Quali colori distinguono i gatti?

Formazione

In precedenza, cercando di determinare quali colori vedono i gatti, gli scienziati di tutto il mondo erano convinti che si trattasse di uno spettro in bianco e nero e di tutte le sfumature di grigio. Oggi non è provato che questi animali abbiano ancora una visione a colori. È molto diverso dall'umano nella gamma di sfumature, luminosità e contrasto.

Struttura dell'occhio

Perché sta succedendo questo? Un gatto ha una struttura degli occhi diversa. Esternamente, puoi vedere che gli occhi dell'animale sono molto grandi, sporgenti, con una pupilla enorme. Può restringere o espandersi, a seconda dell'intensità della luce. Ogni occhio ha molte cellule speciali chiamate fotorecettori.

Sono divisi in due tipi. Le aste sono responsabili della visione crepuscolare e dei coni per la sua nitidezza. Per questo motivo, il gatto distingue tra piccoli oggetti e colori diversi. L'occhio di ogni animale copre il 45 percento dell'immagine visibile.

Poiché il gatto è un cacciatore notturno, la sua visione è più adatta alle condizioni con un minimo di luce. Forse questo spiega l'imperfezione della visione dei colori. Nella luce fioca o crepuscolare, il gatto vede solo sfumature grigie, ma di tonalità diversa.

Il gatto ha una retina interessante, coperta dietro l'arazzo. La sostanza funziona come uno specchio - riflette la luce catturata su di esso. Di conseguenza, gli occhi del gatto iniziano a brillare. Può essere diverso: verde o rosso. Nel primo caso, tale luminescenza è osservata negli animali con gli occhi gialli, nel secondo - con quelli blu. Allo stesso tempo, lo spettro dei colori che vedono è lo stesso.

Quanti colori ci sono nella scala dei gatti?

Dal momento che il gatto è un cacciatore nato, i primi scienziati hanno supposto che lei vedesse solo sfumature di grigio. Ecco come vengono dipinti i roditori, che sono la preda principale. Tuttavia, ad oggi, ci sono stati molti studi che dimostrano che esiste una certa combinazione di colori che un gatto vede, distinguono i colori:

  • nero;
  • bianco;
  • grigio e tutte le sue sfumature;
  • colore giallo;
  • verde;
  • blu.

Per la visione a colori del mondo circostante sono responsabili recettori cellulari koloobochidnye situati nella retina. Poiché la luminosità delle immagini è notevolmente ridotta, il gatto può spesso confondere il bianco con il giallo e quasi il nero con l'arancione o il rosso.

Allo stesso tempo, è facile determinare il colore da 700 metri per un animale se l'oggetto dell'attenzione si muove lungo una superficie orizzontale. Quando un oggetto scorre verticalmente e lentamente, l'animale non solo non prenderà in considerazione il colore, ma potrebbe non vederlo affatto se è vicino o oltre i sei metri.

Si ritiene che il colore grigio gatto possa essere liberamente suddiviso in 24 tonalità. Meglio di tutti, l'animale percepisce sfumature "fredde". Dopo molte ricerche sulla determinazione dei colori nei gatti, è stato riscontrato che gli animali non percepiscono affatto alcuno dei colori.

Ad esempio, il gatto vede oggetti rossi come grigio, verde chiaro. Il colore giallo può essere preso per il bianco. L'illuminazione gioca un ruolo importante in questi errori. Con un buon gatto puoi persino distinguere il colore viola.

Quali colori e sfumature sono disponibili per l'aspetto del gatto?

Hanno una struttura peculiare degli occhi. Ti permette di esaminare in dettaglio il mouse che corre a pochi metri di distanza e sfoca completamente un'immagine lontana o troppo vicina. Gli animali vedono il mondo principalmente in bianco e nero.

Il gatto ha anche una visione a colori, come i cani. Tuttavia, l'immagine che vede in colori pastello. Alcuni gatti non distinguono affatto i colori (ad esempio, rosso). La maggior parte degli animali vede toni giallo-grigi con chiazze blu-verdastre.

Inaccessibile per il colore del gatto

Nonostante il fatto che i gatti distinguano i colori, c'è una caratteristica: alcune tonalità rimangono inaccessibili per loro. La domanda è "cosa"? Questi includono:

  • rosso;
  • marrone;
  • arancio;
  • combinazione colorata.

Anche se il gatto e distingue il verde, ma molto debole. L'erba necessaria, che viene spesso masticata dagli animali, li trova principalmente dall'odore. Il gatto di colore rosso può essere percepito come verde e il viola da prendere per il blu. Anche il resto delle variazioni con questi fiori animali non percepisce.

Caratterizza la percezione del colore

Per un gatto, la combinazione di colori in linea di principio non ha importanza. Le tinte animali non sono importanti e non sono necessarie. Per compensare la mancanza di luminosità e contrasto, viene data la natura del tatto e dell'olfatto, molto più in alto rispetto all'umano.

Nel buio, il gatto non distingue affatto alcun colore tranne grigio, bianco e nero. Durante il giorno percepiscono l'ambiente principalmente nello spettro giallo-blu. Non c'è differenza tra rosso, marrone e verde per gli animali. Di notte, il gatto è in grado di distinguere più di cento sfumature di grigio.

Concentrandosi sul colore che vedono i gatti, possono creare condizioni ancora più confortevoli a casa. Ad esempio, prendi alcuni accessori. È meglio comprare lenzuola e giocattoli in colori pastello, secondo la scala "autunnale". La scelta è meglio fermarsi su giallo limone, terracotta, blu.

Segreti del punto di vista dei gatti: come vedono questo mondo?

Rispetto ad altri animali, i gatti hanno le loro caratteristiche strutturali e la fisiologia degli organi della visione, che sono il risultato di adattamenti per la caccia al tramonto.

L'animale non apprezzerà i dati esterni della persona, non presterà attenzione al vestito luminoso. Ma il gatto può facilmente rintracciare e catturare il roditore e insegnare al proprietario. E alla domanda, quali colori distingue un gatto e in quali toni vede il mondo, gli scienziati non hanno ancora una risposta definitiva.

La struttura dell'organo visivo del gatto

La struttura degli occhi di un gatto e di una persona è per molti aspetti simile. Ma il predatore ha caratteristiche di cui ha bisogno per cacciare e rintracciare le prede con successo.

La dimensione dell'organo visivo del gatto in relazione alla dimensione del cranio è maggiore di quella degli umani e di altri animali domestici. Questa funzione consente a quattro zampe di guardare meglio in avanti e verso l'alto. Gli occhi di Cat sono spesso ovali, ma ci sono altre forme.

La forma a mandorla è caratteristica delle razze orientali, ad esempio per i gatti siamesi. I loro occhi sono leggermente inclinati. Rotondo trovato in razza persiana.

Una caratteristica distintiva della struttura a occhio di gatto è la presenza del cosiddetto "terzo secolo". Si chiama membrana lampeggiante ed è una sottile piega della congiuntiva, che si estende dall'angolo dell'occhio, situato più vicino al naso. La funzione del "terzo secolo": protezione dell'organo della vista da polvere, corpi estranei e essiccazione. Se guardi un gatto addormentato con gli occhi aperti, puoi trovare una membrana lampeggiante. In tutti gli altri casi, non dovrebbe essere visibile. La particolarità è dovuta all'adattamento alla caccia, quando devi guadare i rami degli alberi e degli arbusti, i tuoi occhi hanno bisogno di protezione aggiuntiva.

La maggior parte delle razze da compagnia non ha le ciglia. E se c'è, sono molto brevi e quasi invisibili.

Così come negli umani, la congiuntiva, la cornea e la sclera sono presenti nella composizione dell'occhio del gatto. La congiuntiva copre l'organo della vista all'esterno e produce un fluido mucoso e lacrimale per proteggerlo dall'asciugarsi. La cornea è la parte più convessa e uno dei media rifrangenti della luce. La sclera è un guscio proteico, è lo scheletro dell'organo della vista e la sua protezione.

Il prossimo guscio è chiamato arcobaleno o iride. Contiene cellule speciali - i melanociti, producono il pigmento melanina, da cui dipende il colore degli occhi. Sul guscio sono visibili le macchie di colore giallo, marrone, arancione, verde.

Nei gattini che hanno recentemente aperto gli occhi, sono sempre blu. Il pigmento che influenza il loro colore nei gatti inizia a svilupparsi solo dopo 6-7 settimane dall'apertura degli occhi.

Se ci sono molti melanociti nell'iride, gli occhi del gatto saranno verdi. Con un piccolo numero di loro - arancione. Se queste cellule non sono affatto presenti, rimarranno blu. Meno melanina prodotta dai melanociti, più luminosi saranno gli organi della visione. L'attività della sua produzione è determinata geneticamente. Il colore degli occhi è associato al colore del mantello e presenta limitazioni per una particolare razza. Burman ha il giallo-miele, l'orientale ha il verde, lo scozzese e il britannico è d'oro brillante, il thailandese ha gli occhi azzurri.

L'eterocromia è un fenomeno in cui ogni occhio di un gatto ha un colore diverso. Questa non è una patologia, anche se questo fenomeno si verifica spesso a causa di una malattia o di un infortunio. Se è pieno, il primo occhio sarà blu e il secondo, qualsiasi altro colore. Con eterocromia parziale, un organo della visione è colorato in due colori. Questa funzione è ereditata.

Un cerchio nero è visibile al centro dell'iride - questa è la pupilla. Ha una forma allungata verticalmente. In piena luce, si assottiglia per proteggere la retina sensibile dalla luce eccessiva. Nel buio, si espande. Le sue dimensioni variano a causa dei muscoli presenti nell'iride. Questo processo non è controllato dal gatto, cioè avviene inconsciamente, in contrasto con l'apertura e la chiusura degli occhi.

Nei gatti, la dilatazione della pupilla non si verifica solo in condizioni di scarsa illuminazione. Ci sono altre ragioni per questo fenomeno:

  • la necessità di orientarsi in un luogo scarsamente illuminato: l'espansione della pupilla espande l'accesso della luce fioca alla retina;
  • aumento dei livelli di alcuni ormoni: quando l'estrogeno aumenta il livello degli ormoni sessuali e durante lo stress, il gioco, la depressione - l'adrenalina; sotto la loro influenza l'allievo è in grado di espandersi;
  • situazione di caccia, quando il gatto ha bisogno di concentrarsi sull'obiettivo.

Dietro la pupilla c'è l'obiettivo. È trasparente e ha una forma sferica, simile a una lente. Questa è una parte importante del mezzo di rifrazione della luce dell'occhio. Grazie a lui, la luce si concentra sulla retina. Tiene l'obiettivo nella posizione corretta e cambia forma muscolare ciliare.

La retina o retina è la superficie su cui è focalizzata l'immagine. Consiste di cellule responsabili della conversione di fasci di luce in impulsi elettrici e di trasmetterle al cervello dell'animale attraverso il nervo ottico. I recettori sensibili alla luce sono chiamati in forma - bastoni e coni. Hanno diverse funzioni. I coni sono in grado di distinguere i colori, ma funzionano solo con una quantità sufficiente di luce. Le bacchette possono funzionare sia in luce buona che in luce scarsa, ma distinguono solo le sfumature di grigio e non sono in grado di riprodurre immagini nitide.

Nel centro del retro della retina c'è un solco chiamato fossa centrale. Ai suoi bordi sono concentrati il ​​gruppo principale di cellule fotosensibili, che è chiamato la macchia gialla.

Una caratteristica della struttura dell'organo visivo del gatto, che la distingue dagli umani, è la presenza dietro la retina di un altro strato, il cosiddetto "specchio" o una membrana riflettente. Si chiama tapetum lucidum, consiste di cellule appiattite e contiene un pigmento che è in grado di riflettere la luce sulla cornea. Lo zinco e la riboflavina agiscono come riflettori nella sua composizione. La presenza del tapetum fornisce l'effetto di "occhi luminosi".

Il gatto vede sempre con due occhi. Si trovano uno accanto all'altro e si trovano sullo stesso piano. I settori che il gatto vede dall'organo destro e sinistro della visione si sovrappongono. Le immagini che si formano nel cervello differiscono leggermente l'una dall'altra. Di conseguenza, l'animale vede il volume, cioè tridimensionale. Tale visione è chiamata binoculare. A causa di ciò, il gatto calcola accuratamente la lunghezza che deve essere superata per catturare la preda.

Visione binoculare in un gatto

Alcuni gatti siamesi hanno un gene difettoso e, di conseguenza, la loro visione diventa monoculare.

L'angolo di osservazione nei gatti è di 200 gradi, in animali con un muso allungato e occhi a mandorla (Abissino, Siamese) - 230 gradi. Questa funzione consente di rispondere rapidamente agli stimoli dal lato.

Preparandosi per un attacco alla vittima, il predatore deve girare la testa per cambiare l'angolo di campo e determinare con precisione la distanza dall'oggetto. La sua visione orizzontale è sviluppata, perché è più conveniente rintracciare la preda, che spesso corre lungo il terreno.
Se si prova a giocare con il gatto, lanciando l'oggetto su e giù, è improbabile che sia interessato al divertimento proposto. La luce dall'esterno entra nell'occhio e prima attraversa la cornea. Concentrandosi sulla sua superficie sferica, cade attraverso la pupilla sulla lente. Quando un animale guarda un oggetto, la lente assume una forma più convessa o si raddrizza grazie al muscolo ciliare. Ciò aiuta a preservare la chiarezza dell'oggetto a diverse distanze. I gatti non hanno muscoli che regolano la forma dell'obiettivo, ma è difficile per lei focalizzare lo sguardo su un oggetto vicino.

Se metti un gatto sotto il naso come regalo, non lo vedrà. In questi casi, l'olfatto e il tatto aiuteranno maggiormente l'animale.

I predatori domestici sono lungimiranti, cioè non distinguono gli oggetti nelle vicinanze. Da una distanza di 0,75-6 metri, il gatto vedrà chiaramente la sua vittima. È una tale lacuna che può facilmente essere superata con l'aiuto di un salto quando cerca la preda. La distanza maggiore a cui i gatti possono vedere bene è di 60 metri.

L'obiettivo, grazie a un cambiamento nella sua forma e posizione, raccoglie luce sulla retina dell'occhio in un punto. Attraverso l'impulso del nervo ottico da esso entra nel cervello dell'animale.

Se si confronta la percezione dell'immagine di un gatto e un uomo, allora il primo non si accorge dei dettagli e vede più sfocato delle persone.

I cuccioli appena nati sono ciechi. Durante una gravidanza relativamente breve, l'organo della visione nell'utero non si sviluppa fino alla fine. Pertanto, il tempo è necessario per la crescita finale dell'occhio. Gli occhi di un gattino appena aperti non sono completamente funzionanti. Entro 5-7 settimane "imparano" a elaborare e interpretare la luce.

C'è un'eccezione a questa regola: i gattini peterbald nascono con gli occhi aperti.

Contrariamente alla credenza popolare, i gatti non possono vedere nell'oscurità totale. I suoi baffi e peli speciali sul suo corpo - vibrisse - la aiutano a muoversi in queste condizioni. E in condizioni di luce molto scarsa, il gatto vede molte volte meglio degli umani e di altri animali domestici.

La pupilla si espande quando viene esposta alla luce. Più si attenua la luce, più la pupilla si espande, in modo che il suo numero massimo cada sulla retina. Con una quantità minima di luce, si espande a 18 millimetri! E poi il riflettore tapetum restituisce la luce in arrivo sulla cornea, e da essa colpisce di nuovo la retina. Di conseguenza, il gatto riceverà due volte più luce di quanto non sia nell'ambiente.

In effetti, gli occhi di gatto non brillano al buio, ma riflettono la luce in arrivo come uno specchio. Parte dei raggi vengono riportati indietro lungo la stessa traiettoria lungo la quale sono arrivati. Crea una sensazione di occhi di gatto che brilla di giallo o verde.

L'eccellente visione del crepuscolo del gatto è l'abilità unica di questo animale. Per una visione chiara e buona, un animale domestico ha bisogno di 6 volte meno luce del suo proprietario.

Per la percezione del colore del gatto, così come negli umani, ci sono i fotorecettori situati nella retina, che hanno l'aspetto di coni e bastoncelli. Nei coni sono pigmenti colorati. Una persona ne ha 3 - rosso, giallo e blu. Anche varietà di coni 3. Sono 3 colori con nome che sono componenti delle altre tonalità. Anche i gatti nei coni hanno pigmenti colorati, ma ce ne sono solo due: giallo e blu. La struttura della retina nel gatto è dominata da aste, il loro rapporto con i coni 25 a 1. Le barre sono responsabili per la visione di grigio e crepuscolo. Hanno solo un pigmento. Perché il gatto così bene distingue molte sfumature di grigio. Questa caratteristica si è formata in seguito all'adattamento alla caccia durante la notte. Sì, e i gatti sono catturati più spesso animali grigi.

I gatti sono in grado di distinguere fino a 25 varietà di grigio. L'uomo non può farlo.

Ma affermare che i predatori domestici non vedono altri toni è anche errato. La loro visione non è monocromatica, ma a colori. La capacità di distinguere le ombre è presente in tutti i felini. I gatti sono visti di più in colori pastello e non sono in grado di riconoscere chiaramente tutti i colori. È probabile che saranno visibili le tonalità marrone-grigio-blu. A causa delle caratteristiche della struttura della retina sopra descritta, il gatto praticamente non vede i toni rosso, viola, arancione. Il colore giallo è verde, quindi per il gatto saranno visibili le sfumature del giallo su uno sfondo verde. Il giallo è percepito come bianco. Violet contiene nella struttura blu. Tali oggetti saranno blu per loro. Ma al posto delle sfumature rosse e rosa, il gatto vedrà il nero o il grigio. Coni con pigmento rosso in questi animali no.

Il gatto vede l'immagine del mondo proprio come una persona si trova in una stanza poco illuminata, cioè in toni morbidi e inespressivi. Alcuni dettagli non sono percepiti. Così disposti dalla natura, i cacciatori notturni non hanno bisogno di queste sciocchezze. È più importante per i predatori rintracciare le prede al buio e non considerare le caratteristiche minori della situazione. Grazie alla sua capacità di distinguere i colori, un gatto cattura il movimento più degli animali con la visione in bianco e nero. In alcuni casi non si accorgerà nemmeno di un oggetto fisso.

Alla periferia, l'immagine viene percepita dal gatto come più sfocata, i colori ci sono riconosciuti peggio.

Pertanto, la struttura degli organi visivi del gatto presenta una serie di importanti differenze dagli occhi degli umani e di altri animali, che è necessario per la caccia al tramonto e di notte.

Caratteristiche della struttura degli occhi di gatto:

  • vista panoramica;
  • tipo di visione binoculare;
  • chiara percezione degli oggetti in movimento;
  • buona capacità di vedere al buio;
  • un gran numero di sfumature di grigio distinguibili.

Attraverso gli occhi dei nostri animali domestici: quale visione di un gatto

Già da 10 mila anni, il gatto è l'animale domestico dell'uomo. Nonostante una così lunga conoscenza con le persone, i gatti rimangono creature misteriose, in cui vengono rivelate molte cose nuove. Nell'antichità, molte nazioni (e alcune anche ora) attribuivano ai gatti le abilità mistiche e la connessione con l'altro mondo. La possibilità della visione notturna e degli occhi luminosi nell'oscurità aumentava solo la fiducia in tali capacità. Tuttavia, se la domanda su quale visione nei gatti viene da un punto di vista scientifico, il mistico in questo sarà un po '.

Caratteristiche di vista

Gli occhi dei gatti hanno sempre attratto una persona con la loro bellezza e allievi insoliti. In relazione al corpo, la dimensione degli occhi dei gatti è il più grande di tutti i rappresentanti addomesticati del mondo animale. E molti erano interessati alle domande, è la visione di una persona diversa da quella dei gatti, come vedono?

Come negli umani, i bulbi oculari dei gatti sono diretti in avanti nello stesso piano e i loro settori di visione si sovrappongono. Questo rende possibile vedere un oggetto con due occhi. Questo tipo di vista è chiamato binoculare o stereoscopico. Grazie a questa funzione, i gatti stimano facilmente la distanza dagli oggetti del mondo e capiscono se si muovono o meno.

Un bulbo oculare felino ha una superficie più convessa rispetto a quella umana, quindi il loro campo visivo è più grande e si trova a circa 200 °, mentre negli esseri umani questa cifra è di 180 o C. A causa di ciò, i gatti hanno una visione laterale o periferica meglio sviluppata, che consente bravo a catturare il movimento di oggetti in queste aree.

Ma con la messa a fuoco e la visione in lontananza, i gatti hanno problemi. Il limite di visibilità chiara degli oggetti per un gatto sarà di circa 7 metri e il gatto non sarà in grado di rifocalizzarsi rapidamente su un altro oggetto. Inoltre, gli oggetti vicini che sono direttamente davanti agli occhi, il gatto vede anche indistintamente. Secondo questi parametri, la visione della persona vince - la distanza alla quale i dettagli sono chiaramente visibili è di circa 60 metri e la messa a fuoco è circa 3 volte più veloce.

Perché la percezione delle immagini è responsabile di due tipi di cellule: coni e bastoncelli. Contenuto nella retina delle aste 25 volte più dei coni. Questi bastoncini sono responsabili della visione in condizioni di scarsa illuminazione. Un'altra caratteristica che aiuta i gatti a vedere al buio è uno speciale strato di cellule: il tapetum. Quando la luce di un oggetto entra nell'occhio del gatto, crea un'immagine sulla retina e, riflessa dal tapetum, migliora questa immagine. Ecco perché per vedere nel buio gli animali a quattro zampe abbastanza anche il debole scintillio delle stelle.

Ma anche un perfetto sistema di visione di un gatto non aiuta a vederlo nella completa oscurità. Per questo è necessaria almeno una fonte di luce debole. Pertanto, questo mito è un errore.

Colore o bianco e nero?

Per molto tempo, le discussioni intorno alla domanda non sono diminuite, che tipo di visione nei gatti, a colori o in bianco e nero? E i sostenitori del fatto che i gatti hanno la visione in bianco e nero era la maggioranza. Ma oggi questa domanda può essere risolta in modo inequivocabile.

I fotorecettori sono responsabili della percezione dei colori - tutti gli stessi bastoncini e coni. I pigmenti di colore che danno la possibilità di vedere il mondo a colori sono concentrati nei coni e la responsabilità della visione crepuscolare (grigia). Il numero di pigmenti nei coni umani è tre: rosso, blu e giallo, che creano tutti i colori ricchi e tutti i tipi di sfumature di colori.

La presenza di pigmenti colorati è stata trovata anche nei coni dei gatti, tuttavia, ci sono solo due - blu e giallo. Pertanto, è sicuro dire che i gatti hanno una visione a colori, che è diversa dall'umano. I gatti distinguono le sfumature di blu, grigio, marrone, giallo, verde. Ma la parte viola-rossa dello spettro non è disponibile per loro, i cui colori diventano grigi e neri.

Il gatto vede l'immagine del mondo approssimativamente come una persona che è entrata in una stanza scarsamente illuminata - la combinazione di colori non è brillante e i contorni degli oggetti sono leggermente sfocati. Inoltre, per il gatto non è importante la percezione delle singole parti piccole. Il cacciatore notturno non è tenuto a considerare la situazione per distinguere la preda al buio e seguirne il movimento. A causa della differenza di alcuni colori, è più facile catturare il movimento degli oggetti, ma è improbabile che il gatto rivolga la sua attenzione agli oggetti fissi.

Riassumendo

Anche a causa del fatto che gli scienziati sono riusciti a stabilire approssimativamente che tipo di visione nei gatti, le persone possono solo indovinare cosa e come i gatti effettivamente vedono. Molti proprietari sottolineano che i loro animali domestici a volte iniziano a perseguire qualcosa di invisibile o improvvisamente mostrano aggressività in un luogo vuoto. Forse i quadrupedi percepiscono e sentono il mondo in modo più sottile dei loro proprietari.

Tuttavia, ci sono fatti ben precisi riguardo alla vista del gatto:

  • è stereoscopico o binoculare;
  • ha un ampio angolo di visione;
  • ti permette di vedere quasi nell'oscurità completa;
  • immagine leggermente sfocata;
  • più piccolo, che alla persona, scala di colori.

Tutti questi fatti rendono i nostri piccoli predatori cacciatori insuperabili di notte, anche se il posto dove andare a caccia è un normale appartamento. La capacità di navigare nell'oscurità e fare salti enormi e precisi nel tentativo di catturare gli attacchi di prede e sorprende una persona.

L'indipendenza, l'indipendenza e il comportamento misterioso dei gatti attirarono un uomo del millennio. Pertanto, nonostante alcuni inconvenienti, il gatto rimarrà l'animale domestico più amato e popolare al mondo.

Qual è la visione dei gatti?

La vista dei gatti è una cosa incredibile che la natura ha dotato questi animali per una ragione. Le caratteristiche della struttura dell'occhio sono direttamente correlate al luogo del gatto nel mondo esterno, perché il predatore deve essere in grado di catturare la preda, assicurandone la sopravvivenza.

Dopo un esperimento riuscito con gli elettrodi iniettati nel cervello di un animale, gli scienziati americani sono stati in grado di scoprire che tipo di vista hanno i gatti. Erano legati con i neuroni e decifrati i dati - i nostri animali domestici vedono il mondo nel suo insieme vagamente, tuttavia, gli oggetti individuali e i volti delle persone sono chiaramente distinti.

Come vedono i rappresentanti della famiglia dei gatti?

L'opinione che gli occhi del gatto siano in grado di distinguere solo le sfumature del bianco e del nero è confutata - l'animale percepisce il mondo esterno a colori, ma la sua gamma differisce nella sua ricchezza e riconoscibilità:

  1. Blu e verde sono più luminosi per un gatto.
  2. Rosso, arancione, viola e marrone sono attutiti.
  3. Le tonalità di grigio variano in un intervallo di 25 diverse tonalità.

Di notte, il gatto si orienta molto bene - è collegato alla struttura dell'alunno. Dal momento che è ristretto, un animale ha bisogno di 6 volte meno luce di una persona per navigare nello spazio.

Tuttavia, se l'oscurità è completa, l'animale non è in grado di vedere e usa la sua memoria, i baffi (prendendo le fluttuazioni dell'aria) e il profumo per il movimento riuscito. Questo è il motivo per cui il proprietario non può notare immediatamente che il gatto è cieco, anche se ha una perdita parziale della vista, si muove come prima.

La distanza massima alla quale i gatti sono generalmente in grado di distinguere gli oggetti è di 60 metri, e per un bersaglio mobile il marchio raggiunge anche 800 metri!

Meglio di tutti, cominciano a vedere quando l'oggetto è a 0,5 metri di distanza e l'animale discerne molto male di tutto ciò che cade nella zona dei "metri" di mezzo metro. Ciò è spiegato dalla lungimiranza, quindi se l'animale non ha notato la delicatezza proprio davanti al suo naso - puoi ringraziare la vista particolare.

Dal momento che il gatto deve cacciare nel suo habitat naturale, l'evoluzione lo ha dotato di una visione a colori stereoscopica. Quando si concentra su un oggetto specifico, consente di creare un'area di visualizzazione, sovrapponendo un'immagine a un'altra e formando un'immagine tridimensionale.

Grazie a questo, un animale può determinare la posizione del suo bersaglio nel modo più accurato possibile e redigere un piano d'azione per la cattura.

Caratteristiche della struttura dell'occhio

L'occhio del gatto è sotto molti aspetti simile nella struttura ad altri animali, ma nel processo di cambiamenti evolutivi riceverà caratteristiche caratteristiche.

L'organo consiste di 3 gusci:

  1. Fibroso. La sua parte principale sono le fibre che formano la cornea vitreale nella parte anteriore e la sclera opaca nella parte posteriore.
  2. Vascolare. Questo strato intermedio fornisce all'occhio nutrienti e sangue.
  3. Retina. È qui che si trovano le cellule che possono convertire la luce in segnali elettrochimici per la trasmissione al sistema nervoso.

La struttura dei fotorecettori è direttamente correlata al modo di vita notturno dei rappresentanti della famiglia felina:

  1. I bastoncini contengono 1 tipo di pigmento per una vista "incolore" al crepuscolo e al buio.
  2. Nei coni ci sono 2 pigmenti che sono responsabili della visione diurna, che nei gatti è più satura e luminosa.

Una parte importante dell'occhio del gatto - l'obiettivo, svolge la funzione di focalizzare la luce sulla retina.

A seconda delle sue condizioni, un animale domestico è in grado di utilizzare la sua visione in modo diverso:

  1. La lente raddrizzata ti consente di vedere oggetti distanti.
  2. Convex aiuta a concentrarsi sugli oggetti vicini.

L'iride del gattino cambia colore durante il periodo di crescita attiva dell'animale domestico (da 2 settimane a 1 anno). Dopo la nascita, gli occhi sono chiusi da un film confuso, che conferisce loro una sfumatura grigiastra. Nel tempo successivo, il colore diventa più pronunciato e può cambiare la sua saturazione a seconda dell'umore del gatto.

Organi ausiliari dell'occhio

La struttura dell'occhio del gatto non è limitata alla sola mela.

Ulteriori organi aiutano a pulire costantemente l'organo della vista e a proteggerlo da fattori esterni negativi:

  1. La palpebra si compone di tre parti: le membrane superiore, inferiore e lampeggiante. Insieme, bagnano la superficie del bulbo oculare, impedendole di seccarsi, nutrire e proteggere, diffondendo fluido sulla cornea.
  2. Le ciglia prevengono polvere e detriti microscopici.
  3. I dotti nell'angolo interno dell'occhio servono a drenare il liquido lacrimale.

Il liquido lacrimale svolge una funzione importante - a causa del contenuto di uno speciale enzima lisozima, ha un effetto antibatterico e previene lo sviluppo di infiammazione quando detriti e polvere si depositano sulla cornea.

Qual è la visione del gatto diversa dall'umano?

Le caratteristiche della struttura oculare del gatto associate al modo di vivere hanno lasciato un'impronta sulla specificità della visione, che è diversa dall'essere umano:

  1. La visione periferica di una persona è di 180 gradi e il gatto di 200 gradi.
  2. I bastoncini felini sono 8 volte più grandi degli umani, quindi vedono meglio in condizioni di scarsa illuminazione.
  3. La gamma di colori per una persona è molto più ampia.
  4. Il gatto si concentra meglio sugli oggetti in movimento.

In relazione alla forma allungata verticalmente della pupilla (è rotonda in un essere umano), l'animaletto lanuginoso è in grado di regolare il flusso luminoso che cade sulla retina. In condizioni di luce intensa, può assumere la forma di una fessura filiforme.

Come fanno i gatti a vedere il mondo?

Cosa vedono i gatti? L'artista Nikolai Lamm (Nickolay Lamm), che ha mostrato che aspetto avrebbe una città moderna su altri pianeti e avrebbe mostrato come sarebbero le persone in 100.000 anni, ha deciso di guardare il mondo attraverso gli occhi dei gatti.

Lamm si è consultato con oculisti e altri specialisti di gatti per creare un'immagine di come i gatti sembrano rispetto agli umani.

È così che le persone lo vedono rappresentato nell'immagine in alto, e come lo vedono i gatti - in basso.

Vista dei gatti

Ecco alcuni fatti che sono stati presi in considerazione.

Il campo visivo è l'area che percepiamo quando i nostri occhi sono focalizzati su un punto, compreso ciò che può essere visto di fronte, sopra, sotto e di lato. I gatti hanno un campo visivo più ampio, che è di 200 gradi, rispetto a 180 gradi nell'uomo.

Si riferisce alla chiarezza della visione. La persona media ha una nitidezza di 1,0. Allo stesso tempo, l'acuità visiva di un gatto può raggiungere anche 0,2-0,1. Ciò significa che il gatto deve trovarsi a una distanza di 6 metri per vedere ciò che una persona può vedere da 30 o 60 metri.

Uno dei malintesi più comuni è l'idea che i gatti non vedano i colori, ma solo le sfumature di grigio.

Le persone sono tricromati, cioè hanno tre tipi di coni che ci permettono di vedere rosso, verde e blu.

I gatti sono anche tricromatici, ma diversi dagli umani. La visione di un gatto è simile a quella di un daltonico. Vedono sfumature di blu e verde, ma il rosso potrebbe non essere chiaro e apparire verde, mentre il viola è simile alle sfumature del blu.

Inoltre, i gatti non vedono quella varietà di colori e la saturazione del colore, come gli umani.

I gatti sono miopi, cioè non vedono anche oggetti lontani. La capacità di vedere bene vicino è più adatta alla preda di caccia.

Come vedono i gatti al buio?

I gatti non vedono piccoli dettagli e colori saturi, ma sono 6-8 volte meglio visti al buio a causa del maggior numero di aste - come i fotorecettori nella retina, che sono sensibili alla luce soffusa.

Inoltre, i gatti dietro la retina hanno una struttura chiamata tapetum, che migliora la visione notturna. Le cellule del tapetum fungono da specchi, riflettendo la luce che passa tra le aste e i coni verso i fotorecettori, consentendo loro di catturare una piccola quantità di luce durante la notte. Ecco perché gli occhi del gatto brillano nell'oscurità.

La vista dei gatti: l'occhio vigile di un predatore notturno

Il più affascinante nell'aspetto del gatto - questo è probabilmente gli occhi. Misteriosi, espressivi nella loro immobilità, possono battere le palpebre beatamente e scrutare attentamente nello spazio, perforando l'oscurità. Niente e, cosa più importante, nessuno si allontanerà dall'occhio del gatto. La natura si è occupata di questo creando una delle sue creature più abili - il cacciatore notturno. Allora, qual è la visione del gatto? Cosa c'è di speciale? Parliamo di questo in modo più dettagliato.

Binoculare o monoculare?

Come la maggior parte dei predatori, e siamo con voi, gli occhi dei gatti sono vicini l'uno all'altro sulla fronte della testa. Ciò significa che l'animale ha una visione binoculare: le "immagini" visibili dall'occhio destro e sinistro si sovrappongono e ciò consente di determinare con precisione la distanza dall'oggetto, la sua forma e dimensione.

Il campo visivo degli occhi di gatto può variare a seconda della razza e raggiunge 210 ° - circa 120 ° gatto vede visione binoculare, e più di 40 ° su ciascun lato - monoculare laterale.

La natura ha regolato l'ottica del gatto in modo tale da ottenere la massima nitidezza di messa a fuoco da 1 a 6 metri, proprio come è necessario per un salto rapido. Quindi i gatti sono lungimiranti, e l'oggetto che è proprio sotto il loro naso non può essere esaminato e si sentono con le vibrisse, facendo affidamento su sensazioni tattili. Vale la pena prendere in considerazione quando si gioca con un gatto - tenere il giocattolo a una certa distanza.

I gatti hanno gli occhi più grandi in termini di dimensioni del corpo tra tutti gli animali domestici. Se gli occhi umani avessero le stesse dimensioni in relazione al corpo come in un gatto, allora raggiungerebbero i 20 centimetri di diametro.

Qual è la visione dei gatti nell'oscurità?

La proprietà più sorprendente della visione di un gatto è la capacità di vedere al buio. E tutto grazie a uno strato speciale, il tapetum, situato dietro la retina. Lui, come uno specchio, riflette la luce che è passata attraverso la retina e offre al gatto l'opportunità di vedere quando quasi nulla è visibile.

Tapetum crea anche l'effetto degli occhi dell'animale che bruciano nell'oscurità, e questo strato ha la sua pigmentazione, e quindi il colore del "fuoco" può variare dal giallo al verde, meno spesso ci sono altre tonalità, ad esempio, nei gatti siamesi gli occhi sono cremisi "demoniaca".

La visione crepuscolare di un gatto è 7 volte più nitida di un umano. Oltre al tapetum, questo contribuisce anche alla straordinaria caratteristica delle pupille dell'animale di espandersi di 4-5 volte rispetto alle dimensioni medie e di raggiungere un centimetro di diametro, catturando anche le più piccole particelle di luce. Nell'antico Egitto e in Cina, la gente conosceva il tempo dagli occhi di un gatto, poiché la larghezza delle pupille di un animale dipende dall'illuminazione associata all'altezza del sole.

Colore o bianco e nero?

Per molto tempo si è creduto che i gatti non distinguessero i colori e vedessero il mondo in bianco e nero. Durante gli esperimenti, questa visione è stata confutata: gli animali possono distinguere i colori, ma molto peggio degli umani. I gatti sono più o meno chiaramente visibili nelle parti blu e verde-giallo dello spettro, ma il grigio si distingue in tutte le sue numerose varianti e, probabilmente, potrebbe anche essere scritto un best-seller "50 tonalità di grigio".

Si sarebbe rivelato non meno contenuto scioccante - con un'abbondanza di scene crudeli di caccia per la preda preferita dei gatti - i roditori. I proprietari dovrebbero anche tenere conto di questa caratteristica degli animali domestici quando acquistano giocattoli: i "mouse" multicolori luminosi si prega solo loro stessi - il gatto è più simile al grigio oscuro.

Oh questi occhi blu

Si ritiene che i gatti dagli occhi azzurri dagli occhi bianchi nascano spesso sordi. Ciò è dovuto al fatto che il colore degli occhi, il colore del mantello e l'udito sono geneticamente collegati. Ad esempio, nei gatti bianchi dagli occhi strani, solo l'orecchio sul lato dell'occhio blu è sordo.

Il Centro di salute per gatti della Cornell University ha condotto uno studio in cui il 65-85% dei gatti bianchi con entrambi gli occhi blu, il 40% di gatti con occhi stravaganti bianchi e il 17-22% di gatti bianchi con occhi non blu sono nati sordi.

Quando un gatto perde la vista...

Nonostante il fatto che la visione abbia un ruolo importante nella vita del gatto, la cecità parziale o addirittura totale non li rende completamente indifesi. I cacciatori notturni hanno un orecchio, un odore e un tocco ben sviluppati, e quindi sono più facili delle creature del giorno ad adattarsi alla vita nell'oscurità.

Col passare del tempo, gli organi di senso lasciati dal gatto cieco diventano molto più acuti, le vibrazioni aumentano del 30% e, in un ambiente familiare, l'animale cieco inizia ad orientarsi non peggiore di quello avvistato.

Lacerazione e altri problemi

Gli occhi sani di un gatto con una forma "selvaggia" della testa non richiedono alcuna cura particolare e fanno un lavoro eccellente con il minimo necessario. Ma i gatti di razza persiana o esotica potrebbero aver bisogno del tuo aiuto. A causa del muso "appiattito" di questi gatti, il canale nasolacrimale è curvo e il cosiddetto "lago lacrimale" nell'angolo dell'occhio, dove le lacrime si accumulano, prima che entrino in bocca, hanno meno.

Le lacrime scorrono dagli angoli degli occhi, si accumulano sul mantello, causano dibattito e irritazione della pelle. Pertanto, i gatti di queste razze devono fornire cure regolari per gli occhi e i capelli che li circondano.

E, naturalmente, sarà necessario un intervento immediato se si nota una secrezione purulenta dagli occhi dell'animale, lacrimazione abbondante, gonfiore delle palpebre, se il gatto si strofina gli occhi con la zampa, gli occhi e gli occhi lampeggiano spesso. Questi sintomi sono segni di malattie infettive: congiuntivite (infiammazione della mucosa dell'occhio), cheratite (infiammazione della cornea), epifora (aumento della lacrimazione).

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata al fatto che le lesioni agli occhi sono causate non solo da infezioni di questo particolare organo, ma anche da altre malattie. Quindi la rinotracheite e la clamidia infettive si verificano con secrezione purulenta dagli occhi e l'ipertensione può causare distacco della retina. L'unico modo per fare una diagnosi corretta e iniziare il trattamento in tempo è consultare immediatamente un medico.

Come vedono i gatti

Tutto ciò che volevi sapere su come viene visto il mondo di un gatto è raccolto in questo articolo. Descrizione della differenza nella struttura dell'occhio dall'essere umano, perché gli occhi brillano, le foto come i gatti vedono giorno e notte. Spiegazione video

La visione del gatto è avvolta da mistero e indovinelli. Ai gatti viene attribuita un'opportunità unica di vedere nell'oscurità. È così? Proviamo a capirlo.

La visione dei gatti non è esattamente la stessa degli umani. I gatti sono predatori per natura, hanno bisogno di una buona visione per tracciare e catturare le prede a qualsiasi livello di illuminazione.

Come funziona la visione del gatto

La struttura dell'occhio del gatto non è molto diversa dalla nostra.

Sebbene, la pupilla del gatto abbia una struttura e abilità speciali. Nel buio, si espande su tutto lo spazio dell'iride, consentendo l'ingresso del flusso luminoso massimo. Nella luce - si restringe in una stretta fessura, in modo che la luce non ferisca l'occhio.

I fotorecettori retinici sono divisi in due tipi: coni e bastoncelli. I bastoncelli sono recettori di visione del crepuscolo che forniscono una percezione in bianco e nero. Coni - responsabile della visione diurna e della percezione dei colori. Come tutti gli animali notturni, il numero di bastoncini nei gatti prevale sul numero di coni. Nei gatti, questo rapporto è 25: 1. Pertanto, i gatti possono vedere perfettamente al buio e possono cacciare di notte.

Immediatamente dietro la retina si trova un tapetum (dal latino "carta da parati luminosa") - uno strato dell'occhio che si accumula e riflette i raggi luminosi verso i fotorecettori. Di conseguenza, la visione crepuscolare dell'animale viene migliorata e gli occhi iniziano a brillare nell'oscurità.

Come i gatti vedono giorno e notte

La caratteristica principale della vista del gatto è la sua stereoscopia e nitidezza.

L'acuità visiva dei gatti è 7 volte superiore a quella umana. Gli occhi di gatto guardano in una direzione, quindi il loro campo visivo è situato al centro, il che consente una buona stima della distanza dagli oggetti e della velocità del loro movimento.

Gli oggetti che si muovono orizzontalmente in cat distinguono meglio di statico. Inoltre, la vista del gatto è molto ampia, può raggiungere 200-270 gradi.

Alcune razze di gatti (siamesi, abissini, orientali) sono in grado di vedere l'immagine panoramica. Gli oggetti centrali di questa immagine saranno chiaramente visibili e gli oggetti sulla periferia saranno sfocati.

Visione diurna

I gatti felici vedono il mondo in blu, verde e grigio. L'occhio di questi animali non è assolutamente sensibile allo spettro rosso, quindi anche il sole è verde-blu. Ma raggiungono fino a 50 lampi al secondo - questo è il doppio della velocità di modifica del frame televisivo. Questo spiega l'amore di alcuni animali domestici per guardare la TV - sono attratti dal rapido cambiamento delle immagini statiche.

Visione notturna

Di notte, il mondo intorno ai gatti è dipinto in toni di grigio. I gatti possono distinguere fino a 26 tonalità di grigio. Tuttavia, molti si sbagliano che i gatti siano in grado di vedere nell'oscurità totale. No, non lo è. Infatti, a causa delle peculiarità della struttura della retina del gatto, questi animali vedono bene in condizioni di scarsa luce. I gatti si muovono tranquillamente nell'appartamento quando tutti dormono; nelle condizioni della vita di strada - catturano i topi alla luce della luna. Ma nella completa assenza di sorgenti luminose, il gatto non vede nulla, come un uomo.

I gatti distinguono i colori?

Questo problema ha a lungo preoccupato l'umanità, per molto tempo la visione di gatti selvatici e domestici è stata considerata monocromatica - in bianco e nero.

La risposta esatta alla domanda è stata data solo a metà del XX secolo. Ora è dimostrato in modo affidabile che l'occhio del gatto è in grado di distinguere le più piccole sfumature di grigio - fino a 26 tonalità. Meglio di tutti, l'animale percepisce sfumature "fredde".

Il colore grigio è il più importante per i nostri animali domestici. Questo è il colore di ratti, topi, alcuni uccelli che questo predatore mangia nella fauna selvatica.

Inoltre, il gatto distingue i colori: blu, verde, viola e giallo. L'animale può confondere gli ultimi due colori con il bianco.

Quindi, il gatto distingue i colori:

Le tonalità di rosso, marrone, arancione sono completamente inaccessibili all'occhio dell'animale domestico. Inoltre, le combinazioni multicolori non sono percepite.

Perché i gatti hanno gli occhi brillano

Perché gli occhi dei gatti emettono un bagliore verde o giallo nell'oscurità - la seconda domanda, la risposta a cui una persona non è riuscita a trovare per molto tempo.

A causa di questa incredibile abilità, le proprietà magiche ultraterrene sono state attribuite ai gatti. Si credeva che potessero parlare con gli spiriti e giocare con i brownies.

In effetti, la risposta è semplice: gli occhi non si illuminano, ma riflettono la luce che li penetra. Nella struttura dell'occhio del gatto c'è una parete di cristalli - tapetum. Un simile muro a specchio è nella struttura degli occhi di tutti i predatori che cacciano nell'oscurità.

Riflette i raggi del sole sui fotorecettori, facendo così risplendere gli occhi del gatto. Nessun misticismo è un fenomeno fisico comune chiamato fotoluminescenza! La luce riflessa ha una lunghezza d'onda corrispondente alla porzione verde dello spettro. Ecco perché gli occhi del gatto brillano al buio con luce verde e gialla. Non ci sarà alcuna fonte di luce esterna - il bagliore scomparirà.

Ciò che rende la visione del gatto diversa dall'essere umano

Questo articolo ha parlato molto di come vede un gatto. Circa la somiglianza della sua visione con quella umana e le differenze. Proviamo a riassumere queste informazioni.

Quindi, cosa hanno in comune i gatti e gli umani:

  1. La struttura della retina: bastoncini e coni.
  2. Visione binoculare (stereoscopica): la capacità di guardare con due occhi e combinare il risultato in un'unica immagine.
  3. La capacità di distinguere i colori.
  1. Il rapporto tra barre e coni nella retina. Nei gatti - 25: 1, negli umani - 4: 1. Pertanto, i gatti vedono meglio al buio.
  2. Angolo di visione (prospettiva) dell'occhio. Negli esseri umani - 160-180, nei gatti - 185-270 gradi.
  3. L'acuità visiva di un gatto è 7 volte superiore a quella umana.
  4. Nel buio, gli occhi di gatto si illuminano a causa di uno strato speciale (tapetum), che si accumula e riflette la luce del sole.
  5. I gatti hanno una pupilla a fessura, che può espandersi a tutto l'iride e restringersi fino alle dimensioni di una stretta fessura.
  6. L'occhio di un gatto può distinguere 6 colori più 26 tonalità. L'occhio umano percepisce da 100 a 150 colori.
  7. Tutti i gatti sono miopi Vicino loro vedono male. Gli oggetti che sono in prossimità di essi, gli animali esplorano con l'aiuto dell'olfatto e del tatto (baffi).

Tutte le caratteristiche distintive della visione di un gatto dagli umani sono il risultato del suo lignaggio predatore e dello stile di vita notturno.

Visione del gatto

Per capire come vede il gatto, devi considerare la struttura degli occhi del gatto. Lo strato esterno dell'occhio forma una guaina fibrosa fibrosa.

Tre quarti della superficie dell'occhio sono occupati da un guscio proteico elastico, chiamato sclera, che svolge funzioni di supporto e protezione. Un quarto della superficie esterna dell'occhio è occupato da una cornea trasparente, il cui spessore è 0,5-0,6 mm e un diametro di 15-17 mm. La cornea consente fino al 70% della luce all'interno dell'occhio.

I vasi sanguigni tra la retina e la sclera, formando la membrana vascolare dell'occhio, forniscono sostanze nutritive e ossigeno ai tessuti. I legamenti collegano il muscolo ciliare e la lente dell'occhio. Il muscolo ciliare mantiene la lente nella posizione corretta, cambiando la sua forma. Quindi, ad esempio, quando il muscolo ciliare si distende, i legamenti si allungano e la lente si raddrizza, a causa di questa posizione della lente, l'animale vede gli oggetti rimossi. Di fronte al corpo ciliare è l'iride, che divide la parte anteriore dell'occhio nella parte posteriore e anteriore della fotocamera.

Al centro dell'iride c'è l'allievo, che è un cerchio nero. In condizioni di luce intensa, le pupille si restringono per proteggere la retina sensibile e al buio si espandono.

La retina, o retina, consiste di cellule che convertono la luce e la trasmettono sotto forma di segnali elettrochimici al sistema nervoso. Nel centro del retro della retina si trova una rientranza, intorno ad essa si trova una macula leggermente rialzata, nella quale è concentrato il maggior numero di cellule fotosensibili.

La luce che entra nell'occhio passa prima attraverso la cornea, si concentra sulla sua superficie sferica e passa attraverso la pupilla della lente. La lente trasparente ha una forma sferica. Mette a fuoco i raggi di luce sulla retina. Quando un animale guarda intensamente un oggetto, l'obiettivo assume una forma più convessa. La conservazione della chiarezza di un oggetto a distanza ravvicinata e distante dipende dalla forma dell'obiettivo. Quindi la luce converge in un punto della retina, attraverso il nervo ottico il segnale sull'immagine ricevuta viene trasmesso al cervello.

La particolarità della struttura oculare del gatto è uno strato di cellule appiattite - tapetum, che riflette la luce sulla cornea e aiuta gli animali a vedere meglio in condizioni di scarsa luce.

La funzione protettiva viene eseguita dalla terza palpebra (membrana lampeggiante) - palpebra interna bianca o trasparente (nell'angolo interno dell'occhio). La terza palpebra contribuisce alla rimozione di corpi estranei (polvere) dalla superficie dell'occhio, nonché alla distribuzione delle lacrime necessarie per idratare gli occhi. La terza palpebra può essere vista nel momento in cui l'animale è assonnato o se ci sono patologie oculari. La membrana lampeggiante inizia a muoversi lentamente lungo la cornea quando gli animali abbassano la testa.

Palpebra - le pieghe della pelle superiore e inferiore, oltre alla funzione protettiva distribuisce anche lacrime sulla superficie della cornea. Le ciglia sulle palpebre superiori impediscono alla polvere di entrare negli occhi.

Campo visivo

In relazione al cranio, gli occhi degli animali domestici miagolanti sono grandi, a causa dei quali il campo visivo è aumentato. L'ampio campo visivo, e nei gatti è di 295 gradi, consente a meowing animali domestici di stimare la distanza da preda.

Hanno una visione binoculare, vedono con due occhi, ma i segnali vengono raccolti da entrambi gli occhi in un'unica immagine. Grazie alla visione binoculare, si ottiene un'immagine tridimensionale, l'animale può stimare la distanza dall'oggetto, contare con precisione il salto.

La visione binoculare è di 130 gradi e quella periferica di 120 gradi, per confronto, nell'uomo, i valori sono rispettivamente di 120 gradi e 90 gradi.

Forma di occhio di gatto

La maggior parte dei rappresentanti del mondo dei gatti ha gli occhi ovali. Gli occhi a mandorla sono caratteristici degli individui di tipo orientale, in particolare del Siamese. I loro occhi sono leggermente inclinati. Gli occhi rotondi sono caratteristici della razza persiana ed esotica a pelo corto.

Gli animali domestici miagolanti sono per natura animali notturni, sebbene siano attivi durante le ore diurne. Le loro pupille sono verticali, perché grazie a questa forma, gli alunni possono cambiare rapidamente le loro dimensioni, a differenza di una pupilla rotonda, e adattarsi a diverse condizioni di luce. Più stretta è la pupilla, meno luce passa attraverso di essa e, se improvvisamente il livello di illuminazione cambia, l'animale non rischia di essere accecato.

Gli occhi grandi permettono all'animale di vedere bene davanti e sotto, rintracciare con successo le prede.

Occhi in un gatto sano

Un gatto sano ha occhi chiari e puliti. Lo sguardo è vivace, curioso. Non ci dovrebbero essere segni di strabismo, torbidità, infiammazione, arrossamento o gonfiore. La lacrimazione può indicare un'infezione del tratto respiratorio superiore.

Gattini vista

I cuccioli nascono ciechi, le palpebre non sono completamente sviluppate e iniziano ad aprirsi nella seconda settimana di vita (7-14 giorni). Tuttavia, ci sono delle eccezioni, ad esempio, i gattini calvi della razza Peterbald nascono con gli occhi aperti senza il rischio di cecità.

Il processo di apertura delle palpebre richiede 2-3 giorni, ma anche dopo la piena apertura, gli occhi non funzionano completamente. Durante le prime 5-6 settimane, si sviluppa la capacità di elaborare la luce e interpretarla. Durante questo periodo, i gattini sono sfocati, si formano 5-7 settimane dopo la nascita. Tuttavia, i gattini non sono ancora fermamente in piedi, la capacità di vedere ancora non li aiuta a mantenere pienamente l'equilibrio.

Il processo di pigmentazione è completato da 3-6 mesi, il colore non cambia durante tutta la vita, tranne nei casi in cui la malattia (uveite, infezione) diventa la causa di una violazione della pigmentazione.

Colore degli occhi nei gatti

Tutti i cuccioli sono nati con gli occhi blu. Per le prime settimane da quando le palpebre si aprono, gli occhi rimangono blu. Ma a 6-7 settimane il colore degli occhi inizia a cambiare. I melanociti nell'iride iniziano a produrre un pigmento - la melanina, che è responsabile del colore degli occhi. Sull'iride ci sono macchie di colore giallo, marrone, arancione, verde.

Il colore degli occhi nei gatti e la sua intensità dipendono dal numero di melanociti e dalla loro attività. Se mancano, il colore degli occhi rimane blu; con una bassa quantità di melanociti, gli occhi diventano verdi; con grandi quantità - arancione. I meno melanociti del pigmento producono, più luminosa è la tonalità del colore. Attività bassa nella produzione di pigmenti: gli occhi sono di colore verde pallido, giallo, ma se l'attività è elevata, gli occhi sono saturi, di colore verde intenso o rame. Quindi la profondità dell'ombra dipende dall'attività dei melanociti e il livello di attività è determinato geneticamente.

Il verde include sfumature dal verde giallastro, l'uva spina verde al verde intenso con sfumature blu. Tonalità e striature verdi sono presenti nel colore degli occhi nocciola (nocciola) in alcuni individui.

Il giallo combina le sfumature dal limone pallido al più luminoso. Alcuni animali hanno gli occhi del colore di sfumature miste di giallo e marrone, giallo e verde.
Marrone copre una vasta gamma di sfumature dal marrone chiaro al marrone scuro. Alcuni marroni sono chiari o chiazzati con una tinta verde, arancione o gialla.

Negli animali dagli occhi blu o individui con eterocromia a causa del basso livello di melanina o della sua assenza, il colore degli occhi rimane blu per tutta la vita. Tra questi animali vi sono colorpoint e rappresentanti di razze siamesi, birmane, himalayane, toniche, balinesi, regdoll, yavanez, snow-shu.

L'eterocromia è completa o parziale, ereditaria, congenita o acquisita come risultato di una lesione, malattia. Con eterocromia completa, un occhio è blu e l'altro è verde, giallo, arancione o marrone. A proposito, questi gatti negli occhi scuri si illuminano di un colore diverso: uno rosso e l'altro verde. Molto spesso l'eterocromia si presenta in individui bianchi o colorpoint. Raramente, ma i gattini nascono con lana colorata e con occhi diversi, ad esempio, con un mantello color tartaruga e uno blu e l'altro giallo.

Con eterocromia parziale, l'iride è colorata in due colori. Ad esempio, un anello giallo attorno all'iride verde. Meno comuni sono gli occhi con sezioni di vario colore (come un pezzo di torta) dell'iride, ad esempio, macchie marroni su un iris blu o verde. Entrambi o un occhio possono essere colpiti.

A causa della completa mancanza di pigmento, gli occhi appaiono rosa con una piccola quantità di blu pallido. Inoltre, il blu e il rosa non sono fiori, ma sembrano così a causa del riflesso dei vasi sanguigni. Questo colore degli occhi è tipico degli albini. L'albinismo si verifica in Bengala.

Come i gatti vedono nell'oscurità

Poche persone sanno perché i gatti hanno gli occhi brillanti. Questa caratteristica è spiegata da tapetum: uno strato di cellule appiattite sotto la retina dell'occhio. Le cellule riflettono la luce e creano un effetto luminoso.

Puoi fare un confronto con uno specchio. Oltre alla riflettività, le cellule appiattite migliorano la luce, anche se debole. In effetti, gli occhi non brillano, l'effetto può essere paragonato a un riflettore per bicicletta. È interessante notare che i rappresentanti della razza siamese "occhi" bagliore rosso o giallo, mentre la maggior parte delle altre razze - verde. Anche all'interno della stessa razza, il bagliore può essere di un colore diverso a causa dei diversi livelli di pigmentazione. Dopotutto, lo zinco e la riboflavina agiscono come agenti riflettenti e il colore della luminescenza dipende dal loro numero nelle cellule del pigmento di tapetum. La riflettività è influenzata dall'età dell'animale, dal colore del mantello e dal colore degli occhi. In individui di colore bianco e con gli occhi blu al buio, i loro occhi si illuminano di rosso.

Ma oltre a ciò, i gatti vedono nell'oscurità grazie all'abilità degli alunni di espandersi. Le pupille ellittiche sono in grado di espandersi a forma rotonda. Più ampia è la pupilla, più luce colpisce. Pertanto, in condizioni di scarsa illuminazione, le pupille si dilatano per migliorare la visibilità.

E anche se gli animali che miagolano hanno la capacità di vedere in condizioni di scarsa illuminazione, nel buio pesto non vedono. Per almeno qualcosa da distinguere nel buio, deve essere anche se debole, ma leggero. Pertanto, al buio, gli animali si affidano più alle vibrisse che alla visione.

I gatti distinguono i colori?

Il rapporto dei fotorecettori negli animali domestici (bastoncini e coni) è 25: 1. Il numero di bastoncini prevale, sono responsabili della visione in condizioni di scarsa illuminazione. C'è solo un pigmento nei bastoncini. I coni si trovano nel maggior numero più vicino al centro della retina. Hanno 2 pigmenti, in modo che alla luce del giorno gli animali vedano colori più saturi.

Nel miagolare gli animali, il numero di coni, rispetto a una persona, è molte volte più piccolo. Pertanto, non è disponibile tutta la gamma di colori per miagolare gli animali domestici, ma distinguono tra il nero, le sfumature di grigio e il bianco. Si ritiene che gli animali possano anche distinguere le sfumature di rosso, blu.

Come capire l'umore del gatto negli occhi

Gli occhi sono un organo visivo che non solo aiuta l'animale a sopravvivere, ma può anche raccontare l'umore dell'animale.

Gli alunni dilatati possono parlare di paura, ansia e ansia. Quando l'animale domestico è arrabbiato, aggressivamente sintonizzato, le sue pupille si contraggono. Le pupille strette ti consentono di concentrarti meglio sul nemico.

In uno stato rilassato, gli occhi sono leggermente aperti, ma se qualcosa ha attirato l'attenzione di un animale o è aggressivamente sintonizzato, è in una forte eccitazione emotiva, quindi i suoi occhi sono spalancati.