Come preparare un gatto per la sterilizzazione

Razza

La procedura di sterilizzazione non richiede molto tempo e spesso termina in modo sicuro, ma la preparazione del processo stesso richiederà molto più tempo. Su come preparare un gatto per la sterilizzazione e curare adeguatamente gli animali dopo l'intervento chirurgico, descriviamo in dettaglio di seguito.

Pro e contro di un gatto sterilizzato

Un gatto adulto non sterilizzato, privo di accoppiamento con un gatto, spesso acquisisce problemi di salute, portando ad una vita breve. La decisione di sterilizzare l'animale domestico soddisferà i proprietari con una serie di punti positivi e ridurrà i rischi di malattie infiammatorie degli organi riproduttivi. Vantaggi dell'operazione:

  • l'aspettativa di vita aumenterà;
  • la buona salute sarà mantenuta;
  • il gatto cesserà di disturbare il proprietario con istinti che si svegliano regolarmente in primavera;
  • nessuna prole da attaccare;
  • il gatto smette di marcare il territorio, emanando odori sgradevoli.

Oltre agli aspetti positivi, vale la pena menzionare gli svantaggi della procedura:

  • l'aspetto dei punti sul corpo dell'animale;
  • il gatto ha bisogno di cure speciali dopo l'intervento chirurgico;
  • l'appetito aumentato può svegliarsi;
  • in rari casi si può sviluppare ernia.

A che età un gatto può essere sterilizzato?

Quando si pensa alla sterilizzazione, i proprietari devono tenere conto dell'età del gatto, poiché un intervento troppo precoce può influire negativamente sulla salute dell'animale. Nella pratica veterinaria ci sono tre categorie di età, durante le quali è possibile effettuare la sterilizzazione. Quindi:

  • La prima età implica la sterilizzazione a 6 mesi. A questo punto, il corpo inizia a produrre ormoni sessuali, facendo miagolare costantemente l'animale e chiedendo di incontrare altri simili. Non avere fretta di portare il tuo animale domestico all'operazione in giovane età, perché in futuro rischia di rimanere sottosviluppata: la crescita e i processi fisiologici possono essere rallentati.
  • L'età ottimale per la sterilizzazione è di 10-12 mesi. A questo punto, lo sviluppo del gatto è completamente formato, quindi la sterilizzazione non porterà conseguenze negative. La castrazione dei gatti è possibile in un intervallo simile.
  • La tarda età prevede la sterilizzazione per l'invecchiamento e vecchi rappresentanti, ma qui è necessario assicurarsi che non vi siano controindicazioni alla chirurgia. Un animale di età superiore a 5 anni ha bisogno di formazione: fare un ECG, per passare l'analisi dell'urina e del sangue. In questo caso, gli individui esclusivamente sani sono autorizzati a sterilizzare.

Se il tuo animale è adatto all'età, è tempo di imparare a prepararsi per una procedura importante nella vita dell'animale.

1 Preparazione per la sterilizzazione: trattiamo il corpo dai parassiti

È auspicabile essere impegnati nell'elaborazione da worm 1 volta in 3 mesi, come ultima risorsa - 1 volta in 6 mesi. 10-12 giorni prima dell'operazione, i veterinari raccomandano di bere i farmaci antiparassitari in un ordine straordinario per prepararsi alla sterilizzazione. Un'eccezione può essere fatta a un gatto, poiché l'elaborazione di cui non è trascorso più di un mese. Preparare il corpo dell'animale può essere droghe "Milbemaks", "Drontal" o "Kanikvantel". La preparazione del corpo sotto forma di pulizia è richiesta per gli animali.

2 Noi vacciniamo il gatto prima della procedura.

Per sterilizzare un gatto, è indispensabile fornire tutte le vaccinazioni necessarie per eliminare il rischio di possibili infezioni durante o dopo l'intervento chirurgico. Bisogna fare attenzione a questo almeno un mese prima della procedura pianificata, poiché l'animale potrà essere sterilizzato solo 30 giorni dopo l'ultima vaccinazione.

La preparazione di un passaporto con vaccinazioni richiederà un po 'di tempo, quindi non trascurare la salute dell'animale.

Se per qualsiasi motivo non si desidera vaccinare, ma si desidera sottoporsi a sterilizzazione, il veterinario deve introdurre un siero speciale prima di iniziare la procedura. La formazione operativa aiuterà lo sviluppo dell'immunità nelle prossime 2 settimane, fornendo protezione contro le malattie infettive. In questo caso, il costo della sterilizzazione aumenta in modo significativo, ma la salute del gatto viene prima di tutto.

3 Preparazione preoperatoria della fame prima della sterilizzazione.

L'ultima fase di preparazione prima della sterilizzazione di un gatto è una dieta da fame di 12 ore. Durante questo periodo, l'animale domestico può bere solo acqua in quantità illimitate. Non preoccuparti delle sofferenze affamate dell'animale, poiché tollerano facilmente l'assenza di cibo per 48 ore. Pertanto, se non si alimenta il gatto prima della sterilizzazione, non si verificheranno conseguenze negative. Al contrario, la preparazione di una dieta affamata allevierà lo stato dell'animale durante l'operazione, eliminando il riflesso del vomito e le sensazioni spiacevoli.

4 Preparazione della cura del gatto dopo la sterilizzazione

La sterilizzazione comporta un intervento chirurgico e, di conseguenza, comporta un quadro generale di malessere dell'animale domestico, una condizione di debolezza e letargia. Nei primi 2-3 giorni dopo l'operazione, l'animale deve essere dotato di riposo completo e condizioni confortevoli. È necessario preparare il gatto una lettiera di tessuto morbido e appoggiarlo sul pavimento, evitando mobili e altre altezze, poiché potrebbe cadere e farsi male. Aggiungere acqua alla lettiera o trattare l'animale con una piccola quantità di latte. Non preoccuparti se l'animale si rifiuterà di mangiare: questo comportamento è abbastanza tipico per un organismo vivente dopo aver sofferto lo stress.

Se la preparazione e l'operazione hanno avuto successo, saranno necessari in media da 7 a 10 giorni per guarire le suture dopo la sterilizzazione, durante la quale è necessario garantire la mobilità al livello minimo. Escludere i giochi attivi, comunicare con altri animali domestici e cercare di allevare il gatto tra le tue braccia il più raramente possibile. Se l'animale non riesce a stare fermo, è consigliabile preparare una portante spaziosa in cui tenere temporaneamente un animale domestico. L'approccio aiuterà a ridurre l'attività, proteggendo la cucitura da eventuali divergenze.

Per 10 giorni è necessario assicurarsi che il gatto porti costantemente una coperta che protegga il sito dell'incisione dall'infezione o dalla leccatura.

Se il veterinario non ha trattato la cucitura dopo la sterilizzazione con uno spray speciale che fornisce una "preservazione" completa della giunzione dall'ambiente esterno, è necessario disinfettare regolarmente il sito dell'incisione da soli. Qui non è necessario un addestramento speciale, quindi non dovresti preoccuparti della condotta di una procedura futura.

5 Come preparare il cibo

La prima alimentazione dipende dal tipo di anestesia che è stata utilizzata durante l'operazione. Alcuni farmaci consentono l'assunzione di cibo dopo 12 ore, altri sono limitati a un intervallo di 6 ore, quindi non dimenticare di chiarire i dettagli dal veterinario. In nessuna delle opzioni, l'animale non sveglia quasi il suo appetito, poiché sarà accompagnato da sensazioni dolorose.

Fai ogni sforzo per sostenere il tuo gatto durante il periodo di riabilitazione, dal momento che l'attenzione e la cura sono particolarmente necessarie per lei ora. Non appena si interessa al cibo, prepara le sue piccole porzioni di cibo liquido. È auspicabile che questi fossero semplici pap, cucinati nel latte. È molto importante scegliere correttamente la dieta in modo che il cibo non nutra solo l'animale, ma contribuisca alla rapida modifica. Se il gatto mangia da mangiare, escludere per un po 'le specie secche e preparare un umido di alta qualità. In questo caso, il tratto gastrointestinale non soffrirà di congestione, fornendo una sensazione preferita nell'addome.

Preparare il gatto alla sterilizzazione e alla cura successiva dell'animale domestico sarà un compito laborioso che richiederà molta attenzione e cura. È importante ricordare che il momento più difficile è i primi tre giorni dopo l'intervento, quando l'animale richiede una supervisione costante. E alla fine della settimana, tu e il tuo animale tornerete al solito ritmo della vita, ma con un grosso acquisto: la buona salute del vostro amato animale domestico!

Cosa dare da mangiare al gatto dopo la sterilizzazione a casa?

La sterilizzazione è un punto di svolta nella vita del gatto, che è la causa non solo dei cambiamenti ormonali nel corpo, ma anche dei cambiamenti nel comportamento. Negli animali sterilizzati, l'appetito aumenta, il che comporta una serie di malattie pericolose. La dieta di un gatto sterilizzato deve essere equilibrata, deve contenere sostanze nutritive, vitamine e oligoelementi.

L'operazione colpisce il sistema ormonale del gatto, motivo per cui il corpo subisce cambiamenti fisiologici:

  • Il metabolismo è rallentato nei gatti adulti oltre i 5 anni e negli individui più anziani. Pertanto, prima e dopo la sterilizzazione, è consigliabile nutrire l'animale con cibo casalingo ordinario, mentre si controlla il peso, aumentando l'attività fisica.
  • I costi energetici del corpo dopo la sterilizzazione sono ridotti del 20-25%. L'assenza di stress non necessario, l'istinto della procreazione, la cura della prole portano all'obesità. È necessario seguire la dieta equilibrata del gatto sterilizzato.
  • Ridurre la frequenza della minzione è un fattore nello sviluppo della urolitiasi. Animali di tutte le razze sono soggetti a urolitiasi, la varietà britannica di gatti con peso normale è meno incline a questa malattia.

I gatti sono difficili da allontanare dall'anestesia, quindi nelle prime 8-12 ore dopo l'intervento chirurgico avrà uno scarso coordinamento e un comportamento inadeguato. È necessario che l'animale fosse il primo giorno tutto il tempo in vista!

Dopo l'intervento chirurgico, non è necessario nutrire il gatto. Non appena l'animale inizia ad allontanarsi dall'anestesia, deve essere immediatamente bevuto attraverso una siringa. Vedi se lei ingoia l'acqua per non affogare. Il gatto può rifiutarsi di mangiare il primo giorno, quindi non è necessario forzarlo.

A partire dal secondo giorno, il volume della porzione non deve superare 1/3 della porzione usuale. Ciò è necessario in modo che l'animale non si affatichi durante il movimento intestinale e abbia meno problemi con il sistema digestivo. I gatti sterilizzati devono essere facilmente digeribili, non untuosi.

Il 3 ° giorno l'animale di solito inizia a mostrare interesse per il cibo stesso, per chiederlo. Le porzioni aumentano gradualmente, ma non superano il tasso di 150 grammi al giorno. Poiché gli animali sterilizzati sono inclini all'obesità, la dose giornaliera può essere ridotta a 120-130 grammi, dato che il cibo è equilibrato.

Ci sono casi in cui l'animale dopo l'operazione si rifiuta di mangiare per 2-3 giorni, e solo le bevande. Se la mancanza di appetito non è associata a nessun sintomo addizionale, puoi considerare il fenomeno come una variante individuale della norma.

Dopo l'intervento chirurgico, l'animale può essere offerto:

  • latticini - panna acida a basso contenuto di grassi e panna, ricotta, yogurt bianco, yogurt;
  • brodo vegetale senza sale;
  • uovo sodo alla griglia;
  • alimenti per l'infanzia;
  • cibo in scatola speciale per gatti sterilizzati.

L'opzione migliore per l'alimentazione degli animali sterilizzati è una dieta bilanciata da un normale cibo fatto in casa.

Ci sono prodotti naturali che devono essere esclusi dalla dieta di un gatto sterilizzato. L'urolitiasi può essere curata, ma è più facile cambiare la dieta. L'urolitiasi si sviluppa a causa dell'alto contenuto di fosforo e sali di magnesio negli alimenti. Va ricordato che il consumo di cibi grassi è un rischio di obesità.

Per un cibo per gatti equilibrato, puoi creare un menu di prodotti naturali. Ad esempio: carne magra e frattaglie. Contengono molto ferro e aminoacidi. La carne contiene molto fosforo, ma poco calcio, quindi sono necessari supplementi minerali supplementari. La composizione del pesce marino, come l'ippoglosso, include le vitamine A e D.

Nutrire i gatti dopo la sterilizzazione non è possibile con i seguenti prodotti:

  • pesce crudo - contiene fosforo;
  • Ercole è ricco di magnesio;
  • esca - una fonte di calorie inutili;
  • prodotti lattiero-caseari superiori al 10% di grassi;
  • tutti i tipi di carni grasse;
  • prodotti fritti, in salamoia, affumicati - violano il metabolismo dell'animale;
  • fagioli e patate - provocare la diarrea.

Ai gatti non dovrebbe mai essere dato latte fresco. Questo porta all'infezione da vermi, in un caso più grave e trascurato - intossicazione da proteine.

Qualsiasi allevatore esperto è del parere che l'urolitiasi negli animali sterilizzati si sviluppi per colpa del proprietario. Il gatto deve essere nutrito non solo con cibo secco. I proprietari pensano che il cibo secco sia una via d'uscita equilibrata, economica e ottimale. Non lo è. Nel mangime industriale di bassa qualità il contenuto di sali e metalli pesanti supera la norma.

Il gatto è debole, mangia cibo di bassa qualità. A causa della pulizia tardiva del corpo da parte dei reni e del fegato, si formano delle pietre nella vescica, nei dotti e nei reni stessi. Data la tendenza dei gatti sterilizzati all'urolitiasi, si raccomanda di dar loro da mangiare con opzioni specializzate per animali sterilizzati o prodotti naturali.

A rischio sono gatti castrati e gatti sterilizzati con predisposizione ereditaria. I gatti britannici e Scottish Fold sono consigliati per introdurre integratori minerali. Prima di decidere sulla scelta della produzione industriale alimentare, è necessario consultare un veterinario.

Fare una dieta per una corretta alimentazione del gatto a casa è facile. Il cibo dovrebbe soddisfare i bisogni dell'animale domestico, a seconda dello stato di salute. La porzione giornaliera può essere calcolata con la formula: 30-60 grammi di cibo per un chilogrammo di peso vivo dell'animale, che dovrebbe essere diviso in diversi ricevimenti.

  • 35% - proteine ​​(carne, pesce, latte, uova). Le proteine ​​sono fonti di aminoacidi che non sono prodotte nel corpo dell'animale.
  • 35% - carboidrati (cereali vari). I carboidrati sono una fonte di energia.
  • 30% - grassi (burro, tuorli d'uovo, frattaglie, olio di pesce). Una mancanza di grasso porta a problemi di pelle e capelli e un eccesso di obesità.

Cosa può e non deve essere dato a un gatto sterilizzato:

Quanti non nutrono il gatto prima della castrazione: consigli e raccomandazioni dei veterinari

Se hai deciso fermamente di castrare il tuo amato gatto, soppesare tutti i pro ei contro in modo che l'operazione vada senza complicazioni, devi sapere come preparare il tuo animale domestico per la procedura chirurgica.

Nonostante il fatto che la castrazione sia un'operazione abbastanza semplice, tali precauzioni salveranno te e il tuo animale da molti problemi che si presentano immediatamente o qualche tempo dopo l'operazione. Se non ci sono controindicazioni e viene nominato il giorno della castrazione, considereremo come preparare correttamente il gatto all'espulsione, e quanto è impossibile nutrire il gatto prima della castrazione.

Qualche parola sulla castrazione dei gatti

La castrazione dei gatti è un'operazione chirurgica in cui un veterinario rimuove le ghiandole sessuali maschili (testicoli, testicoli, testicoli). L'operazione, di regola, richiede non più di 20-40 minuti. Castrazione condotta in anestesia generale. Spesso i veterinari usano un'anestesia combinata o locale. Se c'è un anestesista in clinica, questo indica un alto livello dell'istituto.

Suggerimento: I gatti possono essere castrati a qualsiasi età, ma allo stesso tempo, secondo allevatori esperti e veterinari di spicco, l'età ottimale per la chirurgia è di 9-11 mesi. La castrazione in età precoce può influenzare la crescita e lo sviluppo. Possibile sviluppo di varie gravi complicanze.

La castrazione può essere eseguita in una clinica veterinaria oa casa. Se l'animale è stato operato in clinica, portalo a casa, se non ci sono controindicazioni, è possibile circa 30-50 minuti dopo il lancio.

Prima dell'operazione, il veterinario dovrebbe esaminare, pesare il paziente a quattro zampe, misurare la temperatura, ascoltare il battito cardiaco.

Una fase importante della preparazione è la premedicazione. Implica l'introduzione di farmaci che supportano il lavoro del cuore, dei polmoni.

Prima di rimuovere i testicoli, l'animale viene iniettato in un sonno narcotico. Le piantine vengono rimosse attraverso una piccola incisione. Per prevenire il sanguinamento, il cavo spermatico si attorciglia. Una legatura viene applicata da un materiale chirurgico speciale (catgut). Completamente il thread si risolve in tre mesi.

La ferita dopo l'operazione è piccola, ma i proprietari di lanugine soffici dovrebbero assicurarsi che il gatto dopo l'anestesia non lecchi l'area operativa. Indossa un cono protettivo (colletto elisabettiano) sul tuo animale domestico per prevenire l'infezione. Le ferite sono trattate con soluzioni antisettiche, speciali spray antibatterici.

Preparazione alla castrazione

Allevatori lanuginosi di animali domestici sono interessati alla domanda: "Come preparare adeguatamente un gatto per la prossima castrazione?". Indubbiamente, per quanto riguarda questo problema, consultare in anticipo il veterinario che condurrà la procedura.

È importante! Le raccomandazioni riguardanti la preparazione dei gatti per la chirurgia dipendono dall'età, dalle caratteristiche individuali e fisiologiche dell'animale. Ci sono alcune differenze nella preparazione dei maschi arroccati di età avanzata, anziana e più giovane.

L'operazione viene effettuata solo animali sani. Kitty deve essere in buona forma fisica, avere un grande appetito. Pertanto, prima dell'intervento, è imperativo portare il tuo animale alla clinica veterinaria per un esame completo, che includa un esame di un cardiologo (ECHO, ECG), un terapista.

I veterinari faranno tutti i test necessari, condurranno test, un'ecografia della cavità addominale e prenderanno una macchia per la presenza di microflora per la ricerca. Un esame dettagliato rivelerà infezioni nascoste e latenti, malattie e anomalie congenite. Se necessario, vengono nominati ulteriori test diagnostici.

La castrazione non viene eseguita da un animale indebolito gravemente impoverito, e anche se il gatto è malato di infezioni virali, fungine e parassitarie. Se ci sono controindicazioni, l'operazione verrà eseguita solo dopo che lo stato è completamente normalizzato.

Inoltre, l'animale deve essere vaccinato, trattato per ecto-endoparassiti (vermi). Immunizzazione profilattica, antielmintici spendere non prima di 30-45 giorni prima della castrazione.

È importante! Se per qualsiasi ragione si rifiutano di vaccinare l'animale, è accettabile utilizzare sieri immunitari bioattivi. L'operazione viene eseguita in due o tre settimane.

Se i risultati del sondaggio sono positivi, puoi scegliere la data dell'operazione. Considera che dopo la castrazione, l'animale ha bisogno di monitoraggio costante e cura adeguata, specialmente nei primi due o tre giorni. Pertanto, scegli l'ora e il giorno in modo da essere sempre vicino all'animale. Pertanto, procedi dal tuo programma di lavoro.

Seguire tutte le raccomandazioni veterinarie riguardanti la preparazione della preparazione preoperatoria di un animale domestico. Con è necessario prendere pannolini impermeabili, salviette sterili monouso, vetparsport, coperta calda. Prenditi cura del trasporto o del cestino per il trasporto dell'animale dalla clinica.

Digiuno preoperatorio

La castrazione maschile viene eseguita in anestesia locale o generale. Affinché il gatto subisca meglio l'anestesia, l'animale deve essere trasferito completamente a una dieta da fame 12-14 ore prima dell'operazione. Non dovresti preoccuparti che il povero gatto morirà di fame o perderà molto peso. I gatti sono predatori e l'inedia di due o tre giorni corrisponde alla loro fisiologia. Una breve dieta a digiuno non danneggerà il tuo animale e lo aiuterà a sopportare meglio l'anestesia.

I farmaci che vengono utilizzati per l'anestesia generale e locale provocano nausea, vomito. Essendo incosciente dopo essere stato iniettato in un sonno narcotico, un animale ben nutrito può soffocare il vomito. Prima dell'operazione, controlla con il veterinario per quanto tempo non puoi nutrire l'animale.

Affinché il gatto possa sopportare uno sciopero della fame, il giorno prima dell'operazione ridurre gradualmente il volume delle porzioni. Dai al gatto solo la metà della solita quantità di cibo. In questo caso, l'acqua può essere data in quantità illimitate. L'ultima assunzione di acqua dovrebbe essere da tre a quattro ore prima della procedura chirurgica.

Come una bevanda che non puoi dare:

  • latte, kefir;
  • latticini liquidi, prodotti a base di latte fermentato (yogurt, siero di latte);
  • carne ricca di grassi, brodi di pesce.

Per svuotare l'intestino, puoi dare al gatto un lassativo o un clistere purificante.

Se la clinica fornisce cure post-operatorie, si consiglia di utilizzare questa offerta, soprattutto se si è ricorso all'anestesia generale. Un veterinario controllerà il gatto e, se necessario, fornirà assistenza tempestiva. In media, una degenza stazionaria dura da uno a tre giorni.

Come preparare un gatto per la sterilizzazione?

La sterilizzazione di un gatto è un'operazione che consiste nella rimozione delle ovaie e dell'utero. Poiché ciò richiede un intervento chirurgico, e quindi un'anestesia, ci sono alcune fasi nella preparazione del gatto alla sterilizzazione. Questo articolo è dedicato alla divulgazione della domanda su come e quando preparare un gatto per l'operazione imminente.

I requisiti di base per un animale, questo gatto deve essere completamente sano, è necessario trattare i vermi e vaccinare l'animale, per resistere ad una dieta affamata per 12 ore prima dell'intervento. Facciamo un caro lettore schematizzare i problemi che ora consideriamo:

  • Età della castrazione dei gatti
  • Prendersi cura di un gatto prima della sterilizzazione
  • Trattamento per i vermi
  • Gatto da vaccinazione
  • Diete da fame prima di sterilizzare i gatti

Cercheremo di chiarire in dettaglio tutte le domande riguardanti la preparazione del gatto per la sterilizzazione, ma se un lettore rispettato ha delle domande, può chiedere di seguito in un campo speciale o vedere le risposte sul nostro forum.

Video "Preparare i gatti per la sterilizzazione"

L'età ottimale di sterilizzazione dei gatti

La sterilizzazione precoce dei gatti può influire negativamente sulla salute del vostro animale domestico. Pertanto, è necessario rispettare l'età ottimale. Ci sono tre categorie di età quando è consentita un'operazione.

  1. Età precoce - la sterilizzazione dei gatti è consentita all'età di 6 mesi. In questo momento, il corpo produce già ormoni sessuali e il gatto inizia a chiedere al gatto. Tuttavia, non dovresti fare in fretta, dal momento che la sterilizzazione di un gatto a questa età inibirà la crescita e lo sviluppo differenziale dell'intero organismo, e il gatto potrebbe rimanere parzialmente sottosviluppato (nel senso fisiologico).
  2. L'età ottimale per la sterilizzazione dei gatti è di 10-12 mesi. A questa età, il corpo è completamente formato e la castrazione del gatto non avrà alcun effetto negativo sull'animale.
  3. Età tarda di sterilizzazione di gatti - l'operazione può esser effettuata perfino in gatti anziani. Tuttavia, è necessario chiarire se ci sono controindicazioni mediche alla sterilizzazione. Questo è il motivo per cui nei gatti di età superiore ai 5 anni, si raccomanda di sottoporsi a un ECG ed eseguire esami del sangue e delle urine prima dell'intervento chirurgico. Solo i gatti sani possono essere castrati.

Cura prima di sterilizzare il gatto

Spesso i proprietari di gatti affascinanti chiedono: "Come preparare un gatto per la sterilizzazione?". Prima di tutto: il gatto non dovrebbe essere malato, essere con un buon appetito, curato tempestivamente dai vermi e vaccinato.

Tuttavia, se hai dei dubbi sulla salute del gattino, ad esempio, ha iniziato a mangiare male, la lana si è opacizzata, va in bagno in modo irregolare o qualcos'altro, assicurati di contattare il veterinario per controllare la salute del tuo animale e consigliarti cosa fare dopo.

Trattamento per i vermi prima della sterilizzazione del gatto

In ogni clinica veterinaria, ti verrà raccomandato di trattare un gatto dai vermi ogni 3 mesi, ma almeno una volta ogni sei mesi. Il trattamento per i parassiti esterni, come i pidocchi, le pulci e le zecche, è più frequente e dipende dal farmaco che stai usando.

Immediatamente prima della sterilizzazione del gatto, si consiglia di eseguire un trattamento straordinario dai vermi, circa 10 giorni prima dell'operazione. Ma se il trattamento precedente era circa un mese fa, non è più necessario sverminare nuovamente.

Tra i farmaci più utilizzati e consigliati dai nostri veterinari, ci sono Milbemaks, Drontal, Cannikantel.

Vaccinazione di un gatto prima della sterilizzazione

L'animale deve essere necessariamente vaccinato, anche se stai per sterilizzare il gatto o no. Dopotutto, non gli animali vaccinati possono contrarre infezioni pericolose e gravi. Sterilizzare un gatto senza vaccinazione significa il rischio di infezione. Pertanto, fare attenzione in anticipo che il gatto è stato vaccinato. Dal momento dell'ultima vaccinazione, dovrebbe passare almeno un mese prima che il vostro animale domestico possa sottoporsi ad intervento chirurgico.

Tuttavia, ci sono casi in pratica quando i proprietari rifiutano, per qualsiasi motivo, quando si prepara un gatto per la sterilizzazione da vaccinare. In questo caso, accettiamo di condurre la castrazione del gatto, ma prima dell'intervento facciamo una iniezione speciale del siero, che sviluppa l'immunità per 14 giorni, che protegge l'animale dall'essere infettato da infezioni. Naturalmente, a causa di ciò, il prezzo della sterilizzazione di un gatto è in aumento, ma la sicurezza e la salute di un animale è soprattutto.

Diete da fame prima di sterilizzare i gatti

L'ultimo passo lasciato prima dell'operazione è di mantenere il gatto in una dieta da fame per 10-12 ore. Ciò significa che l'animale non dovrebbe essere nutrito affatto, anche se non si dovrebbe limitare il gatto nell'acqua.

Non preoccuparti che il tuo animale domestico soffrirà la fame. Il gatto appartiene ai carnivori e la mancanza di cibo per 1-2 giorni è facilmente tollerabile da loro, senza alcuna conseguenza della sterilizzazione dei gatti. Pertanto, in 12 ore, non succederà nulla al tuo gatto.

Ma cosa succede se il gatto viene nutrito prima della sterilizzazione? Va anche bene, tuttavia, durante l'anestesia, possono verificarsi impulsi emetici, che creeranno disagio per il vostro animale domestico.

Concludendo questo articolo, speriamo che il caro lettore abbia compreso e realizzato quanto sia importante preparare un gatto per la sterilizzazione. Se hai domande o vuoi sterilizzare un gatto a casa, chiamaci e uno dei nostri veterinari più importanti partirà per te.

È possibile nutrire un gatto prima della sterilizzazione: l'opinione dei veterinari

Praticamente ogni proprietario sa che dopo l'operazione di sterilizzazione, un animale domestico speciale ha bisogno di cure speciali. Ma non tutti sanno che preparare un gatto per questo evento dovrebbe essere corretto.

Preparazione per la sterilizzazione

Prima di decidere di sterilizzare il tuo animale domestico, dovresti chiedere al dottore i dettagli della preparazione.

Prima di condurre il gatto alla procedura di sterilizzazione, dovresti prima chiedere al veterinario come prepararlo.

Ci sono determinate condizioni per l'operazione e un risultato favorevole.

  1. La prima cosa da fare è sottoporsi a una visita medica completa. Dovresti mostrare il gatto al terapeuta, controllare le malattie nascoste o la presenza di processi cronici nel corpo.
  2. È necessario superare test: analisi generale e biochimica del sangue e delle urine.
  3. Per passare una macchia sulla definizione di microflora.
  4. È stato anche raccomandato di eseguire un esame ecografico della cavità addominale, per verificare il funzionamento del cuore mediante ECHO-gram.
  5. L'animale deve essere completamente sano. Tra le altre cose, l'età della scuola materna dovrebbe essere considerata. Non devi sterilizzare un gatto prima dei sei mesi di età.

Prima di operazione è necessario consegnare analisi.

Età e preparazione per la chirurgia

Tuttavia, anche a sei mesi di età c'è il rischio che tutti i processi nel corpo dell'animale rallentino nello sviluppo. Il proprietario deve riflettere attentamente prima di prendere una tale decisione.

L'età più adatta per la sterilizzazione è da dieci mesi a un anno. Il gatto è già completamente formato fisiologicamente e i rischi saranno minimi per il corpo. Attenta attentamente la decisione sulla sterilizzazione tardiva - cinque anni o più.

L'età adatta per la sterilizzazione va da 10 mesi a 1 anno.

L'evento non è controindicato in generale, ma in considerazione della solida età della femmina, è necessario tener conto delle malattie del passato, della ridotta immunità e di un organismo indebolito dalle malattie. Tra le altre cose, l'uso dell'anestesia per un gatto anziano sarà anche associato a un certo rischio.

Prima della sterilizzazione

Prima della sterilizzazione, è richiesto un trattamento non programmato di invasione elmintica. Si consiglia di eseguire questo trattamento dieci giorni prima dell'operazione prevista. Droghe raccomandate: milbemaks, drontal, kanikantel.

Dieci giorni prima della sterilizzazione, il gatto deve ricevere un farmaco anti-worm milbemax.

La disponibilità delle vaccinazioni richieste non dovrebbe nemmeno essere discussa. Il gatto dovrebbe essere vaccinato anche se il proprietario non ha intenzione di castrare la sua cara.

Inoltre, la disponibilità di vaccinazioni è un requisito obbligatorio di tutte le cliniche che si rispettano. L'operazione è programmata per una data, un mese dopo la vaccinazione. Se, per qualsiasi motivo, i proprietari rifiutano la vaccinazione, è possibile utilizzare un'iniezione di un siero speciale che produce immunità per due settimane, proteggendo così l'animale dal rischio di infezioni.

È possibile nutrire un gatto prima della sterilizzazione?

Per evitare il vomito durante l'intervento, il gatto deve essere tenuto a dieta per fame nelle ultime dodici ore prima della procedura.

Questo requisito non è fondamentale, tuttavia, vale la pena considerare il rischio che, in uno stato di incoscienza, un animale domestico possa semplicemente soffocare sul suo vomito. Inoltre, a stomaco vuoto, l'animale sarà più facile da trasferire l'anestesia e ridurre significativamente il carico sul cuore.

Tuttavia, non limitare il bere.

Non è necessario impedire a un gatto di bere acqua prima dell'intervento chirurgico.

  • L'acqua dovrebbe essere disponibile in quantità sufficiente.
  • È impossibile dare da bere latte o prodotti caseari - kefir, siero di latte.
  • Anche i liquidi di brodo sono inaccettabili.
  • L'ultima assunzione di acqua dovrebbe essere di tre ore prima della procedura.
  • Per i movimenti intestinali, si consiglia di somministrare vaselina all'animale domestico, la dose approssimativa è di un cucchiaio. L'olio dovrebbe essere somministrato ventiquattr'ore prima dell'evento.
  • Su raccomandazione del medico, è consentito l'uso di clisteri o lassativi detergenti.
  • Durante l'intervento, è possibile la minzione involontaria, quindi dovresti usare un pannolino impermeabile come una lettiera.

Immediatamente prima della sterilizzazione

Immediatamente prima della sterilizzazione, il medico deve nuovamente esaminare il paziente, ascoltare il battito cardiaco, misurare la temperatura corporea. Solo dopo aver ricevuto risultati soddisfacenti dell'ispezione, è opportuno riprendere la procedura.

Prima della sterilizzazione, il veterinario ascolta il battito cardiaco del gatto.

risultati

Assicurati di seguire le raccomandazioni del veterinario!

Dovrebbe seguire rigorosamente tutte le raccomandazioni del medico. La sterilizzazione è un'operazione a tutti gli effetti in violazione dell'integrità della pelle dell'animale e il mancato rispetto degli appuntamenti porterà a conseguenze e complicanze imprevedibili sotto forma di processi infiammatori e altri problemi.

Perché non dare da mangiare al gatto prima della castrazione?

Domani castreremo il nostro gatto di otto mesi. Il medico ha avvertito che alla vigilia non è stato nutrito. E perché?

L'animale non riceve più cibo 12-14 ore prima dell'operazione per rimuovere gli organi riproduttivi. Questa è una condizione importante per una procedura sicura. A rischio di stitichezza, agli animali viene somministrato un lassativo al giorno prima della castrazione. Lo stomaco del gatto deve essere vuoto durante l'intervento chirurgico, perché l'anestesia è più facilmente tollerata in questo modo. E dopo la cessazione della sua azione il gatto non vomita esattamente. E il gatto stesso subirà molte più interferenze a stomaco vuoto. Considerando che la sensibilità dei muscoli e degli sfinteri durante il periodo di anestesia è massimamente indebolita, il gatto può involontariamente svuotare gli intestini sul tavolo operatorio. Ecco perché è così importante tenerlo affamato per la procedura. Per quanto riguarda il bere, smettono di darlo all'animale 3-4 ore prima della manipolazione. Se lo desideri, puoi radere a casa la tua area di osservazione dell'animale domestico. Ma nella maggior parte dei casi, questo è fatto da un chirurgo veterinario.

I proprietari responsabili controllano sempre le loro cariche prima della castrazione. Nella clinica vengono eseguiti esami del sangue e delle urine e vengono eseguiti gli ultrasuoni per identificare patologie che possono essere controindicazioni alla procedura. L'animale deve essere esaminato da un medico, misura la temperatura e la frequenza cardiaca, valuta il lavoro dei polmoni e del cuore. Se diventa necessario, ad esempio, nei gatti anziani, viene prescritto un elettrocardiogramma.

Il giorno dell'intervento, un paziente in coda riceve un sedativo a casa in modo che non sia nervoso, non crea difficoltà per il medico. 2 settimane prima della procedura, si raccomanda che l'animale sia ingoiato per preparare il suo corpo per l'operazione.

La pratica dimostra che gli animali sani tollerano normalmente un intervento chirurgico di tale piano. Dopo 3-5 ore, iniziano a uscire dall'anestesia e, entro un giorno, viene ripristinata la sensibilità di tutti i tessuti, organi e muscoli. I punti guariscono in 4-5 giorni. Indossare coperte aiuta ad evitare complicazioni nella loro guarigione.

Preparare il gatto per la sterilizzazione

Sterilizzazione di un gatto - chirurgia addominale chirurgica per rimuovere l'utero e le ovaie. L'operazione imminente richiede che il proprietario prepari l'animale.

Per prevenire possibili complicazioni dopo la sterilizzazione del gatto, il proprietario dovrebbe trovare un chirurgo competente e preparare con cura l'animale per la procedura chirurgica. È importante dare al vostro animale sufficiente attenzione nel periodo postoperatorio, seguendo le raccomandazioni del veterinario.

Preparazione per la procedura di sterilizzazione del gatto

Per il successo dell'operazione imminente, il fattore principale è la buona salute dell'animale. La sterilizzazione avviene in anestesia generale. Per evitare conseguenze inaccettabili nel periodo postoperatorio, è necessario condurre un esame completo della salute del gatto.

La preparazione per la procedura operativa include:

  • una visita a un medico veterinario e cardiologo;
  • esame delle urine e del sangue;
  • analisi del sangue biochimica;
  • Ecografia addominale;
  • ecografia del cuore.

In base ai risultati degli esami, il medico prescrive un trattamento appropriato, se necessario, e seleziona un'anestesia appropriata allo stato di salute dell'animale. Se il gatto è sano, il proprietario determina il giorno della sterilizzazione. Dopo l'intervento chirurgico, è importante che l'animale sia sotto la supervisione di un familiare adulto per il primo giorno. La data dell'operazione deve essere pianificata in modo che sia possibile non lasciare l'animale incustodito.

Glistovanie

La sverminazione in condizioni normali viene effettuata almeno due volte l'anno. Prima della sterilizzazione, si consiglia di beccare un animale per 10 giorni. Ma se il disidratazione programmato non fosse avvenuto più di un mese fa, non è necessario rielaborarlo.

vaccinazioni

L'animale domestico deve essere vaccinato. Le vaccinazioni sono fatte per evitare l'infezione dell'animale con infezioni virali. Un mese prima dell'operazione pianificata, è necessario inoculare un gatto.

Cibo prima della sterilizzazione

Dovresti consultare un veterinario su come preparare correttamente l'animale per la procedura. Puoi nutrire il gatto prima della sterilizzazione. 12 ore prima della sterilizzazione dell'animale escludere il cibo. Per svuotare l'intestino, l'animale può essere dato un cucchiaio di olio di vaselina. Per una pulizia completa dell'intestino, puoi usare un lassativo o un clistere 24 ore prima dell'intervento, dopo aver consultato il medico.

In ogni caso, lo stomaco del gatto deve essere vuoto durante l'operazione e durante il periodo di risveglio dall'anestesia generale. Questo è necessario per prevenire l'asfissia al momento del vomito nell'animale durante l'anestesia. La procedura di trasporto dell'animale alla clinica veterinaria stessa può anche causare eccitazione stressante con nausea e vomito. È possibile innaffiare il gatto, ma 3 ore prima della procedura deve essere rimosso anche il contenitore con acqua.

Che cosa hai bisogno di portare con te

Prima dell'operazione pianificata, devi preparare e portare con te:

  • passaporto veterinario animale;
  • titolare del passaporto;
  • coperta postoperatoria (bendaggio);
  • salviettine umidificate e asciutte;

Trasporto di gatti

È necessario preparare un gatto per il trasporto in anticipo. Prepara un corriere in cui posare un asciugamano o una piccola coperta. Dopo l'anestesia, l'animale può essere ferito inconsciamente. È possibile distribuire un pannolino usa e getta, nel caso in cui l'animale in uno stato narcotico può essere descritto. Portare dovrebbe essere spazioso, perché l'animale dopo l'operazione non può essere accartocciato. Se il trasporto non è abbastanza grande, è possibile utilizzare un cesto o una borsa da viaggio di grandi dimensioni. Una coperta o un asciugamano di spugna dovrebbero essere usati per coprire l'animale se l'operazione si svolgerà in inverno.

Video sulla preparazione per l'operazione:

Il periodo dell'operazione

Il periodo operativo richiede da 20 a 40 minuti. Dipende dal processo di percezione dell'animale dell'anestesia animale. La fase preparatoria comprende un esame aggiuntivo dell'animale, la pesatura e la procedura per la somministrazione del farmaco.

Periodo postoperatorio

Dopo l'operazione, l'animale viene risvegliato, parzialmente risvegliato dall'anestesia. La reazione con il gatto potrebbe non corrispondere al comportamento abituale. Sulla base della conclusione di un medico, potrebbe essere necessario lasciare il gatto in ospedale per un giorno sotto la supervisione di specialisti. Se l'operazione ha avuto successo, devi mettere con cura l'animale nel corriere e portarlo a casa.

A casa, il gatto deve essere posizionato sul pavimento, ponendo qualcosa di morbido e caldo. Il pieno recupero dall'anestesia è un giorno.

Raccomandazioni e prescrizioni di un medico durante il periodo di riabilitazione devono essere seguite attentamente. Il proprietario deve seguire il primo giorno dopo l'intervento chirurgico:

  • comportamento del gatto;
  • la reazione del corpo durante il periodo di recupero dall'anestesia;
  • uso regolare del bagno;

Durante il periodo di recupero dall'anestesia, il gatto si alza barcollando sulle zampe, muovendosi lentamente, barcollando e schiantandosi contro qualsiasi ostacolo sul suo cammino. Il proprietario deve essere vicino per calmare l'animale.

Alimentazione dopo la sterilizzazione

Non è consigliabile dare da mangiare al gatto il primo giorno. Puoi bere dopo 3 ore. L'animale può rifiutarsi di bere. Per inumidire la mucosa orale, puoi dare una goccia d'acqua in bocca con una pipetta o un cucchiaino. Quando è fuori dall'anestesia, l'animale è malato e può vomitare. Secondo le raccomandazioni di uno specialista, questo è un evento comune in uno stato di dimissione dall'anestesia. Ma i riflessi del vomito non dovrebbero essere più di 3 nelle prime ore. Se il vomito continua, torna immediatamente in clinica.

Monitorare il proprietario del bagno è una delle raccomandazioni del medico. Il gatto dopo l'operazione deve andare in bagno. Altrimenti è richiesta una visita alla clinica.

Qualsiasi deviazione dal comportamento dell'animale domestico si consulta con un veterinario. E se necessario, contattare immediatamente la clinica.

Preparare il gatto per la sterilizzazione

La sterilizzazione del gatto è di rimuovere gli organi riproduttivi dell'animale - l'utero e le ovaie. Nonostante sia praticato in quasi tutte le cliniche veterinarie, è una chirurgia addominale completa che richiede l'anestesia. Per non danneggiare la salute dell'animale, richiede una preparazione competente per la sterilizzazione del gatto, sia dal proprietario che dal veterinario.

La fase più importante della preparazione è la valutazione della salute, la vaccinazione e l'assunzione di antielmintici. Inoltre, immediatamente prima della sterilizzazione del gatto, dovresti seguire una dieta da fame - non dovresti dar da mangiare all'animale 12 ore prima dell'operazione.

Condurre misure antieliminitiche

Qualsiasi veterinario qualificato ti dirà che prima della sterilizzazione è necessario rimuovere i vermi. Questo trattamento è auspicabile ogni 3 mesi, per gli animali domestici che mangiano cibo secco e non vanno al di fuori, ci possono essere fino a 4 mesi. La rimozione dei parassiti della pelle (zecche, pidocchi, ecc.) Viene di solito eseguita secondo necessità.

Quando si prevede di sterilizzare, in circa 10-12 giorni è necessario eseguire il trattamento dai vermi. Tuttavia, se l'hai fatto non più di un mese fa, puoi saltare questo passaggio: non è necessario riutilizzare l'antielmintico.

Analisi e vaccinazioni prima della sterilizzazione

Non importa se sei fortunato ad avere il tuo gatto sterilizzato o no, la vaccinazione è sempre necessaria. Indipendentemente dalle condizioni di sterilizzazione del gatto, se la vaccinazione non è stata effettuata, l'animale corre il rischio di essere infettato da molte infezioni pericolose che possono indebolirlo notevolmente. Per evitare questo, è necessario prendersi cura della vaccinazione in un giovane animale domestico.

Ma succede che i proprietari hanno saltato questa fase e hanno appreso della necessità di vaccinare direttamente al momento della preparazione del gatto per l'operazione di sterilizzazione. In questo caso, è necessario vaccinare immediatamente il gatto e l'operazione deve essere posticipata di un mese - devono passare almeno 30 giorni tra la vaccinazione.

Se non vuoi vaccinare il gatto con un pretesto, il veterinario ti consiglierà di fare un'iniezione che svilupperà l'immunità per 14 giorni. Questa precauzione aumenta significativamente il prezzo dell'operazione, ma non teme la contaminazione di un animale al momento dell'immunità indebolita dopo l'operazione.

Caratteristiche dieta

La preparazione di un gatto per un'operazione di sterilizzazione include anche un certo regime di alimentazione.

Una dieta affamata suggerisce l'assenza di cibo per 10-12 ore prima dell'intervento. Tuttavia, non limitare l'animale all'acqua. Per i carnivori, lo stato normale del corpo, anche nel modo di abbandonare il cibo per due giorni, quindi per 12 ore di dieta con il tuo gatto domestico, non accadrà nulla.

Tali misure sono prese per garantire che la partenza dall'anestesia fosse più facile. Se il gatto è stato nutrito, allora potrebbe avere impulsi emetici. Non c'è alcun pericolo in questo, ma se vuoi alleviare la condizione dell'animale dopo la sterilizzazione, non devi ancora nutrirlo.

Per gli animali più anziani con potenziali problemi di salute, è consigliabile effettuare un esame preliminare: verificare come funzionano i reni e il fegato. Sono questi organi a soffrire maggiormente di anestesia, e in presenza di patologie possono esserci problemi con l'uscita dall'anestesia. Inoltre, come prevenzione, è possibile effettuare un elettrocardiogramma, un'ecografia e una serie di altri studi, ma di norma non sono necessari. Il veterinario può consigliarli se ha dei sospetti o chiedere al proprietario di eliminare i rischi.

Quante ore non alimenta il gatto prima della castrazione / sterilizzazione?

12 ore prima che la castrazione del gatto non sia qualcosa che non può essere nutrito, non è raccomandato alimentare. Questo è fatto in modo che durante l'uscita dallo stato di anestesia il gatto non vomiti, cosa che spesso accade, e se lo stomaco è vuoto. A proposito, non lasciare che il gatto beva per 2-3 ore prima dell'intervento.

Quando abbiamo castrato i nostri gatti, non abbiamo detto nulla sulla restrizione del cibo. I medici sono venuti a casa nostra e letteralmente in dieci minuti hanno fatto il loro lavoro con i nostri due gatti. I gatti sperimentarono questa procedura normalmente, avevano più paura di essere temporaneamente incapaci di muoversi (erano trattenuti). E anche dopo, iniziarono a temere il suono di un citofono. E ora, se gli ospiti vengono da noi e chiamano l'interfono, non troverai gatti.

Prenditi cura di un gatto dopo la sterilizzazione: regole, caratteristiche, medicinali, consigli di esperti

Prendersi cura di un gatto dopo la sterilizzazione è una procedura di fondamentale importanza, poiché l'ulteriore stato dell'animale domestico dipende direttamente da esso. Molto spesso, i giovani individui tollerano facilmente una tale procedura, ma la non conformità con l'assistenza postoperatoria spesso porta a complicanze. Il gatto può sanguinare le cuciture, probabilmente peggiorando il benessere generale durante il ritiro dall'anestesia.

Prenditi cura del gatto nelle prime ore dopo l'intervento

Si consiglia di consultare preventivamente il proprio medico in merito alle regole di riabilitazione dopo l'intervento chirurgico, di seguire una dieta equilibrata e di familiarizzare con le azioni prioritarie in caso di complicanze.

Un'attenzione particolare dovrebbe essere prestata all'animale domestico per diverse ore dopo l'intervento. A casa, senza la supervisione di un medico, è severamente vietato lasciare il gatto da solo fino al momento della completa separazione dagli effetti dell'anestesia e il ritorno della possibilità di movimento senza assistenza.

Possiamo distinguere gli aspetti principali nella cura degli animali dopo la sterilizzazione:

  1. Scarico dall'ospedale. In alcune istituzioni mediche, il gatto, prima di tornare dal proprietario, viene portato fuori dallo stato di anestesia, in altri, al contrario, l'animale viene scaricato in uno stato di sonno narcotico. È importante chiarire al medico le regole per prendersi cura di un gatto a casa.
  2. Usando una piastra elettrica. In uno stato di anestesia, la temperatura corporea di un animale domestico diminuisce e un corpo indebolito diventa sensibile a improvvisi sbalzi di temperatura e correnti d'aria. Durante il trasporto del gatto a casa, è necessario posizionare una piastra riscaldante con acqua calda sul lato posteriore e osservare attentamente in modo che non scivoli verso il basso fino al sito della sutura, in quanto ciò può portare a sanguinamento.
  3. Processo di trasporto Prima di tutto, è necessario prendersi cura della presenza di una borsa con un fondo duro, in cui l'animale sarà consegnato a casa dopo l'operazione. L'animale deve essere posizionato sul tessuto di cotone sul lato destro e coperto con una coperta calda sulla parte superiore.
  4. Ritorna a casa. Il gatto dovrebbe essere spostato sul pavimento, precedentemente coperto con un panno caldo, lontano da correnti d'aria. È vietato posare il gatto su una collina - durante il ritiro dall'anestesia, potrebbe cadere e farsi male.
  5. Venendo alla vita. Fondamentalmente, l'animale si risveglia dopo l'anestesia tra le due e le otto ore. Per tutto questo tempo è necessario stare vicino all'animale domestico.

Mettiti in posa subito dopo l'operazione.

Durante l'operazione di anestesia, gli occhi del gatto rimangono aperti, quindi è importante assicurarsi che la cornea non si asciughi. Per fare questo, si consiglia ogni mezz'ora di chiudere delicatamente le palpebre dell'animale, massaggiarle e seppellire le gocce specializzate negli occhi.

In caso di astinenza prolungata dall'anestesia, gli esperti consigliano di massaggiare le zampe dell'animale - ciò migliorerà la circolazione del sangue nel corpo del gatto e impedirà la fuoriuscita degli arti.

Suggerimento: I medici non consigliano immediatamente di prendere la casa degli animali operata. Per ridurre al minimo il rischio di effetti avversi, dovresti lasciare il tuo animale domestico sotto la supervisione di medici qualificati per diversi giorni.

Monitoraggio delle condizioni dopo il ritiro dall'anestesia

Dopo il ritiro del gatto dall'anestesia generale, il proprietario deve seguire diverse regole:

  • non lasciare l'animale incustodito;
  • fornire le condizioni più confortevoli;
  • monitorare regolarmente i cambiamenti nel comportamento dell'animale domestico e lo stato delle cuciture.

I più problematici sono il primo giorno dopo l'intervento. Un animale domestico deve garantire il massimo riposo, non deve essere trasferito senza la necessità massima. È necessario assicurarsi che l'animale si trovi sul lato destro, riducendo così il carico sul cuore. La stanza dovrebbe essere calda. Dopo il risveglio dall'anestesia, devi dare al tuo animale una piccola quantità di liquido usando una pipetta.

Dopo l'anestesia, il gatto deve essere coperto, poiché la temperatura corporea diminuisce.

Si consiglia di posare uno speciale tovagliolo assorbente sulla superficie in cui l'animale giace. Quando si urina involontariamente, è necessario assicurarsi che l'animale non si lecchi da solo.

Ci sono una serie di sintomi che indicano che l'animale non ha tollerato molto bene gli effetti dei farmaci usati per l'anestesia:

  • gonfiore evidente del viso;
  • salivazione eccessiva;
  • zoppicare - indica un colpo iniettato nel muscolo;
  • prurito e eruzioni cutanee.

Se i sintomi di cui sopra non scompaiono per un lungo periodo, è necessario sottoporsi a un esame da parte di uno specialista qualificato.

Regole per l'alimentazione degli animali domestici

Gli esperti raccomandano che, in assenza di istruzioni da parte del singolo medico, somministrare la metà della normale alimentazione gestita all'asilo dopo 12 ore dal rientro dall'ospedale. Il cibo dovrebbe essere liquido e facile da digerire il più possibile. È necessario fornire al gatto l'accesso all'acqua pulita 24 ore su 24, e non dovresti costringerla a mangiare con la forza.

Il cibo per gatti dovrebbe essere ricco di calorie e facile da digerire.

Se l'animale domestico è abituato a mangiare cibo, dovresti ricevere un prodotto destinato a persone sterilizzate. Gli animali che preferiscono il cibo normale per reintegrare minerali e vitamine essenziali nel corpo, è necessario aumentare il volume di latticini, brodo di pollo e verdure bollite. Non è raccomandato cambiare drasticamente la dieta - è necessario passare gradualmente a una dieta equilibrata. Al fine di evitare l'obesità, la normale dieta giornaliera dovrebbe essere ridotta del 20%.

Attenzione! Spesso, dopo il primo pasto, un animale può vomitare - questa reazione è il risultato dell'anestesia ed è completamente eliminata in pochi giorni.

In caso di rifiuto totale del cibo per tre o più giorni, dovresti portare il tuo animale domestico preferito per un esame da un medico.

Condizioni comuni e suggerimenti per la cura

Durante l'intero periodo postoperatorio, è necessario assicurarsi che la sutura sia costantemente asciutta e pulita. I bordi non devono divergere di oltre 1 mm. La presenza di suppurazioni, lo sviluppo del processo infiammatorio e il sanguinamento sono un segnale importante per la ricerca di cure mediche.

In assenza di complicanze, la completa normalizzazione del corpo dell'animale si verifica in due settimane. La durata della guarigione della sutura dipende direttamente dalle caratteristiche individuali del corpo del gatto, dalle qualifiche del medico e dalla cura postoperatoria corretta - in media non occorrono più di dieci giorni.

I punti possono essere rimossi a casa.

Quando vengono usati per suturare i filamenti, che si dissolvono da soli e senza danno per il corpo dell'animale, la necessità della loro rimozione scompare. Nel caso dell'uso di materiali convenzionali, devono essere eliminati dal medico curante. Molto spesso, la sutura viene rimossa una settimana dopo la sterilizzazione.

I mezzi per il trattamento della sutura, se necessario, nomina un veterinario. Questa procedura deve essere eseguita pochi giorni dopo la sterilizzazione.

Gli esperti raccomandano l'uso dei seguenti farmaci:

  1. Clorexidina e diossidina È necessario applicare questa soluzione alla cucitura con una pipetta.
  2. Levomekol. È necessario elaborare giornalmente intorno alla ferita. Dopo il trattamento, si consiglia di applicare una benda.
  3. Spray - Alluminio, Chemi, Vetericina. Utilizzare una volta al giorno fino a completa guarigione.

Il trattamento non deve contenere alcol - può causare ustioni sulla pelle.

È importante! La principale responsabilità del proprietario durante il periodo di recupero è di impedire che l'animale rimuova lo strato protettivo, danneggiando i punti e pettinandogli lo stomaco prima di sanguinare. Ciò potrebbe causare infezioni e peggioramento del benessere del tuo animale.

Prima settimana di assistenza

Fino a quando i punti vengono rimossi, il gatto dovrebbe essere in una coperta.

Per la più rapida normalizzazione possibile delle condizioni del gatto, è necessario seguire una serie di regole per la cura di un animale domestico dopo l'operazione nella prima settimana:

  • Primo giorno Senza le raccomandazioni di un medico, è vietato dare dei mezzi per promuovere un recupero più rapido dall'anestesia. Animale domestico da non lasciare uno, dare l'acqua da una pipetta, forzatamente per non nutrirsi. In caso di dolore, deve essere somministrata un'iniezione di anestetico e sedativo coordinando il farmaco con un veterinario.
  • Secondo giorno Alimenta l'animale in piccole porzioni. Il bagno dovrebbe essere vicino - il gatto è ancora molto debole, non dovresti forzarlo a lavorare troppo. Monitorare l'appetito, il recupero delle funzioni motorie e la minzione. Se l'animale si rifiuta di camminare e per lungo tempo giace in un posto, si consiglia di invitare un veterinario per l'ispezione.
  • Terzo giorno In assenza di complicanze, la condizione dell'animale domestico è normalizzata. Puoi tornare alla tua dieta normale. Non dimenticare di ridurre il volume delle porzioni. Si raccomanda di misurare la temperatura corporea rettale. In caso di un aumento o di una forte diminuzione durante il giorno, è necessario contattare un veterinario. Se necessario, inizia a ricevere un ciclo di antibiotici prescritto da uno specialista.
  • Quarto giorno L'appetito è completamente stabilizzato, l'attività è aumentata, il lavoro del sistema urinogenitale e l'intestino è normalizzato. Altrimenti, devi portare l'animale dall'ospedale veterinario.
  • Quinto giorno Il gonfiore e il rossore attorno alla cucitura scompaiono, i segni di cicatrici diventano visibili. Un gatto può essere lasciato andare in giro per l'appartamento.
  • Il sesto e il settimo giorno. La condizione dell'animale è completamente normalizzata, non ci sono problemi con l'appetito, andare in bagno e andare a dormire, non ci sono dolori. Puoi andare dal medico per rimuovere i punti.

Nella prima settimana dopo l'operazione, i giochi attivi sono proibiti - questo aumenta significativamente il rischio di divergenza dei giunti o porta a infezioni della parte interessata del corpo.

Possibili complicazioni dopo l'intervento chirurgico e modi per prevenirle

Se il gatto sembra depresso, e i punti sono infiammati, allora è urgente andare in clinica.

È importante studiare attentamente i cambiamenti dopo l'intervento chirurgico durante i primi giorni. La presenza prolungata dei seguenti segni può indicare il verificarsi di complicanze:

  • comportamento depressivo e debolezza dichiarata e pronunciata;
  • grave rossore intorno alla cucitura, grave gonfiore;
  • sanguinamento da organi genitali esterni;
  • mancanza di appetito e rifiuto dell'acqua;
  • camminata incerta, brividi costanti;
  • aumento o diminuzione della temperatura corporea per un lungo periodo;
  • grave arrossamento delle mucose o, al contrario, eccessivo pallore;
  • vomito e diarrea.

Se si identifica la condizione descritta, è necessario visitare il medico appena possibile.

Suggerimento: Al fine di evitare il verificarsi di sintomi negativi, è necessario fornire un'assistenza di alta qualità per il gatto, seguendo tutte le istruzioni ricevute.

Cosa fare e cosa seguire per evitare

Non è auspicabile posizionare il gatto vicino alla batteria e ad altre fonti di calore.

Prima di tutto, è importante stare sempre vicino all'animale domestico durante i primi giorni dopo l'intervento, e se non si sente bene si dovrebbe consultare immediatamente un medico. Si raccomanda di monitorare regolarmente la pulizia e l'integrità della benda, nonché di seguire la dieta corretta.

Alla prima volta dopo la sterilizzazione, non è possibile lasciare il gatto alle batterie e rimuovere la coperta fino a quando le cuciture non sono completamente serrate. Inoltre, non è consigliabile lasciare cibo per un animale domestico per l'intera giornata.

E 'vietato fare il bagno all'animale per i primi dieci giorni dopo la sterilizzazione - l'acqua può far sì che la crosta protettiva si ammorbidisca e microrganismi dannosi penetrino nella ferita.

Suggerimenti per il veterinario

Al gatto è vietato fare salti e movimenti improvvisi dopo l'operazione.

Dovrebbe evidenziare il consiglio di base dei veterinari, aderendo al quale è possibile evitare la comparsa di complicazioni e accelerare significativamente il processo di ripristino del normale funzionamento del corpo del gatto:

  • diminuzione del carico sul cuore - durante i primi tre giorni è necessario monitorare regolarmente il gatto sul lato destro;
  • l'assenza di suoni acuti e luce intensa - il primo giorno devi dare al tuo animale il tempo massimo per riposare e dormire;
  • trattamento di sutura - pulire quotidianamente la zona interessata con un farmaco prescritto da un veterinario;
  • controllo della temperatura corporea - per prevenire la possibilità di complicazioni;
  • la preparazione di una dieta equilibrata - la formazione graduale di un gatto per mangiare cibi sani.

La sterilizzazione, con tutti i pro e contro, non è un'operazione difficile, tuttavia, in assenza di cure adeguate e ignorando i sintomi negativi, la condizione dell'animale può peggiorare significativamente. In caso di conformità con tutte le raccomandazioni, il gatto tornerà allo stato normale e si riprenderà completamente entro alcune settimane dopo l'operazione.

Il video racconta come prendersi cura di un gatto dopo un'operazione di sterilizzazione: