti di età compresa tra 5-7 mesi.

  • Alcuni proprietari sono scomodi di aspettare 5-7 mesi fino a quando il gatto può essere sterilizzato;
  • Alcuni gatti che crescono precocemente possono rimanere incinta, portando alla comparsa di gattini non pianificati. A questa età, il gatto non è né psicologicamente né fisicamente pronto ad avere figli, lei stessa è ancora per molti versi un gattino.
  • I proprietari che vogliono far inculare un gatto durante la sterilizzazione mentre è sotto l'azione dell'anestesia hanno paura che il gatto possa perdersi fino a quando il tempo della sterilizzazione non sia appropriato;
  • L'insorgenza di problemi comportamentali nei gatti non sterilizzati, come l'irrorazione delle urine o il vagabondaggio, può iniziare prima che il gatto abbia cinque mesi. Se il comportamento ha il tempo di guadagnare un punto d'appoggio prima della sterilizzazione, la sua correzione può successivamente diventare un compito difficile.

I vantaggi della sterilizzazione precoce dei gatti.

Dopo che l'AVMA (American Veterinary Medical Association) decise nel 1993 di sostenere la sterilizzazione dei gatti all'età di 8-16 settimane, il numero di sterilizzazioni iniziali aumentò significativamente. In Australia, ad esempio, a causa della crescita eccessiva della popolazione di gatti randagi in molti stati, la legge prescrive la sterilizzazione dei gatti fino all'età di 12 settimane, ei proprietari che aspettano l'età consigliata di cinque mesi violano direttamente la legge.

I vantaggi della sterilizzazione precoce dei gatti includono i seguenti:

  • Il gattino arriva ai nuovi proprietari già sterilizzati. In caso contrario, non è necessario attendere che il gatto raggiunga i 5-7 mesi di età;
  • Un gatto sterilizzato non può accidentalmente rimanere incinta, quindi sicuramente non avrà gattini non pianificati;
  • Un gatto che è stato sterilizzato in tenera età, fino a quando non ha raggiunto la pubertà, non forma un comportamento sessuale. Il gatto non si impegna per l'accoppiamento, eliminando i proprietari dal tormento etico - se le fosse permesso di avere dei gattini;
  • Un gatto sterilizzato non può partecipare ai programmi di riproduzione, consentendo agli allevatori di ottenere risultati migliori nel miglioramento della razza;
  • I proprietari che vogliono gattonare un gattino non devono aspettare qualche mese in più, non c'è bisogno di re-anestesia;
  • Vengono evitati i problemi comportamentali caratteristici dei gatti non sterilizzati: spruzzi di urina, vagabondaggio, richiami di gatti, aggressività;
  • Una parte delle malattie associate alle caratteristiche del corpo di un gatto è completamente prevenuta. Questo, per esempio, il cancro al seno (quasi mai si verifica nei gatti che sono stati sterilizzati prima del primo estro);
  • La durata dell'operazione e, di conseguenza, l'anestesia sono molto meno per un gattino che per un gatto adulto. L'operazione dura circa 5 minuti per un gatto di 9 settimane, per un adulto di almeno 10 minuti e per un gatto adulto ancora più lungo; L'uscita dall'anestesia è più veloce, c'è meno sanguinamento durante l'operazione;
  • Poiché la durata dell'operazione è ridotta e i farmaci vengono spesi meno, anche il costo della sterilizzazione viene ridotto;
  • La castrazione in prima persona nei rifugi e nei vivai elimina la necessità di concludere un accordo sulla successiva sterilizzazione obbligatoria con il futuro proprietario del gatto. Inoltre, anche un contratto non è una garanzia che il gatto non abbia gattini (specialmente se sembra essere il proprietario di un "purosangue"), che spesso porta ad un aumento del numero di gattini abbandonati e senzatetto inutili;

Svantaggi della sterilizzazione precoce dei gatti:

  • Il corpo del gattino è più tollerato dall'anestesia chirurgica concomitante. Sebbene gli anestetici moderni siano diventati molto più sicuri, il fegato e i reni di piccoli gattini (meno maturi rispetto a quelli più anziani) sono più difficili da tollerare gli effetti dei farmaci anestetici e meno efficientemente processarli, decomporsi e rimuoverli dal corpo. La probabilità di complicanze postoperatorie che colpiscono i reni e il fegato di un gatto, sebbene insignificante, persiste. D'altra parte, ridurre il tempo di anestesia, in una certa misura, riduce la probabilità di complicanze;
  • Mentre il gatto è sotto l'influenza dell'anestesia, il rischio di ipotermia (diminuzione della temperatura corporea) è più alto per il gattino. Inoltre, i gattini hanno maggiori probabilità di avere l'ipoglicemia (bassi livelli di zucchero). L'ipotermia è dovuta al fatto che la superficie corporea dei gattini rispetto alla massa è maggiore di quella degli adulti, quindi il trasferimento di calore è più alto. Inoltre, i gattini hanno uno strato di grasso più piccolo, che aiuta a trattenere il calore, e la capacità di rabbrividire (produrre calore) è inferiore. La predisposizione all'ipoglicemia è una conseguenza della capacità dell'organismo dei gattini di produrre glucosio dalle riserve di glicogeno e grasso, nonché una minore quantità di questi stock;
  • A causa della cessazione della produzione di ormoni sessuali dopo la sterilizzazione in tenera età, può causare uno sviluppo insufficiente degli organi "femminili" in un gatto. In particolare, la vulva e le ghiandole mammarie sono poco sviluppate. L'ipoplasia vulvare (piccola vulva infantile) può causare problemi nei gatti che soffrono di obesità, poiché a causa delle pieghe grasse della vulva, delle ustioni urinarie e delle infezioni della pelle vulvare sono possibili. Inoltre, questi gatti sono più suscettibili alle infezioni del tratto urinario;
  • La sterilizzazione precoce può portare alla conservazione del comportamento di un gattino in un gatto adulto;
  • Poiché è problematico in tenera età determinare le prospettive dell'uso di un gatto nei programmi di riproduzione, alcuni allevatori preferiscono sterilizzare i gatti in età avanzata, quando i tratti della razza, le caratteristiche del colore e la struttura corporea diventano più pronunciate. Ciò consente, in una certa misura, di ridurre il rischio di perdita del potenziale genetico della razza;

Nota: Nota: al momento della scrittura, l'autore (Dr. Shauna O'Meara) ha lavorato come veterinario in un rifugio per animali in Australia con un gran numero di animali domestici. Poiché la politica del rifugio non prevedeva l'uso dei loro animali per l'allevamento, tutti i gatti, compresi quelli molto piccoli, venivano sterilizzati senza fallo. Pertanto, la sterilizzazione all'età di 8 settimane era comune. Centinaia di gattini hanno sopportato ogni anno questa operazione prima che acquisissero la loro nuova casa, mentre le complicazioni direttamente correlate alla sterilizzazione erano estremamente rare.

A che età vengono sterilizzati i gatti?

Si consiglia a molti veterinari di sterilizzare gatti di età compresa tra 6 e 12 mesi. Le opinioni di esperti sulla definizione di una cornice temporale più stretta divergono. Bene, se l'operazione avviene durante o immediatamente dopo la pubertà - questo è il periodo in cui il gatto ha già raggiunto la pubertà, gli organi sono già completamente formati e pronti per la chirurgia. Ma allo stesso tempo, l'animale è piuttosto giovane, i segni del comportamento sessuale non si sono ancora manifestati. Gli individui maschi sono castrati.

I cuccioli diventano adulti molto rapidamente e durante il primo anno sono già in grado di portare la prole. Il segno principale della pubertà completata in un gatto è l'estro. Durante questo periodo, il comportamento della donna cambia drasticamente, lei inizia a urlare a squarciagola, marcando attivamente il territorio, non le lascia i padroni, o, al contrario, è troppo invadente. Non è possibile nominare l'ora esatta del primo estrus nei gatti: la pubertà dell'animale avviene secondo uno scenario individuale. Ma prima di 6 mesi dopo la nascita, l'estro non inizia.

Il tubo è il picco dell'attività ormonale, dice che l'animale è completamente preparato per la continuazione della gara. Bene, se il processo di sterilizzazione avverrà prima che la femmina abbia il primo estrus. Si ritiene che prima si sterilizza il gatto, meglio è per la salute dell'animale. Ma è molto importante che al momento dell'operazione, l'animale abbia già avuto genitali completamente formati. Per verificarlo, i veterinari prescrivono spesso test appropriati.

Sterilizzazione dei gatti

La sterilizzazione di un gatto è un'operazione chirurgica che i veterinari di tutto il mondo eseguono con successo da molti anni. I metodi di diversi medici possono differire, ma l'essenza è la stessa: l'operazione rimuove gli organi riproduttivi, che contribuisce alla riduzione dei livelli ormonali e alla cessazione delle funzioni riproduttive del corpo.

Qual è lo scopo della sterilizzazione?

La questione della sterilizzazione di un gatto domestico prima o poi sale davanti a ogni proprietario. Con l'inizio della pubertà, un gatto può trasformare una casa tranquilla in un vero inferno, e portare il suo proprietario al calore del bianco con i suoi infiniti murkaniye e concerti rumorosi di notte. Una tale vocalizzazione attiva non è dovuta al fatto che il carattere del tuo animale domestico si è deteriorato, e non dal suo desiderio di impedirti di riposare. Proprio in questo modo dice ai suoi congeneri che è pronta per l'accoppiamento e chiama il gatto per "avere un appuntamento". Questa è la natura del gatto. I suoi antenati selvaggi hanno formato per secoli un comportamento simile, e lei obbedisce semplicemente agli antichi istinti.

Ma cosa fare se non ci sono gatti nelle vicinanze, e il proprietario non ha alcun desiderio di accadere al suo animale domestico e quindi impegnarsi nell'attaccamento dei gattini? Un modo reciprocamente vantaggioso è sterilizzare il gatto. Dopo l'operazione, lo sviluppo degli ormoni sessuali femminili (estrogeni) cessa per circa un mese, gli ormoni si riducono e il gatto si trasforma in un animale domestico carino e innocuo.
Con un alto grado di probabilità la sterilizzazione aiuterà e salverà il gatto dall'eccessiva aggressività. Con una diminuzione del livello degli ormoni nel sangue, il carattere migliora, l'animale diventa più calmo, l'aggressività verso gli altri e il proprietario diminuisce o scompare del tutto.

Sterilizzazione e castrazione dei gatti

Il termine "sterilizzazione" viene applicato, di norma, ai gatti (femmine) e al termine "castrazione" - ai gatti (maschi). Si ritiene che i gatti siano sterilizzati e che i gatti siano castrati. Per facilità di comunicazione con il cliente e veterinari usano la stessa terminologia. Tuttavia, le femmine animali subiscono sia la castrazione che la sterilizzazione. Considera le differenze.

L'operazione di sterilizzazione del gatto comporta la rimozione delle sole ovaie, senza rimuovere l'utero (ovariectomia). La castrazione è la rimozione chirurgica completa di tutti gli organi riproduttivi (ovarioisterectomia).

Cosa c'è di meglio - la castrazione o la sterilizzazione? Vediamo.
Nell'ovariectomia, solo le ovaie vengono rimosse, l'utero vive la propria vita nella cavità addominale e non svolge alcuna funzione utile. Non si atrofizza e non morirà, poiché il suo afflusso di sangue non è disturbato. Non realizzerà mai il suo destino e non sarà in grado di dare i suoi frutti. Ma poiché l'organo è piuttosto vivace, il rischio di sviluppare malattie dell'utero è completamente preservato. Questi possono essere neoplasie o malattie infiammatorie (endometrite, piometra, ecc.). Allora perché mantenere il corpo che svolgerà il ruolo di una bomba a tempo, con il rischio di esplodere nel momento più inopportuno?
Ecco perché, al momento, l'ovariectomia (sterilizzazione classica) non viene praticamente eseguita da nessuno, i veterinari preferiscono la castrazione come unico metodo affidabile. Ma per semplicità, dicono ancora "sterilizzazione".

Dove è meglio eseguire l'operazione - in clinica oa casa?

Qualsiasi intervento addominale è meglio e più sicuro da fare in una clinica veterinaria. In condizioni operative, ci sono più opportunità per misure di emergenza, se improvvisamente qualcosa va storto.

È ancora meglio se la clinica fornisce un servizio ospedaliero postoperatorio. Quindi il tuo animale verrà supervisionato da specialisti durante l'intero periodo di crisi. Naturalmente, gli eventi di emergenza non sono sempre necessari.


Nella foto: day hospital nella nostra clinica veterinaria. L'animale rimane sotto la supervisione di un medico fino al completo recupero dall'anestesia.

Di solito, i gatti giovani e in buona salute tollerano bene l'ovarioisterectomia e, se seguono le linee guida minime, si sentono bene a casa. Ci vorrà solo un'altra visita alla clinica per rimuovere i punti.

Vantaggi della sterilizzazione in clinica: tutte le condizioni necessarie per l'operazione sono fornite, il rischio di situazioni di emergenza è ridotto, c'è un'alta probabilità di superarle.

Svantaggi della sterilizzazione in clinica: il tempo del proprietario trascorso in viaggio e in attesa della fine dell'operazione.

Nonostante gli ovvi vantaggi dell'operazione nella clinica veterinaria, la sterilizzazione dei gatti a casa è praticata anche dalla maggior parte dei veterinari e, con una formazione adeguata e una responsabilità professionale, non è tecnicamente diversa dall'operazione in clinica.


Nella foto: preparazione per la sterilizzazione del gatto a casa.

Il vantaggio della sterilizzazione domestica è l'assenza di stress in un gatto di viaggiare e di essere costretti a stare in un posto strano per questo (alcuni gatti hanno paura di lasciare l'appartamento), così come l'assenza di rischi di infezione da malattie infettive (se l'animale non è vaccinato). Inoltre, è possibile invitare un medico in un momento opportuno per il proprietario, che è anche molto importante per le persone che sono costantemente impiegati.

Meno operazioni a casa: è difficile garantire una sterilità di alta qualità.

Età di sterilizzazione dei gatti

Raccomandiamo di castrare i gatti dopo che raggiungono l'età di 7-8 mesi. La sterilizzazione precoce non è auspicabile, perché il corpo dell'animale non è ancora completamente formato e il rischio di complicanze postoperatorie è alto. Inoltre, ci sono casi di ritardo nella crescita e nello sviluppo di quei gatti che sono sterilizzati a 4-5 mesi di età. È consentito eseguire l'operazione a 6 mesi di età, a condizione che il gatto sia grande e pesa almeno 2,5-3 chilogrammi.

In un periodo successivo (più di 8 mesi), ovviamente, i gatti vengono anche sterilizzati. Ma va ricordato che i rischi di complicanze postoperatorie e post-narcotiche aumentano in proporzione all'età dell'animale. Non ritardare l'operazione: ogni anno il tuo gatto invecchia, il rischio di conseguenze negative aumenta e l'efficacia dell'operazione diminuisce.

La nostra pratica a lungo termine di sterilizzazione animale dimostra che i gatti di età compresa tra 7 mesi e 10 anni sono in grado di tollerare un intervento senza problemi. Gli animali di età superiore ai 10 anni richiedono un esame aggiuntivo. Raccomandiamo che tali gatti donino sangue per analisi biochimiche, diagnostichino la funzione cardiaca e consultino un cardiologo.

È possibile sterilizzare un gatto durante il riscaldamento?

Durante il periodo di caccia, l'operazione può essere eseguita, ma il recupero da anestesia e la guarigione delle suture può essere un po 'più difficile. Di solito raccomandiamo di eseguire l'operazione due settimane prima dell'estruso o due settimane dopo. Tuttavia, accade spesso che l'estro in un gatto dura molto a lungo, con interruzioni minori (da 1 a 5 giorni). In questo caso, non è possibile sostenere un intervallo di due settimane e raccomandiamo di sterilizzare il gatto per evitare il suo esaurimento e il deterioramento della qualità della vita.

Devo dare una nascita a un gatto prima della sterilizzazione?

No! Se non si prevede di impegnarsi in gatti riproduttori, è meglio eseguire l'operazione il prima possibile, evitando i gatti di accoppiamento. Inoltre, non dovrebbe essere particolarmente a maglia, sapendo che poi sterilizzare.
Molti proprietari di gatti si sbagliano, credendo che un gatto debba prima partorire, "sentirsi una donna", "far conoscere la gioia della maternità", ecc. (citazioni da vere conversazioni con i proprietari di gatti alla reception).
Lasciami spiegare perché questo non dovrebbe essere fatto. A livello ormonale, il processo del gatto "murkany" e le urla notturne vengono condotte attraverso la produzione di estrogeni, che causano le tipiche manifestazioni della caccia sessuale. Inizialmente, questi ormoni sono prodotti solo nelle ovaie e dopo la sterilizzazione, tutti i fenomeni indesiderati per il passaggio del proprietario. Se il gatto è già gatto, gli ormoni sessuali femminili iniziano a produrre altre ghiandole endocrine e il comportamento sessuale può persistere per lungo tempo, se non per sempre.
Così, il pensiero stereotipato del proprietario può ritardare il raggiungimento dell'obiettivo principale della sterilizzazione del gatto - per evitare la manifestazione di una caccia sessuale nel favorito domestico.

Si può sterilizzare un gatto gravido?

Sì, puoi. La procedura è denominata "estirpazione dell'utero gravido" e di solito viene eseguita secondo le indicazioni mediche per salvare la vita della femmina. Di solito non raccomandiamo di sterilizzare un gatto in buona salute, poiché durante la gravidanza il corpo dell'animale subisce cambiamenti significativi sia a livello ormonale che fisiologico. Esiste la possibilità di un'elevata perdita di sangue e un recupero più lungo dell'animale dopo la sterilizzazione. Inoltre, la sutura dopo la sterilizzazione di un gatto gravido è significativamente più grande.

Tuttavia, le situazioni sono diverse e, se il proprietario è consapevole dei rischi associati a tale operazione e insiste su di esso, effettuiamo un'isterectomia con feti.

Devo vaccinare il gatto prima della sterilizzazione?

È altamente auspicabile che il gatto sia stato vaccinato almeno un mese prima della sterilizzazione. In questo caso, non vi è alcun rischio di contrarre un'infezione virale quando si visita una clinica veterinaria, poiché vi sono animali con varie malattie, incluse quelle virali. L'anestesia, somministrata a un gatto durante un intervento chirurgico, può ridurre la risposta immunitaria del corpo e un animale non vaccinato si ammalerà.
Molti veterinari offrono di proteggere il gatto introducendo uno speciale siero iperimmune (globulina), che fornisce protezione contro le infezioni per diverse settimane. Sfortunatamente, l'introduzione delle globuline non fornisce una protezione al 100%. Pertanto, è consigliabile vaccinare il tuo tesoro in anticipo e pianificare un intervento chirurgico in un mese.

Metodi di sterilizzazione per gatti

Descriviamo i metodi di operazione più comuni utilizzati in tutto il mondo.

1. Il metodo classico. Un'incisione della lunghezza della pelle da 1 a 3 cm viene eseguita al centro dell'addome, 2-3 cm sotto l'ombelico. La parete addominale è sezionata lungo la linea bianca. Attraverso l'incisione, l'utero viene rimosso, una legatura da sutura assorbibile (catgut, caproag, PHA, ecc.) Viene applicata alle navi o viene utilizzato un coagulatore.
Dopo di ciò, l'utero, insieme alle ovaie, viene rimosso, le suture vengono applicate al peritoneo e alla pelle. La sutura della pelle può essere sia rimovibile che non rimovibile. Il primo deve essere rimosso almeno 7, massimo 10 giorni. Rimuovere il secondo non è necessario.


Nella foto: rimozione dell'utero e delle ovaie del gatto con il metodo classico.


Nella foto: l'imposizione di legature sul legamento dell'ovaia durante la sterilizzazione dell'incisione laterale del gatto.
Foto per gentile concessione di colleghi. Come si può vedere nella figura, l'emorragia non è da meno che con la sterilizzazione classica.


Nella foto: ovariectomia con uncino chirurgico attraverso un'incisione molto piccola.


Nella foto: la cattura del corno dell'utero durante il metodo laparoscopico di sterilizzazione dei gatti.

Vorrei anche notare che il metodo migliore per l'operazione è quello che il chirurgo possiede perfettamente. Qualsiasi tecnica, padroneggiata dal medico per le sottigliezze, porterà ad un esito positivo della sterilizzazione del gatto. Non costringere il medico a fare ciò che leggi su Internet. Lui, forse, farà la tua opinione, ma a suo modo andrà meglio e più sicuro.


Dovrebbe anche essere menzionato un altro metodo di sterilizzazione dei gatti - farmaco. Questo metodo si basa sull'introduzione di un impianto speciale con un medicinale sotto la pelle. Rilasciati lentamente e entrando nel sangue, i principi attivi causano l'effetto della castrazione reversibile (sterilizzazione) nei gatti, che dura fino a 3 anni. In questo caso, non è necessario esporre l'animale a rischi di anestesia. Un veterinario, utilizzando un dispositivo speciale, inserirà un piccolo impianto sotto la pelle in pochi secondi. Maggiori informazioni sul metodo medico di sterilizzazione dei gatti nel nostro articolo.

Preparare il gatto per la sterilizzazione

Non sono necessarie misure speciali per preparare l'animale alla sterilizzazione. Un prerequisito è garantire una dieta da fame di 12 ore. Se l'operazione è pianificata, ad esempio, alle 10 del mattino, l'ultima volta che puoi dare da mangiare al gatto alle 10 di sera, quindi rimuovere del tutto il cibo.

Se molti animali vivono in casa, tutti dovranno morire di fame. Oppure, il gatto dovrà essere trapiantato in una stanza separata, senza accesso al cibo. Il giorno dell'intervento, al mattino, si consiglia di rimuovere l'acqua.

Questo requisito è associato agli effetti collaterali delle sostanze utilizzate per l'anestesia nei gatti (la maggior parte delle cliniche veterinarie usa una combinazione di xilazina e tiletamina), che si manifesta nella voglia di vomitare in presenza di cibo o acqua nello stomaco. L'aspirazione del vomito può causare una grave complicanza - polmonite da aspirazione. Pertanto, raccomandiamo un approccio responsabile alle raccomandazioni sul digiuno prima dell'intervento chirurgico.

Prendersi cura di un gatto dopo la sterilizzazione

Di solito, l'assistenza postoperatoria è facile per il proprietario dell'animale. La cosa principale - avere del tempo libero per monitorare l'animale domestico.

È auspicabile che il gatto disponga di un punto morbido orizzontale nel calore, preferibilmente senza accesso alla luce diretta del sole (una luce intensa irrita la cornea dell'occhio quando esce dall'anestesia e l'animale è più preoccupato).

Dopo aver portato il gatto dalla clinica veterinaria, adagiarlo su un posto preparato in anticipo e lasciarlo riposare. Si consiglia di limitare l'accesso di bambini e altri animali al gatto in ricovero durante i primi giorni dopo la sterilizzazione in modo da non disturbarla.

Una piccola sfumatura che spaventa molti proprietari di animali domestici: i gatti non chiudono gli occhi mentre sono sotto anestesia. Affinché l'animale, quando inizia a svegliarsi, non provi disagio per l'essiccazione della cornea, si consiglia di seppellire periodicamente la soluzione per lenti a contatto (strappo artificiale) o normale soluzione salina (NaCl 0,9%). Se non è disponibile nulla, puoi semplicemente chiudere le palpebre ogni 5-10 minuti con pochi movimenti facili. La lacrima si diffonderà sulla superficie del bulbo oculare, bagnando la cornea. L'adempimento di questa raccomandazione renderà il ritiro dall'anestesia più confortevole per l'animale.


Nella foto: un gatto in profonda anestesia. Gli occhi non si chiudono. Per non provocare lo sviluppo della congiuntivite postoperatoria, si raccomanda di bagnare periodicamente la cornea.

Per 7-10 giorni è anche necessario controllare le condizioni delle cuciture cutanee (se presenti). La sutura dopo la sterilizzazione deve rimanere asciutta e pulita. Nessun attaccamento e soppressione della cucitura.

Il trattamento delle cuciture è solitamente ridotto alla pulizia con soluzioni antisettiche (clorexidina, diossidina, perossido di idrogeno). Alcuni veterinari prescrivono un trattamento aggiuntivo con unguenti per la guarigione della ferita.

Le cuciture imposte alla sterilizzazione nella nostra clinica veterinaria, in generale, non devono essere ulteriormente elaborate.


Nella foto: trattamento della sutura con uno spray che impedisce la penetrazione dell'infezione nella ferita.

Per prevenire la contaminazione della ferita, il gatto è vestito con una speciale benda (stivale), in cui deve essere in tutto il periodo postoperatorio, prima di rimuovere le suture. Il disagio causato dalle coperte di un gatto di solito scompare durante i primi giorni dopo la sterilizzazione, e quindi indossa tranquillamente questo "vestito" forzato.


Nella foto: il gatto ha una coperta speciale per prevenire danni alle cuciture.

Se la ferita è stata pinzata con una sutura intradermica, viene semplicemente pulita con una soluzione di clorexidina allo 0,05%.

È consentito un leggero gonfiore intorno alla ferita a causa del gonfiore dei tessuti durante la guarigione. Di solito, l'edema si riduce di 2-3 giorni, non è necessaria alcuna terapia aggiuntiva.

I medici veterinari nel periodo postoperatorio prescrivono la terapia antibiotica postoperatoria. Di norma, è sufficiente avere 2 iniezioni dell'antibiotico di azione prolungata, eseguite con un intervallo di 48 ore. La prima iniezione viene effettuata immediatamente nella clinica veterinaria al termine dell'operazione, la seconda viene prescritta in due giorni. Il proprietario stesso può effettuare un'iniezione sottocutanea (diamo il farmaco nella siringa) o portare il gatto alla clinica veterinaria.

Rimuovere i punti prescritti dopo 7, un massimo di 10 giorni dopo l'intervento.

Gatto dopo la sterilizzazione. Domande frequenti

In conclusione, vorrei rispondere alle domande che vengono spesso poste dai nostri clienti quando chiamano o dopo l'operazione.

Quanto ci vuole per sterilizzare un gatto?
Il "puro tempo" trascorso dai nostri specialisti sull'operazione stessa è di 10-15 minuti. Ma prima dell'operazione è necessario esaminare l'animale, parlare con il proprietario del suo stato di salute, dare l'anestesia e preparare il campo chirurgico. E dopo la sterilizzazione, è necessario un po 'di tempo per mettere una coperta e avvisare il proprietario. Di conseguenza, il tempo medio trascorso dal cliente in una clinica veterinaria è di 40-60 minuti.

Quando puoi sterilizzare un gatto che ha partorito e sta dando da mangiare ai gattini?
Prima devi aspettare i gattini per lo svezzamento. Quindi, dopo la cessazione dell'alimentazione, è opportuno mantenere un intervallo di tempo di 2-3 settimane affinché le ghiandole mammarie tornino completamente alla normalità. Dopo questo è possibile effettuare la sterilizzazione.

Ma durante questo periodo rimarrà incinta di nuovo!
Nessun grosso problema. La sterilizzazione del gatto all'inizio della gravidanza non darà alcuna seria complicanza.

Come cambierà il comportamento del gatto dopo la sterilizzazione? Diverrà grassa e pigra?
Le modificazioni dello sfondo ormonale del corpo possono stimolare l'ipodynamia, ma l'obesità viene solitamente stimolata dal proprietario stesso. Se il tuo animale domestico ha sempre cibo secco in una ciotola e il gatto ha accesso illimitato ad esso, sì, è probabile che l'obesità si sviluppi. Se si seguono le raccomandazioni del produttore del mangime stampate su ogni confezione e si consegna il cibo in lotti, in base al peso dell'animale, non si verificherà un forte aumento di peso. Inoltre, molti produttori offrono una linea di alimenti per gatti sterilizzati. In queste diete, il contenuto calorico è specificamente ridotto per prevenire l'obesità.

Il gatto catturerà i topi dopo l'intervento?
Sì lo sarà. La sterilizzazione non influisce sulle qualità venatorie dell'animale. Questo è un equivoco. Lo stesso del fatto che il gatto deve prima partorire.

Ieri hanno fatto la sterilizzazione e oggi il gatto non mangia niente. È normale?
Sì, va bene. A seconda dello stato fisiologico dell'animale, il gatto può rifiutarsi di mangiare fino a 3 giorni dopo l'intervento. Ma, di regola, l'appetito appare il giorno seguente dopo l'intervento chirurgico.
In ogni caso, se qualcosa ti dà fastidio, è meglio mostrare l'animale al veterinario.

La sterilizzazione aiuterà se il gatto cacerà?
Questa domanda non ha una risposta definita. Se il termine "merda" significa marcare il territorio, dopo la sterilizzazione si fermerà. Se c'è una mancanza di educazione in mente, o se un gatto si vendica del proprietario per qualcosa, allora sarà necessaria una consultazione con un zoopsicologo e un lavoro di correzione del comportamento responsabile a lungo termine.

Dmitry Golovachev,
Capo Dottore della Clinica Veterinaria "Agatha".

Leggi l'articolo? Non aver fretta di andartene! Siamo sicuri di poterti convincere ad affidare il tuo gattino ai nostri specialisti!

Iscriviti per una transazione online. Ti richiameremo entro un'ora dalle 9:00 alle 21:00 o il mattino successivo.

L'età ottimale per l'animale da sterilizzazione

La sterilizzazione di un gatto è un passo responsabile e umano in materia di custodia di un animale domestico. Aiuta a liberarsi di molti problemi con il tuo tesoro. Pertanto, avendo iniziato una creatura pelosa in una casa, prima o poi la domanda si presenterà quando è possibile sterilizzare un gatto. I problemi di tempestività della chirurgia sono principalmente associati alla prevenzione del rischio di sviluppo di complicanze postoperatorie, ulteriori comportamenti sessuali, salute e vita.

Leggi in questo articolo.

La migliore età per la sterilizzazione

La maggior parte degli esperti veterinari ritiene che l'età ottimale in cui è più sicuro sterilizzare un gatto sia da 6 a 8 mesi. A quel punto, l'animale si era formato fisicamente, si era verificato lo sviluppo degli organi genitali, ma non erano ancora stati trovati segni di comportamento sessuale. Se l'animale domestico appartiene a razze di taglia grande ea pelo lungo (regdoll, Maine-Coon, siberiano, ecc.), Lo sviluppo sessuale avviene dopo 8 mesi, i tempi dell'operazione in questo caso vengono spostati.

Gli esperti dicono che è necessario sterilizzare un gatto quando l'animale non è ancora stato in calore. Questo punto di vista si basa sulle caratteristiche della fisiologia animale e della ricerca scientifica. Il colpo di fortuna del gatto rappresenta il picco della più grande attività ormonale del corpo e indica la completa disponibilità fisiologica dell'animale a continuare la corsa. Durante questo periodo, si forma il comportamento sessuale del gatto. Comincia a fare rumori forti per attirare un gatto, correre in strada, mostrare aggressività verso una persona, segnare lo spazio vitale. Questo comportamento causa preoccupazione alla famiglia, è uno stress costante per l'animale stesso.

Ci sono casi in cui la sterilizzazione dopo l'estro non dà il risultato atteso, il gatto continua a marcare il territorio dopo l'operazione. Questo fenomeno è dovuto al fatto che gli ormoni sessuali nel corpo di un animale sono prodotti non solo dalle ovaie, che vengono rimosse durante l'operazione, ma anche dalla ghiandola pituitaria. Il cervello sintetizza bassi livelli di ormoni, ma sono sufficienti a provocare spiacevoli momenti di comportamento sessuale del gatto e dopo la sterilizzazione. A questo proposito, gli specialisti veterinari sono unanimi nel ritenere che sia desiderabile sterilizzare un animale prima delle manifestazioni del primo estro. Un tale approccio è garantito per ottenere il risultato desiderato nel controllo del comportamento sessuale di un animale domestico peloso.

Quando sterilizzare un gatto non è raccomandato

Ci sono alcuni periodi nella vita dell'animale, quando la sterilizzazione dovrebbe essere ritardata, poiché l'operazione è piena di complicazioni, o le possibilità di controllare il successivo comportamento sessuale del gatto sono ridotte. Tali momenti includono l'estro dell'animale, il periodo immediatamente successivo alla nascita e la gravidanza del gatto. Questi periodi sono associati alle caratteristiche dello stato fisiologico dell'animale, a livelli elevati di ormoni sessuali ea situazioni stressanti elevate. Se vi è un urgente bisogno di sterilizzare un animale durante questi periodi, è necessario comprendere chiaramente le conseguenze di tale manipolazione e i possibili rischi per la salute e la vita del gatto.

E 'possibile avere un intervento chirurgico durante l'estro

I proprietari di animali spesso fanno la domanda: è possibile sterilizzare un gatto quando cammina? I veterinari raccomandano vivamente ai proprietari di aspettare il periodo di calore, e dopo che è stato completato per produrre una castrazione. Questo consiglio ha diversi motivi:

  • Durante l'estrusione, si verifica la fornitura di sangue agli organi genitali interni dell'animale e, durante l'intervento chirurgico, il rischio di complicanze operative (sanguinamento, reazioni infiammatorie) aumenta in modo significativo.
  • Livelli elevati di ormoni sessuali durante l'estro possono provocare un comportamento inappropriato dell'animale dopo l'intervento chirurgico. Il gatto può anche continuare a contrassegnare l'area, come prima della sterilizzazione.
  • La chirurgia sullo sfondo di un picco ormonale può provocare ulteriori manifestazioni di una falsa gravidanza, lo sviluppo di malattie oncologiche in animali domestici lanuginosi (cancro al seno).
  • Durante l'estro, il corpo dell'animale subisce un tremendo carico ormonale e la chirurgia durante questo periodo causa un grave stress nel gatto, che influisce sul periodo di riabilitazione.

Pertanto, i proprietari di animali domestici dovrebbero essere pazienti e attendere il calore di un animale domestico soffice. E solo dopo che l'animale si è calmato, eseguire un'operazione.

Se dare alla luce un gatto prima della sterilizzazione

Molto spesso, i proprietari di animali domestici hanno idee sbagliate sulla natura dell'attrazione sessuale e sul comportamento dei loro animali domestici, non sanno quando è meglio sterilizzare un gatto. Molti proprietari credono che sia meglio sterilizzare un animale dopo che un gatto ha portato almeno una prole. Questa opinione si basa su un equivoco riguardante i problemi della riproduzione animale, attribuendo ad essi emozioni umane.

Tale atteggiamento analfabeta nei confronti degli animali domestici è irto della minaccia dello sviluppo di varie patologie nel gatto. Non è raro che la sterilizzazione, anche dopo una singola gravidanza, porti allo sviluppo di una malattia oncologica in un animale domestico domestico. Perdendo, dando alla luce, i cuccioli di alimentazione causano l'organismo a stabilizzare un certo livello di livelli ormonali. La sterilizzazione sullo sfondo del livello già stabilito di ormoni sessuali può portare a perturbazioni endocrine, accompagnate da tumori maligni.

Studi scientifici hanno dimostrato che la sterilizzazione dei gatti prima del parto riduce il rischio di sviluppare un tumore al seno di 50 volte.

Se il proprietario dell'animale ha la possibilità di sterilizzare prima della gravidanza e il gatto rimane incinta, dovresti assumere un atteggiamento responsabile nei confronti della salute del tuo gatto e non prendere i gattini prima dell'operazione.

Chirurgia durante la gravidanza e dopo il parto

A volte ci sono situazioni in cui la questione della sterilizzazione dell'animale aumenta prima del proprietario durante la gravidanza del gatto. Più spesso tale operazione viene eseguita per motivi medici. Ma ci sono casi in cui il proprietario di un animale non si rende nemmeno conto che il suo animale domestico peloso si trova in una posizione interessante. Spesso, la gravidanza del gatto viene scoperta al momento della sterilizzazione.

Durante l'intervento chirurgico all'inizio della gravidanza (fino a 3 settimane) i problemi, di regola, non sono osservati. L'intervento chirurgico nelle ultime fasi della gravidanza è associato ad un aumentato rischio di complicanze. Durante la manipolazione spesso porta a forti emorragie, sono possibili processi infiammatori. L'animale è sotto grave stress. La sterilizzazione nella tarda gravidanza è associata ad un aumentato rischio di complicanze postoperatorie, un aumento del periodo di riabilitazione.

Se per qualsiasi motivo la sterilizzazione non è stata effettuata nel momento ottimale e il gatto ha dato alla luce, i proprietari dell'animale si trovano davanti la domanda quando è possibile sterilizzare il gatto dopo il parto. In questo caso, i veterinari raccomandano di aspettare un periodo di alimentazione dei gattini e solo dopo tale programma un'operazione. Il gatto operato, di regola, rifiuta di allevare prole, e quindi i proprietari dovranno nutrire artificialmente i cuccioli.

Avendo iniziato una casa di animali domestici, il proprietario prima o poi affronterà il problema della necessità di sterilizzare il gatto. I proprietari responsabili non dovrebbero ritardare con i tempi dell'operazione. La tempestività di questa manipolazione ti consentirà di evitare molti problemi e problemi durante il mantenimento degli animali. Durante la sterilizzazione effettuata, i rischi delle complicanze postoperatorie e l'insorgenza di malattie oncologiche saranno significativamente ridotti e l'animale sarà tenuto in conforto.

Se è impossibile rimuovere le cuciture da soli per qualsiasi motivo, l'opzione migliore. L'età dell'animale. Il funzionamento di un giovane individuo si distingue per una rapida riabilitazione rispetto alla sterilizzazione di un gatto maturo e anziano.

Una risposta inequivocabile alla domanda se la sterilizzazione o la castrazione siano migliori è impossibile.. Come prendersi cura di un gatto dopo la sterilizzazione. Quanto è lungo l'estro nei gatti. Come calcolare l'età di un gatto su un umano, per quanto.

Gli esperti ritengono che il periodo migliore per l'operazione sia l'età tra 7 e 9 mesi.. Come sterilizzare i gatti. Come trattare la urolitiasi cat: mbk - che cos'è. Come prendersi cura di un gatto dopo la sterilizzazione.

Quando è meglio sterilizzare un gatto?

Quando una persona porta una gattina in casa, deve sapere quando sterilizzare il gatto, perché presto l'animale inizierà a "camminare". I piccoli stanno crescendo molto velocemente e già in sei mesi possono apparire i primi segni che il gatto è pronto per la continuazione della gara. Se non le darai l'opportunità di moltiplicare, il gatto inizierà attacchi di isteria. Un tale stato è difficile sia per l'animale che per tutti quelli che sono con essa in casa.

Vale la pena notare che per quei gatti che non escono di casa, il richiamo della natura non sarà meno evidente che per i gatti di strada. Allo stesso tempo l'animale soffre e soffre. Il gatto "cammina" due volte all'anno. Cioè, se l'allevatore non prende alcuna misura, la situazione sarà ripetuta ogni 6 mesi. Già nel primo anno di vita un gatto può portare la prole. Se l'allevatore non si impegnerà nell'allevamento di gatti, e ancor più quando l'animale non è di razza, allora è necessario eseguire la procedura di sterilizzazione.

Particolarmente rilevante è la questione di quando puoi sterilizzare un gatto, per coloro che stanno per rilasciare il loro preferito a casa per strada. Qui sarà difficile proteggerla da una gravidanza indesiderata. Anche quando l'animale non va oltre il suo cortile, può verificarsi l'accoppiamento.

Dall'odore, i gatti trovano le femmine anche in luoghi remoti.

Per un gatto e i suoi proprietari, il periodo di "baldoria" sarà un grosso problema. Ma per questo c'è una soluzione. Riguarda la sterilizzazione. Questa è un'operazione per la quale è necessario prepararsi con cura, e dopo aver effettuato correttamente la cura del gatto, poiché il periodo di riabilitazione è piuttosto lungo. La sterilizzazione è raccomandata per tutti i gatti che non sono programmati per essere miscelati con i gatti per la procreazione. Ma gli allevatori spesso si preoccupano se una simile procedura possa essere eseguita in giovane età. Inoltre, il problema di sicurezza è sempre pertinente. Va ricordato che la sterilizzazione del gatto è un'operazione completa. Se qualcosa va storto, l'animale può morire, ma nella maggior parte dei casi, tutto va bene.

I vantaggi e gli svantaggi della sterilizzazione

Non tutti gli allevatori decidono immediatamente di dare il loro preferito a casa per l'operazione. Il fatto è che ci sono molte voci su questa procedura che creano un'impressione negativa sugli allevatori. Ma, in effetti, la sterilizzazione ha sia vantaggi che svantaggi.

Tra i momenti positivi, vale la pena notare gli enormi benefici per la salute dell'animale, che questa operazione ha fornito. Il fatto è che la mancanza di desiderio di allevare permette al gatto di mantenere i nervi e la salute mentale. Pertanto, gli esperti raccomandano la sterilizzazione il prima possibile. I veterinari osservano che gli animali sterilizzati non sono solo più calmi, ma soffrono anche meno dell'oncologia mammaria.

L'unica alternativa all'operazione sarà l'uso di farmaci ormonali. Sono dati ai gatti per ingannare gli stimoli naturali. Ma gli esperti non raccomandano l'uso di queste droghe troppo spesso.

Con l'uso costante di pillole ormonali, un animale può sviluppare un tumore canceroso nei genitali.

Se si esegue la procedura di sterilizzazione in tempo, si può evitare il parto precoce, che per il gatto potrebbe essere fatale. Inoltre, l'animale non vuole scappare da casa, quindi il proprietario non deve preoccuparsi di dove l'animale è perso, se tutto va bene con lei.

La maggior parte dei gatti tollerano un intervento chirurgico. Molto spesso, dopo la sterilizzazione, gli allevatori dicono che gli animali domestici diventano più affettuosi, assidui e calmi. Cioè, il gatto sarà l'animale perfetto per la casa. Non si rovinerà negli angoli, come fanno gli individui durante l'estro, che non viene lasciato uscire per strada.

Quindi, possiamo supporre che la procedura di sterilizzazione abbia molti vantaggi innegabili. Non c'è un'alternativa degna di questa procedura.

Eppure ci sono molte voci secondo cui la sterilizzazione è dannosa. Ma questo vale solo per quei casi in cui l'operazione viene eseguita in condizioni inadeguate e farmaci di bassa qualità vengono usati come anestesia. Ciò accade quando un allevatore cerca di risparmiare denaro e si rivolge ai medici senza qualifica o esperienza nella conduzione di tali operazioni.

La maggior parte dei problemi che possono verificarsi durante la sterilizzazione del gatto sono legati all'anestesia. Un animale può manifestare una reazione allergica durante l'intervento. Inoltre, molti gatti sono difficili da allontanare dall'anestesia. Ma con farmaci adeguatamente selezionati non dovrebbe sorgere un problema.

Alcuni problemi possono verificarsi dopo l'intervento chirurgico. Il fatto è che i gatti sterilizzati non sono solo più calmi e affettuosi, ma anche pigri. Dall'ozio, gli animali domestici iniziano ad appoggiarsi al cibo e gli allevatori spesso sovralimentano l'animale. Di conseguenza, il gatto potrebbe avere l'obesità. Questo contribuisce a disturbi metabolici. Ma con il giusto approccio alla nutrizione non dovrebbero avere problemi con l'obesità. Al giorno d'oggi, i produttori di mangimi finiti offrono opzioni speciali per animali sterilizzati. Sarà la scelta perfetta.

Tutti i problemi possono essere evitati se non si salva sul proprio animale domestico e si sceglie una buona clinica. Il proprietario del gatto deve essere preparato per il fatto che dovrà dedicare molto tempo alla cura della propria casa preferita durante la riabilitazione postoperatoria.

Alternativa di sterilizzazione

Se il feedback negativo sull'operazione ha ancora paura dell'allevatore, allora i metodi alternativi possono essere usati per "spegnere" il richiamo della natura. Ma tieni presente che tali metodi saranno più pericolosi e in definitiva possono avere un effetto negativo sulla salute dell'animale.

Nei negozi di animali è possibile acquistare pillole speciali. Il produttore garantisce che dopo di loro il gatto diventerà assolutamente calmo anche in primavera. In realtà, tali farmaci sono agenti ormonali che hanno un effetto sul corpo dell'animale che elimina completamente il gatto dal desiderio di riprodursi. L'animale domestico diventa più calmo subito dopo aver usato il farmaco. Ma tieni presente che l'effetto sul corpo degli ormoni può portare a un risultato negativo. Con l'uso prolungato di preparazioni di questo tipo in un animale c'è un rischio di oncology. Pertanto, è possibile utilizzare le compresse, ma 1-2 volte, e quindi è ancora necessario decidere sulla sterilizzazione.

Un'alternativa può essere un'iniezione ormonale, che agisce per un periodo fino a un anno.

Questo metodo è adatto a coloro che non hanno intenzione di portare un gatto con un gatto, ma in futuro non respinge tale prospettiva. Ogni anno tali metodi non sono raccomandati.

C'è anche un metodo di sterilizzazione senza chirurgia. È una questione di irradiazione radioattiva degli organi genitali dell'animale, dopo di che smettono di produrre determinati ormoni. Ma vale la pena notare che le conseguenze dell'utilizzo di questo metodo possono essere terribili. Una tale situazione minaccia lo sviluppo dell'oncologia, che probabilmente porterà alla morte dolorosa di un animale domestico di famiglia.

Un gatto ha bisogno di sterilizzazione?

In questi animali, la pubertà, di regola, cade all'età di 7 mesi. Ma alcuni gatti sono pronti a continuare la gara e tra 5 mesi. Da questo periodo, sia il favorito domestico che il suo allevatore avranno un periodo "allegro" almeno 2 volte l'anno. Vale la pena notare che i gatti sono considerati animali diciclici, ma in alcuni individui l'estrusione viene osservata 4 volte l'anno. Continuare a usare i farmaci ormonali è molto pericoloso, e anche tollerare l'insopportabile comportamento di un gatto, che cambia sotto l'influenza delle emissioni attive di estrogeni, non è l'opzione migliore.

Per un animale, i periodi in cui questo particolare ormone viene prodotto attivamente non saranno solo sgradevoli, ma anche pericolosi. Se vengono aggiunti preparati ormonali, possono verificarsi malattie oncologiche, cisti, iperplasia dell'endometrio e piometria. Queste sono malattie molto pericolose che dovranno essere trattate con interventi chirurgici. Ma anche qui non c'è alcuna garanzia che l'animale sarà salvato.

Pertanto, per un gatto, la procedura di sterilizzazione è molto importante. Conserva non solo la salute mentale e il sistema nervoso, ma influisce favorevolmente anche sulla condizione fisica.

Quando può essere sterilizzato un gatto?

Dopo aver soppesato tutti i pro e i contro, l'allevatore fa la sua scelta. Sarà meglio per l'animale se il proprietario accetta la sterilizzazione. Ma per questo è necessario scegliere il momento giusto, perché non tutti i periodi possono essere eseguiti con un'operazione simile.

Per quanto riguarda l'età in cui il gatto può essere sterilizzato, vale la pena ricordare che l'animale ha la pubertà a circa 7 mesi. Tuttavia, in questa fase l'animale non è ancora completamente sviluppato fisicamente, quindi non si può parlare di gravidanza. Se si tiene un gatto a questa età, potrebbe morire durante il parto. Pertanto, prima dell'anno, è necessario prestare particolare attenzione alla casa preferita. E nel caso in cui la procreazione non sia pianificata affatto, vale la pena eseguire la sterilizzazione il prima possibile.

Quando è meglio sterilizzare un gatto, è imperativo consultarsi con uno specialista in anticipo. I veterinari raccomandano di pianificare un'operazione per il periodo precedente al primo estrus. Cioè, già da 7 mesi, puoi sterilizzare l'animale. Esperti esperti affermano che i giovani animali tollerano operazioni di questo tipo è molto più facile rispetto ai gatti di età.

In ogni caso, il periodo migliore lo dirà al medico. È importante che al momento dell'operazione l'animale abbia formato tutti i suoi genitali.

La procedura per la sterilizzazione nei gatti giovani, che non hanno mai portato i posteri, è più facile. Ciò è dovuto al fatto che in tale situazione vengono rimosse solo le ovaie. Quegli animali che hanno già dato la progenie devono rimuovere non solo le ovaie, ma anche l'utero, e questa è un'operazione più complicata.

Quando è impossibile la sterilizzazione?

Prima di decidere su un intervento chirurgico così complesso, è necessario esaminare l'animale. Questo è importante, in quanto il gatto può normalmente sottoporsi a un intervento chirurgico solo se è completamente sano. Non sono autorizzati a sterilizzare non solo gli animali malati, ma anche quelli che hanno subito di recente malattie pericolose o interventi chirurgici.

Inoltre, non puoi sterilizzare vecchi animali. Ma l'età consentita è difficile da determinare esattamente. Tutto dipende dalle condizioni fisiche del gatto, quindi è necessario mostrarlo al veterinario, che ti dirà se può sottoporsi a un intervento chirurgico per rimuovere l'utero e le ovaie.

Preparazione per la sterilizzazione

Questa operazione è abbastanza complicata, quindi qui devi seguire tutte le regole di cautela. Va ricordato che l'animale avrà bisogno di molto tempo per la riabilitazione, quindi l'allevatore deve prepararsi a questo processo. Inoltre, è necessario preparare adeguatamente l'animale per la sterilizzazione.

L'alimentazione dovrebbe avvenire non prima di 12 ore prima della visita programmata dal medico.

Inoltre, è necessario pre-acquistare tutti i farmaci necessari che saranno necessari per la cura dell'animale operato. Inoltre, il giorno prima della sterilizzazione, è necessario eseguire una pulizia generale in casa. Questo è importante perché il gatto deve essere tenuto pulito in modo che l'infezione non entri nella ferita.

Caratteristiche della sterilizzazione del gatto

Questa procedura è un intervento chirurgico completo, durante il quale vengono rimossi alcuni organi. Si ritiene che i gatti giovani e felini possano rimuovere solo le ovaie. Tuttavia, gli esperti esperti raccomandano comunque di rimuovere immediatamente l'utero. Ciò impedirà il verificarsi di complicazioni in futuro.

L'operazione viene eseguita in un ospedale. Durante la chirurgia addominale, il medico fa un'incisione attraverso la quale gli organi necessari vengono estratti e rimossi con un bisturi. Successivamente, la ferita viene suturata e sulla parte superiore viene applicata una benda speciale.

Se tutto va senza complicazioni, la procedura dura non più di 30 minuti. Saranno necessari altri 10 minuti per consentire all'animale di riprendersi e dopo che l'allevatore può ritirare il suo animale dalla clinica.

Devi stare attento a non rovinare la benda. Può essere rimosso non prima di 10 giorni. Fino a questo punto, dovrebbe sedere sul corpo del gatto.

Durante il trasporto della casa degli animali, devi essere il più attento possibile. Se l'operazione viene eseguita in inverno, il gatto sterilizzato deve essere adeguatamente riscaldato in modo da non prendere freddo.

In generale, la sterilizzazione può essere prescritta in qualsiasi momento dell'anno. Ma tieni presente che nella stagione fredda ci saranno problemi con la consegna della casa degli animali, poiché le temperature basse sono inaccettabili dopo l'operazione. Anche l'estate non sarà una buona opzione. Nel calore della ferita guarisce male, e i rischi di infezione sono molto alti. Pertanto, è meglio sterilizzare il gatto in primavera o in autunno.

Periodo postoperatorio

Di norma, l'animale viene trasferito all'ospite immediatamente dopo la sterilizzazione. Cioè, l'ospedalizzazione dopo l'intervento chirurgico non viene eseguita. L'animale si allontanerà dall'anestesia a casa, quindi il proprietario deve preparare il luogo in cui l'animale rimarrà per la prima volta. Dovrebbe essere abbastanza caldo e asciutto. Nessuna bozza dovrebbe essere. Il surriscaldamento non è consentito, quindi il banco non deve essere posizionato vicino alla batteria o al riscaldatore.

Il gatto si allontanerà dall'anestesia abbastanza a lungo. Questo processo può durare da 30 minuti a 3 ore. Per tutto questo tempo, l'animale non sarà in grado di controllare i processi fisiologici. Se gli occhi del gatto sono aperti, finché non torna in sé, è necessario chiudere le palpebre ogni 10 minuti. Ciò consentirà di idratare adeguatamente gli occhi.

Non temere che, dopo aver ripreso conoscenza, il gatto vorrà scappare e nascondersi.

Non disturbarla. È meglio rimuovere tutti gli oggetti fragili dal suo percorso e consentire all'animale di ripristinare l'equilibrio mentale e liberarsi dallo stress nell'atmosfera più rilassata.

C'è un preferito a casa in 1 giorno, molto probabilmente, no. E per 2 giorni puoi dare il suo cibo di alta qualità. Ciò consentirà al gatto di ripristinare rapidamente il lavoro dello stomaco. In futuro, è necessario nutrire l'animale con cibo di alta qualità, progettato specificamente per gli individui sterilizzati.

10 giorni dopo l'intervento, l'animale deve essere legato. Per evitare che il gatto rimuova la benda, mettono una coperta speciale sopra. L'attività e il ritmo vitale del tuo animale saranno completamente restaurati in 2 settimane.