Suggerimenti per la cura di un gatto dopo la sterilizzazione

Salute

È possibile discutere a lungo sulla procedura di sterilizzazione dei gatti, per elencare tutti i vantaggi e gli svantaggi di questa operazione, ma se il proprietario di un animale domestico lanuginoso ha ancora deciso su questa misura, allora si dovrebbe assolutamente scoprire che cura per il gatto dopo la sterilizzazione.

Sterilizzazione o castrazione?

Prima di tutto, il proprietario dell'animale dovrebbe decidere cosa fare: sterilizzazione o castrazione. Queste due procedure sono diverse l'una dall'altra. Al primo - legano le ovaie o rimuovono l'utero, ma non toccano le ovaie. Con una tale operazione, l'estrusione continua, ma i gattini non possono essere. Il fondo ormonale dell'animale diventa successivamente instabile e la gravidanza è possibile anche in rari casi.

La castrazione è la rimozione sia dell'utero che delle ovaie. In questo caso, gli arresti di estrus e gli ormoni dopo tale operazione sono più stabili, poiché le ghiandole surrenali sono coinvolte nella produzione di ormoni.

Come è l'operazione?

Durante l'intervento, l'animale è in anestesia generale. La posizione della cucitura può variare. Può essere come un taglio sulla linea bianca dell'addome o un po 'annoiato sul lato. Nel primo caso, tale sutura viene eseguita se c'è infiammazione. Nel secondo - l'operazione viene eseguita con la castrazione iniziale, la seconda operazione è molto più semplice. In ogni caso, il sito dell'incisione deve essere costantemente elaborato.

Preparazione prima dell'intervento

È importante preparare correttamente l'animale per la sterilizzazione. Per questo è necessario:

  • esaminalo nella clinica: il veterinario deve assicurarsi che l'animale sia sano;
  • passare i test necessari;
  • dare all'animale il mezzo di pulci e vermi una settimana prima dell'operazione;
  • tagliare gli artigli del gatto in modo che dopo la sterilizzazione non possa ferire l'incisione;
  • Non dare da mangiare all'animale 10-12 ore prima dell'intervento.

Comportamento di un gatto dopo la sterilizzazione

Possono sorgere all'improvviso, strisciare in una direzione sconosciuta, barcollando allo stesso tempo. Il proprietario premuroso deve necessariamente letteralmente custodire il tesoro birichino. In questa posizione, l'animale può colpire o cadere. Affinché questo non accada, è necessario metterlo su una superficie piana solida. Si consiglia di limitare l'area della posizione del gatto. Ad esempio, puoi metterlo in una grande scatola, coprendo le pareti con un velo morbido o una coperta.

Prendersi cura degli animali nelle prime ore dopo la sterilizzazione

Considerare come prendersi cura di un gatto dopo la sterilizzazione. Non appena l'animale è stato operato, il proprietario deve circondarlo con cura e attenzione in modo che il periodo di recupero passi senza complicazioni. Nelle prime ore dopo la sterilizzazione, il gatto si allontana dall'anestesia. Osservare le condizioni dell'animale per evitare complicazioni. Ecco alcuni punti che possono essere allarmanti:

  • Se il gatto giace immobile per un lungo periodo e il naso e le gambe sono molto freddi, è necessario cambiare la temperatura (inserire un termometro nell'ano). Temperatura inferiore a 37 ℃ - una ragione per consultare un medico. Questo potrebbe essere l'ipotermia.
  • sanguinamento incessante per più di 10 ore dopo l'intervento chirurgico suggerisce che è probabile che vi sia un sanguinamento interno. Urgente bisogno di contattare una clinica veterinaria.
  • alta temperatura corporea dell'animale - più di 40 è anche un fattore anormale. Normalmente, un gatto può avere la febbre di circa 39 ℃ per 3 giorni, ma non di più.
  • gonfiore e infiammazione della sutura possono durare fino a 5 giorni. Se c'è qualcosa di simile per più di una settimana, devi mostrare l'animale al veterinario.

La cura postoperatoria per un gatto dopo la sterilizzazione è abbastanza fastidiosa per il proprietario. L'animale non controlla se stesso per un po 'di tempo, quindi è possibile la minzione involontaria. Questo è normale, quindi non sgridare il gatto. Il vomito è anche possibile. Anche questo non dovrebbe disturbare l'ospite. Ma se il vomito dura più di due giorni, questa è già una patologia.

Durante l'operazione, il gatto è con gli occhi aperti. Quando porti l'animale a casa, i suoi occhi sono ancora aperti. Per mantenere asciutta la membrana mucosa, è necessario seppellire una soluzione speciale.

Per non seccare gli occhi, anche quando sono instillati, è meglio chiuderli e aprirli con le dita almeno una volta ogni mezz'ora fino a quando l'animale lampeggia da solo.

Lo stesso vale per la bocca. Per evitare di seccarsi, devi periodicamente innaffiare il gatto con una pipetta. Questo dovrebbe essere fatto con attenzione, in modo che l'animale non soffochi. L'acqua ha bisogno di un bel po '- poche gocce. Ma devi annaffiare regolarmente, circa ogni ora.

Se il gatto vuole usare il bagno, allora è meglio aiutarla. Porta l'animale nel vassoio e appoggialo delicatamente con un asciugamano sotto la pancia. Il gatto è ancora molto debole dopo l'operazione, quindi sarà difficile per lei far fronte da sola.

Lo stato assonnato in cui l'animale non controlla le sue azioni e si precipita nello spazio può durare fino a 12 ore. Sonnolenza e mancanza di appetito possono persistere fino a 48 ore.

Alcune cliniche veterinarie possono offrire di lasciare un animale domestico soffice per il periodo di recupero in ospedale, dal momento che prendersi cura di un gatto durante i primi giorni dopo la sterilizzazione è molto importante e piuttosto laborioso. Ci sono pro e contro di tale offerta.

Vantaggi della sorveglianza stazionaria

In primo luogo, è conveniente nei periodi freddi invernali: non è necessario portare a casa l'animale subito dopo l'operazione, il gatto non si raffredda. In secondo luogo, se non c'è tempo libero o opportunità per prendersi cura di un animale, questa è un'alternativa eccellente. Tutte le attività di restauro saranno svolte da esperti esperti. Terzo, è esclusa la possibilità di danneggiare il gatto con cura impropria. Così proteggi il tuo amato animale da complicazioni e conseguenze indesiderabili. E infine, se un animale domestico lanuginoso ha problemi di salute, l'osservazione ospedaliera escluderà la patologia.

Svantaggi del ricovero ospedaliero

Gli svantaggi includono lo stress dell'animale, che cade in condizioni non familiari. Inoltre, il gatto può considerare il comportamento del proprietario come un tradimento, quindi, per ripristinare la fiducia con l'animale domestico non sarà facile. L'alto costo di tenere un animale in clinica può ferire a permettersi. E, naturalmente, non vi è alcuna garanzia che gli specialisti di coscienza lavorino in un istituto specializzato, che eseguirà le procedure necessarie in tempo e regolarmente e manterrà l'animale in condizioni confortevoli. Dopo tutto, solo un amorevole proprietario è in grado di fornire una buona cura per il gatto dopo la sterilizzazione.

Cura per il gatto durante il periodo di recupero

Ecco alcune regole importanti per la cura di una fusa pelosa dopo la sterilizzazione domestica.

  • Nei primi giorni dopo la sterilizzazione, è necessario limitare l'animale alle azioni attive, altrimenti le cuciture potrebbero disperdere. È meglio posizionare il gatto in uno spazio limitato, in una delle stanze in cui non vi è spazio particolare per il movimento. Pertanto, sarà possibile evitare complicazioni e reintervento.
  • La cura di una cucitura dopo la sterilizzazione del gatto è particolarmente importante. È necessario gestirlo correttamente. Il veterinario, scrivendo il gatto fa sempre raccomandazioni per la cura della cicatrice. Molto spesso, si consiglia di trattare la giuntura con un unguento speciale o clorexidina. Dopo 10 giorni, i punti possono essere rimossi. Recentemente, materiali autoassorbibili sono stati usati nelle cliniche. Questo è un grande vantaggio, in quanto in questo caso il gatto non subirà ulteriori stress durante la visita alla clinica veterinaria.
  • È imperativo condurre un ciclo di terapia antibiotica per evitare l'infezione o l'infiammazione delle cuciture. La medicina è prescritta da un veterinario.
  • Dopo l'operazione, la cara è vestita con una speciale benda - coperta. Viene rimosso solo al momento dell'elaborazione delle cuciture. Ciò salverà l'animale da leccare il sito dell'incisione e, naturalmente, dall'infortunio alle cuciture. Non puoi prendere una coperta neanche di notte. E dopo aver rimosso i punti, si consiglia di indossare una benda per altri 2-3 giorni. Quindi il processo di guarigione sarà più veloce. È meglio non lasciare il gatto da solo mentre indossa le coperte. Sulla benda ci sono dei nastri che lo fissano sul corpo dell'animale. C'è il pericolo che quando il gatto rimane a casa da solo, saltando, può afferrare la maniglia della porta o dell'armadio e rimanere bloccato. Le conseguenze possono essere disastrose.
  • Nutrire il gatto dovrebbe essere corretto per una pronta guarigione. Se il pet soffice ha mangiato solo cibo secco prima della procedura, allora è necessario aggiungere alla razione e cibo in scatola. Uno speciale mangime postoperatorio può essere offerto a un animale (è prodotto da vari produttori, ad esempio Royal Canin o Eukanuba). Successivamente, per circa un mese, devi trasferire il tuo animale domestico al cibo per gatti sterilizzati. Dopo il periodo di recupero, è preferibile limitare l'animale alle leccornie, poiché i gatti sterilizzati sono suscettibili all'obesità. I veterinari raccomandano una dieta rigorosa o una dieta ipocalorica.

Maggiori informazioni sulla sterilizzazione dei gatti

Dopo un po 'di tempo, il gatto sterilizzato potrebbe mostrare il desiderio di camminare. Questo è abbastanza naturale, poiché dopo l'operazione gli ormoni responsabili del desiderio sessuale vengono espulsi nell'animale. È severamente vietato dare gocce speciali durante questo periodo.

Se il proprietario si prende cura del gatto dopo la sterilizzazione a casa è corretto, allora il suo restauro dopo la sterilizzazione sarà facile e senza conseguenze indesiderabili.

Di norma, l'operazione in una clinica comprovata e affidabile in un veterinario esperto non causa complicanze. La cura adeguata dopo la sterilizzazione è molto importante - contribuirà a mantenere sano il gatto. Se qualcosa nel comportamento dell'animale ti disturberà o ti allarma, assicurati di contattare la clinica veterinaria.

Cat recovery dopo la sterilizzazione: durata del periodo, le azioni del proprietario

La sterilizzazione dei gatti oggi è considerata una tipica operazione eseguita in ogni clinica veterinaria. La probabilità di complicanze è piccola, l'animale ritorna rapidamente alla normalità. Nonostante ciò, il ripristino di un gatto dopo la sterilizzazione può essere un processo lungo e difficile. E molto in questa questione dipende dal proprietario...

Cosa determina il restauro del gatto dopo la sterilizzazione

  • Sterilizzazione "standard" della cavità. Allo stesso tempo, gli organi del sistema riproduttivo (cioè, l'utero e le ovaie) vengono rimossi dalla chirurgia addominale convenzionale. Per fare questo, il chirurgo deve fare un'incisione con una lunghezza di quattro centimetri o più, attraverso la quale rimuove successivamente "frattaglie" inutili. Per una tale procedura chirurgica, in ogni caso, è necessaria un'anestesia di alta qualità e potente. Non è sorprendente che il gatto lascerà il gatto per molto tempo e il periodo di riabilitazione sarà piuttosto lungo.
  • Sterilizzazione laparoscopica. È una versione molto "soft" del precedente tipo di decompressione. Il punto è usare un laparoscopio chirurgico. Innanzitutto, il veterinario esegue un'incisione minuscola, in genere, la cui lunghezza raggiunge raramente i cinque millimetri, dopodiché esegue un intervento addominale interno. Viene eseguito a spese dello stesso laparoscopio. Gli organi già tagliati si avvicinano al buco e si ritirano. A volte, con questo metodo di sterilizzazione, vengono utilizzati sedativi abbastanza leggeri in combinazione con anestesia locale di alta qualità. Tale anestesia è tollerata molto facilmente dalla maggior parte degli animali, il periodo di riabilitazione è molto breve.
  • Infine, vi è una sterilizzazione ormonale (cosiddetta "chimica"). La sua essenza è l'introduzione nel sangue di sostanze animali che sopprimono la funzione riproduttiva del gatto. Questo viene fatto usando una siringa convenzionale. Non è richiesto alcun intervento chirurgico, anestesia, rispettivamente. Come tale, manca il periodo di riabilitazione.

In considerazione di quanto precede, tutte le condizioni seguenti si applicano (in primo luogo) alla sterilizzazione classica dell'addome. Durante la laparoscopia, il gatto si riprende molto rapidamente, e quindi la maggior parte delle raccomandazioni sottostanti perdono la loro urgenza e rilevanza.

Quanti giorni richiede un recupero completo del gatto?

La risposta esatta a questa domanda è abbastanza difficile da dare. Quanti giorni questo processo richiede per un animale dipende da diversi fattori (e, naturalmente, dalla loro combinazione):

  • Età animale domestico Il più giovane, meglio è. Di conseguenza, i vecchi gatti si stanno allontanando dagli effetti dell'operazione per molto, molto più a lungo. Quindi, se il "giovane", anche dopo un intervento chirurgico addominale, si riprende completamente in circa 10-14 giorni, quindi per un gatto anziano questo periodo potrebbe allungarsi per un mese, o anche due. Inoltre, agli animali di età pari o superiore a sette non sarebbe consigliato di operare affatto (ciò non si applica ai casi di sterilizzazione per ragioni mediche), poiché gli svantaggi dell'operazione potrebbero superare i suoi vantaggi.
  • Lo stato fisiologico del gatto prima della sterilizzazione. Se un animale è fortemente indebolito (dopo una lunga e grave malattia, per esempio), può essere operato solo dopo il pieno recupero più due settimane da questo periodo. La riabilitazione aumenta di circa tre settimane.
  • Specifiche di potenza. Se prima dell'operazione l'animale veniva alimentato male, allora la durata del periodo di riabilitazione sarebbe significativamente più lunga di quella che avrebbe se i suoi proprietari avessero curato in anticipo una dieta equilibrata e di alta qualità. A volte questi gatti vengono ripristinati entro il mese.
  • Gatto di razza Gli animali genealogici sono un caso speciale. In primo luogo, i persiani e gli inglesi sono generalmente raccomandati per essere sterilizzati quando hanno almeno otto mesi, e idealmente non prima di un anno (il loro corpo matura lentamente). In secondo luogo, tali animali domestici dagli effetti dell'intervento chirurgico di solito lasciano per un periodo piuttosto lungo, circa due volte più lungo rispetto a quando si parla di gatti di razza. A volte - più di un mese. Non c'è niente a che fare con questo, questa sfumatura ha solo bisogno di essere ricordata.

È importante! Il completo restauro del gatto dopo la sterilizzazione non è un processo rapido, ed è scorretto parlare di recupero "completo" dell'animale "a occhio". Per ciascun animale, questo periodo varia, a volte in modo significativo.

Prendersi cura di un gatto durante il periodo di recupero

Migliore è la cura, più velocemente l'animale si allontana dagli effetti della chirurgia. Questa è la regola d'oro che deve essere sempre ricordata.

Dieta postoperatoria

L'alimentazione degli animali operati deve soddisfare i seguenti requisiti:

  • Se un animale ha alimentato il suo "abi ka" tutta la sua vita preoperatoria, cioè il cibo secco o in scatola più economico, è improbabile che abbia una buona salute. Il mangime deve contenere la quantità necessaria di macro e micronutrienti, vitamine e sostanze nutritive! Sembrerebbe che questa sia una verità immutabile e ovvia, ma molti proprietari dimenticano completamente questa circostanza. Dopo la sterilizzazione, il cibo deve essere bilanciato per questi componenti!
  • La cosa più importante è che entro tre settimane dal momento dell'operazione l'animale deve essere nutrito bene, ma... è necessario rendere gradualmente la dieta meno calorica. Che entro il terzo mese dal momento della sterilizzazione dovrebbe essere esattamente il 25% più basso di quello dei gatti "normali". La ragione è la prevenzione dell'obesità (senza le ovaie e l'utero, i costi energetici nel corpo di un animale si riducono di soli 1/4).
  • Per i primi tre giorni (soprattutto dopo la sterilizzazione addominale), si consiglia di utilizzare brodi saturi (pollo o manzo) per l'alimentazione. Basso contenuto di grassi! Già il secondo giorno è possibile aggiungere verdure e purè di carne (l'opzione ideale è la pappa).

Come prevenire la patologia postoperatoria

Per ridurre la probabilità di gravi malfunzionamenti, il proprietario deve:

  • La cosa più importante è che è necessario monitorare da vicino le condizioni del vivaio gestito. Se il proprietario è preoccupato di qualsiasi cosa (aspetto insolito, comportamento strano, debolezza dell'animale, febbre, ecc.), Deve chiamare immediatamente il veterinario.
  • La coperta chirurgica è un elemento strettamente obbligatorio del "gabinetto" del gatto nella prima settimana dopo la sterilizzazione addominale e almeno un paio di giorni dopo la laparoscopia. Chiude la sutura postoperatoria e impedisce che l'animale venga contaminato.
  • Se il personaggio del petit assomiglia sospettosamente a una scopa elettrica, ti consigliamo vivamente di indossare non solo un fondo nudo ma anche un collare chirurgico. Grazie a lui, l'animale non può certo schivare e tirare via i punti con i denti.

Riabilitazione del gatto dopo la sterilizzazione di giorno

Si noti che nei casi in cui l'operazione è andata più o meno in sicurezza, cioè nella modalità normale, è necessario prendersi cura del gatto solo per i primi giorni. Successivamente, devi solo occuparti del canile.

Primo giorno

Il periodo più responsabile e importante. In questo momento, qualcosa di speciale non è necessario, ma:

  • Circa due o tre ore dopo che il gatto lascia l'anestesia, il gatto ha bisogno di acqua. Dovrebbe essere dato da una siringa, non più di 10 ml alla volta. Quando l'animale sta bevendo, il proprietario deve vedere se ingerisce liquido. Se necessario, l'animale può essere aiutato massaggiandole leggermente la gola. Dopo 10-12 ore, è consigliabile mettere una ciotola d'acqua vicino al punto in cui il gatto si allontana dall'anestesia.
  • L'animale domestico deve essere collocato in una stanza separata, isolata da bambini e animali domestici.
  • È indispensabile monitorare la temperatura del corpo del gatto, per monitorare lo stato della giuntura. Se entro la fine del primo giorno si gonfia fortemente, diventa rosso e i tessuti circostanti si surriscaldano, è necessario contattare immediatamente un veterinario.
  • È necessario attentamente (!) Seguire se il gatto fa pipì. Se non c'è minzione nelle prime 20-24 ore, chiamare immediatamente il veterinario. Per evitare che l'animale si sovraccarichi, è necessario posizionare un vassoio vicino a esso.
  • Si consiglia di mettere immediatamente un asino chirurgico su un gatto.

Di norma, il periodo di recupero per questo periodo non richiede nient'altro. Se l'operazione ha esito positivo, in genere il gatto dormirà all'inizio.

Secondo giorno

Il secondo giorno, lo stato dell'animale è in qualche modo normale. La procedura è la seguente:

  • Poiché il gatto può essere molto debole, devi lasciare una ciotola di acqua potabile vicino al luogo dove dorme.
  • È possibile iniziare l'alimentazione attiva (non troppo, tuttavia, zelante). Ideale brodo di pollo ricco. Gli alimenti più densi non dovrebbero essere usati.
  • Almeno due volte al giorno, è necessario monitorare lo stato della sutura postoperatoria.
  • Almeno una volta al giorno, dovresti cambiare il cappuccio chirurgico in uno pulito.
  • Se il gatto ha iniziato a muoversi, assicurarsi di rimuovere dalla stanza sedie, comodini e altri arredi. Nel caso in cui l'animale li raggiunga, può cadere dallo stesso posto.

Terzo e quinto giorno

Durante questo periodo, le condizioni del gatto (specialmente dopo la sterilizzazione per via laparoscopica) sono quasi tornate alla normalità. Non è richiesto molto dal proprietario:

  • Continuano a nutrire il bestiame con brodo saturo, nel quale si allevano pappe di carne e verdure.
  • È richiesto il controllo della linea di giunzione, almeno due volte al giorno.
  • A partire dal terzo giorno, il gatto dovrebbe chiedere un movimento intestinale. Se non lo sono (soprattutto il quarto giorno), è necessaria la consultazione con un veterinario.
  • La coperta continua a cambiare man mano che si sporca, ma almeno una volta al giorno.

Il sesto e il settimo giorno

Questa volta (nella maggior parte dei casi) è caratterizzato da un ripristino quasi completo di tutte le funzioni del corpo. In modo che la riabilitazione di un gatto dopo la sterilizzazione di solito compia il suo corso, è richiesto un po 'dal proprietario:

  • Fornire cibo di alta qualità, equilibrato in micro e macroelementi, vitamine (cioè, dal sesto giorno il gatto può essere trasferito al cibo normale).
  • Solitamente la coperta viene rimossa, ma il controllo dello stato della linea continua.
  • Non è necessario consentire all'animale di giocare troppo attivamente, è meglio non lasciare che il gatto fuori in strada in questo momento.

Seconda settimana

Di solito circa 10-14 giorni dal momento della sterilizzazione rimuovono le cuciture. Non è necessaria alcuna ulteriore cura per il gatto. Il periodo di riabilitazione a quest'ora è quasi finito. È vero, il corpo dei "vecchi" richiede un po 'di più, ma si sentono anche bene nella seconda settimana.

Complicazioni dopo la sterilizzazione del gatto

In generale, le complicanze dopo un po 'di sterilizzazione eseguita in modo competente sono rare. Di regola, si trovano di fronte a violazioni gravi e grossolane delle regole asettiche e antisettiche.

Le conseguenze di tali operazioni includono:

  • Peritonite, cioè infiammazione del peritoneo. La peritonite fecale si verifica quando, nel corso dell'operazione, la membrana degli anelli intestinali è stata in qualche modo danneggiata. La patologia è estremamente difficile, molto spesso fatale.
  • Comportamento inadeguato In pratica, abbastanza spesso è necessario osservare come un gatto si comporta in modo strano dopo un'operazione (i primi tre giorni). Questo non si applica alle vere complicazioni, ma a volte (quando si usano droghe vecchie e molto "pesanti" per l'anestesia) il sistema nervoso di un animale ne soffre. Vi sono prove che, a seguito di premedicazione di scarsa qualità e anestesia primaria, il gatto possa persino sviluppare epilessia.
  • Sanguinamento interno Si verifica quando una legatura è stata applicata in modo errato sul moncone dell'utero o inizialmente era di scarsa qualità.
  • Infiammazione e suppurazione delle suture. Spesso né il veterinario né il proprietario sono responsabili. Il problema è nell'animale, che sta leccando e graffiando costantemente quest'area.
  • Discrepanza di una sutura postoperatoria. Estremità o sanguinamento o infiammazione purulenta o peritonite. Spesso - il risultato di auto-rimozione delle suture postoperatorie da parte del gatto.

Prenditi cura di un gatto dopo la sterilizzazione: regole, caratteristiche, medicinali, consigli di esperti

Prendersi cura di un gatto dopo la sterilizzazione è una procedura di fondamentale importanza, poiché l'ulteriore stato dell'animale domestico dipende direttamente da esso. Molto spesso, i giovani individui tollerano facilmente una tale procedura, ma la non conformità con l'assistenza postoperatoria spesso porta a complicanze. Il gatto può sanguinare le cuciture, probabilmente peggiorando il benessere generale durante il ritiro dall'anestesia.

Prenditi cura del gatto nelle prime ore dopo l'intervento

Si consiglia di consultare preventivamente il proprio medico in merito alle regole di riabilitazione dopo l'intervento chirurgico, di seguire una dieta equilibrata e di familiarizzare con le azioni prioritarie in caso di complicanze.

Un'attenzione particolare dovrebbe essere prestata all'animale domestico per diverse ore dopo l'intervento. A casa, senza la supervisione di un medico, è severamente vietato lasciare il gatto da solo fino al momento della completa separazione dagli effetti dell'anestesia e il ritorno della possibilità di movimento senza assistenza.

Possiamo distinguere gli aspetti principali nella cura degli animali dopo la sterilizzazione:

  1. Scarico dall'ospedale. In alcune istituzioni mediche, il gatto, prima di tornare dal proprietario, viene portato fuori dallo stato di anestesia, in altri, al contrario, l'animale viene scaricato in uno stato di sonno narcotico. È importante chiarire al medico le regole per prendersi cura di un gatto a casa.
  2. Usando una piastra elettrica. In uno stato di anestesia, la temperatura corporea di un animale domestico diminuisce e un corpo indebolito diventa sensibile a improvvisi sbalzi di temperatura e correnti d'aria. Durante il trasporto del gatto a casa, è necessario posizionare una piastra riscaldante con acqua calda sul lato posteriore e osservare attentamente in modo che non scivoli verso il basso fino al sito della sutura, in quanto ciò può portare a sanguinamento.
  3. Processo di trasporto Prima di tutto, è necessario prendersi cura della presenza di una borsa con un fondo duro, in cui l'animale sarà consegnato a casa dopo l'operazione. L'animale deve essere posizionato sul tessuto di cotone sul lato destro e coperto con una coperta calda sulla parte superiore.
  4. Ritorna a casa. Il gatto dovrebbe essere spostato sul pavimento, precedentemente coperto con un panno caldo, lontano da correnti d'aria. È vietato posare il gatto su una collina - durante il ritiro dall'anestesia, potrebbe cadere e farsi male.
  5. Venendo alla vita. Fondamentalmente, l'animale si risveglia dopo l'anestesia tra le due e le otto ore. Per tutto questo tempo è necessario stare vicino all'animale domestico.

Mettiti in posa subito dopo l'operazione.

Durante l'operazione di anestesia, gli occhi del gatto rimangono aperti, quindi è importante assicurarsi che la cornea non si asciughi. Per fare questo, si consiglia ogni mezz'ora di chiudere delicatamente le palpebre dell'animale, massaggiarle e seppellire le gocce specializzate negli occhi.

In caso di astinenza prolungata dall'anestesia, gli esperti consigliano di massaggiare le zampe dell'animale - ciò migliorerà la circolazione del sangue nel corpo del gatto e impedirà la fuoriuscita degli arti.

Suggerimento: I medici non consigliano immediatamente di prendere la casa degli animali operata. Per ridurre al minimo il rischio di effetti avversi, dovresti lasciare il tuo animale domestico sotto la supervisione di medici qualificati per diversi giorni.

Monitoraggio delle condizioni dopo il ritiro dall'anestesia

Dopo il ritiro del gatto dall'anestesia generale, il proprietario deve seguire diverse regole:

  • non lasciare l'animale incustodito;
  • fornire le condizioni più confortevoli;
  • monitorare regolarmente i cambiamenti nel comportamento dell'animale domestico e lo stato delle cuciture.

I più problematici sono il primo giorno dopo l'intervento. Un animale domestico deve garantire il massimo riposo, non deve essere trasferito senza la necessità massima. È necessario assicurarsi che l'animale si trovi sul lato destro, riducendo così il carico sul cuore. La stanza dovrebbe essere calda. Dopo il risveglio dall'anestesia, devi dare al tuo animale una piccola quantità di liquido usando una pipetta.

Dopo l'anestesia, il gatto deve essere coperto, poiché la temperatura corporea diminuisce.

Si consiglia di posare uno speciale tovagliolo assorbente sulla superficie in cui l'animale giace. Quando si urina involontariamente, è necessario assicurarsi che l'animale non si lecchi da solo.

Ci sono una serie di sintomi che indicano che l'animale non ha tollerato molto bene gli effetti dei farmaci usati per l'anestesia:

  • gonfiore evidente del viso;
  • salivazione eccessiva;
  • zoppicare - indica un colpo iniettato nel muscolo;
  • prurito e eruzioni cutanee.

Se i sintomi di cui sopra non scompaiono per un lungo periodo, è necessario sottoporsi a un esame da parte di uno specialista qualificato.

Regole per l'alimentazione degli animali domestici

Gli esperti raccomandano che, in assenza di istruzioni da parte del singolo medico, somministrare la metà della normale alimentazione gestita all'asilo dopo 12 ore dal rientro dall'ospedale. Il cibo dovrebbe essere liquido e facile da digerire il più possibile. È necessario fornire al gatto l'accesso all'acqua pulita 24 ore su 24, e non dovresti costringerla a mangiare con la forza.

Il cibo per gatti dovrebbe essere ricco di calorie e facile da digerire.

Se l'animale domestico è abituato a mangiare cibo, dovresti ricevere un prodotto destinato a persone sterilizzate. Gli animali che preferiscono il cibo normale per reintegrare minerali e vitamine essenziali nel corpo, è necessario aumentare il volume di latticini, brodo di pollo e verdure bollite. Non è raccomandato cambiare drasticamente la dieta - è necessario passare gradualmente a una dieta equilibrata. Al fine di evitare l'obesità, la normale dieta giornaliera dovrebbe essere ridotta del 20%.

Attenzione! Spesso, dopo il primo pasto, un animale può vomitare - questa reazione è il risultato dell'anestesia ed è completamente eliminata in pochi giorni.

In caso di rifiuto totale del cibo per tre o più giorni, dovresti portare il tuo animale domestico preferito per un esame da un medico.

Condizioni comuni e suggerimenti per la cura

Durante l'intero periodo postoperatorio, è necessario assicurarsi che la sutura sia costantemente asciutta e pulita. I bordi non devono divergere di oltre 1 mm. La presenza di suppurazioni, lo sviluppo del processo infiammatorio e il sanguinamento sono un segnale importante per la ricerca di cure mediche.

In assenza di complicanze, la completa normalizzazione del corpo dell'animale si verifica in due settimane. La durata della guarigione della sutura dipende direttamente dalle caratteristiche individuali del corpo del gatto, dalle qualifiche del medico e dalla cura postoperatoria corretta - in media non occorrono più di dieci giorni.

I punti possono essere rimossi a casa.

Quando vengono usati per suturare i filamenti, che si dissolvono da soli e senza danno per il corpo dell'animale, la necessità della loro rimozione scompare. Nel caso dell'uso di materiali convenzionali, devono essere eliminati dal medico curante. Molto spesso, la sutura viene rimossa una settimana dopo la sterilizzazione.

I mezzi per il trattamento della sutura, se necessario, nomina un veterinario. Questa procedura deve essere eseguita pochi giorni dopo la sterilizzazione.

Gli esperti raccomandano l'uso dei seguenti farmaci:

  1. Clorexidina e diossidina È necessario applicare questa soluzione alla cucitura con una pipetta.
  2. Levomekol. È necessario elaborare giornalmente intorno alla ferita. Dopo il trattamento, si consiglia di applicare una benda.
  3. Spray - Alluminio, Chemi, Vetericina. Utilizzare una volta al giorno fino a completa guarigione.

Il trattamento non deve contenere alcol - può causare ustioni sulla pelle.

È importante! La principale responsabilità del proprietario durante il periodo di recupero è di impedire che l'animale rimuova lo strato protettivo, danneggiando i punti e pettinandogli lo stomaco prima di sanguinare. Ciò potrebbe causare infezioni e peggioramento del benessere del tuo animale.

Prima settimana di assistenza

Fino a quando i punti vengono rimossi, il gatto dovrebbe essere in una coperta.

Per la più rapida normalizzazione possibile delle condizioni del gatto, è necessario seguire una serie di regole per la cura di un animale domestico dopo l'operazione nella prima settimana:

  • Primo giorno Senza le raccomandazioni di un medico, è vietato dare dei mezzi per promuovere un recupero più rapido dall'anestesia. Animale domestico da non lasciare uno, dare l'acqua da una pipetta, forzatamente per non nutrirsi. In caso di dolore, deve essere somministrata un'iniezione di anestetico e sedativo coordinando il farmaco con un veterinario.
  • Secondo giorno Alimenta l'animale in piccole porzioni. Il bagno dovrebbe essere vicino - il gatto è ancora molto debole, non dovresti forzarlo a lavorare troppo. Monitorare l'appetito, il recupero delle funzioni motorie e la minzione. Se l'animale si rifiuta di camminare e per lungo tempo giace in un posto, si consiglia di invitare un veterinario per l'ispezione.
  • Terzo giorno In assenza di complicanze, la condizione dell'animale domestico è normalizzata. Puoi tornare alla tua dieta normale. Non dimenticare di ridurre il volume delle porzioni. Si raccomanda di misurare la temperatura corporea rettale. In caso di un aumento o di una forte diminuzione durante il giorno, è necessario contattare un veterinario. Se necessario, inizia a ricevere un ciclo di antibiotici prescritto da uno specialista.
  • Quarto giorno L'appetito è completamente stabilizzato, l'attività è aumentata, il lavoro del sistema urinogenitale e l'intestino è normalizzato. Altrimenti, devi portare l'animale dall'ospedale veterinario.
  • Quinto giorno Il gonfiore e il rossore attorno alla cucitura scompaiono, i segni di cicatrici diventano visibili. Un gatto può essere lasciato andare in giro per l'appartamento.
  • Il sesto e il settimo giorno. La condizione dell'animale è completamente normalizzata, non ci sono problemi con l'appetito, andare in bagno e andare a dormire, non ci sono dolori. Puoi andare dal medico per rimuovere i punti.

Nella prima settimana dopo l'operazione, i giochi attivi sono proibiti - questo aumenta significativamente il rischio di divergenza dei giunti o porta a infezioni della parte interessata del corpo.

Possibili complicazioni dopo l'intervento chirurgico e modi per prevenirle

Se il gatto sembra depresso, e i punti sono infiammati, allora è urgente andare in clinica.

È importante studiare attentamente i cambiamenti dopo l'intervento chirurgico durante i primi giorni. La presenza prolungata dei seguenti segni può indicare il verificarsi di complicanze:

  • comportamento depressivo e debolezza dichiarata e pronunciata;
  • grave rossore intorno alla cucitura, grave gonfiore;
  • sanguinamento da organi genitali esterni;
  • mancanza di appetito e rifiuto dell'acqua;
  • camminata incerta, brividi costanti;
  • aumento o diminuzione della temperatura corporea per un lungo periodo;
  • grave arrossamento delle mucose o, al contrario, eccessivo pallore;
  • vomito e diarrea.

Se si identifica la condizione descritta, è necessario visitare il medico appena possibile.

Suggerimento: Al fine di evitare il verificarsi di sintomi negativi, è necessario fornire un'assistenza di alta qualità per il gatto, seguendo tutte le istruzioni ricevute.

Cosa fare e cosa seguire per evitare

Non è auspicabile posizionare il gatto vicino alla batteria e ad altre fonti di calore.

Prima di tutto, è importante stare sempre vicino all'animale domestico durante i primi giorni dopo l'intervento, e se non si sente bene si dovrebbe consultare immediatamente un medico. Si raccomanda di monitorare regolarmente la pulizia e l'integrità della benda, nonché di seguire la dieta corretta.

Alla prima volta dopo la sterilizzazione, non è possibile lasciare il gatto alle batterie e rimuovere la coperta fino a quando le cuciture non sono completamente serrate. Inoltre, non è consigliabile lasciare cibo per un animale domestico per l'intera giornata.

E 'vietato fare il bagno all'animale per i primi dieci giorni dopo la sterilizzazione - l'acqua può far sì che la crosta protettiva si ammorbidisca e microrganismi dannosi penetrino nella ferita.

Suggerimenti per il veterinario

Al gatto è vietato fare salti e movimenti improvvisi dopo l'operazione.

Dovrebbe evidenziare il consiglio di base dei veterinari, aderendo al quale è possibile evitare la comparsa di complicazioni e accelerare significativamente il processo di ripristino del normale funzionamento del corpo del gatto:

  • diminuzione del carico sul cuore - durante i primi tre giorni è necessario monitorare regolarmente il gatto sul lato destro;
  • l'assenza di suoni acuti e luce intensa - il primo giorno devi dare al tuo animale il tempo massimo per riposare e dormire;
  • trattamento di sutura - pulire quotidianamente la zona interessata con un farmaco prescritto da un veterinario;
  • controllo della temperatura corporea - per prevenire la possibilità di complicazioni;
  • la preparazione di una dieta equilibrata - la formazione graduale di un gatto per mangiare cibi sani.

La sterilizzazione, con tutti i pro e contro, non è un'operazione difficile, tuttavia, in assenza di cure adeguate e ignorando i sintomi negativi, la condizione dell'animale può peggiorare significativamente. In caso di conformità con tutte le raccomandazioni, il gatto tornerà allo stato normale e si riprenderà completamente entro alcune settimane dopo l'operazione.

Il video racconta come prendersi cura di un gatto dopo un'operazione di sterilizzazione:

Cura adeguata del gatto dopo l'operazione per sterilizzare

I proprietari di un soffice animale domestico, dopo aver scelto una soluzione chirurgica al problema della riproduzione, dovrebbero sapere come prendersi cura di un gatto dopo la sterilizzazione. Un approccio competente per mantenere l'animale dopo l'intervento ridurrà il periodo di riabilitazione, prevenendo lo sviluppo di complicanze postoperatorie.

Leggi in questo articolo.

Immediatamente dopo l'intervento chirurgico

Soprattutto con attenzione è necessario trattare l'animale operato nelle prime ore dopo manipolazione chirurgica. Alcune cliniche veterinarie praticano il ritiro della droga dal sonno narcotico e il gatto viene dato al proprietario nella fase di risveglio. Ma più spesso l'animale viene somministrato all'ospite in uno stato di sonno narcotico, fornendo raccomandazioni per la cura.

L'animale domestico trasportato dovrebbe essere trasportato in modo speciale. Il fondo deve coprire con tela cerata, mettere un panno pulito sulla parte superiore. Il gatto dovrebbe essere messo sul lato destro e coperto con una coperta o una coperta.

Nello stato di anestesia, l'animale rallenta il polso e la respirazione, la temperatura corporea diminuisce di diversi gradi. Il gatto diventa vulnerabile al freddo e alle correnti d'aria. Se l'operazione viene eseguita durante il periodo freddo della giornata, è necessario prestare attenzione a riscaldare l'animale durante il trasporto. Per fare questo, una bottiglia di acqua calda o una bottiglia di acqua calda, attaccato dal retro del gatto. È necessario assicurarsi che durante il movimento di un oggetto caldo non si muova nella direzione della ferita. Il calore in quest'area può causare sanguinamento.

All'arrivo a casa, l'animale domestico può essere lasciato nel corriere, se è spazioso, oppure può stendere una tela cerata e un tessuto sul pavimento. Non posizionare l'animale sul divano, sul letto e su altre altezze.

Quanto un gatto si allontana dall'anestesia dopo la sterilizzazione dipende da una serie di fattori: peso animale, dosaggio del farmaco, caratteristiche individuali, tipo di anestesia, ecc. In media, il risveglio avviene da 2 a 8 ore dopo l'intervento. Durante questo periodo, l'animale deve essere costantemente sorvegliato. Al risveglio dall'anestesia, il gatto fa movimenti inconsci, può saltare, cadere da un'altezza, farsi male. Il luogo scelto deve essere assolutamente sicuro.

Mentre l'animale è in un sogno narcotico, non può essere nutrito e innaffiato con la forza. Se il gatto sta dormendo per un lungo periodo, puoi massaggiare le zampe per far passare meglio l'afflusso di sangue.

Caratteristiche di alimentazione e manutenzione dopo l'intervento chirurgico

Dopo che l'animale si è completamente ritirato dall'anestesia, i movimenti diventeranno sicuri, è necessario dargli acqua e offrire da mangiare. L'acqua da questo punto dovrebbe essere liberamente disponibile costantemente. Puoi nutrire il gatto dopo la sterilizzazione quando ritorna l'appetito. Questo di solito si verifica il 2 ° giorno dopo l'intervento chirurgico. A volte un gatto può vomitare dopo la prima ricezione di cibo. Questi sono gli effetti dell'anestesia. Dopo 2 - 3 giorni dopo la sterilizzazione, la digestione viene normalizzata e l'appetito precedente ritorna all'animale.

Nel dare l'animale operato al proprietario, i veterinari non sempre prestano attenzione alla domanda su come nutrire un gatto sterilizzato nel periodo postoperatorio. Per nutrire il tuo animale domestico lanuginoso per la prima volta dopo la sterilizzazione dovrebbe essere presa molto attentamente. La dieta pre-fame, il periodo post-operatorio contribuisce all'atonia del sistema digestivo, può portare a un fenomeno indesiderabile - costipazione.

Al fine di prevenire l'indigestione, nei primi giorni dopo l'intervento il gatto dovrebbe essere trasferito a cibo specializzato per gli animali operati. Se l'animale domestico è stato tenuto su foraggio naturale, è necessario includere nella dieta prodotti lattiero-caseari fermentati, verdure bollite.

In molte cliniche veterinarie viene praticata la preparazione di coperte animali postoperatorie. Questo speciale dispositivo in tessuto e stringhe aiuta a prevenire la leccatura delle ferite e protegge dalla contaminazione. Quando rimuovere una coperta da un gatto dopo la sterilizzazione? Tutto dipende dalla velocità di guarigione della ferita e dal comportamento dell'animale. La maggior parte dei gatti sono indifferenti alla ferita di guarigione, hanno bisogno di una coperta nei primi 2 o 3 giorni. Ma alcune bellezze morbide mostrano un'attenzione eccessiva e si leccano costantemente. In questo caso, è meglio lasciare l'animale nel culo per 10 - 14 giorni, fino a completa guarigione e rimozione dei punti.

Cura della sutura postoperatoria

Durante il periodo di riabilitazione, il proprietario dell'animale domestico sterilizzato dovrebbe prestare molta attenzione alla cura della sutura chirurgica. Di norma, le raccomandazioni sulla questione di come gestire la cucitura dopo la sterilizzazione del gatto sono fornite dallo specialista veterinario che ha operato l'animale. In molte cliniche, il trattamento con sutura viene praticato immediatamente dopo l'operazione con alumospray e in questo caso non sono necessari ulteriori metodi.

Se è necessario un trattamento di sutura, si inizia nei giorni 2 o 3 dopo l'intervento. Per una rapida guarigione delle ferite, una soluzione di verde brillante (verde brillante), clorexidina, betadina, chemio-spray, perossido di idrogeno, pomata Levomikol è più spesso usata come antisettico. È meglio elaborare la cucitura con un assistente, quindi l'animale è meno stressato e la manipolazione viene eseguita con maggiore attenzione.

Nei primi giorni dopo l'intervento chirurgico, la presenza di gonfiore delle cuciture è accettabile, si tratta di una normale reazione tissutale a un trauma chirurgico. Si può osservare il rossore della cucitura e la pelle intorno avrà un aspetto lucido. Possibile allocazione di ichor (liquido limpido).

Quanto una sutura guarisce in un gatto dopo l'intervento chirurgico dipende da molti fattori: le qualifiche del chirurgo, le caratteristiche individuali della rigenerazione dell'animale, le cure postoperatorie competenti, ecc. In media, la guarigione completa avviene il 10 ° -12 ° giorno dopo l'operazione. Il 5 ° giorno durante l'elaborazione della cucitura, è necessario prestare attenzione alle sue condizioni. Dovrebbe essere asciutto, i suoi bordi non dovrebbero divergere di più di 1 mm.

Non tutte le cuciture esterne devono essere rimosse durante la sterilizzazione. Ci sono metodi per imporre una sutura speciale con materiale assorbibile. Il veterinario che ha operato l'animale ti dirà in dettaglio se e come rimuovere i punti dal gatto dopo la sterilizzazione in modo indipendente. Non c'è nulla di difficile in questa manipolazione. Devi conoscere il numero di punti, avere piccole forbici e pinzette. Gli strumenti devono essere disinfettati. Il filo con un nodo viene tirato via con una pinzetta e un filo viene tagliato con le forbici. E così tutte le cuciture vengono gradualmente rimosse. Se non è possibile rimuovere i punti da soli per qualsiasi motivo, l'opzione migliore è quella di farlo in una clinica veterinaria.

Quanto un gatto recupera dopo la sterilizzazione dipende da diversi fattori:

  • Operazione tempestiva Se è stato effettuato al momento raccomandato, l'animale non è andato in calore, non c'era né nascita né gravidanza, la rigenerazione dei tessuti si verifica rapidamente.
  • L'età dell'animale. Il funzionamento di un giovane individuo si distingue per una rapida riabilitazione rispetto alla sterilizzazione di un gatto maturo e anziano.
  • Qualifica del chirurgo. Chirurgia eseguita con competenza con traumi minimi ai tessuti, corretta imposizione delle legature, punti di postoperatorio accurati contribuiscono alla rapida granulazione e alla guarigione delle ferite.
  • Cura postoperatoria Attento rispetto delle raccomandazioni dello specialista veterinario, le azioni corrette per l'alimentazione, la conservazione, la cura della sutura postoperatoria riducono i tempi di recupero dell'animale.
  • Complicazioni nel periodo postoperatorio. Avere tutti i tipi di problemi di salute dopo la sterilizzazione aumenta significativamente i tempi di recupero del gatto.

Segni di complicanze postoperatorie

Sfortunatamente, non sempre la castrazione passa senza complicazioni. È importante valutare la condizione in tempo e adottare misure per prevenire gravi conseguenze per la salute. I seguenti sintomi dovrebbero avvisare il proprietario dell'animale operato:

  • sonnolenza, apatia, letargia di un gatto per 5 giorni dopo l'intervento;
  • temperatura superiore a 39, 50 C il 5 ° giorno dopo la sterilizzazione;
  • il gatto non mangia dopo la sterilizzazione per 4-5 giorni;
  • grave arrossamento, gonfiore, sanguinamento, gonfiore della sutura chirurgica dopo il 5 ° giorno dal momento della manipolazione chirurgica;
  • la sindrome del dolore può essere la ragione per cui un gatto sterilizzato urla.
Il divario si chiude il 5 ° giorno dopo l'intervento

La presenza dei sintomi sopra dovrebbe essere una ragione per il trattamento immediato a uno specialista veterinario.

Comportamento di un gatto dopo la sterilizzazione

Non tutti i proprietari di animali domestici sanno come si comporta un gatto dopo la sterilizzazione. Molte persone credono erroneamente che l'operazione porterà all'apatia, all'obesità. Non c'è dubbio che l'operazione abbia un effetto positivo sulla salute negli anni successivi della vita e sul comportamento sessuale di un animale domestico peloso.

Dopo 1 - 2 mesi dopo l'intervento, lo sfondo ormonale raggiunge uno stato ottimale, il livello degli ormoni sessuali diminuisce e rimane costante a un livello basso. Da questo momento il proprietario inizia a notare cambiamenti nel comportamento dell'animale. Il gatto diventa affettuoso, presta più attenzione alla comunicazione con la famiglia, meno isolata.

L'animale non è più tormentato dagli istinti sessuali, si concentra sulla persona, con piacere partecipando a giochi attivi. Il gatto non è disturbato dai problemi della procreazione, dirige la sua energia verso gli istinti di caccia, i giochi con un uomo.

La sterilizzazione di un gatto si riferisce alle comuni operazioni veterinarie. L'assistenza veterinaria qualificata, l'assistenza postoperatoria competente a casa, l'implementazione delle raccomandazioni per il rispetto delle misure riabilitative, l'amore e la cura del proprietario restituiranno rapidamente un animale domestico birichino a una vita attiva.

Regole di legare l'animale. La cura postoperatoria per un animale comporta il trattamento dei punti.. Come prendersi cura di un gatto dopo la sterilizzazione.

Ogni proprietario responsabile di un animale domestico lanuginoso dovrebbe sapere come vengono sterilizzati i gatti.. Il rispetto delle regole di asepsi e antisepsi durante la manipolazione, l'assistenza competente per l'animale dopo l'operazione sarà ridotta a.

Igiene e cura Castrazione e sterilizzazione. Cani.. Stitichezza in un gatto dopo la sterilizzazione, cosa fare? Dare acqua in eccesso.

Prendersi cura di un gatto dopo la sterilizzazione di giorno: sutura, cosa è possibile, cosa è impossibile

L'operazione di sterilizzazione (castrazione) è solo metà della battaglia (vedi i tipi di sterilizzazione del gatto, a favore e contro). Il periodo più importante è il periodo postoperatorio, che ricade già sulle spalle del proprietario del gatto. Il veterinario che ha eseguito l'operazione deve necessariamente istruire su tutte le complessità della cura degli animali dopo l'anestesia, dire e mostrare come gestire i punti e cosa cercare quando si verificano situazioni anomale.

Raccomandazioni generali

Panno (benda)

La pancia dopo la sterilizzazione deve essere protetta con uno speciale panno (benda) con lacci sul retro. Il bendaggio protettivo viene indossato tutto il tempo fino alla rimozione dei punti e più altri due o due giorni in modo che il gatto non copra le piccole ferite dai fili.

Le coperte per gatti sono generalmente realizzate in tessuto di cotone naturale e non causano disagio fisico all'animale dopo l'intervento chirurgico. Ma a causa delle peculiarità della sensibilità tattile, un gatto può essere pigro per camminarci o avere un'andatura strana. Quando rimuovi la benda, tutto va a posto.

Devi stare attento che il gatto non si aggrappi a una coperta e non si blocchi mai.

occhi

Se i proprietari del gatto dopo l'operazione passano in uno stato di anestesia, il processo di ammicco per l'animale va a loro. I gatti sotto anestesia sono spesso con gli occhi aperti. Per non seccare la cornea, è necessario chiudere periodicamente gli occhi (lampeggiare) o far cadere lacrime artificiali o soluzione salina allo 0,9% sulla loro superficie.

Condizioni generali della casa

All'arrivo a casa, il gatto deve essere messo a fuoco (ad esempio, su una stufa calda) e su un letto morbido, dal momento che dopo l'anestesia, il processo di termoregolazione viene disturbato. È necessario posare sul pavimento in modo che nel processo di risveglio l'animale non cada da un'altezza. È necessario diffondere un pannolino ben assorbente, perché fino a quando il gatto non è in anestesia, il gatto non può controllare i bisogni fisiologici per lo svuotamento della vescica e del retto. Possono verificarsi brividi nel corpo (tremore comune) o vomito.

Appoggia il gatto sul lato destro per ridurre il carico sul cuore.

All'inizio, il gatto non può giocare attivamente, saltare, arrampicarsi sui mobili. Se la sterilizzazione è stata effettuata dopo il parto, e i gattini sono rimasti in casa, è necessario limitare la loro comunicazione per la prima volta. I cuccioli di 2-3 mesi possono succhiare un gatto per un lungo periodo, e questo è irto di ferite di una ferita postoperatoria. La sterilizzazione di un gatto infermieristico viene effettuata in caso di emergenza, perché possibili complicanze postoperatorie al seno.

  • Il primo giorno dopo l'operazione, il gatto deve andare in bagno: è importante non perdere la stasi nella minzione e i movimenti intestinali dopo l'anestesia.
  • I primi due giorni, potresti aver bisogno di sollievo dal dolore. A proposito del dolore, aumenta l'aggressività, l'apatia, il miagolio, il rifiuto del cibo, le pupille dilatate e la riluttanza a muoversi.
  • La terapia antibiotica non è richiesta se l'operazione è pianificata ed eseguita tenendo conto delle regole di asepsi e antisepsi.
  • I preparati vitaminici e gli agenti fortificanti sono prescritti solo ai gatti anziani e deboli che hanno avuto un intervento difficile.
  • In caso di necessità urgente (è stata rilevata una sutura del sangue o un'emorragia interna), può essere prescritta una terapia emostatica.

Fuori dall'anestesia

Tre tipi di anestesia sono comunemente usati. Dopo ogni tipo di anestesia, il gatto si sveglia in modo diverso.

  • Rilassanti muscolari + analgesici. La miscela più efficace usata più spesso. Lo svantaggio principale è un forte ritiro da tale anestesia: da 5-6 ore a un giorno.
  • Rilassante muscolare + anestesia epidurale. La miscela è leggermente tossica, il gatto tollera facilmente e esce rapidamente da tale anestesia (fino a 8 ore al massimo). Ma c'è un'alta probabilità di complicazioni se un'iniezione nello spazio epidurale viene eseguita in modo improprio - la piena sensibilità e l'attività fisica degli arti posteriori possono tornare fino a 2 giorni. Nel condurre tale anestesia, la qualifica e l'esperienza del chirurgo sono molto importanti.
  • Anestesia del gas (inalazione). Modo molto efficace e minimamente tossico, ma usato raramente a causa della mancanza di attrezzature speciali e miscele di sostanze per l'anestesia. Il gatto prende vita quasi non appena si spegne la macchina per l'anestesia.

Partendo dall'anestesia, il gatto non sarà in sé per un po ', la coordinazione sarà disturbata e il comportamento del gatto dopo la sterilizzazione potrebbe sembrare inadeguato. Ci sono tentativi di alzarsi, di correre da qualche parte, forse un miagolio, un chiaro fraintendimento di ciò che sta accadendo intorno. È importante impedire all'animale di rannicchiarsi nell'angolo molto buio, in modo da non avere difficoltà a estrarlo. Per qualche tempo il gatto potrebbe non rispondere al soprannome, camminare lentamente, esitante e sconcertante. La cosa principale è che il primo giorno l'animale domestico era sempre in vista!

Cibo e bevande

Il giorno dell'operazione, non è necessario dare da mangiare al gatto, basta annaffiarlo - non appena inizia ad alzarsi dopo essere uscito dall'anestesia. Nelle prime ore dopo il risveglio, è meglio farlo attraverso una siringa. Assicurati di controllare se l'animale fa movimenti di deglutizione, in modo da non strozzarsi.

Inizia a nutrire il secondo giorno di 1/3 della porzione normale. Il gatto dovrebbe già bere da solo. Il cibo dovrebbe essere facilmente digeribile e non untuoso. Il 3 ° giorno, il gatto dovrebbe iniziare a mostrare un interesse indipendente per il cibo, ad es. inizia a chiedere. Tutto il cibo deve essere equilibrato. Le porzioni aumentano gradualmente, ma non al massimo - i gatti sterilizzati devono essere protetti dall'obesità.

Ci sono casi in cui il gatto non mangia dopo la sterilizzazione per 2-3 giorni, ma solo bevande. Se la mancanza di appetito non è associata a nessun sintomo addizionale, questo fenomeno può essere considerato come una variante individuale della norma.

Trattamento e rimozione dei punti

Durante tutto il periodo postoperatorio, la sutura deve essere pulita e asciutta. Qualsiasi suppurazione, infiammazione o bagnata di sangue è un motivo per contattare un veterinario.

A seconda del tipo di operazione, i punti possono essere sull'addome lungo la linea bianca, sul lato o sotto forma di forature, se l'operazione è stata eseguita utilizzando un laparoscopio.

I punti vengono applicati allo strato muscolare e alla pelle (se sull'addome) o solo sulla pelle (quando l'incisione viene eseguita sul lato, i muscoli non vengono tagliati, ma spostati, e durante la laparoscopia vengono eseguite piccole perforazioni). Le cuciture interne sono sovrapposte con fili autoassorbibili, esterni - con filo chirurgico (deve essere rimosso nel tempo).

Fino a quando la sutura non viene rimossa, la ferita viene quotidianamente trattata con qualsiasi soluzione antisettica, ma senza alcol, in modo da non provocare ustioni cutanee. Si ritiene che le cuciture non debbano essere elaborate, ma per questo è necessario eliminare completamente la probabilità di contaminazione della cucitura. Per comodità, è meglio effettuare il trattamento insieme: una persona tiene il gatto in piedi su una superficie orizzontale, raccogliendo delicatamente sotto le zampe anteriori, il secondo - tira su la coperta ed elabora la cucitura.

Ci sono spray con i quali la sutura viene elaborata immediatamente dopo l'operazione, e poi una volta ogni parecchi giorni (ad esempio, Spray alluminio o Chemi Spray), e questo è quasi il 100% di garanzia che nessuna infezione possa penetrare nella ferita.

Nei 7-10 giorni, i punti vengono rimossi (dopo il dodicesimo giorno, i fili inizieranno già a crescere nella pelle). Questo può essere fatto in una clinica veterinaria o in modo indipendente.

Le cuciture sono realizzate in due modi: fiocco o continuo. Un punto di base consiste di diversi fili legati a nodi a distanze uguali. Basta tirare i fili incollati, separare il nodo dalla pelle, tagliare il cappio e tirare il filo. Se la cucitura è continua, un nodo viene tagliato da un lato, il fermaglio viene tagliato dall'altro, il filo si estende al centro e l'intero viene estratto.
Quando posso rimuovere la coperta del gatto? Un giorno con la rimozione della sutura, è permesso rimuovere la benda, ma se il gatto non lecca la ferita, o quando la ferita è già foltamente coperta di peli, che elimina l'irritazione della ferita con una lingua ruvida di gatto.

Scorta di droga

Antidolorifici:
  • Rimadyl (carprofen) - endovenosamente o ipodermicamente a una dose di 4 mg / kg (equivalente a 1 ml / 12,5 kg di peso) una volta al giorno;
  • Tolded (acido tolfenamico) - 4 mg / kg una volta al giorno, con assunzione orale;
  • Ketofen 1% (ketoprofen) - per via sottocutanea, intramuscolare o endovenosa alla dose di 2 mg / kg (o 0,2 ml / kg) una volta al giorno e non più di 3-4 giorni;
  • DX (meloxicam) - 0,1 mg sospensione / kg per via orale il primo giorno una volta, 0,05 mg / kg nel seguente.
Mezzi per la cucitura:
  • Clorexidina 0,05% (soluzione acquosa): innaffiare la sutura attraverso il dispensatore o il gocciolamento dall'alto con una pipetta fino alla guarigione;
  • Dioxidina 0,5% - usare in modo simile con Chlohexidine;
  • Vetericin-spray - 1-2 volte al giorno cospargere l'area della sutura prima di rimuovere;
  • Spray in alluminio - spruzzi sulla sutura ogni pochi giorni fino alla guarigione;
  • Chemi-spray - processare la sutura una volta al giorno fino alla guarigione;
  • unguento Levomekol - maneggiare la ferita una volta al giorno, è possibile sotto la benda.
antibiotici:
  • Sinulok (amoxicillina + acido clavulanico) - per via intramuscolare una volta al giorno alla dose di 0,5 ml / 10 kg per 3-5 giorni;
  • Amoxicillin il 15% - per via sottocutanea o intramuscolare 1 ml / kg (in termini di 15 mg / kg) una volta tra 5 giorni.
Farmaci protesici:
  • Gamavit - i primi 2-3 giorni alla dose di 0,5 ml / kg di peso corporeo, quindi fino a due settimane alla dose di 0,1 mg / kg.
Agenti emostatici:
  • Travmatin - per via intramuscolare o sottocutanea a 0,5-1 ml 2-5 volte al giorno;
  • Etamzilat - 0,1 ml / kg due volte al giorno.

Cura: prima settimana giorno dopo giorno

1 ° giorno

Dopo l'intervento, il gatto dorme per altri 30 minuti a 1-1,5 ore. Il primo giorno, la bestia è mezza addormentata, pigra. C'è una mancanza di coordinamento dei movimenti. Ci possono essere allucinazioni. Non somministrare farmaci che accelerano il rilascio di anestesia senza il consenso del veterinario! Il primo giorno devi essere vicino, accarezzare l'animale, tenerlo tra le mani, guardare. Quando si esce, è meglio lasciare il gatto in un piccolo spazio chiuso e sul pavimento per evitare la sua caduta e uscire in una direzione sconosciuta. Cibo e acqua non si mettono - nel primo giorno non è necessario nutrirsi affatto, è necessario far cadere l'acqua da una siringa o una pipetta.

Se non lampeggia, chiudere gli occhi del gatto da solo per evitare che la cornea si asciughi. Fatelo prima dell'inizio del battito di testa.

Il primo giorno, l'animale è disorientato - può scappare in una direzione sconosciuta, fermarsi bruscamente, riposare contro i muri, miagolare, cadere e addormentarsi, saltare, ecc. Non aver paura È meglio posizionare l'animale domestico in una stanza non di passaggio in modo che nessuno e niente la infastidiscano.
Forse minzione involontaria. Se il gatto va in bagno da solo, è possibile sostenerlo allungando un asciugamano su tutta la larghezza del corpo sotto lo stomaco per la stabilità e la stimolazione aggiuntiva dell'intestino.

C'è il vomito. Il primo segno di un desiderio emetico è l'eccessivo leccamento del viso. È impossibile fare il bagno fino a quando la cucitura non sarà guarita.

Se il gatto fa male - hai bisogno di un'iniezione anestetica, precedentemente prescritta da un veterinario.

2 ° giorno

Il gatto prende gradualmente vita e diventa più adeguato. Vicino ad esso puoi mettere l'acqua e iniziare un piccolo richiamo. Iniziare il cibo è preso da brodo di pollo magro o kefir con bifidobatteri. In nessun caso non sovralimentare e dare tutto il cibo in piccole porzioni. Nell'accesso libero e in abbondanza dovrebbe essere solo acqua! Anche se il gatto era solo cibo secco prima dell'operazione, non vale la pena iniziare con esso - è meglio sostituirlo con simili "bagnati".

Se l'animale si muove un po 'e le zampe sono fredde, è necessario strofinarle o mettere il gatto su una piastra riscaldante calda, rimuovendo tempestivamente quella raffreddata. Il secondo giorno, può nascondersi da occhi indiscreti: è necessario assicurarsi che l'animale sia sempre in vista. Se permesso di nascondersi, quindi in luoghi dove può essere facilmente raggiunto.

Il gabinetto del gatto dovrebbe essere da qualche parte nelle vicinanze in modo da non disturbare l'animale con una camminata non necessaria dopo l'operazione.

Se il gatto non cammina dopo la sterilizzazione, ci sono due ragioni: l'animale è a disagio in una benda o ci sono problemi con gli arti posteriori dopo l'anestesia (specialmente dopo l'anestesia epidurale). Il motivo esatto sarà determinato da un veterinario che può essere invitato a casa.

Continua a osservare il comportamento, l'appetito, la minzione, la defecazione (dovrebbe già apparire) e le condizioni generali.

Di solito il dolore passa il secondo giorno. Se ci sono ancora segni di disagio dovuti al dolore, viene somministrato o punito un anestetico.

3 ° giorno

Il 3 ° giorno, il gatto dovrebbe riprendersi completamente: mostrare attività e interesse per ciò che sta accadendo, andare in bagno nel suo vassoio e iniziare a chiedere del cibo. È possibile passare gradualmente a una dieta normale, ma il divieto di sovralimentazione rimane.

In questo giorno, è necessario misurare la temperatura corporea. La temperatura corporea viene misurata per via rettale (nel retto) con la punta di un termometro imbrattato con vaselina o una crema grassa. Se la temperatura viene aumentata di due misurazioni durante il giorno, è necessario contattare un veterinario - potrebbe essere necessario iniziare a prendere antibiotici. Il corso dovrà andare completamente, non importa in quale giorno la temperatura scenderà alla normalità.

Se la temperatura degli antibiotici non inizia a diminuire, devi portare il gatto da un veterinario o chiamarlo a casa - c'è il rischio che l'infezione sia virale, e questo è il rischio di morte dell'animale a causa della debolezza postoperatoria.

È anche un motivo per contattare il veterinario se la temperatura corporea è inferiore a 37,5 ° C.

Se non c'è defecazione, è possibile somministrare lievi lassativi a base di lattulosio (Lactusan, Duphalac). L'intestino dovrebbe essere svuotato regolarmente - è necessario tenerlo d'occhio, perché molto spesso, dopo l'anestesia, la peristalsi intestinale viene rallentata.

4 ° giorno

Entro il quarto giorno, l'animale dovrebbe mangiare e bere in modo attivo e indipendente, e dovrebbe esserci una minzione attiva e un movimento intestinale.

Se non c'è minzione, dovresti dare 1/5 di pillola no-shpy o 2-3 gocce di tintura di valeriana, diluita in un cucchiaino d'acqua. Dopo 15 minuti, effettuare un leggero massaggio dell'addome a livello della vescica. La minzione dovrebbe apparire. Se ancora non lo fai, il gatto deve essere portato nella clinica veterinaria per il cateterismo della vescica.

5 ° giorno

Entro il quinto giorno, il gatto può essere avviato per essere lasciato fuori dalla stanza chiusa, da allora a lei può essere concessa qualche attività - camminare per distanze relativamente lunghe (tra le stanze), può essere lasciata uscire a piedi nel cortile (sotto supervisione), se prima della sterilizzazione l'animale aveva accesso alla strada. Puoi saltare su superfici basse.

Entro il quinto giorno, il gonfiore e il rossore attorno alla cucitura dovrebbero ridursi, se c'erano segni. Ci dovrebbero essere segni di cicatrici.

Giorno 6 e 7

Il fatto che il gatto abbia avuto un'operazione ricorda solo una coperta (bendaggio) e la presenza di punti di sutura postoperatori. Entro la fine della settimana, l'animale dovrebbe essere pienamente attivo, mangiare con appetito, bere, quando vuole, dormire in qualsiasi posto scelto, saltare sul divano o sulle sedie (sul davanzale della finestra dal pavimento, naturalmente, è ancora difficile saltare).

Non c'è dolore Minzione e svuotamento delle viscere, come al solito. Con la normale resistenza del corpo il 7 ° giorno, puoi rimuovere i punti - al massimo 10.

La cucitura dopo la sterilizzazione del gatto deve essere pulita, asciutta, con segni di cicatrici strette, senza segni di infiammazione o suppurazione.

Probabili complicanze postoperatorie

Le complicazioni dopo l'intervento programmato sono estremamente rare e, nella maggior parte dei casi, dipendono dalle caratteristiche individuali di un particolare animale.

Principali complicanze postoperatorie:

  • Ipotermia post-anestetica protratta. Se per lungo tempo il gatto giace, non si muove, ha un freddo schiocco delle orecchie e delle zampe al tatto, è necessario controllare la temperatura corporea. A velocità inferiori a 37 ° C, è necessario mettere il gatto su una piastra riscaldante calda, coprire con qualsiasi pezzo di tessuto naturale e contattare un veterinario per la consultazione.
  • Sanguinamento intra-addominale. Quando si trovano tracce di sangue fresco nella zona della sutura o dalla vulva, con evidente tenerezza addominale e pelle pallida, il gatto deve essere portato immediatamente alla clinica veterinaria per fermare il possibile sanguinamento nella cavità addominale. Se il sanguinamento interno è confermato, viene eseguito un intervento ripetuto.
  • Ipertermia postoperatoria Con una temperatura corporea elevata superiore a 3 giorni (sopra i 39 ° C), è necessario consultare un veterinario o portare un gatto alla reception per un esame diretto da parte di uno specialista.
  • Rossore attorno alla giuntura e al suo gonfiore. Entro 3-5 giorni, è consentita una condizione di sutura simile, a condizione che non ci sia scarico dalla ferita. Dopo 5 giorni, arrossamento e gonfiore inizieranno a scomparire e scompariranno completamente al momento della rimozione delle suture.
  • Rottura della sutura postoperatoria. Se non si seguono le misure igieniche postoperatorie di un gatto, lo sporco può entrare nella cucitura, dalla quale inizierà a marcire. Assicurati di mostrare l'animale al dottore. Se i preparati prescritti per il trattamento locale non aiutano a eliminare questi segni, il medico dovrà rimuovere i punti, rimuovere la pelle danneggiata intorno alla ferita in anestesia e ri-cucire.
  • Una protuberanza sulla pancia nell'area della cucitura. Se una zona allargata viene rilevata ovunque intorno alla sutura, questo è un motivo per consultarsi con un veterinario. Ci sono due varianti di coni dopo la sterilizzazione: questo è edema postoperatorio, che può essere necessario aprire, o la diffusione del tessuto di granulazione (pelle "giovane"), che passerà da sola entro un mese o un anno e mezzo.

Cosa può, deve e non può

È necessario:

  • monitorare le condizioni della benda (bendaggio) - pulizia, integrità e comfort generale;
  • continuare a trattare il gatto da parassiti succhiatori di sangue, monitorare le condizioni delle orecchie e pianificare l'antielmintico. Indebolito dalla chirurgia, il corpo è scarsamente resistente ai parassiti interni ed esterni;
  • seguire la dieta, eliminare lo sviluppo della stitichezza e ridurre le porzioni di cibo rispetto a prima dell'operazione. Una maggiore alimentazione o alimentazione su richiesta può innescare lo sviluppo dell'obesità. I gatti sterilizzati dovrebbero consumare quasi un quarto di cibo in meno.

Puoi:

  • prendi delicatamente l'animale tra le braccia, raccogliendo sotto le zampe anteriori e posteriori, senza esercitare pressione sullo stomaco;
  • intraprendere brevi passeggiate sotto supervisione;
  • acqua quanto vuole il gatto;
  • nutrire con mangimi speciali per gatti sterilizzati.

Non puoi:

  • dare al gatto dopo l'operazione di crogiolarsi in batterie calde e riscaldatori;
  • prendere il gatto tra le braccia per un mese, sollevandolo solo dalle zampe anteriori;
  • spalmare le cuciture con qualsiasi sostanza contenente alcol (iodio, verde brillante, alcol cloramfenicolo, ecc.) - la probabilità di ustioni è elevata;
  • partire la mattina per un giorno intero (soprattutto in estate). Il cibo dovrebbe essere impostato per 15-20 minuti al mattino e lo stesso alla sera per escludere la possibilità di eccesso di cibo o avvelenamento da souring;
  • rimuovere la coperta fino a quando le suture sono completamente guarite;
  • gioca attivamente con il gatto con i suoi salti nelle prime due settimane.

La sterilizzazione (castrazione) non è un'operazione difficile, la complessità risiede nel periodo postoperatorio. Dopo l'intervento chirurgico, assicurati di ricevere consigli da un veterinario su come prendersi cura di un gatto e attenersi rigorosamente ad essi. Per qualsiasi situazione anomala, assicurarsi di consultare uno specialista.